ABBONATI

AdKaora e HEJ!: le soluzioni adv esclusive del polo media tech del Gruppo Mondadori

Autore: D Sechi

Davide Tran


Intervista a due voci tra le strutture in costante sinergia all’interno di una stagione di grandi cambiamenti. Risultati, traguardi e innovazioni dell’anno che volge al termine, propositi e focus per il 2022

Un’idea ambiziosa che scatta subito dopo il brindisi dei capodanno. È l’inizio del 2021 e il Gruppo Mondadori concretizza il progetto di arricchimento del proprio polo media tech che vede come protagonista indiscussa AdKaora, da dieci anni leader nell’innovazione mobile a cui viene accostata HEJ!, agenzia nata nel 2017 con l’obiettivo di connettere le persone e i brand attraverso l’utilizzo di tecnologie innovative applicate al marketing, focalizzata in particolar modo sull'intelligenza artificiale applicata alla conversazione. E visto che il tempo vola, e la fine dell’anno è ormai prossima, ci siamo chiesti come abbia lavorato la sinergia tra le due realtà. Anzi, l’abbiamo chiesto proprio ai protagonisti. Un’intervista a due voci per raccontare una stagione ricca di cambiamenti, tra traguardi raggiunti e propositi per il 2022.

Cosa ha caratterizzato maggiormente il 2021 di AdKaora?

«Il 2021 è stato un anno di grandi novità e di crescita per noi Digital Fighters. Abbiamo stretto una partnership con Stocard, attrattiva per molti brand, per rafforzare il drive to site, e contestualmente stiamo lavorando a un prodotto legato all’e-commerce. AdKaora Creative Studio studia ogni giorno le soluzioni adv tecnologiche più innovative, realizzando formati creativi rispettosi della UX, adatti a obiettivi di branding o performance, che si configurano all’interno di un’offerta con traffico altamente qualificato merito della nostra concessionaria dall’anima tech attenta alle performance e alla massimizzazione dei KPI dei brand. I nostri rich media mobile vengono scelti dai brand per il loro carattere immersivo e ad alto impatto di engagement. Abbiamo lanciato, oltre il Vertical Carousel, anche Geyser e Waterfall, adatti per una scoperta totale dei prodotti e per contenuti brandizzati. Ma vogliamo andare oltre e portare la nostra esperienza anche sul desktop».

Dalle parti di HEJ! invece come è andata?

«Ci siamo concentrati molto sullo sviluppo della nostra piattaforma proprietaria che ci permette di sfruttare l’intelligenza artificiale per la realizzazione, gestione ed ottimizzazione di campagne di Performance Marketing Conversazionali. Tra le numerose evoluzioni del 2021, molto rilevante è la granulare profondità a cui siamo giunti nelle analisi qualitative delle campagne, grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale. Automatizzare le analisi dei dati e prenderne visione in tempo reale è un vantaggio innegabile in fase di ottimizzazione delle campagne, che hanno come obiettivo ottenere performance sempre più profonde. I dati, sapientemente aggregati, hanno dato una spinta significativa al nostro nuovo percorso che si concentra sull’evoluzione di modelli di business classici verso modelli evoluti, quali quelli utilizzati solitamente per le valutazioni post campagna (siano essi un appuntamento, una vendita o l’attivazione di un servizio)».

Come si è evoluto il segmento proximity marketing nell’ultimo anno e quali novità AdKaora ha introdotto in questo ambito?

«Il proximity marketing non è più solo drive to store, ma può essere attivato per coprire anche obiettivi di brand awareness ed engagement. Abbiamo, infatti, riscontrato che le nostre attività di proximity e drive to store hanno registrato nei primi sei mesi del 2021 una crescita del 26% rispetto all’anno precedente, nonostante il periodo difficile per l’industria di marca e il retail, confermando l’importanza di questa strategia e la sua trasformazione. Proprio in quest’ottica, abbiamo lanciato anche Circle, la piattaforma proprietaria di proximity marketing che unisce, in un unico sistema circolare, tutti i punti del geo advertising: uno strumento a disposizione di brand e centri media che, grazie all’integrazione di nuove feature, offre analisi avanzate sui target, supportate da una esclusiva tecnologia di geo-intelligence, e misurazioni puntuali e certificate».

Come si è evoluto il segmento del marketing conversazionale nell’ultimo anno e quale è stato l’apporto fornito da HEJ!?

«La UX è sempre al centro. Ad aprile abbiamo lanciato “Yeah! Video”, un’interfaccia conversazionale potenziata da video asincroni che permette agli utenti di interagire con un assistente in video. In sintesi: l’immediatezza del contenuto video e l’esperienza del contatto umano si uniscono ad elementi d’interazione guidata vocale e/o testuale. Un’evoluzione non solo di “frontend”: il conversational marketing ha preso di diritto la leadership nelle soluzioni legate al Performance Marketing. Hej! nel 2017 è stata la prima azienda in Europa a sfruttare questa tecnologia con lo scopo di ottimizzare le performance delle campagne media. Abbiamo di fatto introdotto da poco delle soluzioni che permettono attività di customer retention e data enrichment, per continuare a innovare in questo ambito».

L’acquisizione, un anno dopo: che tipo di sinergie avete messo in campo in nome dell’innovazione? Che formati sta studiando AdKaora insieme a HEJ!?

«Come prima cosa, abbiamo supportato HEJ! nell’allargarsi al programmatic adv, grazie all’expertise della nostra concessionaria e alla qualità del nostro network di editori, mantenendo alto l’obiettivo di massimizzare i KPI di campagna. Inoltre, stiamo considerando diversi aspetti per il quale mettere a fattor comune le nostre esperienze, tra cui anche la creazione di un prodotto con focus e-commerce che permetta a entrambi di affacciarci ad ulteriori strategie e mercati».

Un anno dopo, il punto di vista di HEJ!: un primo bilancio e quali tragitti vi attendono insieme?

«Durante la prima parte del 2021 ci siamo concentrati nel comprendere a fondo gli uni le soluzioni degli altri, vantaggi e possibili evoluzioni, e ovviamente sono emerse numerose opportunità di sinergie. A breve, infatti, lanceremo sul mercato un nuovo formato display che sfrutterà la conversazione vocale, ma insieme stiamo analizzando anche altre strade, protagonisti i dati e la conversione. L’unione di sinergie è molto naturale, vi basti immaginare l’integrazione tra il proximity marketing in correlazione alle campagne di performance marketing con obiettivo acquisto, due ambiti diversi ma molto affini».

 Stefano Argiolas CEO and CO-founder Hej! e Paolo de Santis COO e Co-founder Hej!.png 

Stefano Argiolas CEO and CO-founder Hej! e Paolo de Santis COO e Co-founder Hej!

 

Dopo la ricerca “The Beauty Effect”, quali altre analisi ha pianificato AdKaora?

«Proprio a conferma delle molteplici possibilità offerte dal proximity marketing e per offrire ai brand insight utili per future strategie di comunicazione, il nostro Osservatorio interno sui cambiamenti in atto nei mercati e nei consumatori, per questa seconda parte dell’anno si è occupato di analizzare le evoluzioni del settore pharma e di capire com’è cambiato il rapporto con le farmacie, pubblicando uno studio dal titolo “La farmacia del futuro”. Piccolo spoiler, ma stiamo per lanciarlo».

Capitolo novità: il 2022 di AdKaora?

«Il futuro per noi ha una precisa direzione: rafforzare il polo tech advertising del Gruppo Mondadori, di cui siamo parte e che si è arricchito quest’anno con l’ingresso di Hej! Puntiamo, infatti, a dare più valore ai driver di cui ci facciamo portavoce con la nostra esperienza: engagement, creatività e formati impattanti, proximity marketing, concessionaria, e allo stesso tempo siamo sempre alla ricerca di nuovi segmenti di mercato che ci permettano di sviluppare competenze specifiche che portino valore aggiunto».

Quali saranno invece i focus di HEJ!?

«Conversion is the king and Conversation is the queen. Le nostre nuove soluzioni si baseranno maggiormente sull’utilizzo dei dati di prima parte raccolti tramite conversazione e sulla capacità di rendere actionable i behaviors degli utenti. Si tratterà di innovazioni che “strizzeranno” l’occhio ad Amazon e a tutto il comparto e-commerce; prodotti che ci permetteranno di essere sempre di più un partner di valore per tutte le aziende che operano con logiche di media performance».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 15/11/2021


“Umbria. Cuore verde d’Italia” a Natale con Armando Testa e Marco Bocci

“Come sarebbe l’uomo senza il suo cuore? Sarebbe l’Italia senza l’Umbria”: è questo il nuovo concept, creato da Armando Testa, per la nuova campagna promozionale per il turismo invernale della Regione Umbria che ha preso il via ieri dopo la presentazione di venerdì, a Palazzo Donini di Perugia, dalla Presidente della Regione Donatella Tesei, dall’Assessore regionale al turismo Paola Agabiti e da Raffaele Balducci, Direttore Creativo dell’agenzia. Il concept L’idea del concept – è stato spiegato - è nata da un’osservazione semplice e vera: per l’essere umano il cuore ha una posizione centrale, sia geograficamente che emotivamente. Perché il cuore è il luogo dove risiedono emozioni, passioni, intuizioni. Allo stesso modo l’Umbria, da tempo riconosciuta come cuore verde d’Italia, ha una posizione centrale non solo geograficamente, ma anche come crocevia di emozioni, passioni, accoglienza, calore umano. Ecco quindi un parallelismo tra l’importanza che ha il cuore per l’essere umano e quella che assume l’Umbria per l’Italia: un ruolo centrale e fondamentale, anche perché racchiude nella sua area tutti i valori di bellezza e accoglienza della nostra nazione. Per il ruolo di ambassador, la scelta è ricaduta su un personaggio profondamente legato al territorio, sia per le sue origini sia per i suoi valori: Marco Bocci. “Cosa sarebbe l’uomo senza il suo cuore?” ci chiede e si chiede l’attore all’inizio di ogni soggetto. La risposta è nelle storie, nei luoghi e nella gente dell’Umbria, di cui ogni volta decanta bellezza, autenticità e valori. Gli spot Protagonisti dei diversi soggetti on air sono i turisti e la gente umbra, che accoglie i visitatori con calore e forte senso di ospitalità. Sullo sfondo: paesaggi, borghi e sfumature autunnali e tutta l’ampia offerta della Regione, tra cui enogastronomia, arte, jazz festival, anche a Natale. Nicola Belli, Consigliere Delegato di Armando Testa, ha sottolineato: “Quest’estate, con il claim “Io amo il mare dell’Umbria”, ne abbiamo mostrato la vastità di esperienze, arte e sapori che offre. In questa stagione, fatta di raccoglimento e festività natalizie, ne sveliamo anche i valori più intimi, come l’accoglienza e il calore umano della sua gente”. La campagna sarà on air nei cinema, in tv, su stampa, radio e web. In particolare, sui social si parte con una fase teaser su Facebook e Instagram, per poi proseguire aumentando la risonanza dei messaggi per promuovere luoghi, eccellenze, eventi, tradizioni, usi e costumi della Regione Umbria e del portale www.umbriatourism.it”.   Credits Cliente: Regione Umbria Agenzia: Armando Testa Direzione creativa: Raffaele Balducci Creative team: Raffaele Balducci, Davide Cortese, Elisa Infante Casa di Produzione: Goood Strategia Media: The Gate Communication

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy