ABBONATI

Di tutti i colori

Autore: D Sechi


Audiweb rilascia i dati relativi al mese di novembre, 4 settimane tra le più dense di un anno colmo di eventi. Numeri in crescita per quasi tutti gli editori, informazione in prima linea

Ogni nuovo mattino, uscirò per le strade cercando i colori… Dimmi che colore preferisci e ti dirò chi sei. Novembre 2020, quasi un’anticipazione del carnevale? Non proprio, in ogni caso quattro settimane talmente dense di eventi, in un anno che da questo punto di vista ha avuto e avrà pochi eguali, da avere ovvie ripercussioni all’interno del vero mondo, quello di internet. Audiweb, con le dovute accortezze, leggi tuta da lavoro e guanti di ordinanza, si è mossa con appropriata attenzione nel marasma dei colori che hanno caratterizzato, e ancora sottolineano la nostra esistenza, si è sporcata ma ha tirato fuori i dati del consumi web.

Scuola e Dad

Le prime settimane in modalità “rossa” quasi ovunque danno il via alla didattica a distanza per tutte le scuole, con ulteriore salto in avanti dell’audience online rispetto al mese di ottobre, in particolare, per la fruizione da computer e per le fasce più giovani della popolazione. L’incremento più evidente dell’audience online, infatti, si registra tra gli under 18 online da desk che, costretti dalla didattica a distanza, aumentano del 100,3% nella fascia dei 2-12enni e del 63,5% in quella dei 13-17enni. Aumenta anche il tempo dedicato all’online, che cresce in generale del 10,8% e, più in dettaglio, del 30,4% da computer, del 10% da tablet e del 6,7% da smartphone, con picchi del 229,6% per la fascia 2-12 anni (in rete in media per 1 ora e 15 minuti nel giorno medio da questo device), del 141,4% per la fascia 13-17 anni (sul web in media per 1 ora e 36 minuti) e del 57,1% per la fascia 18-24 anni (online per 1 ora e 35 minuti da questo device).

Ciao Maradona, benvenuto Biden

L'attesa per la fine di questa seconda fase di lockdown, le previsioni per i provvedimenti di dicembre e per il periodo natalizio, la distribuzione dei territori in zone di colore differente che, a momenti alterni, spingono poi le persone alla ricerca di informazioni certe per capire cosa si può fare e cosa no, ma anche di quelle più generali legate all'informazione e ai contenuti di intrattenimento, sociali e culturali. Ma è anche il mese in cui gli USA scelgono Biden, in cui si inizia a parlare con maggiore certezza del vaccino anti Covid mentre corre la polemica per la mancanza di rimedi influenzali, senza dimenticare le polemiche di alcuni sindaci di grandi città contro le misure adottate e il dibattito sul Natale che sarà (senza vacanze in montagna e con il rischio di ulteriori restrizioni, come poi è avvenuto). A metà mese, poi, muore Maradona e i media si accendono di conseguenza.

Informazione

Riguardo i contenuti e i brand online. Com’è andata l’audience online nel giorno medio a novembre per gli editori iscritti alla rilevazione Audiweb? In generale questo mese particolare ha inciso positivamente su gran parte degli editori. Tra i primi dieci brand troviamo: Corriere della Sera con 4 milioni 584 mila utenti unici nel giorno medio (+13% rispetto al giorno medio di ottobre), Pinterest con 4 milioni 93 mila utenti (+14,8%), La Repubblica con 4 milioni 30 mila utenti (+4,8%), ilMeteo con 3 milioni 33 mila utenti (-23,1%), Il Fatto Quotidiano con 2 milioni 934 mila utenti (+28,8%), Il Messaggero con 2 milioni 927 mila utenti (+2,9%), TGCOM24 con 2 milioni 800 mila (-4,7%), Libero con 2 milioni 526 mila utenti (+7,3%), Fanpage con 2 milioni 324 mila utenti (+7,5%), La Gazzetta dello Sport con 2 milioni 113 mila utenti (-10,7%).

Gli altri

Tra i siti iscritti alla rilevazione, raggiungono significative variazioni in positivo (almeno il +20%): Giallo Zafferano con 1 milione 754 mila utenti (+21,5% rispetto al giorno medio di ottobre), Il Giornale con 1 milione 528 mila utenti (+21,5%), YesLife Magazine con 1 milione di utenti (tra i nuovi brand certificati Audiweb), Huffington Post Italia con 988 mila utenti (+27,8%), Quotidiani GNN - Gedi News Network   con 876 mila utenti (+20,3%), QuiFinanza con 717 mila utenti (+29,4%), CheNews.it con 502 mila utenti (+27,1%), LA7con 336 mila utenti (+34,4%), Skuola.net con 298 mila utenti (+36,1%), Youmovies.it con 285 mila utenti (+21,8%), Smartworld con 283 mila utenti (+28,6%), Cookist con 277 mila utenti (+21%), Studenti.it con 211 mila utenti (+41,6%), WeSchool con 194 mila utenti (+159%) e Wired.it con 191 mila utenti (+24,8%).

 

Scarica le tabelle


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 07/01/2021


Meetic celebra l'inizio di una storia vera

Dall’avvio della campagna “Dai inizio a qualcosa di vero”, Meetic, l’app di dating online leader del settore, ha costantemente celebrato l’impegno dei single nella ricerca dell’amore e la loro autenticità. Il marchio, infatti, ha cura di ogni piccolo dettaglio del dating journey, ossia di ogni momento che accompagna l’inizio della conoscenza con un potenziale partner, dal primo messaggio fino al fatidico “ti amo”, dal primo selfie insieme, fino alla foto della prima vacanza di coppia. Tutti momenti che il 57% dei single Meetic dichiarano di essere pronti a vivere, specialmente in questa epocacosì controversa. Per il lancio della sua nuova campagna, Meetic ha voluto mostrare l’inizio di una relazione sin dai primi momenti, quando le persone iniziano a sentirsi coinvolte. Ecco quindi ritratto in uno spot il percorso di innamoramento, dal primo messaggio in chat fino al primo appuntamento. Due vite che si incontrano e, grazie a Meetic, diventano una sola. Per raccontare e rendere al meglio questo momento magico, Meetic e Marcel agency hanno scelto di usare lo “split screen” che consente di mostrare la vita dei single protagonisti contemporaneamente, entrambi immersi nel loro universo quotidiano, caratterizzato da una palette rappresentativa scelta per ognuno di loro. Grazie a Meetic, presenza costante come mobile app in tutti i frame dello spot, ripercorriamo le vicende che portano i single a incontrarsi e a godere del loro romantico primo appuntamento. Lo spot conduce lo spettatore in un piccolo viaggio che mette in risalto l’impegno di ognuno dei protagonisti, dalla ragazza che invita il proprio date ad una colazione improvvisata, piuttosto che a cena, all’artigiano che si impegna a creare un regalo in legno, fatto con le sue mani, per la ragazza musicista che dovrà incontrare, fino all’ultima storia che mostra l’accurata scelta di un luogo particolare per il primo appuntamento. E chi meglio del duo di registi Réalité, una coppia nella vita così come dietro la cinepresa, poteva creare la chiave giusta per incoraggiare tutti i single ad iniziare la loro personale storia vera? Quest’anno, Meetic e Marcel agency, si sono affidati ai registi spagnoli Jason Causse e Alba Solé (Big Productions) per realizzare un video che prosegue nell’intento del brand di mostrare momenti veri di impegno reciproco nella ricerca dell’amore, una promessa che Meetic desidera portare avanti ancora di più nel nuovo anno.  La campagna prevede ben 8 formati che saranno divulgati in altrettanti paesi: un formato da 60’’, vero e proprio inno ai single desiderosi di iniziare qualcosa di vero, 3 formati da 20’’ che svelano il momento iniziale delle 3 storie rappresentate e, infine, 4 formati da 10’’ focalizzati sui vari strumenti che l’app Meetic offre a tutti i suoi users (videochiamata, la profilazione di persone con interessi comuni e soprattutto gli eventi) ALa campagna è pianificata in tv, in radio e in tutti i canali digital supportata dai diversi formati, filtri e altri contenuti coinvolgenti. 

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy