ABBONATI

Il mondo Daily

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti?
Iscriviti, scopri la nostra offerta e seleziona il pacchetto che meglio si adatta alle tue esigenze.

Mondadoristore.it festeggia i suoi primi vent’anni con una campagna di Canali&C.
Mondadoristore.it, il sito di e-commerce delle librerie Mondadori, compie 20 anni e celebra questo anniversario insieme ai lettori con iniziative, promozioni e instore digitali con personaggi del mondo della cultura e dell'intrattenimento. Nato nel 2000 con un'offerta dedicata esclusivamente ai libri, Mondadoristore.it è stato tra i pionieri del retail online. Oggi è uno dei principali media store sul web, grazie al vasto assortimento di prodotti per il tempo libero che spazia dai libri alla musica, ai film, ai giocattoli, alla cartoleria e agli eReader. Dai fenomeni editoriali via web al social distancing “Siamo stati tra i primi player del mercato italiano ad affiancare l'e-commerce alle librerie presenti sul territorio: un'attività che ci ha consentito di ampliare i canali di vendita della nostra rete, affermando rapidamente la presenza di Mondadori Store anche online”, ha dichiarato Carmine Perna, amministratore delegato di Mondadori Retail. “Da sempre attenti alle evoluzioni delle abitudini di acquisto, negli anni abbiamo sviluppato diversi servizi integrati che uniscono il mondo online di Mondadori Store a quello degli oltre 550 store fisici, per portare la nostra proposta ai lettori in ogni momento. Un servizio che mai come in questo periodo si è rivelato essenziale per mantenere la relazione tra il pubblico e le librerie, con visite sul sito cresciute a tripla cifra durante i mesi del lockdown rispetto allo scorso anno, e un record di oltre 40 milioni di visite stimate per il 2020”. In questi 20 anni il team di Mondadoristore.it ha risposto alle sfide dell'innovazione creando format originali e di successo, accanto a nuovi servizi, per offrire al pubblico un'esperienza omnicanale: dai primi casi editoriali sul web, alle più recenti tendenze musicali come il Korean Pop, fino ai primi instore digitali con autori e artisti nazionali e internazionali lanciati in periodo di social distancing. Le iniziative Piero Armenti, Silvia Avallone, Massimo Bisotti, Federica Bosco, Glenn Cooper, Andrea De Carlo, Gordon, Q4, Licia Troisi, Marzia Sicignano, Paolo Stella e tanti altri scrittori, youtuber e i protagonisti dei grandi eventi di Mondadori Store, hanno festeggiato il compleanno con un videomessaggio di auguri dai profili social del brand. In occasione dell'anniversario, per venti giorni, Mondadoristore.it offrirà la spedizione gratuita su tutti gli acquisti effettuati e sconti sui libri, bestseller della categoria musica e film e su una selezione di idee regalo. In più, in arrivo tanti nuovi eventi online, tra cui Francesco Sole e altri ospiti per esclusive chat room insieme ai lettori. La campagna L'iniziativa è accompagnata da una campagna con il claim "Click e a capo" che coinvolge più mezzi: web, social, dem, radio e in store. L'adv, realizzata dall'agenzia Canali&C., gioca con tono ironico sul ricordo degli avvenimenti legati alla storia editoriale e del costume che hanno segnato gli ultimi 20 anni: "2002: la parola selfie non esisteva", "2006: eravamo ancora bravi a calcio", "2010: Ti seguo non suona più come una minaccia", "2018: la Garbo non è la Greta più famosa". 
https://www.dailyonline.it/it/2020/mondadoristoreit-festeggia-i-suoi-primi-ventanni-una-campagna-canalic
mercato
img
MotoFestival MY2021: tutte le novità a due ruote dal vivo e on demand
Avete presente Netflix, Amazon Prime e tutti gli altri servizi di video on demand? Ecco, sta per arrivare anche la loro variante tutta dedicata al mondo delle due ruote. Porterà la firma di Moto.it e rappresenterà una novità assoluta, nonché il cuore pulsante della quarta edizione del MotoFestival. Si tratterà di un'inedita piattaforma digitale interattiva fatta di mini-film o di web serie che avranno come protagonista i modelli in arrivo sul mercato tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo, raccontati con un originale story telling visuale e con le parole delle grandi firme di Moto.it. Tutte le case motociclistiche e i brand di accessori vi hanno già aderito, potendo contare ciascuno sulla propria stanza virtuale, dove i prodotti - che sono stati chiamati PICOD - Product Is Content On Demand - saranno raccontati attraverso dei video, dai quali lo spettatore potrà partire per costruire la sua personalissima esperienza di fruizione, facendosi guidare dalle sue passioni e dai suoi interessi. La collezione di video on demand sarà poi trasmessa live nel contesto di un ricchissimo palinsesto editoriale che dal 10 al 15 di novembre, da mattina a sera, proporrà agli appassionati una serie di appuntamenti che mescoleranno attualità, passione, novità, approfondimenti, visioni sul futuro e sulla cultura delle due ruote, prove esclusive, interviste a piloti, influencer, personaggi di primo piano del mondo moto e non solo. Interazione, intrattenimento e Radio Freccia Ma non è ancora tutto, all'interno della nuova piattaforma, una sezione sarà dedicata all'interazione tra gli utenti e le Case, in cui i lettori potranno interagire con le loro aziende di riferimento con domande, dubbi e anche consigli e potranno anche intervenire in diretta nei programmi in palinsesto per interagire con ospiti e giornalisti. Ci sarà spazio anche per l'intrattenimento con format nuovi o già collaudati e tutto ciò dara vita a un mondo tutto nuovo per godere dei contenuti legati alle due ruote. Dal 20 ottobre sarà attiva la partnership con Radio Freccia, con tre puntate condotte da Jimmy D in cui saranno ospiti Moreno Pisto, Nico Cereghini e Giovanni Zamagni e poi dal 10 al 15 novembre collegamenti telefonici in diretta dal MotoFestival e news sia on air che sui social di Radio Freccia. Il Netflix delle Moto Tante altre novità sono in arrivo che andranno ad arricchire il palinsesto di MotoFestival che sarà sempre aggiorno online e sui social di Moto.it. "Fin dagli esordi, Moto.it ha sempre saputo reagire agli andamenti del mercato e dell'attualità, rinnovandosi e innovando e MotoFestival MY 2021 ne è la conferma e un'ulteriore dimostrazione", afferma Moreno Pisto brand & content manager di Moto.it e Automoto.it. "Per la prima volta siamo riusciti a mettere a disposizione degli utenti, gratuitamente, 'il primo Netflix delle Moto', pensato per loro ma anche disegnato sulle esigenze dei brand nostri partner che sempre di più hanno l'esigenza di raccontare i propri prodotti in maniera scalabile e flessibile, parlando la lingua dei motociclisti e dando loro la possibilità di scegliere i contenuti che più li interessano, in un crescendo di interazione e approfondimento. Moto.it con il MotoFestival diventa sempre di più una vera e propria agenzia di produzione, senza mai dimenticare il cuore editoriale che sostiene e amplifica ogni iniziativa".
https://www.dailyonline.it/it/2020/motofestival-my2021-tutte-novita-due-ruote-dal-vivo-demand
mercato
img
La sfida si gioca sul video: Netflix davanti, Disney+ si ristruttura e rilancia
Video. Se in questo tormentato 2020 servisse una sola parola per sintetizzare cosa sta accadendo di più eclatante nel mondo dei media, non si può sbagliare. E video vuol dire non solo web, ma anche tv, tradizionale e pay, con l’appendice non certo ininfluente dell’on demand. Entrambe le opzioni stanno dimostrando di poter crescere insieme, e non era certo scontato. Lo confermano anche i numeri, che certificano l’avanzata delle piattaforme, non solo a livello internazionale. L’Italia, infatti, appare in perfetto allineamento con la maggior parte delle nazioni dove l’ascesa costante della vecchia e nuova tv è un dato di fatto. Proprio di recente, EY, all’interno di un’accurata analisi realizzata in collaborazione con Fastweb e Discovery, ha cercato di fotografare l’andamento del settore, presentando lo scenario nel corso dell’EY Capri Digital Summit, svoltosi a Roma e non a Capri, dove era programmato, a causa dell’emergenza Coronavirus, che è stato possibile seguire in streaming e il cui titolo era “A new brave world”. Lo scenario Secondo la ricostruzione di EY - che ha preso in esame l’evoluzione di Netflix, TIMVision, Infinity di Mediaset, Now Tv di Sky, Amazon Prime Video, Eurosport Player, Dazn e Disney+ - arrivata in Italia alla fine dello scorso marzo - a luglio 2020 si contavano, nel nostro Paese, circa 10 milioni di abbonamenti alle piattaforme Vod pay. Tutto questo a fronte di 15,8 milioni di utenti, valutando che uno stesso abbonamento può essere fruito da più persone, e 6,8 milioni di sottoscrittori. Rispetto a giugno del 2017 i segmenti sono tutti in netto incremento: +11,5 milioni gli utenti; +8,1 milioni gli abbonamenti; +5,1 milioni gli abbonati. Ma il continuo aumento si denota anche in tempi più recenti. Infatti, tra gennaio e luglio di quest’anno, anche grazie al lockdown, altri 2 milioni di utenti in più, con un balzo ulteriore di +1,5 milioni di abbonamenti e 700 mila nuovi sottoscrittori. Andrea D'Acunto   Il commento “Nei prossimi mesi - commenta Andrea d’Acunto, Med Telco, Media & Technology Sector Leader di EY - ci aspettiamo una ripartenza di tutte le piattaforme sportive, che durante il lockdown hanno sofferto in termini di sospensioni e disdette degli abbonamenti. È importante, inoltre, consolidare nuove partnership strategiche tra i diversi provider video Ott per promuovere, così, all’interno di un’unica offerta, i molteplici contenuti disponibili sulle diverse piattaforme”. Servizio e facilità d’uso, dunque, come armi propizie per farsi spazio in un mercato a livello europeo che, secondo l’ultima indagine messa a punto da IT Media Consulting, sarà in crescita media annua del 13% fra 2019 e 2023, per arrivare a oltre 12,2 miliardi di euro di giro d’affari alla fine del periodo considerato. La proposta Svod - contrassegnata dalla formula degli abbonamenti - sarà all’84% del totale e preponderante sul Tvod, il modello che prevede l’offerta a pagamento legata solo a ciò che realmente si vede, come nel caso dell’italiana Chili. Le cifre Sullo sfondo, però, emerge un’evidenza, forse inaspettata: la spiccata tendenza alla crescita vissuta dalle piattaforme Tvod e Svod non avrebbe penalizzato la televisione tradizionale. Analizzando, infatti, i dati Auditel, nei primi sei mesi dell’anno l’audience della tv generalista sarebbe aumentata del 15,7% nel giorno medio, con 11,9 milioni spettatori in media, e dell’11,6% nel prime time, per una media, in questo caso, di 26,9 milioni di spettatori. Ma tornando ai dati forniti da EY, si evidenzia come la smart tv rimanga il mezzo privilegiato per fruire dei contenuti dei cosiddetti Ott. Inoltre, i broadcaster principali, oltre ad aver dato vita a piattaforme come RaiPlay, Mediaset Play o Dplay nel caso di Discovery, hanno iniziato a potenziare l’offerta proprio sul fronte streaming e on demand. Ancora l’elaborazione dei dati Auditel sottolinea un totale di 98 milioni di click verso i contenuti targati Discovery nel primo semestre 2020, mentre sono 228 milioni per La7, 791 milioni per Rai, 2,15 miliardi per Mediaset e 3,4 miliardi per Sky. Le ore fruite online, invece, sono 8,8 milioni per Discovery, 14,5 milioni per La7, 136,3 milioni per Rai, 133,4 milioni per Mediaset e 93,1 milioni per Sky. Il caso Disney Tra gli operatori maggiormente aggressivi di questa fase spicca senz’altro Disney+, che da poco più di sei mesi sta imponendosi anche sul mercato italiano. La piattaforma, di recente, ha iniziato a distribuire GroupWatch, la funzione analoga all'estensione per browser Netflix Party, che permette di guardare contenuti video insieme ai propri amici via internet. Della possibilità di lancio di questa opzione se ne parlava già dalla scorsa primavera, quando erano emersi i primi indizi sulle sperimentazioni condotte dalla company; e ora la proposta è stata resa disponibile negli Stati Uniti, mentre in precedenza erano stati condotti diversi test in Australia, Nuova Zelanda e Canada. Il progetto era in fase di sviluppo già prima dell'emergenza sanitaria, ma con lo scoppio della pandemia la sua priorità è salita. Si tratta - hanno spiegato i tecnici Disney - di una funzione "compatibile" con gli accorgimenti necessari utili a impedire la diffusione del virus Covid-19, che aiuta le persone a restare un po' più vicine ai loro cari durante questo delicato periodo, con il clima generale tornato, purtroppo, a preoccupare. GroupWatch, dunque, permette di creare party di un massimo di sei utenti, ognuno con il proprio abbonamento a Disney+. Il party deve originarsi dall'app per smartphone oppure dal sito web, ma possono partecipare anche gli utenti di smart tv. Per avviare un GroupWatch basta visitare l’apposita sezione di un film o uno show legata ai dettagli operativi e scegliere l'apposita voce. Non è stata prevista una chat in tempo reale vera e propria e per il momento si possono solo inviare emoji. Dan Loeb   Le polemiche Ma è anche in chiave di approccio generale al sistema mediatico che Disney si sta muovendo. Non senza qualche strascico polemico. Uno dei maggiori investitori della company, Dan Loeb, ha espresso pubblicamente qualcosa di più di un personale suggerimento: vorrebbe che i film prodotti dalla multinazionale con alto potenziale di successo, tra cui spicca senz’altro “Black Widow”, rinviato già due volte da Marvel Studios, avessero una premiere in streaming proprio su Disney+. L’uscita di Loeb è arrivata giusto alcuni giorni prima dell’annuncio, da parte della stessa Walt Disney Company, di una ristrutturazione pensata per spostare il focus primario sullo streaming, tramite le sue piattaforme Disney+, ESPN+ e Hulu. Così, la società ha annunciato l’esordio di “Soul, il nuovo film targato Pixar, direttamente in streaming su Disney+, un’uscita natalizia che non prevede il servizio Premier Access, già sperimentato con “Mulan”. Dan Loeb, gestore di fondi speculativi per Third Point, con circa un miliardo di dollari di partecipazione nella società, aveva affermato che la scelta di affidare allo streaming i film di maggiore profilo potrebbe attrarre nuovi abbonati, pur mantenendo i clienti attuali. All’orizzonte rimane, in effetti, la sfida aperta con Netflix, che disponendo di un’ampia base di abbonati può permettersi di investire in una quantità significativa di contenuti e ammortizzare, di conseguenza, i costi delle eventuali acquisizioni per potenziare l’offerta e ottenere ulteriori sottoscrittori. Disney è ancora indietro nel percorso rispetto ai rivali, ma per tenere viva la contesa ha bisogno di arrivare a quote più elevate di abbonati il più rapidamente possibile. Perché senza una massa critica importante nella base dei sottoscrittori lo svantaggio competitivo risulta difficile da colmare. Obiettivo raggiunto In ogni caso, dal lancio di Disney+, nel novembre del 2019, la company ha già superato i 60 milioni di abbonati e lo scorso agosto il Ceo Bob Chapek ha confermato che il servizio di streaming ha raggiunto l’obiettivo quinquennale in soli otto mesi, portando Disney a porsi il traguardo di raggiungere 200 milioni di abbonati entro il 2025.  Per poter, tuttavia, competere con Netflix, che attualmente conta più di 193 milioni di iscritti, l’investitore Dan Loeb incita la casa di produzione a saltare il passaggio del cinema e pubblicare direttamente su Disney+ i film previsti per il 2021, come “Black Widow”, appunto, mettendo in campo un maggiore spirito di innovazione e più coraggio nell’anticipare scelte che, nella sua opinione, saranno, comunque, inevitabili nel prossimo futuro. Però, Chapek, ha risposto che l’azienda non ha intenzione di abbandonare i cinema, sebbene riconosca una richiesta sempre maggiore da parte del pubblico,di nuovi contenuti usufruibili direttamente sul fronte “casalingo”. A questo punto, pare profilarsi, in casa Disney, una strategia, per così dire, intermedia, prevedendo, da una parte, di potenziare l’offerta in streaming e, dall’altra, di proseguire con la proiezione dei nuovi film al cinema per permettere a chi lo desidera di continuare a vivere la magia della sala. Intanto, precedentemente fissato per l’1 maggio e poi per il 6 novembre 2020, il debutto di “Black Widow”, con Scarlett Johansson, è ora previsto per il 7 maggio 2021. Il ritardo causato dalla pandemia ha, quindi, costretto Marvel Studios a registrare il primo anno senza la distribuzione di un film dal 2009. Bob Chapek   La via di mezzo Comunque, la via di mezzo tra cinema e streaming coniata da Disney si sta ulteriormente definendo. Il gigante statunitense dell’intrattenimento, riformulando parte del business proprio per assicurare maggiore enfasi al mercato in piena espansione dello streaming, sta creando tre divisioni dedicate ai contenuti, una per lo sport, una per l’intrattenimento generale e una specifica per i propri studi di produzione, a cui fanno capo marchi prestigiosi, tra cui Star Wars e la stessa Marvel. L’obiettivo principale sarà la realizzazione di spettacoli e film per i servizi di streaming, mentre un’altra entità di nuova creazione, la Media and Entertainment Distribution, guidata da Kareem Daniel, consoliderà la responsabilità dei sistemi di distribuzione globale dell’azienda e della vendita di pubblicità, oltre a supervisionare gli stessi servizi di streaming. Kareem Daniel   Più efficacia “Gestire la creazione dei contenuti in forma distinta dalla distribuzione ci permetterà di essere più efficaci e agili nell’offrire le proposte che i consumatori desiderano di più”, ha confermato sempre il Ceo Bob Chapek, ribadendo che la società sta pianificando di aumentare gli investimenti proprio sul fronte contenutistico. La sfida, dunque, è apertissima e Disney non vuole farsi trovare impreparata, soprattutto dopo il successo iniziale. I competitor non stanno certo a guardare: ad esempio, AT&T, che ha debuttato con il servizio di streaming HBO Max lo scorso maggio, si è già riorganizzata ad agosto per unire le sue divisioni cinematografiche e televisive sotto un’unica struttura, al fine di competere nel modo più flessibile nello streaming. A fine giugno 2020, HBO Max contava su oltre 4,1 milioni di utenti. Poi, tra gli altri, spicca la buona performance di Peacock, il servizio che fa capo a NbcUniversal - di proprietà del colosso Comcast - lanciato lo scorso aprile e oggi in grado di raggiungere 15 milioni di utenti. Infine, la certezza della leadership attuale, che arride a Netflix: il pioniere dello streaming vanta 193 milioni di abbonati, una solida base costruita durante tredici anni di presidio del mercato.
https://www.dailyonline.it/it/2020/sfida-si-gioca-sul-video-netflix-davanti-disney-si-ristruttura-rilancia
mercato
img

Daily News

Agenda

poltrone

People&Poltrone

Lo spazio dedicato agli ultimi cambi di poltrona in Italia e nel mondo relativi ad agenzie di comunicazione, imprese editoriali, centri media e a chi lavora nell'industria del marketing.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy