ABBONATI

TER: primo semestre 2019, a RTL 102.5 la leadership tra i network, a RadioMediaset come gruppo

Autore: S Antonini

Lorenzo Suraci


La ricerca evidenzia qualche andamento negativo tra i brand più consolidati, ma anche le crescite di Radiofreccia, Virgin, Radio24, m2o, R101, RMC; Deejay torna in terza posizione

La ricerca Tavolo Editori Radio sugli ascolti radiofonici del primo semestre 2019 conferma ancora una volta la leadership, a livello di singolo network, di RTL 102,5 con un’audience media quotidiana di oltre 7,5 milioni di persone, quasi in linea con lo stesso periodo dell’anno scorso. Leadership che si conferma anche nei 7 giorni e nel quarto d’ora medio. Prosegue il trend di crescita di Radiofreccia, che si attesta a quota 1,2 milioni circa di ascoltatori, con un significativo aumento del 20% sul primo semestre 2018 nel giorno medio, e del 28% nel quarto d’ira. Il brand dedicato alla musica rock registra un incremento a due cifre anche rispetto a tutto il 2018. Insieme a Radio Zeta l’Italiana, che conta 671mila ascoltatori, il gruppo radiofonico guidato da Lorenzo Suraci raggiunge in totale ogni giorno 9.365.000 ascoltatori, e rappresenta circa il 27% delle audience nazionali. “Siamo molto soddisfatti di confermare ancora una volta il primato assoluto di RTL 102.5 che si dimostra la radio degli italiani – dichiara il Presidente di RTL 102.5 Lorenzo Suraci –, in particolare vorrei sottolineare anche l’eccezionale risultato del nostro gruppo; Radiofreccia che continua a registrare l’incremento percentuale più alto tra le radio, e la conferma delle scelte fatte sul format di Radio Zeta, a testimonianza della bontà di entrambi i progetti che hanno allargato e diversificato l’offerta del gruppo nei confronti degli ascoltatori e del mercato pubblicitario. Continueremo a lavorare per poter offrire ai nostri ascoltatori prodotti sempre all’altezza del nostro standard”.

RadioMediaset, primo gruppo nazionale

Con una potenza di fuoco costituita da quattro brand nazionali come Radio 105, Virgin Radio, R101, Radio Monte Carlo, a cui si aggiunge Radio Subasio, il polo RadioMediaset raggiunge ogni giorno oltre 12,8 milioni di persone, pari a una quota d’ascolto nazionale del 36,9% confermando il proprio primato a livello di Gruppo.  Nel quarto d’ora medio la quota di ascolto si attesta sul 17,9%: entrambi gli indicatori sono in crescita rispetto al primo semestre 2018, grazie soprattutto alla performance di Virgin Radio con quasi 2,8 milioni di ascoltatori che aumentano dell’8,6%. Fanno bene anche R101, in crescita del 4,4% con oltre 2,1 milioni di ascoltatori, e Radio Monte Carlo con 1,4 milioni di ascoltatori e il +2,5% sul primo semestre 2018. Segna il passo invece Radio 105, in calo del 3% con 4,6 milioni di ascoltatori.

RDS consolida il secondo posto

Radio Dimensione Suono conferma il secondo posto con un ascolto di oltre 5,4 milioni di persone, distaccata di oltre due milioni da RTL 102.5, e registra anche un calo del 3,5% rispetto al primo semestre 2018. Il presidente della radio Eduardo Montefusco sottolinea che il dato d’ascolto “testimonia il consolidamento e rafforzamento di leadership e rapporto tra l’utente ascoltatore e RDS. Inoltre conferma un apprezzamento per il palinsesto, la programmazione musicale 100% Grandi Successi e il coinvolgimento dei nostri conduttori. I dati TER sono nella direzione di quanto già riscontrato sulle altre piattaforme multimediali e multicanali: forza del brand, crescita  della fidelizzazione, credibilità dell’informazione con gli approfondimenti in cento secondi. Il risultato nasce dalla determinazione e dal grande lavoro da parte dei manager, dei team e collaboratori che lavorano con grande passione per creare il miglior ecosistema: un oasi di svago, divertimento e grande musica.

Radio Deejay di nuovo terza

Radio Deejay recupera il terzo posto nel ranking nazionale che aveva perduto a fine 2018 con un ascolto medio giorno di 5,2 milioni di persone, positivo dello 0,5% sul primo semestre 2018 e del 2,7% su tutto l’anno scorso. Radio Capital a quota 1,5 milioni di ascoltatori registra andamenti lievemente in calo e segue a ruota m2o che fa un balzo in avanti del 4,6% con quasi 1,7 milioni di ascoltatori, mostrando i benefici della nuova direzione targata Albertino. La radio ammiraglia del Gruppo GEDI, fa notare l’editore, registra un incremento del 5% rispetto al secondo semestre 2018 e anche nel quarto d’ora medio cresce del 3% sempre sul secondo semestre 2018. Il brand conferma la sua forza con i numeri dell’evento “Party Like a Deejay” (35mila paganti all’Expo di Milano), e la fan base social (2,1 milioni di like su Facebook, 2,3 milioni di follower su Twitter e 700mila su Instagram). Anche Radio Capital cresce nel quarto d’ora medio, +1,5% rispetto al semestre precedente e +3% rispetto al semestre omologo 2018, mentre m2o fa il +20% nel quarto d’ora e il +7% nel giorno medio sempre sul secondo semestre 2018. Complessivamente, le radio GEDI sviluppano un ascolto di quasi 8,4 milioni di persone, e rappresentano il terzo polo nazionale con una quota di audience del 24%.

Radio Italia conferma il posizionamento

Nel primo semestre 2019 Radio Italia si colloca dietro a Radio Deejay per una manciata di ascoltatori. Con un’audience di oltre 5,1 milioni di persone nel giorno medio, in lieve crescita sul primo semestre 2018, l’emittente di Mario Volanti si colloca al quarto posto del ranking nazionale mentre nei sette giorni supera la radio GEDI con 16.474.000 ascoltatori. “I dati odierni divulgati da TER tutto sommato confermano il nostro posizionamento – dice Volanti in una nota -, con un lievissimo incremento nel giorno medio, una buona crescita nei 7 giorni e una perdita nella AQH allineata al calo generale del mezzo radiofonico. Considerando la sempre più forte competitività, questo dato ci rende comunque soddisfatti per il lavoro svolto nel primo semestre”.

RaiRadio, TER da riformare

La Rai perde un numero consistente di ascoltatori tra il primo semestre 2018 e quello 2019. Complessivamente, le audience del servizio pubblico tra Radio1, Radio2, Radio3 e Isoradio passano dagli 8.519.000 ascoltatori dell’anno scorso agli attuali 8.279.000. Radio1 con 3,7 milioni di ascoltatori circa è in calo del 3,1%, Radio2 a quota 2,5 milioni ne lascia sul terreno il 5,6% e Radio3 con meno di 1,3 milioni contiene le perdite allo 0,8%. Isoradio a quota 826mila ascoltatori registra invece una crescita del 4,5%. Il direttore di RaiRadio Roberto Sergio non ha dubbi: l’indagine TER è da riformare. «Ne parleremo al prossimo CdA, a settembre. La ricerca va ripensata profondamente. Ma vorrei essere molto chiaro: io ringrazio il presidente di TER Marco Rossignoli per il suo ottimo lavoro, il mio non è assolutamente un attacco all’operato di questa presidenza che ha dato un segnale di grande discontinuità rispetto al passato». Il problema è l’impianto della ricerca, basato sulla metodologia CATI che prevede un questionario di 40 minuti, e sul lavoro di più istituti di ricerca che producono dati incongrui». Per questo motivo Sergio ha chiesto di vedere i dati disaggregati: «Ho mandato una lettera stamattina (venerdì 26 per chi legge, ndr)». Per il direttore tra le caratteristiche della ricerca che penalizzano la Rai c’è la forte dipendenza della metodologia CATI dalla comunicazione di brand, mentre il servizio pubblico sconterebbe una minore esposizione sul fronte del marketing. Roberto Sergio torna sulla questione del meter: «Dobbiamo far entrare l’innovazione tecnologica nella ricerca facendo partire la sperimentazione del meter. Inoltre io vorrei che si riducessero a uno gli istituti impegnati nella ricerca».

Radio 24 ancora in crescita

Radio 24 conferma i trend in crescita e con oltre 2,3 milioni di ascoltatori nel primo semestre 2019 registra un incremento del 4,9% nel giorno medio mentre nei 7 giorno aumenta le audience del 7. “I dati di ascolto del semestre confermano che qualità dell'informazione e passione pagano - commenta in una nota il direttore della radio Fabio Tamburini - Radio 24, voce libera e autonoma, è il punto di riferimento imprescindibile per chi vuole essere informato sui fatti e ascoltare commenti non gridati né superficiali ma che entrano nel merito delle questioni, senza fare sconti a nessuno ma con imparzialità e correttezza”. “Il dato di oggi – sottolinea Sebastiano Barisoni, vicedirettore esecutivo di Radio 24 - conferma che vengono premiate le radio con una forte identità e, in questo quadro, Radio 24 si distingue per l’autorevolezza e l’originalità dei suoi contenuti grazie al lavoro della redazione, dei conduttori e di tutta la struttura della radio”. "Siamo particolarmente orgogliosi del risultato di Radio 24 perché esprime un riconoscimento anche per gli investitori pubblicitari che da anni ci seguono e credono nel nostro modo di fare radio - commenta Federico Silvestri, direttore generale di 24ORE System e Direttore Divisione Area Radio 24 –. Soddisfazione come concessionaria anche per i risultati di Radio Kiss Kiss. Le due emittenti insieme registrano nel 1° semestre 5.138.000 ascoltatori: una grande platea che consente ai nostri partner di raggiungere un interessante pubblico consumer e business. Offriamo al mercato due emittenti di qualità accumunate dalla rilevanza per durata e fedeltà di ascolto, due dei parametri qualitativi fondamentali per raggiungere risultati di comunicazione mirati ed efficaci, obiettivo primario degli investitori pubblicitari". Radio Kiss Kiss, per cui la concessionaria System cura la raccolta, chiude il semestre a quota 2,8 milioni di ascoltatori, in calo del 2,9% sul primo semestre 2018 ma resta in linea l’anno 2018. Il presidente del gruppo Kiss Kiss, Lucia Niespolo, commenta in una nota: “Il consolidamento della posizione conseguita nell’anno 2018 era uno degli obiettivi per l’anno 2019 e siamo felici che, con la pubblicazione del I semestre, si sia raggiunto”.


Tag:

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 20/01/2020


GSC, il sostegno contro i fallimenti

Claire ha un appuntamento. E sembra felice. Ottimista, con una discreta fiducia nel suo futuro. Ha dei progetti. Sfortunatamente, si tratta di un incontro inaspettato, quello che decreta il fallimento della sua azienda. Claire vive la stessa situazione di 50.000 imprenditori ogni anno. Senza una rete di sicurezza, è sola. Claire sta pensando ai suoi dipendenti, ai suoi clienti. Cosa dirà ai suoi figli, ai suoi amici? È possibile controllare questo rischio? Per 40 anni l'associazione GSC ha supportato gli imprenditori in caso di perdita di attività. Mentre ogni anno più di 50.000 dirigenti aziendali affrontano liquidazioni o revoche senza protezione, l'associazione GSC organizza l'incontro di fallimento con un imprenditore.

LEGGI

Correlati

img
media

Autore: Redazione - 22/01/2020


Disney+ arriva il 24 marzo con i contenuti del brand omonimo, Pixar, Marvel, Star Wars, National Geographic

The Walt Disney Company anticipa di una settimana al 24 marzo 2020 il lancio di Disney+ in Europa Occidentale precedentemente previsto per il 31 marzo. L’offerta over the top di tv in streaming che si va ad affiancare ad altri colossi come Netflix e Amazon sarà disponibile a 6,99 euro al mese, e a 69,99 euro all’anno. Per comunicare questa novità, il gruppo americano ha scelto di affidarsi a un video prodotto dalla Lucasfilm il cui protagonista Baby Yoda gioca con il calendario di uscita. Il servizio sarà lanciato prima in Italia, Regno Unito, Irlanda, Francia, Germania, Spagna, Austria e Svizzera, mentre la prossima estate raggiungerà Belgio, Scandinavia e Portogallo. L’offerta di contenuti L’offerta di Disney+ include tutti i contenuti proposti dai brand Disney, Pixar, Marvel, Star Wars, e National Geographic, assieme a contenuti esclusivi come film, serie tv, documentari e corti prodotti appositamente per il nuovo servizio. Al momento del lancio, gli abbonati avranno accesso a “The Mandalorian” la serie acclamata dalla critica scritta e prodotta da Jon Favreau; “High School Musical: The Musical: The Series”, versione moderna e creativa del franchise di successo con meta riferimenti, un nuovo stile documentaristico e una colonna sonora che, con nuove canzoni originali, rende omaggio al film omonimo; “The World According To Jeff Goldblum”, serie che esplora il meraviglioso e spesso sorprendente mondo degli oggetti a noi più familiari; “Lilli e il vagabondo”, una rivisitazione senza tempo del classico d’animazione del 1955. Tra gli altri titoli originali disponibili al momento del lancio "Encore," prodotto da Kristen Bell; “Diary of A Future President” scritto e prodotto da Ilana Peña (“Crazy Ex-Girlfriend”) e da Gina Rodriguez (“Jane the Virgin”); “The Imagineering Story”, che racconta dell'eclettico gruppo di straordinari creativi che danno vita ai Parchi Disney. Disponibile sui principali dispositivi connessi Disney+ sarà da subito fruibile sulla maggior parte dei dispositivi mobili connessi, compresi console per gaming, lettori multimediali e smart TV. Sarà possibile accedere a 4 stream simultanei in alta qualità e senza interruzioni pubblicitarie. Il numero dei download sarà illimitato e su un massimo di dieci dispositivi. Gli utenti potranno accedere a suggerimenti personalizzati e avranno la possibilità di impostare fino a sette diversi profili. Sarà inoltre possibile impostare profili per bambini con interfaccia a navigazione facilitata e accesso a contenuti adatti alla loro età.

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 22/01/2020


iLMeteo.it sigla una partnership televisiva e digital con Sky Italia

iLMeteo.it ha siglato una partnership con Sky Italia che prevede, a partire da gennaio 2020, la fornitura dei suoi dati meteorologici alla media company. Grazie a questo accordo il primo sito italiano per le previsioni meteorologiche mette a disposizione le mappe isobare e i suoi modelli previsionali alla redazione meteo di Sky TG24 per la realizzazione delle edizioni del meteo disponibili su Sky TG24, Sky Meteo24, TV8 e Cielo, oltre che sull’app del meteo di SkyQ e il sito www.meteo.sky.it. L’accordo prevede, inoltre, il Fluid Content di Sky sul sito de iLMeteo.it, una tecnologia della media company che permette di visualizzare via web i contenuti video di Sky e dei suoi partner: in questo modo sarà possibile seguire tutti gli approfondimenti giornalistici sulla meteorologia e l’ambiente e le dirette sulle emergenze ambientali, in onda ogni giorno su Sky TG24 e Sky Meteo24, sul sito de iLMeteo.it. “Isobare, mappe e tutti gli altri contenuti prodotti dalla nostra società - spiega Emanuele Colli, AD de ilMeteo.it - sono messi per la prima volta al servizio di una piattaforma televisiva per ampliare il raggio d’azione del nostro lavoro”. “Innovazione e autorevolezza – continua Colli - sono le due caratteristiche di questa partnership. La prima ha che fare proprio con la natura della collaborazione che nasce dall’influenza reciproca tra digital e tv. La seconda riguarda il partner che abbiamo scelto per questo progetto, Sky appunto, che negli anni ha fatto dell’autorevolezza la sua cifra distintiva”.

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 21/01/2020


DAZN: nel 2019 sono oltre 79,3 milioni le ore vista in Italia, il 90% live

DAZN, il servizio internazionale di streaming live e on demand interamente dedicato allo sport e presente a oggi in 9 paesi, racconta la sua stagiona sportiva 2019. La visione degli eventi sportivi in tutto il mondo si sta spostando sempre più sulle piattaforme OTT che sono in grado di offrire agli utenti innovative modalità di fruizione dinamiche e interattive. A dimostrazione di ciò, l’incredibile performance registrata da DAZN nel 2019 cresciuta a livello globale del 98% rispetto al 2018. Sono oltre 500 milioni le ore di contenuti visti sulla piattaforma, pari a più di 57.000 anni di streaming che, volendo fare un paragone, corrisponde a vedere la popolare serie TV “Game of Thrones” oltre 6,5 milioni di volte. Tra gli sport più visti live su DAZN a livello globale a far da padrone è il calcio (314,6 milioni di ore) con un’offerta che include alcune delle competizioni più seguite dagli appassionati del pallone come la Serie A, la UEFA Champions League, la Premiere League, LaLiga, Ligue1 e la Bundesliga. Sul podio anche baseball e motori, rispettivamente al terzo e quarto posto, seguiti subito dopo da football americano e boxe. Per la boxe è stata un anno speciale su DAZN. L’incontro Ruiz vs Jousha II, dello scorso 7 dicembre, è stato infatti l’evento live più visto su DAZN in tutto il mondo. In Italia Guardando all’Italia, invece, le ore viste su DAZN sono oltre 79,3 milioni, che equivalgono ad ascoltare circa 146,7 milioni di volte la hit italiana “È sempre Bello” di Coez, una delle canzoni più ascoltate del 2019.  Il 90% delle ore viste riguarda eventi trasmessi in diretta, sono infatti oltre 10.487 gli eventi live solo nel 2019. Nel nostro paese, tra le città più attive troviamo al primo posto Milano, con 18,6 milioni di ore, seguita da Roma e Ivrea, rispettivamente con 9,1 e 5,8 milioni di ore. Appena fuori dal podio, Napoli, che si classifica alla quarta posizione con 2,7 milioni di ore, e Torino, al quinto posto con 2,2 milioni di ore. Rispetto a quella internazionale, leggermente diversa la classifica italiana che vede comunque il calcio al primo posto - con un’offerta che include tre partite per ogni giornata di Serie A TIM, tutti i match della Serie BKT, alcune tra le migliori competizioni europee come La Liga, Ligue 1, FA Cup, EFL League Cup, Eredivisie e Championship, quelle sudamericane come Copa Libertadores e Copa Sudamericana e altri campionati internazionali come la Major League Soccer (MLS), la J1 League giapponese e la Chinese Super League. Secondo e terzo posto rispettivamente per il football americano e la pallavolo davanti a boxe e baseball alla quarta e quinta posizione. Nel nostro paese DAZN si conferma inoltre una piattaforma multidevice, regalando al tifoso un’esperienza di visione a 360° e in qualsiasi situazione: nel corso dell’anno, oltre il 61% delle ore sono state viste in streaming attraverso Smart TV, Set-Top Box o console. Il 39% proviene da dispositivi mobile (smartphone e tablet) e web. Un risultato importante che evidenzia un cambiamento anche nelle abitudini del tifoso che, ormai familiare con il servizio, ricerca strumenti tecnologici sempre più “smart” per migliorare la propria esperienza di intrattenimento.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy