ABBONATI

Condé Nast Italia lancia CNX Now!, digital and social experience

Autore: D Sechi


La nuova offerta punta a valorizzare la comunicazione delle aziende attraverso eventi digitali, live streaming e palinsesti white label. In costante evoluzione anche il palinsesto di Frame

Quella che si definisce prontezza di riflessi, o anche capacità di reazione, nel prendere in contropiede i problemi, nell’adattarsi a una situazione imprevista. Qualche avvisaglia c’era stata, si respirava un’aria di preoccupazione sin dal mese precedente, i primi giri di chiave, del tutto personalizzati, si erano già fatti sentire qui e là, ma qualcuno aveva pensato che di eccessive preoccupazioni è fatta la nostra esistenza. Poi, improvviso, l’ormai celebre lockdown, sguardi spaesati, smarriti, tranne poche eccezioni. Nel multiforme pianeta dell’editoria, si è fatta subito notare l’esperienza di Condé Nast, e la sua proverbiale organizzazione. Il mondo virtuale ha allargato i propri orizzonti, la digital way è stata riaggiornata: più agevole, scorrevole, ricca. La perfetta compagna di viaggio per lettori, follower, curiosi costretti alla reclusione. E i risultati non si sono fatti attendere. Oggi, a distanza di tre mesi, con la Fase 2 in atto, la casa editrice rpsegue e rinnova ulteriormente la propria opera, digitale, ma con uno sguardo al futuro prossimo. Che stiano maturando nuove forme di crossover mediatico? Procediamo per ordine.

Here and now

Condé Nast lancia una nuova offerta commerciale, CNX Now!, per valorizzare la comunicazione delle aziende mettendo a disposizione la propria expertise per rispondere ai nuovi bisogni dettati dal momento che stiamo vivendo. I clienti potranno sviluppare progetti di intrattenimento digitale con la curatela di Condé Nast, coinvolgendo così la propria fan e follower base e quella della multimedia communication company che ad oggi raggiunge i 17,8 milioni grazie alla presenza su numerose piattaforme tra cui Facebook, Instagram, TikTok, Twitter e Pinterest. Inoltre i siti web dei brand raggiungono ogni mese 30,6 milioni di visitatori unici con oltre 160 milioni di pagine visitate. Condé Nast Italia ha consolidato la propria presenza sul web attraverso i 7 siti: VanityFair.it: 10,5 milioni di utenti; Wired.it: 6,5 milioni di utenti; Vogue.it: 3 milioni di utenti. Questi, insieme a Gqitalia.it, Ad-italia.it, LaCucinaItaliana.it e LaCucinaItaliana.com raggiungono ogni mese 30,6 milioni di utenti unici al mese e generano, su base mensile, oltre 160 milioni di pagine viste (Fonte: dato censuario Google Analytics – aprile 2020).

Progetti ex-novo

Partendo dal DNA dei singoli brand e dagli interessi delle loro community, experience e contenuti vengono quindi ripensati in uno spazio nuovo e sotto una nuova forma creando così nuove forme di interazione digitale, a integrazione e completamento dell’offerta di contenuti white label già esistente. Primi tra tutti gli eventi digitali che, così come quelli on field, portano sulle piattaforme custom i valori dei brand Condé Nast e che veicolano i messaggi di comunicazione dei brand partner. Vere e proprie esperienze digitali che, a differenza dei live streaming e dei contenuti realizzati per i palinsesti dei clienti, vengono progettati ex-novo attraverso piattaforme, tools e features ogni volta tailor - made con l’obiettivo di offrire sempre una experience unica.

Il contatto inedito

Le occasioni di contatto con le community vengono ripensate sotto forma di eventi digitali, grazie a nuove tecnologie, a un nuovo linguaggio e a un inedito mindset. A partire da giugno vivranno sotto questa nuova forma tutti gli eventi che hanno sempre caratterizzato il palinsesto Condé Nast, dai Big Events, come il Wired Next Fest che inizierà il 4 e 5 giugno per proseguire fino a ottobre, agli eventi verticali come i Vanity Fair Stage e gli appuntamenti di GQ Club, fino a quelli tailor made. Fin dai primi giorni del lockdown i brand Condé Nast hanno presentato nuovi format per essere più vicini a lettori e utenti per offrire informazione e intrattenimento di qualità. Le iniziative sono state apprezzate dal pubblico che ha risposto positivamente ai palinsesti digitali proposti dalla Casa Editrice che continua a registrare una forte crescita delle performance e della fan base. I live streaming (oltre 450) in corso sulle property principali di Condé Nast sono arrivati a totalizzare +4.1 milioni di views.

Nuove forme di branding

Un sistema di successo che oggi Condé Nast Italia, attraverso la sua agenzia creativa interna CNX, mette a disposizione delle aziende per costruire insieme a loro messaggi coerenti con il proprio brand. Innovativi nella forma e di valore, in grado di rafforzare il proprio posizionamento e la propria autorevolezza creando opportunità di approccio anche per i consumatori potenziali. Condé Nast fornirà infatti ai clienti il know how e l’expertise dei suoi brand per la creazione di nuove forme di branding personalizzate e fruibili sulle loro piattaforme. Progetti di valore per essere di supporto alla comunicazione delle aziende, attraverso eventi digitali, live streaming e palinsesti di contenuti eterogenei dedicati che prendono spunto dalle live experience e dalle attività di intrattenimento di successo sperimentate sulle piattaforme dei brand Condé Nast.

HAVEAFRAMEDAY2.jpg

Specchio delle mie brame… Il palinsesto di Frame

Dove eravamo rimasti? Marzo, storicamente pazzerello, guardi il sole e prendi l’ombrello, si era tramutato nel mese del lockdown, trovando poi adeguata compagnia. E anche Frame, il primo experience store di Condé Nast in collaborazione con Pasticceria San Carlo, inaugurato di recente, aveva chiuso le sue porte nel rispetto del decreto-legge emesso per arginare la diffusione del Coronavirus. Lo store ha però continuato a promuovere sui social l’ideologia su cui si fonda: l’inclusività, l’interazione tra lettori, utenti, followers, redazioni, aziende e l’offerta di esperienze uniche. Come? Attraverso un palinsesto, fra rubriche settimanali e appuntamenti live con il coinvolgimento di numerosi artisti, designer e creativi, che nel mese di maggio ha portato la percentuale di crescita dei seguaci del profilo Instagram @condenastframe - che ha raggiunto quota 5.2k follower - a raddoppiare rispetto al mese precedente.

Appuntamenti, full immersion e … cocktail d’autore

Il primo appuntamento si è tenuto con il creativo Uroš Mihić in una “Live Origami Session” per svelare l’affascinante mondo tridimensionale degli origami. A seguire, Erica Gragg di Escape to Shape, direttamente da Tulum per una lezione di Vinyasa yoga, “La moda di oggi attraverso gli occhi del passato” con Antonio Patruno Randolfi di @mystendhalsyndrome e una full immersion nel mondo dell’alta modisteria con Pasquale Bonfilio di Bonfilio Hats. Fra le experience in palinsesto anche una art session con la pittrice Sofia Cacciapaglia, una conversation con Molly Molloy, fondatrice del brand Colville sul progetto “Calling all knitters” e uno studio tour ospitato nel laboratorio di @erbavoglio_milano. Tra le numerose rubriche settimanali, come il “Weekly Horoscope” di Gabi Lussi e il “Fashion Book Club”, ogni sabato va online “Fashion On The Rocks” che vede il bartender Alex Siliberto di Pasticceria San Carlo interpretare le copertine dei magazine Condé Nast sotto forma di cocktail d'autore.

Arte

Un viaggio fra creatività e arte, in tutte le sue forme, fra gli appuntamenti con gli artwork di @clementinasketchbook e @tatiana_alida per la rubrica “Make your own Stationary” e “Pimp My Frame”, format che coinvolge quattro artisti, fra cui Yasmin Menezes Silva di House of Virtue, Flaminia Veronesi, in arte @flamigram e Leila Rota di @perdere.il.filo per la personalizzazione di alcuni item dello store.

Le settimane dei creativi

Infine “Fashion Double Interview”, che ogni settimana ospita creativi d’eccezione. Fra gli ospiti che si sono già raccontati al pubblico attraverso il format: l’icona fashion e direttrice creativa di Vogue Japan Anna Dello Russo, la modella e blogger Doina Ciobanu e i designer Paula Cademartori - fondatrice dell’omonimo brand - e Nicolò Beretta - fondatore e direttore creativo di Giannico e direttore creativo di L’autre Chose. Gli appuntamenti continueranno anche nel mese di giugno, che vedrà i momenti di condivisione virtuali affiancare quelli fisici. Presto riapriranno lo store e la Pasticceria San Carlo, pronti ad accogliere nuovamente il pubblico affezionato di Piazzale Cadorna 7. Per saperne di più: https://condenastframe.it/, e sul profilo Instagram @condenastframe.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/11/2020


Enel Energia racconta Enel One nella nuova campagna firmata Saatchi & Saatchi

Da ieri, 4 novembre, è on air per quattro settimane la nuova campagna Enel One di Enel Energia, l’offerta di energia verde, con cinque piani tariffari a costo mensile fisso, per le famiglie con il contatore elettronico di seconda generazione. Vantaggiosa, sostenibile e smart, la nuova soluzione di Enel Energia permette di controllare e gestire i consumi con il salvadanaio digitale, direttamente dall’app. L’idea creativa sviluppata da Saatchi & Saatchi nasce da una riflessione sulla situazione attuale che vede le certezze e le abitudini delle famiglie cambiare ogni giorno. Con tono ironico e coinvolgente, lo spot tv illustra i cambiamenti che avvengono: sul lavoro, dove lo smart working ha ormai ridisegnato la routine, in famiglia, dove la digitalizzazione ha reso più smart anche i più grandi, e nel tempo libero, dove sono i figli a dare lezione ai propri genitori. In questo contesto, Enel One rappresenta la certezza di un’energia verde a costo fisso e la tranquillità di una soluzione che, almeno quando si tratta dei consumi, ci permette di tenere tutto sotto controllo. La multisoggetto è declinata su tv, radio, stampa e web con una creatività dinamica che andrà ad intercettare dei target specifici, veicolando di volta in volta dei messaggi personalizzati. La pianificazione web è stata curata dal centro media Starcom, che si aggiudicata la gara relativa e operera insieme a Sapient. Invece per tv, stampa e radio il planning è di Mindshare. Credits Creative Director: Manuel Musilli Art Director: Antonio Penco Copywriter: Marta Curcio Casa di Produzione: Think Cattleya Regia: Bellone&Consonni Fotografo: Daniele Baracco

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy