ABBONATI

Mediaset punta sulle strategie pan europee e va in Olanda, nel secondo trimestre 2021 pubblicità in crescita a due cifre molto elevata

Autore: S Antonini

Pier Silvio Berlusconi, Amministratore Delegato Mediaset


Nel 2021 il Gruppo guidato da Pier Silvio Berlusconi vuole rafforzare la generazione di cassa attraverso il core business; andamenti positivi per la raccolta, Publitalia rafforza l’addressable adv

Come già anticipato dal Consiglio di Amministrazione che ha approvato i conti 2020, Mediaset proseguirà nella strategia di sviluppo pan europeo; il Gruppo guidato da Pier Silvio Berlusconi è convinto che il consolidamento e l’allargamento del business in Europa sia la strada giusta per perseguire i propri obiettivi di gruppo internazionale che punta leadership nella produzione e vendita di contenuti.

«Andremo avanti con la costruzione della nostra idea di società, in linea quello che avverrà nel mercato pubblicitario», ha detto il CFO Marco Giordani durante la presentazione dei dati di bilancio agli analisti «perché crediamo in una piattaforma che crei economie di scala, sia in grado di attrarre talenti, ci permetta di cercare nuove opportunità di crescita e di reperire i fondi necessari a sostenere lo sviluppo» oltre che assicurare un quadro normativo stabile i cui operare. Obiettivi più facili da conseguire attraverso una “entità neutrale”, dotata di un modello di governance internazionale ed è in questo senso che si inquadra il trasferimento in Olanda della sede legale, che verrà sottoposto alla assemblea straordinaria del prossimo 23 giugno.

Adv in crescita anche nel secondo trimestre

In vista di un mercato delle tv connesse sempre più esteso in Italia, Mediaset e Publitalia stanno orientando sempre di più le proprie strategie sull’addressable advertising, sebbene in un’ottica di complementarietà rispetto alle tradizionali politiche per la tv lineare. Alla luce degli incentivi statali l’adozione della smart tv sta accelerando sensibilmente: «Questo farà crescere l’addressable adv ma non in sostituzione delle campagne lineari, bensì come mercato aggiuntivo» spiega Matteo Cardani, General Manager Marketing della concessionaria.

Un ulteriore impulso a questo mercato lo offre lo sviluppo della total audience di Auditel. Intanto, nei primi tre mesi di quest’anno Publitalia annuncia una crescita del 6,1% nei ricavi pubblicitari complessivi rispetto al 2020. «Il primo bimestre è stato soddisfacente, tenuto conto che il periodo analogo 2020 è stato caratterizzato da andamenti buoni e non c’erano restrizioni» al contrario di quanto è accaduto quest’anno. «A marzo c’è stata un’ulteriore accelerazione. Ad aprile registriamo ancora positività, superiore a quanto ci aspettavamo. Il secondo trimestre dovrebbe registrare una controcifra molto superiore a quella dell’anno scorso, ancora caratterizzato dalle chiusure, e concludersi con una elevata crescita a doppia cifra».

Il secondo trimestre del 2021 potrebbe  quindi essere il quarto consecutivo con il segno più nella raccolta pubblicitaria di Mediaset. Sulle strategie addressable incide anche l’offerta freemium della nuova piattaforma Mediaset Play Infinity, dove si potranno vedere anche le partite a pagamento della Champions League. Nel 2020, le pianificazioni addressable su reti Mediaset sono cresciute del 115%, e i clienti che hanno scelto questa modalità sono aumentati del 60%. Sempre secondo le stime di Mediaset, il mercato addressable dovrebbe valere 400-450 milioni di euro in cinque anni, pari al 10% dei ricavi adv in Italia.

Obiettivi 2021

Alla luce del recente epilogo del contenzioso con Vivendi, che si è vista dare ragione dal Tribunale di Milano sia sul nodo del voto maggiorato introdotto dall’assemblea Mediaset del 18 aprile 2019, sia sull’esclusione di Simon Fiduciaria dall’assemblea del 27 giugno 2018, sia in parte sul risarcimento richiesto per il mancato acquisto di Mediaset Premium (condannata a pagare 1,7 milioni di euro invece degli oltre 3 miliardi richiesti, ndr), il CdA di Cologno Monzese ha suggerito l’abrogazione della maggiorazione di voto, sulla quale delibererà l’assemblea straordinaria del 27 maggio 2021.

Questa, per Giordani, è la strada per evitare che gli azionisti intraprendano nuovi ricorsi: «Vogliamo ridurre il più possibile ogni tipo di contenzioso legale con chiunque, vogliamo trasferirci in Olanda nel modo più limpido e neutrale». Viene abbandonata quindi l’idea di blindare il controllo del Gruppo televisivo all’interno di Fininvest, cui fa capo il 44,1% del capitale il 45,8% dei diritti di voto. Il CFO ha anche annunciato che uno degli obiettivi del 2021 è quello di mantenere il livello dei costi in linea con il 2020, vale a dire tra il 6% e l’8% in meno del 2019: «Una sfida difficile, non nascondo che sarebbe quasi un miracolo». Nella difficoltà di fornire stime sull’anno in corso, Giordani conferma che l’azienda punta «soprattutto a proteggere e rafforzare la generazione di cassa proveniente dal core business».

Dossier M6 e Mediaset España

Giordani sottolinea anche la capacità del Gruppo di difendere il cash flow durante il 2020, nonostante anche siano intercorse operazioni finanziarie come l’aumento della quota in ProsiebenSat.1, per quasi 73 milioni di euro. In Italia dal 2019 al 2020 il calo dei ricavi ammonta a 182 milioni di euro, a cui il Gruppo ha fatto fronte grazie a una ridotta spesa in diritti televisivi. Giordani ha anche annunciato un ulteriore risparmio sugli investimenti del 15/20% sempre in vista dell’obiettivo sul contenimento dei costi. Per quanto riguarda eventuali operazioni societarie o acquisizioni, Giordani ha confermato l’interesse di Mediaset per l’emittente televisiva francese M6.

Ma dopo le dichiarazioni di Thomas Rabe, ceo di Bertelsmann cui fa capo RTL che controlla M6, il quale preferirebbe una cessione a Tf1 (ma ci sono problemi di antitrust, ndr), «le chance per noi sono poche – afferma Giordani –. Stiamo partecipando al processo di vendita, è un nostro dovere perché M6 è una azienda notevole con una strategia eccezionale»; e poi scherzando ha aggiunto: «Ci piacerebbe comprare Rai, ma onestamente non è fattibile».

L’altra questione sul tavolo è la fusione con Mediaset España, progetto bloccato dalla Corte di Madrid: «Per il momento l'integrazione della Spagna non è sul tavolo, non la escludo per sempre, ma per il momento non bisogna aspettarsi nulla su questo nei prossimi mesi». La Mediaset spagnola è per il momento esclusa dal trasferimento della sede in Olanda: «Dai Tribunali è venuta qualche reazione negativa ma non vogliamo far influenzare le nostre strategie industriali da questo: è ora di muoversi e il primo passo è lo spostamento ad Amsterdam».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 17/05/2021


The Just Eat Delivery, il connubio tra calcio e cibo celebra Uefa Euro 2021

Una nuova creatività sbarca in Italia per raccontare il perfetto parallelismo tra calcio e cibo e il ruolo di Just Eat nel consegnare ai fan il loro cibo preferito, fornendo la migliore esperienza possibile di food delivery. Just Eat (www.justeat.it), app leader per ordinare online cibo a domicilio in tutta Italia e nel mondo, e parte di Just Eat Takeaway.com, leader mondiale nel mercato della consegna di cibo a domicilio, torna in tv con una nuova campagna sviluppata in occasione di Euro 2021, di cui è partner ufficiale a livello globale. L'obiettivo è di proseguire il percorso di consolidamento del brand come leader di mercato e ispirare a vivere il food delivery come una vera e propria emozione da condividere in ogni occasione. Lo spot, sviluppato sul concept creativo “The Just Eat Delivery”, ha infatti l’obiettivo di rafforzare la percezione di Just Eat come sinonimo di food delivery e top of mind brand capace di rendere speciali tutti i momenti passati da soli o in compagnia. Ecco allora che in occasione della celebrazione della sponsorizzazione del torneo, appuntamento tanto atteso dai tifosi di calcio ma non solo, il brand porta sul grande schermo il perfetto parallelismo tra calcio e cibo, attraverso un mix di immagini che alternano le azioni di una partita di calcio e le fasi del viaggio di un rider per portare il cibo preferito dal ristorante a casa del consumatore. Le richieste di Gigi Protagonista dello spot è la leggenda del calcio Gianluigi Buffon, il quale apre la porta di casa a un ignaro rider che rimane sbalordito nello scoprire che l’ordine è per il campione italiano. Altre icone del calcio saranno protagoniste della campagna "The Just Eat Delivery" per Just Eat Takeway.com in tutta Europa, tra cui Fernando Torres, Virgil van Dijk e Lukas Podolski. Energia positiva “Lo spot nasce dalla volontà di raccontare come il food delivery sia un alleato prezioso per esaltare tutti i momenti di convivialità gustando i propri piatti preferiti”, racconta Tiziana Bernabè, Brand & Partner Marketing Manager di Just Eat in Italia. “Non potevamo pensare a un momento migliore Europei, un appuntamento molto atteso nel quale vogliamo essere al fianco dei nostri clienti nel seguire i match, regalando loro la miglior esperienza possibile attraverso il nostro servizio. Per questo abbiamo voluto dare vita anche a una creatività che, attraverso le immagini e ai suoni, fosse capace di trasmettere quel senso di energia positiva che una partita di calcio e il gustarsi i propri piatti preferiti sono in grado di ispirare”. La campagna è on air nel formato da 15” sulle principali emittenti televisive e sui canali digital. L’idea creativa della campagna è di McCann London e Universal McCann ha curato la pianificazione.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy