ABBONATI

Il mondo Daily

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti?
Iscriviti, scopri la nostra offerta e seleziona il pacchetto che meglio si adatta alle tue esigenze.

Mediaset: obiettivo raccolta in linea nel primo semestre 2019 al netto delle discontinuità nel palinsesto
Senza Serie A, Mondiali e Champions League i palinsesti di Mediaset puntano su autoproduzioni originali, cinema e serie, e anche le stime di raccolta pubblicitaria si adeguano a fronte di perimetri disomogenei tra l’anno scorso e quest’anno. Pier Silvio Berlusconi lo ha ricordato ieri a margine della assemblea degli azionisti per l’approvazione del bilancio 2018: «Il mercato è tosto, la visibilità è poca e su tutto pesano la situazione economico-politica e le imminenti elezioni europee. Con un’offerta molto diversa rispetto al 2018 noi facciamo del nostro meglio, speriamo di chiudere il semestre in pari». In effetti, nel primo bimestre di quest’anno i ricavi advertising di Mediaset sono scesi del 4,2% rispetto al primo bimestre 2018, a fronte di un calo complessivo del 3,6% nel settore televisivo. Spiega Stefano Sala, amministratore delegato di Publitalia: «Siamo in linea con il mercato e comunque scontiamo la mancanza del calcio che per noi rappresenta una “zavorra” mensile del -3% o -4%. Inoltre marzo, aprile e maggio sono mesi in cui la Champions pesa di più: ma non l’abbiamo». La concessionaria di Mediaset ha già annunciato che, senza il calcio, quest’anno vengono a mancare 70 milioni di euro alla raccolta (vedere DailyMedia del 7 marzo scorso). Nel 2018 il ridimensionamento è stato di 35 milioni, a seguito della chiusura in agosto delle attività pay sempre legate al calcio, e nonostante questo Publitalia ha registrato a fine anno uno scarto positivo dello 0,8% sul 2017. L’obiettivo quindi è «chiudere il primo semestre in linea, tolte le discontinuità» conclude Sala.  La tv paneuropea «Noi andiamo avanti con le nostre forze» ha ribadito Berlusconi in merito alla vicenda Vivendi, e a proposito del potenziale interesse dei francesi nella creazione di un broadcaster paneuropeo ha detto: «è un progetto di cui Mediaset è il motore e Vivendi non ha alcun ruolo. Attualmente è tutto da costruire: come ho già detto dobbiamo trovare un modello industriale che funzioni». Non c’è alcuna indicazione sulla forma da dare all’alleanza tra broadcaster, a cui potrebbero partecipare operatori come Mediaset España, ProSieben, Channel 4 e Tf1: «Stiamo lavorando per trovare una quadra, ancora non sappiamo come e con chi farlo» e ha indicato luglio come una possibile scadenza per una decisione. E ancora, relativamente al contenzioso con il gruppo guidato da Vincent Bolloré, l’amministratore delegato di Mediaset ha ribadito quanto affermato dalla sorella Marina Berlusconi il giorno precedente a margine dell’assemblea Mondadori, ossia che la questione è in mano agli avvocati e non ci sono novità. Per quanto riguarda il ritorno di una offerta calcio, Pier Silvio Berlusconi ha ribadito che Mediaset ha «un approccio opportunistico, ogni ipotesi deve avere un senso economico»; mentre il passaggio dell’offerta ex Premium sull’online è subordinato alla quantità di abbonati tutt’ora attivi. Tra le ultime novità, l’accordo con TIM Vision per la ritrasmissione dei canali free.  L’offerta commerciale di giugno Nel frattempo Publitalia ha presentato l’offerta commerciale relativa al mese di giugno, che tiene conto di una offerta editoriale tutta costruita sulla produzione originale Mediaset e sulla library di film e serie tv. In particolare, su Canale 5 ci saranno cinque prime serate a settimana e il preserale tutti autoprodotti, su Rete 4 raddoppiano le autoproduzioni delle news e dell’infotainment, mentre Italia 1 punta su cinema e serie per il target giovane. L’offerta dal 2 giugno al 6 luglio, articolata in due listini da tre e due settimane, non è confrontabile con l’anno scorso, quando Mediaset ha mandato in onda integralmente il Mondiali di calcio.  Nella settimana a cavallo tra giugno è luglio è prevista una promozione del 10%.  Approvato il bilancio 2018 L’assemblea degli azionisti di Mediaset ha approvato ieri il bilancio 2018 che ha registrato ricavi consolidati netti per 3.401,5 milioni di euro (3.550,1 milioni nel 2017) con un risultato netto di Gruppo in forte crescita a 471,3 milioni di euro rispetto ai 90,5 milioni del 2017. A proposito del progetto di un broadcaster paneuropeo il presidente Fedele Confalonieri ha commentato: «Prospettive di questa portata coinvolgono tutto il sistema: imprese, interlocutori politici e istituzionali». Confalonieri ha sottolineato la necessità di rivedere la legislazione e le norme antitrust relative alla creazione di grandi complessi industriali, che ne ostacolano la formazione. «Peraltro il livello di intervento antitrust non può che essere continentale: siamo alle prese con fenomeni giganteschi, pensiamo a Facebook che acquisisce Whatsapp e Instagram, e creano aggregazioni di miliardi di utenti. Tutelare la concorrenza non è più controllare con il bilancino la dimensioni delle imprese, ma dovrebbe sempre più riguardare i comportamenti concorrenziali delle imprese». L’assemblea ha anche deliberato di riportare l’utile a nuovo per rendere più solida la struttura del Gruppo, e avere risorse per cogliere le opportunità di mercato in ambito internazionale. Il CdA si riserva di esaminare nuovamente la decisione nel consiglio del 25 luglio 2019. Se il CdA valutasse di distribuire dividenti attingendo alle risorse disponibili, sottoporrà la proposta a un’eventuale nuova assemblea. 
https://www.dailyonline.it/it/2019/mediaset-obiettivo-raccolta-linea-nel-primo-semestre-2019-al-netto-delle-discontinuita-nel-palinsesto
aziende
img
Rai Pubblicità: si avvia a una raccolta in pari nei primi 4 mesi; fa il pieno di sponsor per “The Voice” e spinge sul product placement
Fa il pieno di nuovi sponsor - AXA, Google, M∙A∙C Cosmetics e Opel - oltre alla confermata Acqua Rocchetta, l’edizione 2019 di “The Voice of Italy”, il talent show condotto quest’anno da Simona Ventura (che torna su un canale pubblico dopo 8 anni), in partenza da martedì 23 aprile per 8 puntate alle 21.20 su Rai2 e Radio2. Nuovi anche il cast e il meccanismo, con 4 coach inediti: Gigi D’Alessio, Elettra Lamborghini, Morgan e Gué Pequeno. La relativa offerta commerciale multimediale (che comprende anche RaiPlay) di Rai Pubblicità è stata riportata da DailyMedia dello scorso 17 marzo.  Branded Content Per la concessionaria di cui è A.D. Gian Paolo Tagliavia è anche la conferma della crescita del contributo ai volumi di affari del product placement, del cui canale, insieme a quello del branded content, è responsabile Enrico Marangoni. Sono aree partite da poco e che Rai Pubblicità gestisce in forte coerenza con l’editore, come è stato nell’ultima parte dello scorso anno con Barilla per la docuserie “Alle origini della bontà” dello chef Davide Oldani, e il 29 dicembre con illy per il dietro le quinte di 45’ del “Celebrity Fight Night” di Andrea Bocelli su Rai5 (canale, tra l’altro, che non ospita pubblicità).  Digital e radio L’edizione 2019 di The Voice sarà anche ancora più digital delle precedenti edizioni. Un vero pass all’area che, ogni giorno su tutte le piattaforme social di Rai2 e del programma, darà la possibilità agli utenti di entrare nel backstage non solo durante la messa in onda ma, anche, durante la settimana, quando coach e talent si prepareranno per la performance. Dirette social, jam session e interviste saranno gli ingredienti che comporranno l’offerta, oltre naturalmente alla possibilità di rivedere le clip delle puntate e gli extra sul sito www.thevoiceofitaly.rai.it e sul canale Youtube di The Voice of Italy. Rai Radio2 sarà la radio ufficiale con una programmazione mirata a raccontare tutte le fasi del talent show. Inoltre, racconterà The Voice anche con i programmi “Caterpillar AM” e “La Versione delle Due”, che offriranno anticipazioni e commenti. Il quadrimestre Sul fronte della raccolta, infine – come ha spiegato sempre ieri al nostro giornale il Direttore Commerciale Giancarlo Cani – per Rai Pubblicità, il primo quadrimestre si sta delineando in parità con lo stesso periodo del 2018 sul fronte della raccolta, grazie al buon andamento di marzo (che si confronta con lo stesso mese del 2018 in cui ci fu una tornata elettorale che rallentò gli investimenti), che ha compensato un primo bimestre che, come per tutti i principali broadcaster, si è chiuso negativamente (-3,3% per la concessionaria pubblica), mentre aprile, infine, sta tenendosi in linea nonostante le festività e i ponti che stanno per arrivare.
https://www.dailyonline.it/it/2019/rai-pubblicita-si-avvia-una-raccolta-pari-nei-primi-4-mesi-fa-pieno-sponsor-voice-spinge-sul-product-placement
mercato
img
Ferrarelle: Leo Burnett vince, con la collaborazione strategica di Publicis Groupe, la gara per la nuova campagna autunnale del brand
Ferrarelle si prepara a tornare on air in autunno con una nuova campagna integrata, che porterà la firma di Leo Burnett. L’agenzia di cui è Ceo Romeo Repetto ha vinto infatti - con la collaborazione strategica di Publicis Groupe, di cui fa parte – l’apposita gara indetta dal Gruppo che fa capo alla famiglia Pontecorvo e di cui è Group Brand Manager Martina Cerbone, e alla quale hanno partecipato anche VMLY&R e Havas Milan, storico partner del brand. Non ci sono invece novità sul fronte del planning, seguito sempre da Carat (che amministra un budget di circa 18 milioni di euro, pari a più del 10% del fatturato). Nello specifico, la nuova campagna di posizionamento si articolerà in tv, OOH e digitale, cui seguirà la stampa. L’azienda, tra i suoi impegni, punta molto anche sulla sostenibilità e ha avviato la produzione sulla base di materia prima riciclata delle bottiglie.
https://www.dailyonline.it/it/2019/ferrarelle-leo-burnett-vince-collaborazione-strategica-publicis-groupe-gara-nuova-campagna-autunnale-del-brand
incarichi e gare
img

Daily News

Agenda

Sorgenia

Data Evento: 29/04/2019



Ore 11:30

Sorgenia

Sei interessato all’evento?

Anno
2019

DAILY PUBBLICITà

Scopri le opportunità commerciali offerte dalle nostre testate

Per aquisire visibilità sul nostro network, cartaceo e digitale, entra nello spazio dedicato.

SCOPRI
poltrone

People&Poltrone

Lo spazio dedicato agli ultimi cambi di poltrona in Italia e nel mondo relativi ad agenzie di comunicazione, imprese editoriali, centri media e a chi lavora nell'industria del marketing.

LEGGI

Spot del giorno

Cliente: Payconiq by Bancontact | Agenzia: Boondoggle |

Bancontact, con Payconiq sliding doors sempre positive

Cliente: Payconiq by Bancontact | Agenzia: Boondoggle

Bancontact, con Payconiq sliding doors sempre positive

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy