ABBONATI

Teads insieme ai brand lancia un bootcamp per affrontare un futuro cookieless

Autore:


5 Regole d’oro per sopravvivere a un futuro di strategie media senza l’utilizzo di cookies di terza parte, giovedì alle ore 11:00

Teads, The Global Media Platform, presenta il primo Cookieless Bootcamp virtuale, per approfondire come il mercato si sta organizzando per affrontare un futuro di strategie media non più basate sui cookie di terza parte. Non solo un webinar ma un incontro partecipativo tra i diversi attori del settore media digitali. Si terrà giovedì 18 febbraio su Zoom e avrà l’obiettivo di tracciare una panoramica sugli sviluppi di questo scenario per determinare quali sono le iniziative e le opportunità alternative all’utilizzo dei cookie. Infine, Angelo Lo Ponte, Head of data di Teads Italia,  racconterà quali sono le soluzioni di targeting contestuale più competitive del mercato. Al centro delle nuove soluzioni alternative proposte dall’industry ci sono gli utenti e la tutela della loro consapevolezza nella condivisione dei dati che non potranno più essere fruibili per analizzare lo storico di navigazione dei contenuti online né cedibili a terzi. Si prevede quindi che i dati di prima parte diventino centrali nelle strategie media riportando l’attenzione sul potenziale dei dati di proprietà delle aziende raccolti direttamente sui loro canali. Il rischio è legato alla scalabilità di questa soluzione: gli unici a poter offrire informazioni su larga scala saranno i walled garden che tuttavia non garantiranno i livelli di visibilità, trasparenza e accessibilità dell’open web. Il contextual targeting e le soluzioni di targeting legate ai comportamenti in real time sono l’alternativa favorita al momento anche se con alcune principali sfide legate alla precisione (keyword o analisi semantica contestuale), granularità delle categorie di contesto, posizionamento e scalabilità. Tutte queste tematiche saranno approfondite nel webinar di giovedì. La sessione sarà un’occasione per supportare l’industry nella graduale transizione ad un mondo Cookieless e guidare i marketer nel costruire consapevolezza sulle sfide e opportunità di questa novità del mercato. Per seguire il webinar live, registrati a questo link https://teadscookieless-italy.splashthat.com/. Per prepararsi con le 5 Regole D’Oro per un mondo Cookieless, basta compilare il form https://academy.teads.com/cookieless-world/it/.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: - 22/02/2021


Fiat Panda, online con Leo Burnett, celebra la sua storia "social"

Fiat Panda è online con una nuova campagna che celebra la sua storia social e la capacità innata di mettere in contatto le persone. Capacità che Fiat Panda possiede fin dalle origini nel 1980, ancora prima dell’arrivo dei social network. Lo spot, con uno storytelling originariamente ideato per il mercato italiano, ha avuto un successo oltre le aspettative in Uk dove è in onda sui canali digital da dicembre 2020. Dagli inizi di febbraio è live anche in Italia su YouTube, Facebook con pianificazione media curata da Starcom. La creatività è firmata dalla sede torinese di Leo Burnett, hub strategico creativo e di coordinamento internazionale per i brand FCA, sotto la guida di Maurizio Spagnulo e la direzione creativa esecutiva di Francesco Martini. La forza della campagna vive nella sua narrazione vincente, nella scelta di raccontare unione, partecipazione e ottimismo, valori universali di cui oggi le persone hanno più che mai bisogno e che sono insiti nel DNA di Panda. Le scene dello spot sono studiate per farci riflettere su come Panda sia l’auto che da 40 anni ci accompagna nelle diverse esperienze di vita, da ragazzi e da adulti. Un’auto che è precursore dei tempi e che ancora prima della nascita del digitale è stata capace di unirci per davvero, di farci vivere una vita piena di emozioni e di autenticità, senza filtri social.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy