ABBONATI

Assogiocattoli, analogico e spirito di condivisione tengono a galla il settore, il Direttore Cutrino: «Siamo in ripresa»

Autore: D Sechi

Maurizio Cutrino


Dopo il calo corrispondente al lockdown, il mercato, che oggi vale 1 miliardo e mezzo, ha conosciuto alcuno stop and go, ma oggi guarda con speranza agli ultimi 3 mesi. A gennaio, a Norimberga, ritorno alla fiera fisica, primo banco di prova

Persi all’interno di una foresta che non sembrava più così incantata, eppure la primavera era sbocciata, e con essa il famigerato lockdown. Quella volta in cui migliaia di aziende cominciarono a boccheggiare e con esse tutto il mercato, mentre le persone guardavano dall’alto dei propri appartamenti un presente immobile. Ma proprio in quel momento, come d’incanto, si rifece vivo lo spirito comunitario, la condivisione, possibile solo tra le proprie mura di casa, e il giocattolo riprese vigore. Spazio all’analogico, tavoli colmi di giochi in scatola. Qualcuno riprese a respirare, a vedere positivo, a sperare nella buona novella. Tra questi, sicuramente, anche Maurizio Cutrino, Direttore di Assogiocattoli dallo scorso novembre, quindi da neanche un anno, protagonista principale nella giornata di ieri del Press Day, completamente digitale.

Presidente, che cosa è successo?

«È accaduto che le difficoltà hanno riportato a galla determinati trend, ma anche confermato certi andamenti. Il mercato del giocattolo aveva infatti chiuso il 2019 con una contrazione del 3,5% e ne, nel contempo, aveva riportato in auge i cosiddetti giochi da tavolo. Manco a farlo apposta, l’epidemia che ci ha costretto in casa, e comunque a rivedere le nostre priorità, ha anche confermato e anzi esaltato questo interesse per i giochi di una volta che, di fatto, hanno tenuto in piedi il mercato. Il quale, tra marzo e maggio ha toccato punte in negativo del 35%».

E poi, la ripresa?

«E poi, prima di tutto, grandi disagi, e anche l’alternativa dell’online impossibilitata a d adempiere alle richieste. Ma ecco, che a giugno, abbiamo assistito alla prima ripresa: a pari data una crescita del 12%, con l’e-commerce che sicuramente ha fatto la sua parte, con un’impennata a doppia cifra: sono stati infatti 2 milioni in più gli acquirenti online. In tema di negozi fisici, grande era la paura iniziale, quindi abbiamo assistito a un nuovo stop, per poi accogliere un altro segno positivo, al punto che l’Italia in questo senso sta uscendo un po’ fuori dai manuali di marketing».

Quanto vale oggi il mercato del giocattolo?

Intorno al miliardo e mezzo di euro. Che è una cifra rispettabile, pensando che: il grosso si condensa negli ultimi tre mesi e c’è purtroppo un concetto radicato in Italia che si tratti di un mondo solo votato all’intrattenimento, con l’aspetto educativo che viene nascosto».

Come è andato il Press Day?

«In attesa dei primi numeri, si sono iscritte 27 aziende, in media con gli anni passati. La diretta effettuata con Ansa ha avuto, in un’ora di streaming, 5000 visualizzazioni».

E se per una magia, tutta l’emergenza dovesse terminare all’inizio della primavera, state pensando di lanciare un Press Day fisico e in anticipo sui tempi?

«Sì, è in progetto. A fine gennaio, ci sarà un primo banco di prova con il Festival di Norimberga. Aspettiamo fiduciosi».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 20/10/2021


Nutella sceglie Ogilvy per la nuova campagna “Ti Amo Italia”.

Dopo il successo della prima edizione, Nutella torna a dire “Ti Amo Italia” insieme a Ogilvy con un’edizione tutta nuova: dopo aver celebrato le bellezze le italiane note e meno note e le più affascinanti, questa volta la collezione di vasetti è stata ispirata proprio dagli utenti. La call to action lanciata in primavera, infatti, ha invitato gli utenti a segnalare gli angoli d’Italia più belli che hanno intorno, o che conoscono: grazie ad una votazione online ha permesso di selezionare i 42 luoghi che oggi fanno parte della collezione disponibile in tutti i punti vendita. L’edizione limitata viene lanciata in tv, in affissione e stampa con una campagna che mette in scena la meraviglia: quella che ci circonda, riempiendo il nostro Paese da nord a sud, e quella che proviamo nel riscoprire la bellezza proprio intorno a noi. Ma non è finita qui: perché l’esperienza prosegue sui canali digitali grazie a un esclusivo filtro Instagram, con cui gli utenti possono catturare le meraviglie che hanno davanti ai loro occhi, e caricarle sul Wall delle Meraviglie sul sito Nutella.it, per ricevere a casa una confezione personalizzata. Il risultato è una brand experience che invita gli utenti ad aprire gli occhi, ritrovare la meraviglia nella loro vita quotidiana e contribuire ad una collezione che è virtualmente infinita.   Credits Chief Creative Officer: Giuseppe Mastromatteo Creative Director: Lavinia Francia Creative Team: Gigi Pasquinelli, Andrea Sghedoni, Giuseppe Calì, Francesco Fiscone, Marco Ramponi Client Service Director: Chiara Caccia Client Service Team: Federica Mosele, Jessica Basilico Head of Strategy: Alessia Vitali Strategy Team: Gaia Ottaviano, Giulio Comandini Social Media Specialist: Nicola Capannelli Design: Claudio Sibio Head of Digital & Consulting Director: Marco Pelà Head of Operations: Stella Stasi UX Designer: Silvia Riva Centro Media: Mindshare

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy