ABBONATI

Il podcast è un media già maturo? Podcastory commenta evidenze e possibili risposte a margine del nuovo report Ipsos

Autore: Redazione

Davide Schioppa


Il terzo report sul mondo dell’audio digitale prodotto dall’istituto di ricerca analizzato dalla prima podcast factory italiana

“Il podcast alla prova di maturità” questo è il titolo del terzo report sul mondo dell’audio digitale diramato da Ipsos. Un’analisi in cui appare fondamentale il ruolo giocato dal podcast, di fatto vero e proprio ‘king’ del settore. Podcastory, prima podcast factory italiana, non può esimersi dal commentare i risultati venuti fuori dal lavoro svolto dall’istituto di ricerca.

Quanti sono gli italiani che ascoltano un podcast

Il primo dato sul quale Podcastory pone l’accento è il numero degli italiani che mediamente ascoltano un podcast nell’arco di un mese: oltre nove milioni di persone. È un dato ancora in crescita rispetto allo scorso anno ed attualmente rappresenta il 31% della popolazione.

Tempo dedicato

Altri dati significativi sono quelli relativi al tempo di fruizione dei podcast: l’indagine Ipsos rivela che mediamente il tempo dedicato all’ascolto dei podcast in una giornata è stimato in circa 40 minuti e che il 50% degli ascoltatori preferiscono ascoltare episodi che durino al massimo 20 minuti. Su questi dati, Podcastory vuole porre l’accento: sin dalle prime produzioni ha sempre preferito episodi brevi, in grado di interessare e appassionare l’ascoltatore con delle vere e proprie ‘snackable podcastories’.

Piattaforme preferite per la fruizione

Ancora un dato estremamente rilevante è quello relativo alla piattaforma scelta per ascoltare i podcast. Qui un vero e proprio colpo di scena: YoutTube, regina indiscussa per la fruizione di video in streaming, si accaparra anche lo scettro dei podcast, risultando di fatto la prima piattaforma di ascolto, staccando di ben 14 punti percentuali Spotify (YouTube 46% - Spotify free 32%). “Da sempre in Podcastory abbiamo prestato molta attenzione alla distribuzione dei contenuti - spiega Davide Schioppa, founder di Podcastory -. Ogni nostra serie è sempre distribuita su tutte le tradizionali piattaforme di podcasting, sui siti web più in target e su YouTube, attraverso delle playlist dedicate e un format audio-video studiato ad hoc. Questo perché crediamo che sia il momento di avvicinare gli utenti all’ascolto a prescindere dalla piattaforma. Prima insegniamogli a usare i podcast, poi ci sarà tempo per fargli scegliere le piattaforme più indicate”.

Il podcast è meglio ascoltarlo a casa o in auto?

Ancora uno scorcio utile per avere un panorama piuttosto completo sulle abitudini di ascolto degli italiani è relativo a dove e quando si ascoltano i podcast. Il luogo preferito per dedicarsi un bel podcast è la casa: l’81% degli intervistati ha dichiarato di preferire l’ascolto prevalentemente tra le mura domestiche. Il 48% ha dichiarato di gradirlo anche durante il commuting in auto o sui mezzi di trasporto pubblico.

Meglio solo che in compagnia...

Il 78% degli ascoltatori preferisce dedicarsi all’ascolto del podcast in solitaria. Questo conferma la teoria secondo cui un contenuto podcast ben costruito e capace di ingaggiare un rapporto fiduciario con l’utente possa essere un ottimo strumento per comunicare in maniera diretta con l’ascoltatore in un rapporto one-to-one.

Il podcast si sceglie online

Un tempo per i programmi tv erano di moda i settimanali con l’intera programmazione. Ma per i podcast, come funziona? Semplice: lo strumento preferito per cercare qualcosa d’interessante da ascoltare è la rete. Il 34% degli intervistati sceglie infatti attraverso i motori di ricerca degli argomenti da approfondire con l’ascolto di un podcast. “Non è pensabile che basti fare un bel contenuto per essere ascoltati. In Podcastory abbiamo sempre spinto quello che chiamiamo ‘audio-seeding’, ossia una vera e propria ‘semina’ dei nostri podcast su siti web piú in target, in grado di consentirci una buona indicizzazione su Google e permettere l’ascolto diretto del contenuto agli utenti”, aggiunge Schioppa a commento del dato.

E adesso, la pubblicità...

L’indagine rivela che il 71% degli ascoltatori ha un ricordo dei brand associati ai podcast, soprattutto nella forma di adv prima/durante/dopo i podcast; inoltre il 67% degli ascoltatori che ricordano un brand hanno dichiarato di aver compiuto un’azione subito dopo l’ascolto: hanno cercato maggiori informazioni online; hanno parlato del brand con amici o parenti; hanno acquistato un prodotto legato al brand.

Conclusioni

Il podcast non è più da considerarsi un ‘fenomeno’, è a tutti gli effetti un elemento fondamentale per una content strategy di successo. Il suo utilizzo non può essere confinato a lunghi talk di approfondimento, è necessario innovare i format per continuare a mantenere vivo l’interesse. Prima di considerare quale sia la piattaforma piú idonea, è bene concentrarsi sui contenuti, che dovranno essere sempre d’impatto. Concentrarsi sulla scalata delle classifiche di piattaforme come Spotify può essere senz’altro gratificante ma di fatto può portare a ignorare grandi sacche di utenza che potrebbero essere raggiunte sfruttando anche piattaforme non propriamente dedicate ai podcast come per esempio YouTube. Infine ci sono i brand, che hanno un’opportunità: sfruttare il rapporto one-to-one per creare piccoli eserciti di brand-ambassador.

 

Precisazione finale (YouTube o Spotfy?)

Lo scorso 5 Ottobre, commentando i dati appena pubblicati da Ipsos circa il terzo report sullo Scenario dell’Audio Digitale, analizzando in dettaglio la scelta della piattaforma di fruizione di podcast da parte degli utenti, abbiamo commentato con estremo stupore il vantaggio di Youtube, piattaforma leader per la fruizione di video in streaming, sulle altre piattaforme naturalmente deputate all’ascolto dell’audio. In particolare, abbiamo commentato a titolo esemplificato un confronto tra Youtube e Spotify. È dovuta una nostra precisazione.

Free+Premium

Nella ricerca effettuata da Ipsos sono state confrontate piattaforme che offrono servizi di fruizione podcast gratuiti e servizi di fruizione podcast a pagamento. Rimanendo nell’ambito di piattaforme ‘100% free’ risulta un evidente vantaggio di YouTube su tutte le altre piattaforme. Se invece viene effettuata una sommatoria del dato Free+Premium, Spotify risulta ancora la principale piattaforma scelta dagli utenti per ascoltare i podcast (il dato aggregato free+premium di Spotify supera di cinque punti percentuali il dato relativo a YouTube). Chiarita la questione legata alle percentuali di preferenza degli utenti rispetto alle piattaforme, risulta a ogni modo eclatante un dato così cospicuo di utenti che scelgano YouTube per ascoltare i podcast. È indubbio quindi che una distribuzione efficace dei contenuti audio on demand, non possa ignorare le abitudini di fruizione degli utenti, cercando di raggiungere la maggiore audience possibile diffondendo in maniera capillare i contenuti podcast su qualunque piattaforma.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/01/2022


The Ad Store porta in tv il nuovo spot di Calciatori Panini 2021-2022

È on air la nuova campagna dedicata alla collezione più attesa dagli appassionati di calcio di tutte le età: Calciatori Panini 2021-2022. Lo storico brand di figurine ha scelto, per il terzo anno consecutivo, la creatività di The Ad Store che, con il claim "Una passione che lascia il segno", porta in tv uno dei gesti più chiacchierati del calcio moderno: quello della VAR. "Strappa, incolla, scambia: l'album Panini è da sempre fortemente legato alla gestualità”, racconta Giulio Nadotti, Creative Director di The Ad Store. “Siamo partiti da questo insight sul prodotto e da una delle novità più importanti della collezione 2021-2022 - il nuovo formato delle figurine - per sviluppare uno storytelling basato su uno dei gesti più iconici del calcio italiano e dargli un significato tutto nuovo, ma soprattutto positivo legato all'atteso ritorno in edicola delle figurine dei calciatori". “La proposta di The Ad Store ci è piaciuta perché fa leva, in modo creativo, su una delle principali novità del nostro album, trasformando un gesto ormai noto in ambito calcistico, capace di creare suspance in tutti i tifosi, in un elemento decisamente positivo, identificabile con il nostro brand e al lancio della Collezione 2021-2022”, spiega Alessandro Folloni, Product Manager di Panini. Oltre alla tv, con diversi formati multisoggetto da 20”, 15” e 10”, la pianificazione prevede anche il digital - con attività social e di digital PR attraverso influencer e ambassador Panini. La produzione è di Fargo Film con la regia di Alessio Fava.   Credits Panini Antonio Allegra - Direttore Mercato Italia, Prodotti Collezionabili Alessandro Folloni - Product Manager - Collectibles Dept.   The Ad Store Giulio Nadotti - Creative Director Antonella de Gironimo - Senior Copywriter & Strategist Nicolò Amoretti - Art Director Daniele Iafulli - Copywriter Michele Febbroni - Client Director Marta Gerosa - Agency Producer   Fargo Film Nicolò Dragoni - Executive Producer Federico Mazzola - Executive Producer Alessio Fava - Director Martino Pellion Di Persano - DOP Lorenzo Casati - VFX

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy