ABBONATI

Assogiocattoli, il mercato rallenta, ma l’offerta è sempre più irresistibile

Autore: D Sechi


Una piccola flessione nei pressi dell’albero di Natale, eppure le aziende del settore non demordono e anzi rilanciano. Il resoconto della classica fiera milanese

Una Milano che si fa trovare un po’ accigliata, con nuvole dal sapore tardo autunnale, all’appuntamento consueto di fine estate con Assogiocattoli, la fiera che ospita le aziende del settore, e i loro banchetti ricoperti di novità in vista del Natale, che pare lontano, ma in realtà non ci metterà molto a palesarsi tra le nebbie di dicembre. Per il momento però il sole fa ancora capolino, anche se qualcosa è cambiato: la sede dell’incontro prima di tutto, appare più piccola, una dimensione anche appropriata visto che i brand presenti sono visibilmente di meno rispetto all’edizione dello scorso anno.

In flessione, ma mica tanto

Sarà un caso, ma intanto Assogiocattoli ha fatto registrare una flessione, seppur piccola: tra gennaio e luglio -0,8% nel fatturato rispetto al 2018, come si evince dai dati rilevati da The NPD Group, società internazionale specializzata nelle ricerche e informazioni di mercato. Nei primi sette mesi dell’anno, che rappresentano circa il 35% del giro d’affari totale annuo, il mercato italiano del traditional toys mostra un lieve rallentamento, chiudendo con un trend pari al -0,8% in valore. Però, la performance italiana, per quanto non brillante, è la migliore a livello europeo dove complessivamente il mercato registra un calo del 2,1%, influenzato principalmente dalle contrazioni in Inghilterra, Belgio e Olanda.

Comparti, incertezze climatiche e properties di successo

A livello nazionale, Action Figures, Nurturing Dolls e Games sostengono il mercato, registrando le migliori performance tra le categorie. Nello stesso periodo, l’incertezza climatica che ha caratterizzato il periodo primaverile ha purtroppo condizionato il comparto Outdoor & Sport Toys che rappresenta il 16% del mercato del giocattolo e che appare in contrazione del -1% rispetto al 2018. Fra le top Properties (brand & license) troviamo al primo posto L.O.L Surprise!, seguita da Barbie e Marvel. Tra le properties con maggior crescita si segnalano: L.O.L Surprise!, Gormiti, Harry Potter, Cry Babies.

Accelerazioni natalizie?

Preoccupato ma ottimista Paolo Taverna, Direttore di Assogiocattoli, osserva “Il risultato di questi sette mesi, per quanto non entusiasmante, non ci sorprende in quanto riflette l'andamento generale dell'economia nazionale. La speranza è che nella seconda parte dell'anno, quella che conduce al Natale e che rappresenta ancora circa il 70% nelle vendite di giochi e giocattoli, i consumatori possano ritrovare la voglia e la propensione agli acquisti e che si possa chiudere il 2019 quantomeno in linea con lo scorso anno”.

Giochi Preziosi.jpg

Giochi Preziosi, i gusti son gusti e sono tanti!

Dalle parti di Cogliate si rischia di non respirare, tanto si è avvolti, avviluppati, sommersi dai giocattoli. Per tutti i gusti tra l’altro, e la qualcosa potrebbe provocare panico e nervosismo tra i più piccoli assetati di novità. Andiamo con ordine, e facciamoci aiutare dal Group Brand Manager del marchio, Andrea Galli, che ci ha illustrato la multiforme offerta. Una particolarità degli ultimi anni del settore, e ormai i lustri cominciano a occupare le dita di una mano, è la commistione tra giochi e la loro trasposizione in formato cartoon, e non solo. Vi ricordate le Tartarughe Ninja? Ebbene, sono sempre tra noi, con una nuova serie, in onda da quest’estate su Nickelodeon e, dalla prossima settimana, anche in chiaro su RaiGulp. A fine mese partiranno anche le prime campagne, con spot sui canali Kids, sia digital sia pay; il primo clip riguarderà le Action Figures, mentre il secondo filmato, on air a ridosso del Natale sarà incentrato sui veicoli adottati dalle tartarughe. Pallone che passione, il goal come filosofia di vita, sin dalla tenera età: Dieci, un gioco di carte dedicato al calcio, per il quale si studia una campagna natalizia. E il Subbuteo? Eterno, anche di fronte al proliferare della tecnologia, un regalo classicamente natalizio e infatti, a dicembre, ripartirà la campagna, una replica dello spot del 2018 che vede protagonisti i cronisti tifosi, capeggiati da Massimo Crudeli. Capitolo pupazzi, dolci e un po’ malvagi: i Feisty Pets; si tratta di un nuovo lancio, anticipato da una serie di pillole social, mentre la base studia una campagna vera e propria. E i Gormiti? Imbattibili, come testimonia la campagna non stop sui canali Kids e i rilanci generazionali ogni 3-4 anni. E le femminucce? Fanno la parte del leone. Pinypon, prima di tutto, con un canale YouTube dedicato “ostaggio” delle loro storie, e le campagne, questo mese dedicate ai personaggi, a ottobre incentrate sulle abitazioni e sui loro mezzi di locomozione. E ancora: la novità Pop Pop Hair, curioso gioco che pare quasi un consiglio per futuri parrucchieri; lo slime delle Popsie che ora si avvale anche delle bambole; la ripresa dell’evergreen Peppa Pig, con la news della Casa Parlante; il Ciccio Bello, che non smette di intenerire dal 1962 e che si gode un meritato restyling grafico, il tutto mentre da quest’anno piange lacrime vere! E attenzione, a breve sarà presentata una novità “spaziale”, ancora top secret in attesa dello sbarco terrestre. A sostenere le sorti in comunicazione adv di questo esercito ci pensano Winter e MCM.

IMC Toys.jpg

IMC Toys, crescono il budget, le views social e gli eventi

Luca Di Puorto, Marketing Manager per l’Italia, sa cosa offrire all’umile cronista soverchiato da peluche: i numeri. L’azienda quest’anno ha un budegt di 3 milioni di euro, 2,4 dei quali dedicati alla comunicazione adv, che si muove tra veicolazioni sui canali Kids e una spinta sempre più forte sul digital, fatta di pre-roll su YouTube e attività di influencer. IMC Toys si è rivelato il 5° investitore Kids e il brand più visto su YouTube a credere ai dati di Blogmeter. Il target di riferimento è 4-7 anni, il 70% dei beneficiari è femminile. Tra i prodotti di punta le Bloopies. Da segnalare la propensione del marchio agli eventi, che in estate l’ahnno visto protagonista in Riviera, mentre a Natale occuperà i centri commerciali. Il Planning è curato da Selection, la creatività da MarkTv, Winter e Diaframma. Le veicolazioni digitali sono a cura di Omnicom Group.

GLOBO legnoland_1.png

Globo, a lezioni di guida

Quasi 40 anni di grande lavoro per concretizzare i songi dei più piccoli, con un brand come Legnoland che ha fatto la storia, che profuma di tradizione. Ma lo stand di Globo si “apre” con la visione di veicoli elettrici, che detta così forse non rende l’idea; si tratta di vere e proprie riproduzioni in miniatura di automobili, «Con accessori che io mi sognavo sulla mia prima Uno Sting!», ricorda tra il malinconico, lo stupito e il divertito il marketing manager Christian Montolli. L’azienda che lavora con Nexidia e Acqua Group, spenderà quest’anno circa 700.00 euro, budget spostato per la prima volta completamente in rete. Tra le altre linee di giochi: Magic Mais, la prima infanzia di Vitamina G, le bambole della linea Bimbo e le Fashion Dolls di Olly. Oltre alla citata Legnoland.

Fine prima parte

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 09/06/2021


“The Spoon”: Francesco Totti fa “il cucchiaio” agli ex campioni olandesi

Francesco Totti, autore del celebre “cucchiaio” agli Europei 2000 che fece vincere l’Italia contro la nazionale olandese, ha raggiunto ad Amsterdam i rivali del famoso match per scusarsi. O forse no. È questo il cuore di "The Spoon", un’iniziativa tutta italiana firmata Heineken, che ancora una volta ha presentato un tema importante come la sana rivalità, nel classico stile del brand: con divertimento, positività e quel pizzico di ironia che non può mancare in nessuna competizione che si rispetti. Nelle stories di Instagram si può seguire tutta la narrazione che si svolge in due nazioni e coinvolge talenti del calcio internazionale come Clarence Seedorf, Ronald De Boer e Giovanni Van Bronckhorst, tutti scherzosamente presi in giro dal “Capitano”, intenzionato a volare ad Amsterdam per riappacificarsi di persona. Ma Totti farà di testa sua, scusandosi, non con i famosi calciatori, ma con omonimi che col calcio hanno poco a che fare: un fiorista, una guida turistica e un olandese doc saranno presi per strada e riceveranno delle scuse inaspettate. A costringere il “Capitano” a riappacificarsi davvero con gli olandesi ci penserà un ospite d’eccezione: Heineken, che inviterà i talenti del calcio a riunirsi davanti a una birra. Anche questa volta però Totti farà a modo suo. La storia si conclude, infatti, con un brindisi dove il Capitano chiede al barista un apribottiglie, ma non uno qualunque, un cucchiaio...Proprio da questo gesto, il 10 giugno, partirà la Challenge #colcucchiaio, dove Totti sfiderà tutti i suoi follower ad aprire una Heineken col cucchiaio. Il nuovo video “The Spoon”, il cui progetto creativo porta la firma di Publicis Italia, è un’attività esclusiva pensata e sviluppata da Heineken Italia e sponsorizzata sul mercato di riferimento. "The Spoon" fa parte della campagna global “Enjoy the Rivalry”.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy