ABBONATI

Il mondo Daily

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti?
Iscriviti, scopri la nostra offerta e seleziona il pacchetto che meglio si adatta alle tue esigenze.

Influencer marketing: Ykone acquisisce Matteo Baldi New Media Agency
Comunicazione, marketing, social, influencer. Un mondo fatto di immagini, di storytelling legato a prodotti divenuti improvvisamente lontani, quasi intoccabili. E la fantasia ha cominciato a galoppare, ad allargarsi, a progettare nuovi mondi, possibilità, opportunità, espansioni, non solo mentali, anche geografiche. In questo contesto opera Ykone, agenzia di influencer marketing, che annuncia l’acquisizione del 51% della Matteo Baldi New Media Agency di Milano, struttura di comunicazione digitale con sede a Milano, distintasi negli ultimi dieci anni per aver realizzato strategie di social media marketing per marchi transalpini ed internazionali. Viene così a  crearsi un centro strategico per brand internazionali nella seconda capitale della moda mondiale. Fashion, proprio così: Ykone è subito divenuta protagonista delle passerelle della moda e di quelle del lusso, ma non solo. Nata a Parigi, ora vanta sedi in 12 città, da Hong Kong a Dubai fino a New York. Negli ultimi due lustri, l’agenzia si è consolidata come leader internazionale nel settore dell’influencer marketing, agendo da pioniere nell’industria e realizzando campagne sempre più ambiziose per brand nei settori del luxury, beauty, fashion e travel, e più recentemente nel mercato dei beni di largo consumo (FMCG). Il palmares di clienti dell’agenzia comprende, tra gli altri, marchi del calibro di L'Oréal, LVMH, Chopard e Nespresso. Ykone è di proprietà di Unify, la divisione digitale del Gruppo TF1, attualmente presente in Europa, Medio Oriente, Asia e USA. Grazie a una forte espansione internazionale, l’agenzia ha registrato una crescita record: +48% nel Q1 2021 rispetto al 2020. Una struttura che vanta una propria piattaforma digitale interna dedicata alll’argomento influencer marketing chiamata Campaygn. Come evolve il settore? Cosa significa questa partnership in ottica milanese e nazionale? Come si muove Ykone e come cambieranno le sue strategie? Lo abbiamo chiesto a Olivier Billon, Fondatore e CEO del gruppo parigino. Matteo Baldi e Olivier Billon   Da quali presupposti e perché è nato il progetto Ykone? «L'agenzia Ykone è nata nel 2008. L'influencer marketing non esisteva ancora, ma abbiamo visto il potenziale per i marchi di collaborare con le persone anziché con i media per raggiungere un'alta visibilità. I social media sono stati fondamentali in questo processo e abbiamo iniziato rappresentando alcuni talenti e facendoli collaborare con marchi e gruppi prestigiosi come L'Oreal, LVMH, Coty. L'obiettivo principale fin dall'inizio è stato aiutare i brand più creativi a progettare e dare vita alla loro strategia sui social media e al marketing degli influencer». Cosa offrite in particolare ai clienti? «Ykone offre molti servizi a brand e agenzie, aiutandoli a costruire la loro strategia sui social media, scovando i profili giusti con cui collaborare e gestendo le loro campagne di influencer dalla A alla Z. Gestiamo anche produzioni, creazioni di contenuti e linee guida creative per i talenti, sempre con un approccio data driven, oggi fondamentale per le aziende per cui lavoriamo. Ykone offre un supporto locale e globale ai marchi perché operiamo in tutto il mondo». I campi in cui operate sono legati al lusso (e dintorni): una scelta strategica definitiva e o ci sarà un allargamento di prospettiva? «Ykone ha lavorato fin dall'inizio nel mondo del lusso ed è successo naturalmente grazie al nostro approccio creativo forte e molto concentrato. I nostri principali partner sono Dior, Estee' Lauder, Chopard, Tag Heuer, Salvatore Ferragamo... Tuttavia, da più di 2 anni apriamo le nostre porte anche a FMCG e collaboriamo con importanti marchi internazionali come Barilla, Danone , Evian e marchi automobilistici come Nissan». Cosa vi chiedono in particolare i clienti? «I marchi si rivolgono a Ykone per il nostro approccio strategico, creativo, internazionale e basato sui dati. Il fatto di avere queste 4 capacità principali combinate in un'unica agenzia fa diventare Ykone leader rispetto ad altri concorrenti nel mercato». L'influencer marketing ha già detto tutto o ha ancora qualche freccia in più? «È una storia di lavori in corso senza fine e il nostro compito principale consiste nel fare del nostro meglio ogni giorno per seguire le ultime tendenze e suggerire ai nostri partner del marchio il modo migliore per affrontarle. Per fare un esempio, quest'anno abbiamo aiutato Giuseppe Zanotti, il primo brand del lusso ad entrare nella piattaforma social di Clubhouse. Supportiamo anche marchi di moda e di lusso come Tod's per avvicinarsi alla piattaforma TikTok e tradurre il loro DNA di lusso nel linguaggio di questa piattaforma specifica». Cosa vi aspettate in termini di operatività, cultura dal mercato italiano? «Lavoriamo già con marchi italiani da più di 2 anni, collaborando principalmente con sedi italiane come Della Valle Group, Giorgio Armani, Technogym, ma anche con filiali locali come Sisley beauty, quindi riteniamo di avere una buona conoscenza del mercato, allo stesso tempo molto simile a quello francese in termini di prestigio, ma anche molto diverso in termini di operatività quotidiana e di relazione con i clienti. Ecco perché è così importante avere le nostre radici ben radicate sul territorio». La tecnologia Campaygn: come funziona? «Campaygn è la nostra tecnologia immobiliare per l'ottimizzazione delle attività di influencer marketing. Analizziamo più di 11 milioni di influencer a livello mondiale, monitorando quasi tutti i social network come Instagram (post, storie, reels), Facebook, TikTok, YouTube. Campaygn aiuta i brand a scovare i profili giusti con cui collaborare, monitorare le loro campagne di influencer, fare analisi di benchmark e controllare performance e KPI. Lo utilizziamo quotidianamente per le nostre attività e lo offriamo come licenza al mercato. Facilita davvero il lavoro dei nostri soci e chi ci prova non lo abbandonerà mai». I numeri, i risultati dell'ultimo anno, una stagione mai così dominata da web e social… «Il 2021 ha visto una crescita incredibile di fatturato e richieste da parte dei brand. Abbiamo visto improvvisamente il nostro numero crescere rapidamente nei primi 3 mesi dell'anno. Abbiamo visto il nostro fatturato triplicato in 3 mesi rispetto a tutto il fatturato 2020. Ci aspettavamo questo trend anche a causa del periodo di pandemia a cui siamo stati sottoposti. I marchi che hanno pianificato eventi hanno spostato quei budget in attivazioni di influencer marketing. I brand non ancora sufficientemente orientati al digitale hanno accelerato per raggiungere un livello adeguato rispetto ai concorrenti sul mercato. Crediamo che questo sia solo l'inizio della trasformazione digitale che continuerà in modo molto veloce». C'è qualche nuova tendenza che avete annusato? Quale potrebbe essere la prossima strada per l'influencer marketing? «Crediamo che la vendita sociale sia la chiave ora per i nostri clienti e dobbiamo essere preparati a supportarli in questo modo. Stiamo già lavorando a progetti che coinvolgano il social selling e stiamo anche implementando nella nostra tecnologia Campaygn questa importante funzionalità di tracciamento». Perché Ykone ha scelto l'agenzia Matteo Baldi come partner? «Ykone ha selezionato l'agenzia Matteo Baldi perché è pioniera e leader nel mercato dell'influencer marketing, la loro presenza è ben consolidata e brand e talenti si sentono a proprio agio con cui lavorare. Hanno sviluppato nel corso degli anni forti relazioni di pubbliche relazioni nel mercato e il loro portafoglio di talenti è molto qualitativo. Ykone porterà in questa partnership il suo specifico approccio strategico, orientato ai dati e internazionale per un'offerta globale completa per i marchi». Qual è l'obiettivo più importante di questo accordo di partnership? «L'obiettivo più importante è costruire insieme la più forte realtà di digital influencer marketing sul mercato italiano».
https://www.dailyonline.it/it/2021/influencer-marketing-ykone-acquisisce-matteo-baldi-new-media-agency
aziende
img
The Circle firma il primo cooking show vegano d’Italia, in onda su Food Network da domenica 13 giugno
Partirà domenica prossima 13 giugno su Food Network il nuovo cooking show “Morgan – gusto sano in cucina”, il primo programma tv interamente dedicato alla cucina vegana in Italia. Protagonista è Morgan Witkin, chef americana che vive a Roma fondatrice di Morganic Kitchen, un progetto dedicato alla nutrizione e al benessere attraverso la cucina. La realizzazione è di The Circle, casa di produzione fondata lo scorso settembre da Agata Spatola, già responsabile della programmazione dei canali targati Fox Channels Italy dove per dieci anni ha scelto i prodotti da mandare in onda e quelli da produrre localmente, come “Cucine da incubo”. Una scommessa, fatta in piena pandemia tra un confinamento e una chiusura per contenere il contagio, e in totale autonomia. Capitali e rischio, infatti, sono tutti dell’imprenditrice. L’esperienza maturata sviluppando prodotti seriali per Fox Europa, guidata all’epoca da Diego Londono – già President e Managing Director di Fox Italia e oggi Executive Vice President, Media Networks and Content dell’area EMEA di The Walt Disney Company e negli Stati Uniti presso gli Studios di Los Angeles dove ha collaborato anche alla seconda stagione di “American Crime Stories” dedicata all’omicidio di Gianni Versace, le fa capire che intraprendere una strada professionale indipendente è possibile «anche essendo donna e senza un nome altisonante». Morgan Witkin   Il racconto del femminile Anzi, è proprio l’universo femminile il fulcro del posizionamento di The Circle. «Il mio obiettivo è esplorare il talento femminile e raccontare storie di donne – spiega Spatola -. È nata con lo scopo di raccontare storie di donne e esplorare il talento femminile. Ho deciso di intraprendere questo percorso da sola per poter affermare la mia visione, forte del mio approccio anglosassone sviluppato in anni di attività presso le corporation». The Circle si occuperà di prodotto scripted, settore in cui Spatola ha lavorato realizzando il primo drama di Fox Europe “Deep State”, e successivamente la serie “War of the words”, sia unscripted come “Morgan– gusto sano in cucina”. Come «Ho scelto di debuttare con questo programma perché ho testato personalmente la bontà della cucina proposta e la facilità di realizzazione. Cerchiamo infatti di offrire un prodotto “vero” e anche se la scelta di parlare di vegano può sembrare un azzardo in Italia, la chef è garanzia di capacità e qualità».
https://www.dailyonline.it/it/2021/circle-firma-primo-cooking-show-vegano-ditalia-onda-su-food-network-da-domenica-13-giugno
media
img
Land Rover Discovery si trasforma in CREW CAR per video YouTube
Da Sport Utility a Shooting Utility Vehicle per registrare video. La Land Rover Discovery cambia pelle e diventa la nuova auto ufficiale del team di produzione di Motor1.com, il global magazine dell’automobile del gruppo Motorsport Network presente in 12 paesi del mondo. Il 4x4 inglese motorizzerà inizialmente il team video italiano configurandosi come prezioso strumento di lavoro per la realizzazione di riprese car-to-car e per il supporto degli shooting delle prove su strada organizzate dal più grande canale YouTube di motori in lingua italiana. La Discovery CREW CAR, esposta in anteprima in occasione del Milano Monza Show (10-13 giugno 2021), è caratterizzata da un allestimento specifico del veicolo con una livrea dedicata il cui concept è stato curato da Garage Italia (www.garage-italia.com) e la personalizzazione realizzata da DSW Wrapping (www.dsw-wrapping.com). Tra le peculiarità del veicolo rientra anche una piattaforma modulare per l’atterraggio droni realizzata da DJI in collaborazione con Nital e installata sul tetto del SUV. Le specifiche tecniche di questa Discovery derivano dal modello di serie in versione S motorizzata con un motore 3 litri 6 cilindri da 249 CV e naturalmente cambio automatico e trazione integrale, ma la configurazione è stata personalizzata sulla base delle esigenze operative della CREW di Motor1.com: • gancio di traino estraibile elettricamente con assistenza avanzata in retromarcia • marce ridotte • parabrezza riscaldato • wi-fi di bordo • climatizzatore quadri zona • sistema di ionizzazione dell’abitacolo con filtro PM 2.5   [youtube id=vQq1wjIQqDY]   L’icona “La CREW CAR è uno strumento di lavoro molto importante per il nostro team di produzione che realizza le riprese delle prove su strada percorrendo ogni mese migliaia di chilometri in lungo e in largo per l’Italia, spesso a pieno carico e in condizioni di viaggio variabili per definizione. Un’auto versatile oltre che iconica come la Land Rover Discovery incarna alla perfezione queste esigenze e siamo molto contenti di questa collaborazione”, dichiara Alessandro Lago, Direttore Responsabile Motor1.com Italia. “La Land Rover Discovery è un’icona di poliedricità, classe e sportività, dotata di una versatilità impareggiabile e siamo felici di dimostrarlo anche in questo nuovo contesto di utilizzo. La sua praticità e la spaziosità la rendono una perfetta CREW CAR e fedele compagna di avventure sportive e professionali”, dichiara Daniele Maver, Presidente Jaguar Land Rover Italia. La personalizzazione La livrea della Land Rover Discovery CREW CAR è stata sviluppata da Garage Italia e Motorsport Network, sulla base della visual identity di Motor1.com che gioca coi colori del bianco, nero e blu elettrico. La nuova veste estetica si adatta perfettamente al carattere dinamico della Land Rover Discovery e trae libera ispirazione dai pattern mimetici dell’aviazione, combinando diversi toni di blu lungo tutta la carrozzeria. Si parte dal posteriore a colore pieno in blu chiaro con una punta di metallizzato, proseguendo lungo le fiancate con i passaruota e il cofano su cui prende via via forma il motivo camouflage che crea un particolare effetto ottico a vettura in movimento. Per l’applicazione DSW Wrapping ha utilizzato 3 distinte pellicole cast di tipo microcanalizzato. La particolarità della livrea ha richiesto un primo rivestimento in nero opaco integrale e la successiva apposizione degli elementi in blu lucido e azzurro opaco. Una personalizzazione del genere è più complessa dei wrapping tradizionali perché richiede una lavorazione preventiva del materiale al plotter. Per la finitura completa della Land Rover Discovery (4,95 metri di lunghezza x 2,00 metri di larghezza x 1,88 di altezza) sono stati consumati ben 45 metri quadri di film. I partner tecnici sono Jaguar Land Rover Italia, Cybex, DJI-Nital, DSW Milano, Garage Italia, Wash Out.
https://www.dailyonline.it/it/2021/land-rover-discovery-si-trasforma-crew-car-video-youtube
media
img

Daily News

Agenda

poltrone

People&Poltrone

Lo spazio dedicato agli ultimi cambi di poltrona in Italia e nel mondo relativi ad agenzie di comunicazione, imprese editoriali, centri media e a chi lavora nell'industria del marketing.

LEGGI

Spot del giorno

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy