ABBONATI

Ideeuropee festeggia i suoi primi 20 anni all’insegna della crossmedialità

Autore:


L’agenzia di comunicazione integrata di Treviso, nel momento della ricorrenza, fa i conti con il 2020 e l’accelerazione digitale, sui tone of voice mutati, sull’importanza del video, sul ricollocamento del mercato. Parola al fondatore Piergiorgio Paladin

A Treviso si respira aria di party. Un attimo: prima che qualcuno adombri sospetti, mugugni e magari sollevi polemicamente la voce, non si parla di assembramenti, bensì di festeggiamenti, certo tutt’altro che eccessivi, concreti ma rispettosi, anche perché nel Triveneto notoriamente di tempo se ne perde poco e l’agenzia Ideeuropee sta sì per spendere le sue venti candeline, ma molto probabilmente sta già pianificando le prossime venti. Nel dubbio, abbiamo contattato il fondatore Piergiorgio Paladin a cui abbiamo chiesto lumi, non solo sui progetti, ma anche sul particolare anno appena trascorso, una stagione sicuramente particolare.

Il 2020 “pandemico” ha modificato in qualche modo il vostro approccio operativo, magari sul fronte digitale?

«Non in maniera così determinante. Possiamo contare da 5 anni su un comparto digital composto da tre persone focalizzate sul content e altre due sulla parte grafica. Recentemente abbiamo aggiunto un sesto componente che si occupa di adv. Quindi per noi non si tratta certo di una novità, anche perché il nostro segreto è sempre stato quello di essere crossmediali. È sicuramente ovvio che l’emergenza pandemica abbia accelerato ogni tipo di processo digitale. Un fatto curioso è che Ideeuropee si era organizzata sul fronte del lavoro da gestire in remoto nel 2019, senza aver avuto alcun  sospetto su quello che sarebbe accaduto qualche mese dopo. Non appena la situazione è precipitata, ci siamo subito confrontati con i clienti sul tema del tone of voice, su come comportarsi da quel momento in poi. Operiamo soprattutto nei settori dell’automotive, dell’edilizia, della municipalizzata, del beverage. Abbiamo attuato  un refresh sul linguaggio e da quel momento non siamo più tornati indietro. Nel corso dell’annata abbiamo registrato un crescita del 30-35% di attività digital, che hanno compensato, almeno in parte, la mancanza di eventi, ramo che abbiamo sempre coltivato con successo».

Quale settore si è mosso meglio?

«Tutto quello legato alla casa e all’edilizia, in B2C  e, soprattutto, sul fronte B2B che ha avuto una vera esplosione».

Se volessimo sintetizzare la vostra offerta?

«È sempre più improntata sull’analisi, dei target, degli obiettivi di vendita, delle azioni specifiche sui social, cui poi viene associato l’elemento creativo».

Quanto conta il video?

«Sempre di più, a maggior ragione dallo scorso anno. Ma anche tutto quello che ruota intorno alla grafica, tra infografiche e motion graphic, è molto ricercato. Capita spesso che le singole aziende chiedano shooting mirati all’interno delle proprie strutture, con i dipendenti che assumono il ruolo di veri e propri testimonial. Un modo per cementare la cultura aziendale. Nel corso del 2020, complice la dilatazione del tempo, non sono stati pochi i clienti che hanno deciso di operare un refresh dell’immagine».

Con chi vi piacerebbe collaborare in un prossimo futuro?

«Il segmento automotive per noi è molto importante, lavoriamo con le concessionarie; ecco, è arrivato il momento di operare con i brand, siamo assolutamente pronti».

Come si sta ricollocando il mercato?

«Verso l’automotive e la casa, mentre turismo e ristoro sono in grossa difficoltà».

Come chiuderete l’anno?

«A fronte dina decisa riduzione dei business oflline, e degli eventi che per noi pesavano introno al 30%, chiuderemo con un -15%, con un utile comunque non lontano da quello fatto registrare nel 2019».

Il 2021?

«Significa prudenza, ma anche desiderio di consolidarsi, soprattutto nel settore delle multiuutility dell’acqua. E poi, la speranza è che gli eventi ritornino di moda».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: - 22/02/2021


Fiat Panda, online con Leo Burnett, celebra la sua storia "social"

Fiat Panda è online con una nuova campagna che celebra la sua storia social e la capacità innata di mettere in contatto le persone. Capacità che Fiat Panda possiede fin dalle origini nel 1980, ancora prima dell’arrivo dei social network. Lo spot, con uno storytelling originariamente ideato per il mercato italiano, ha avuto un successo oltre le aspettative in Uk dove è in onda sui canali digital da dicembre 2020. Dagli inizi di febbraio è live anche in Italia su YouTube, Facebook con pianificazione media curata da Starcom. La creatività è firmata dalla sede torinese di Leo Burnett, hub strategico creativo e di coordinamento internazionale per i brand FCA, sotto la guida di Maurizio Spagnulo e la direzione creativa esecutiva di Francesco Martini. La forza della campagna vive nella sua narrazione vincente, nella scelta di raccontare unione, partecipazione e ottimismo, valori universali di cui oggi le persone hanno più che mai bisogno e che sono insiti nel DNA di Panda. Le scene dello spot sono studiate per farci riflettere su come Panda sia l’auto che da 40 anni ci accompagna nelle diverse esperienze di vita, da ragazzi e da adulti. Un’auto che è precursore dei tempi e che ancora prima della nascita del digitale è stata capace di unirci per davvero, di farci vivere una vita piena di emozioni e di autenticità, senza filtri social.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy