ABBONATI

RDS: nel 2017 la raccolta cresce più del 10%, rinnovato e ampliato il building di Milano

Autore: S Antonini


Il general manager Massimiliano Montefusco ha presentato i risultati conseguiti nell’anno appena concluso; le audience aumentano di un milione rispetto al 2016, con un incremento del 21% nel giorno medio

Reduce da risultati in crescita sia sul fronte degli ascolti sia della raccolta pubblicitaria nel 2017, RDS 100% Grandi Successi inaugura il 2018 con un investimento di diversi milioni di euro sul rinnovamento del building che ospita studi e uffici a Milano, in via Melchiorre Gioia 65. Il Gruppo radiofonico presieduto da Eduardo Montefusco punta sull’alta innovazione dei processi produttivi all’insegna delle tecnologie più avanzate, e sulla vivibilità degli spazi che hanno valso all’azienda il premio “Top Employers” per il secondo anno consecutivo. A fronte di un mercato della pubblicità sul mezzo radio cresciuto del 5,4% nel 2017 (dati Nielsen), RDS registra una crescita della raccolta di oltre il 10% realizzata sul brand RDS da RDS Advertising, la concessionaria di gruppo guidata dal direttore commerciale Monica Gallerini. Alla concessionaria fa capo anche la raccolta nazionale del circuito di 21 radio locali 100% Special Radio. Il circuito è nato l’anno scorso per sfruttare il potenziale pubblicitario di contenuti RDS premium - come “100 secondi con Enrico Mentana” e la rubrica “Lifestyle” - anche sul mercato più legato al territorio, agganciando a questi contenuti uno slot di soli tre clienti adv. Questo circuito è passato da un ascolto medio complessivo di 2 milioni di persone nel 2016 ai 3 del 2017.
Gli andamenti
Bene anche le audience certificate dalla ricerca TER per RDS, Media RDS: nel 2017 la raccolta pubblicitaria cresce più del 10%, rinnovato e ampliato il building di Milano il general manager Massimiliano Montefusco ha presentato i risultati conseguiti nell’anno appena concluso; le audience aumentano di un milione rispetto al 2016, con un incremento del 21% nel giorno medio Eduardo Montefusco che si attestano su una media di 5,7 milioni di ascoltatori, in crescita di 1 milione sulla precedente ricerca Radiomonitor di GfK realizzata nel 2016. Tutte le novità sono state illustrate dal general manager del Gruppo, Massimiliano Montefusco, ieri, a Milano, presso gli spazi del building rinnovato. «Pur tenendo conto della diversità che contraddistingue le due ricerche, possiamo dire che da un anno all’altro abbiamo registrato un incremento del 21% nel giorno medio, con le responsabili acquisto al +18%, nonché un miglioramento del quarto d’ora medio del 14%. Importante anche la crescita della fidelizzazione, abbiamo registrato un incremento del 4,6% degli ascoltatori esclusivi». Sensibili le crescite nell’area Nord-Ovest, 192mila ascoltatori in più, e nel Nord-Est pari a 183mila ascoltatori in più. Centrato quindi l’obiettivo del piano industriale che puntava, in primo luogo, a trasformare RDS da broadcasting radio a entertainment company incentrata sulla produzione e valorizzazione dei contenuti, principalmente rivolti a un target giovane adulto, tra i 18 e i 54 anni, equamente distribuito tra donne e uomini. Il format di RDS resta fedele alla radio di flusso incentrata sulla proposta musicale con una solida conduzione e punteggiata di approfondimenti e rubriche efficaci e sintetici.
RDS Factory
Sul buon risultato pubblicitario pesano anche le iniziative speciali legate a eventi di cui RDS è partner, sia come fornitore di contenuti sia per la gestione della raccolta degli sponsor: tra questi, la “EA7 Emporio Armani Milano Marathon”, o il prossimo “UAU! Festival sulla comunicazione non convenzionale”, che si terrà a Milano a novembre. Contribuisce alle attività trasversali che uniscono aspetti editoriali e commerciali la RDS Factory , dedicata all’ideazione di format e contenuti ad hoc, quale ad esempio la in store radio di Unieuro.
L’innovazione tecnologica
Il rinnovamento tecnologico e strutturale realizzato a Milano punta a rafforzare lo sviluppo delle attività di RDS ugualmente sui due hub meneghino e romano, grazie anche alla tecnologia DWDM, che sfrutta la fibra ottica per instaurare una rete di comunicazione ad altissima velocità. Grazie a questa innovazione, le redazioni di RDS sono in grado di lavorare in contemporanea dalle due sedi e realizzare, per esempio, doppie conduzioni radiofoniche in remoto. Tutti i progetti di sviluppo tecnologico e innovazione sono stati coordinati dal cto Andrea Giovagnoni. Negli spazi milanesi, che ospitano la concessionaria e anche l’emittente Discoradio, attraverso la ristrutturazione di un edificio industriale adiacente alla sede della radio è stato ricavato anche il Teatro Gioia, un auditorium dedicato ad attività di entertainment di vario genere tra cui anche performance artistiche musicali e non. Innovazione tecnologica è anche attenzione agli sviluppi sugli strumenti di distribuzione del segnale, tra DAB - che si affermerà nel 2020 quando non saranno più messe in vendita radio solo analogiche - e app per l’ascolto in auto, una realtà in merito alla quale Montefusco auspica un dialogo comune tra editori radiofonici italiani, al fine di sviluppare uno strumento che permetta di controllare anche l’adv e non demandarlo a qualche big player del digitale.
Prospettive strategiche
Nel 2017 RDS ha perseguito qualche tentativo di fare shopping nel mercato radiofonico, che si è poi concretizzato nell’acquisto del 10% di Radio Italia, di cui è socio silente. A proposito di altre iniziative simili, Montefusco ha dichiarato l’apertura a cogliere le opportunità considerate profittevoli, anche se non nell’ottica della concentrazione in grandi Gruppi che fa perdere in efficienza dei processi: «Il valore più grande per gli investitori oggi - conclude - è la velocità di reazione e di esecuzione dei progetti».

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 30/09/2022


Il Gruppo Helvetia Italia realizza con O-One una serie podcast dedicata alla sostenibilità

O-One, la digital unit di Industree Communication Hub, è stata scelta dal Gruppo Helvetia Italia per la produzione di una serie podcast sui temi della sostenibilità in ambito assicurativo. Helvetia Italia, leader del settore assicurativo worldwide, continua a far sentire la propria voce con una nuova serie podcast che parla di un tema tanto attuale quanto centrale per l’attività del Gruppo: la sostenibilità. “Assicurati che sia green. Dialoghi sulla sostenibilità” è il progetto audio che si compone di 7 episodi in cui sono coinvolti sette top manager del Gruppo per altrettanti settori di competenza: dalle HR all’IT, quando si parla di dinamiche aziendali si arrivano a toccare tematiche in cui l’attenzione al green riguarda anche la tutela dei privati. O-One, già al fianco di Helvetia Italia nella realizzazione di contenuti per il blog del sito di Gruppo, ha raccolto la sfida occupandosi della supervisione editoriale e della produzione della serie che punta con particolare attenzione a un pubblico di professionisti. I top manager infatti, capitanati dal CEO Roberto Lecciso, conducono uno storytelling a più voci che nel fil rouge della sostenibilità, intesa non solo come attenzione all’ambiente, ma anche alle persone, costruisce un dialogo corale. Obiettivo è fare il punto sulla situazione attuale ma soprattutto proiettarsi verso un futuro in cui le compagnie di assicurazione devono adeguare il proprio ruolo e la propria offerta a un contesto socio-ambientale profondamente e rapidamente mutevole. "La Sostenibilità è parte integrante del nostro modello di business – commenta Roberto Lecciso, CEO del Gruppo Helvetia Italia -. Il nostro obiettivo è creare valore per la società in modo consapevole, etico e professionale. Con O-One abbiamo lavorato su queste basi e definito un progetto di comunicazione che fosse prima di tutto in linea con i valori di Helvetia e che puntasse a dare voce alla nostra Compagnia su un tema tanto caro ai nostri clienti, azionisti e collaboratori".

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 27/09/2022


ASviS on air con Saatchi & Saatchi per promuovere la sesta edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile

ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, è tornata on air a partire dal 25 settembre, settimo anniversario dell’Agenda 2030 dell’Onu, con la nuova campagna pubblicitaria “Mettilo in agenda, stiamo agendo” firmata ancora una volta da Saatchi & Saatchi, agenzia creativa di Publicis Groupe. Il nuovo spot promuove la sesta edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, la più grande manifestazione italiana pensata per accrescere la cultura sui principi della sostenibilità economica, sociale ed ambientale con l’obiettivo di mobilitare fasce sempre più ampie della popolazione, soggetti economici e istituzioni per la realizzazione degli Obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu. La campagna tv e radio sarà diffusa sulle reti Rai e sui canali dell’Alleanza e del Festival: YouTube ASviS, i principali canali social ASviS (Facebook, Instagram, Twitter e Linkedin) oltre ai siti asvis.it e festivalsvilupposostenibile.it. Gli spot radio sono stati realizzati con la collaborazione di Cat Sound. La creatività Il concept creativo si sviluppa intorno ai grandi temi di attualità, oggi sempre più al centro dell’agenda europea e internazionale, e sui quali si concentreranno le numerose iniziative previste dalla manifestazione nazionale che quest’anno si terrà dal 4 al 20 ottobre 2022. Sono già oltre 350 gli eventi registrati nel cartellone, testimonianza di una mobilitazione dal basso della società civile. È più che mai urgente battersi per una chiara e convincente visione del futuro, fortemente ancorata agli obiettivi globali ed europei di sviluppo sostenibile, coinvolgendo la società civile per rispondere a queste necessità con idee concrete. E in questo momento, il ruolo più importante deve essere svolto da “una nuova generazione di idee che si fa spazio”, come recita il messaggio della sesta edizione del Festival, per rendere sempre più rilevanti e attuali i temi che fanno parte dell’Agenda. I commenti “Nel 2022, per la prima volta, sono stati modificati i Principi fondamentali della Costituzione italiana, inserendo la giustizia intergenerazionale. Un’innovazione storica, fortemente voluta dall’ASviS sin dal 2016 e che si riflette nella campagna della sesta edizione del Festival per sottolineare, con un tone of voice empatico e coinvolgente, il ruolo propulsivo delle nuove generazioni verso un futuro sempre più sostenibile”, dichiara Ottavia Ortolani, Responsabile dei Progetti di Comunicazione e Advocacy di ASviS. “Mettilo in agenda, stiamo agendo - è il concetto portante di un racconto che parte da ciascuno di noi e si lega indissolubilmente al nostro presente. Crediamo fermamente che essere in prima persona moltiplicatori di impatto positivo sia il senso del nostro lavoro. Per questo supportiamo i nostri clienti nel dare voce a progetti che puntano a tradurre in fatti concreti l’impegno verso un mondo sostenibile”, aggiunge Manuel Musilli, Executive Creative Director di Saatchi & Saatchi Italia. Credits CEO: Camilla Pollice Executive Creative Director: Manuel Musilli Associate Creative Director: Leonardo Cotti Associate Creative Director: Tancredi Fileccia Digital Associate Creative Director: Iris Vita Junior Art Director: Francesca Barca Casa di Produzione Video: Think Cattleya Casa di Produzione Foto: Carla Pozzi Fotografa: Jessica De Maio  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy