ABBONATI

Magic Box Toys, collezioni che passione e un 2021 tra consolidamento e lanci di prodotto

Autore:


L’azienda spagnola ha una nuovo direttore commerciale, Roberto Buzzo Piazzetta che fa il punto della situazione, tra attualità, analisi di scenario e prossimi obiettivi, tra i quali una linea di giocattoli prevista per settembre

Pare ci sia un capitolo nascosto nel grande libro intitolato “Come portare avanti un azienda nella buona e nella cattiva sorte” riguardante i periodi storicamente meno floridi, che potrebbe essere visto come un eufemismo a guardare il 2020 che volge al termine, tra affanni e speranze. Una serie di pagine quasi nascoste, mimetizzate, appannaggio dei più abili, coraggiosi, ambiziosi, organizzati. Roberto Buzzo Piazzetta è il nuovo direttore commerciale di Magic Box Toys, azienda spagnola specializzata in giocattoli collezionabili, pare che quelle suddette pagine le conosca a memoria. Ci fidiamo ma abbiamo voluto interrogarlo ugualmente.

Su quali prodotti avete puntato per il Natale 2020?

«La nostra priorità rimane sempre sostenere la linea comunicando il lancio della nuova serie: nel caso del brand SuperZings, in Italia a settembre abbiamo rilanciato la serie 4, mentre per MojiPops la serie Party. Entrambe le serie erano state lanciate nel primo semestre ma fortemente penalizzate dal lockdown. Supportare la linea sottolineando gli elementi di novità ci permette di enfatizzare il concetto di collezionabilità su cui si basano questi prodotti. Accanto alle referenze caratterizzanti le serie, abbiamo anche dei playset che sono invece degli articoli continuativi: per Natale abbiamo puntato in particolare su uno di questi, la Stazione di Polizia dei SuperZings».

Che tipo di strategie marketing e comunicazione avete approntato durante l’anno e per le imminenti festività?

«Punti prezzo che spaziano dall’acquisto di impulso al vero e proprio regalo di Natale, in grado di attrarre il consumatore e di garantire un giusto margine al trade, in un’ottica di collaborazione win win. Posizionamento nel punto vendita pensato per il fuori scaffale (almeno per gli articoli di piccole dimensioni) realizzato con appositi display, per aumentare la visibilità. Una comunicazione a supporto dei brand strutturata su un periodo di 2 mesi, partendo dal lancio di settembre per arrivare fino a fine novembre per il Natale».

Quale sarà il focus 2021? Su cosa punterete, quali saranno gli obiettivi principali alla base delle scelte strategiche?

Per il 2021 ci siamo dati due focus interconnessi, il consolidamento del brand SuperZings cercando di replicare il grande successo spagnolo che lo ha portato a essere la property numero 1 del mercato e un importante lancio a settembre di una nuova linea di giocattoli. Se il brand SuperZings ha un target di gender trasversale, il nuovo lancio di settembre sarà destinato principalmente ai bambini, mentre per il 2022 amplieremo ulteriormente verso le bambine. L’obiettivo principale è costruire un brand e di conseguenza prodotti che abbiano una forte componente di collezionabilità affiancata dalla giocabilità».

Roberto Buzzo Piazzetta

 

Sul piano della comunicazione, quali media utilizzate maggiormente e quanto sfruttate la leva digital e in che modo?

«La nostra comunicazione è rivolta principalmente ai kids più che all’R.A., e il main media per noi rimane la televisione, che in Italia sul nostro target è ancora molto efficace. Poi ovviamente non trascuriamo il digital: siamo presenti sul web con siti dedicati ai brands, su YouTube con webisodes e campagna adv, e per ogni lancio prevediamo il coinvolgimento di influencers e bloggers».

Il mercato: come sta andando, che problemi avete riscontrato, che evoluzioni attese o meno?

«Sicuramente il mercato sta subendo le ripercussioni dell’epidemia che stiamo vivendo, anche se la vendita online sta ammortizzando l’impatto. Quello che da qualche anno sta avvenendo è una contrazione dell’età di utilizzo dei giochi “classici” rispetto ai dispositivi elettronici. Il problema principale risiede spesso nella paura che generano i cambiamenti, dove unitamente alla presenza di un player come Amazon, rischiano di far perdere fatturato a molti clienti. Questo può generare una maggiore chiusura, quando invece dovremmo dimostrarci più attenti e provare a sfruttare il cambiamento. Il consumatore si dimostra più attento ed esigente, diventando anche molto meno fedele al brand storico andando a ricercare sempre le novità. Noi pensiamo che un risultato di successo passi dall’equilibrio di un gioco “classico” contaminato dalla modernità in un contesto di eccellenza del prodotto e di attenzione al dettaglio».

Quali sono i punti fondamentali in fatto di comunicazione sui quali deve poggiare un'azienda di giochi e dintorni?

«Credo che un’azienda del giocattolo  non sia differente da qualsiasi altra azienda, sicuramente abbiamo un target di riferimento che è estremamente volubile, ma al contempo quando sceglie qualcosa lo fa con una passione totale. Ormai è fondamentale non ragionare per comparti stagni, ma considerare la comunicazione come un qualcosa di fluido che parte dal packaging di prodotto. Bisogna essere coerenti e non illudere il consumatore con false attese che genererebbero un allontanamento definitivo. Oggi non basta più la televisione, come mezzo, ma nemmeno il digital, bisogna raggiungere i bambini dove passano più tempo e far arrivare loro il prodotto in maniera meno istituzionale».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: - 22/02/2021


Fiat Panda, online con Leo Burnett, celebra la sua storia "social"

Fiat Panda è online con una nuova campagna che celebra la sua storia social e la capacità innata di mettere in contatto le persone. Capacità che Fiat Panda possiede fin dalle origini nel 1980, ancora prima dell’arrivo dei social network. Lo spot, con uno storytelling originariamente ideato per il mercato italiano, ha avuto un successo oltre le aspettative in Uk dove è in onda sui canali digital da dicembre 2020. Dagli inizi di febbraio è live anche in Italia su YouTube, Facebook con pianificazione media curata da Starcom. La creatività è firmata dalla sede torinese di Leo Burnett, hub strategico creativo e di coordinamento internazionale per i brand FCA, sotto la guida di Maurizio Spagnulo e la direzione creativa esecutiva di Francesco Martini. La forza della campagna vive nella sua narrazione vincente, nella scelta di raccontare unione, partecipazione e ottimismo, valori universali di cui oggi le persone hanno più che mai bisogno e che sono insiti nel DNA di Panda. Le scene dello spot sono studiate per farci riflettere su come Panda sia l’auto che da 40 anni ci accompagna nelle diverse esperienze di vita, da ragazzi e da adulti. Un’auto che è precursore dei tempi e che ancora prima della nascita del digitale è stata capace di unirci per davvero, di farci vivere una vita piena di emozioni e di autenticità, senza filtri social.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy