ABBONATI

Triboo approva il Piano Industriale 2020-2022: ricavi in crescita da 76 milioni di euro del 2019 a 122 milioni previsti per il 2022

Autore: D Bologna

Marco Giapponese


Ieri, all’Hotel Four Seasons di Milano, sono stati svelati obiettivi, strategie e numeri del Gruppo attivo nel settore dell’ecommerce e dell’advertising digitale, quotato sul mercato MTA, sotto la guida dell’Amministratore Delegato, Riccardo Maria Monti

Si può partire dai numeri. Triboo ha approva il Piano Industriale 2020-2022 e ricavi sono in netta crescita, da 76 milioni di euro del 2019 (dato preconsuntivo) ai 122 milioni previsti entro il 2022 (CAGR +17%). Ma anche
la quota di Ebitda adjusted è in progresso, da 8,7 milioni di euro del 2019 (sempre un dato preconsuntivo) ai 18 milioni del 2022 (CAGR +28%). Poi, la posizione finanziaria netta, in miglioramento da 9,6 milioni in negativo al 31 dicembre 2019 (ancora un dato preconsuntivo) a 0,1 milioni in territorio positivo a fine 2022. La strategia del nuovo Piano si basa su quattro principali direttrici: ampliamento dei servizi offerti, innovazione tecnologica, evoluzione del modello organizzativo più efficiente e funzionale al business e ottimizzazione dei costi.

Forte accelerazione

Dunque,
il Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A., Gruppo attivo nel settore dell’ecommerce e dell’advertising digitale, quotato sul mercato MTA, sotto la guida dell’Amministratore Delegato, Riccardo Maria Monti, ha esaminato e approvato il Piano Industriale per il periodo 2020-2022. E ieri, a Milano, in una sala gremita dell’Hotel Four Seasons, la presentazione ufficiale. Oggi è un giorno importante per noi, nel quale raccontiamo una storia importante - ha esordito il Ceo -. Siamo davvero soddisfatti dei risultati conseguiti nel 2019 e l’esercizio 2020 è iniziato in forte accelerazione, potendo contare su un team manageriale rafforzato e una nuova organizzazione interna, basata su una strategica ridefinizione delle aree di business. Il nuovo Piano prevede una crescita sostenuta e un incremento della marginalità, facendo leva sull’ampliamento dell’offerta di servizi unitamente all’innovazione tecnologica che da sempre caratterizza Triboo” ha proseguito Riccardo Maria Monti.

NELLA PRIMA PAGINA Riccardo Maria Monti.jpg

Riccardo Maria Monti

 

La strategia

La strategia del nuovo Piano, come detto, si basa su quattro principali direttrici: sviluppo dell’ecommerce, grazie alla crescita organica del portafoglio di store online gestiti e ai nuovi brand partner, maggior impatto del B2B tramite accordi con i principali marketplace in tutto il mondo; piena integrazione delle recenti acquisizioni che contribuiranno alla crescita dei prossimi anni; incremento dei servizi di agenzia sui mercati internazionali, confermando il trend positivo e l’ampliamento dell’offerta sul mercato russo e su quelli asiatici; revisione della strategia in ambito media attraverso un modello organizzativo con una chiara visione industriale e un’ottimizzazione dei processi e dei costi. 
Il Piano riflette una strategica ridefinizione delle aree di business, così suddivise: T-Commerce, T-Agency, T-Mediahouse e T-Lab. 


Triboo 1.png

T-Commerce

Per quanto riguarda T-Commerce, si tratta di un’ASA focalizzata su nuove partnership e investimenti per ampliare l’offerta di soluzioni tecnologiche. Saranno perseguite una razionalizzazione degli store online gestiti, una crescita organica dei volumi del portafoglio clienti trainati anche dai megatrend di mercato, oltre ad accordi con i principali marketplace e all’applicazione di tecnologie basate sulla blockchain.

T-Agency   

Poi, c’è T-Agency, area di business dedicata ai servizi di agenzia digitale e performance marketing, sempre più al centro delle strategie delle aziende e delle scelte di investimento nelle politiche di omnicanalitа. La crescita sarа legata anche ai Paesi asiatici ed alla Russia, sulla base dei risultati raggiunti nell’ultimo anno. 


Triboo2.png

T-Mediahouse

E ancora, T-Mediahouse: l’ASA punta su una nuova strategia basata sulla qualitа dei contenuti editoriali verticali, tramite l’evoluzione della proposizione commerciale e del modello di business, con un focus evolutivo basato sulle esigenze del mercato, all’interno di cinque aree tematiche: green, finance, automotive, food, woman; potendo contare complessivamente su oltre 17 milioni di utenti unici mensili.

T-Lab 


Infine, T-Lab, area dove confluiranno progetti speciali e nuove iniziative del Gruppo. Tutto questo mentre lo scenario di mercato, a livello mondiale, mostra un tasso di crescita medio dell’ecommerce, nel triennio 2020-2022, pari al +17%, con un peso del fatturato generato dall’online rispetto al retail, che passa dal 16,1% al 20%1. 
I principali Paesi in termini di crescita di fatturato sono rappresentati da Cina, Usa, Uk, Giappone e Corea del Sud. Anche in Italia la crescita dell’ecommerce, nel periodo 2020-2023, viene prevista a doppia cifra, con i seguenti settori trainanti: arredamento, fashion e “food & personal care”. 
Lo scenario di mercato a livello mondiale mostra un tasso di crescita medio del digital advertising pari al +13% e in Italia del +9%3. Triboo è giа presente in tali Paesi, pronta a cogliere le opportunità di crescita grazie a investimenti mirati per la costituzione di filiali o operazioni di acquisizione realizzate negli anni precedenti

Gli elementi finanziari

I ricavi 2019 (dato preconsuntivo) sono, dunque, pari a 76 milioni di euro, in crescita rispetto ai 70 milioni registrati nel 2018; l’Ebitda adjusted (dato preconsuntivo) è pari a circa 8,7 milioni rispetto agli 8,6 milioni nel 2018 e l’Indebitamento finanziario netto è pari a 9,6 milioni al 31 dicembre 2019 (dato preconsuntivo) rispetto ai 6,1 milioni al 31 dicembre 2018. 
Intanto, Triboo, nel 2019, ha continuato a investire in operazioni di M&A e a stabilire solide partnership. A marzo dell’anno scorso, Triboo è diventata l’unica realtа italiana a detenere tutte le certificazioni per operare sulle tre principali piattaforme digitali cinesi: WeChat, Alibaba e Baidu. 
Poi, in data 9 aprile 2019 è stato acquisito il rimanente 32% di Triboo Direct e nel luglio 2019 il 100% di Koi Advertising, operante in Uk, Australia, India, Indonesia e Sudafrica, con sede a Londra. 
Ma non finisce certo qui, perché nel mese di aprile 2019 è stata siglata una joint venture in negli Emirati Arabi con International Luxury Group (ILG), player globale nel campo di licensing, progettazione, sviluppo, produzione e distribuzione di accessori moda di brand. Il ruolo di Triboo nella joint venture è quello di valorizzare, tramite l’ecommerce, importanti brand del fashion, del retail e del lusso. Infine, nel mese di dicembre 2019, Triboo ha acquistato una partecipazione pari all’8% del capitale di Bcame, ampliando la propria offerta di soluzioni tecnologiche avanzate.

Giovanni Marino.jpg

Giovanni Marino

 

Gli obiettivi

Il Piano approvato ieri ha come obiettivi ricavi in crescita da 76 milioni del 2019 (dato preconsuntivo) a 122 milioni nel 2022 (CAGR +17%), un Ebitda adjusted in crescita da 8,7 milioni del 2019 (dato preconsuntivo) a 18 milioni nel 2022 (CAGR +28%). L’Indebitamento finanziario netto migliora, dai 9,6 milioni di euro al 31 dicembre 2019 (dato preconsuntivo), raggiungendo, a fine 2022, una posizione finanziaria netta positiva per 0,1 milioni, come effetto del flusso di cassa della gestione operativa e minori investimenti nel Piano. L’obiettivo dei ricavi per l’esercizio 2022 risulta, dunque, pari a 122 milioni di euro, con un incremento di 46 milioni rispetto ai ricavi del 2019 (dato preconsuntivo), suddivisi fra le diverse ASA. In particolare, come è stato indicato nell’incontro di ieri, 23 milioni saranno derivati da T-Commerce, sia per crescita organica sia per il significativo contributo dei marketplace. Altri
17 milioni dovrebbero provenire da T-Agency, grazie al contributo delle attività di performance marketing in Spagna e Uk, dopo la piena integrazione delle acquisizioni effettuate, l’incremento dei servizi sui mercati asiatici e in Russia e 
delle attività di agenzia legate ai clienti di T-Commerce. 
Ulteriori dovrebbero essere garantiti da T-Mediahouse, grazie ad una nuova strategia commerciale e a un nuovo modello di 
business. Ma l’elenco è lungo, perché altri 
3 milioni dovranno arrivare da T-Lab, grazie a nuove opportunitа di business.

Questione di leadership

“La crescita del Piano Industriale 2020-2022 è mirata a consolidare la nostra leadership, soprattutto tramite investimenti previsti per circa 21 milioni di euro nell’arco dei prossimi tre anni, a supporto della tecnologia e dell’innovazione. Sono certo che Triboo diventerà sempre più, anche a livello internazionale, un punto di riferimento nel mondo digital” ha commenta Marco Giapponese, Direttore Generale del Gruppo.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/01/2022


The Ad Store porta in tv il nuovo spot di Calciatori Panini 2021-2022

È on air la nuova campagna dedicata alla collezione più attesa dagli appassionati di calcio di tutte le età: Calciatori Panini 2021-2022. Lo storico brand di figurine ha scelto, per il terzo anno consecutivo, la creatività di The Ad Store che, con il claim "Una passione che lascia il segno", porta in tv uno dei gesti più chiacchierati del calcio moderno: quello della VAR. "Strappa, incolla, scambia: l'album Panini è da sempre fortemente legato alla gestualità”, racconta Giulio Nadotti, Creative Director di The Ad Store. “Siamo partiti da questo insight sul prodotto e da una delle novità più importanti della collezione 2021-2022 - il nuovo formato delle figurine - per sviluppare uno storytelling basato su uno dei gesti più iconici del calcio italiano e dargli un significato tutto nuovo, ma soprattutto positivo legato all'atteso ritorno in edicola delle figurine dei calciatori". “La proposta di The Ad Store ci è piaciuta perché fa leva, in modo creativo, su una delle principali novità del nostro album, trasformando un gesto ormai noto in ambito calcistico, capace di creare suspance in tutti i tifosi, in un elemento decisamente positivo, identificabile con il nostro brand e al lancio della Collezione 2021-2022”, spiega Alessandro Folloni, Product Manager di Panini. Oltre alla tv, con diversi formati multisoggetto da 20”, 15” e 10”, la pianificazione prevede anche il digital - con attività social e di digital PR attraverso influencer e ambassador Panini. La produzione è di Fargo Film con la regia di Alessio Fava.   Credits Panini Antonio Allegra - Direttore Mercato Italia, Prodotti Collezionabili Alessandro Folloni - Product Manager - Collectibles Dept.   The Ad Store Giulio Nadotti - Creative Director Antonella de Gironimo - Senior Copywriter & Strategist Nicolò Amoretti - Art Director Daniele Iafulli - Copywriter Michele Febbroni - Client Director Marta Gerosa - Agency Producer   Fargo Film Nicolò Dragoni - Executive Producer Federico Mazzola - Executive Producer Alessio Fava - Director Martino Pellion Di Persano - DOP Lorenzo Casati - VFX

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy