ABBONATI

Sky lancia il nuovo servizio broadband Sky Wifi, dopo l’estate arriva la campagna firmata da M&C Saatchi

Autore: S Antonini


La pay tv diventa primo operatore triple play italiano; l’offerta realizzata in partnership con Open Fiber e Fastweb è disponibile ora solo per gli abbonati di 26 città italiane, a breve 120 per poi aprirsi ai nuovi clienti

Parte da 26 città italiane il nuovo Sky WiFi, il servizio broadband con cui Sky si avvia a essere il primo operatore triple play – tv, voce e internet – italiano grazie anche alla partnership strategica con Open Fiber e Fastweb, quest’ultima per la copertura delle aree non servite dalla prima. La nuova sfida della piattaforma satellitare è stata presentata ieri da Maximo Ibarra, amministratore delegato di Sky Italia. «Prima del lockdown – ha detto Ibarra – contavamo 44 milioni di download di contenuti, durante il lockdown sono saliti a 66 milioni. La forte spinta alla digitalizzazione di questi mesi ha fatto emergere il problema delle scarse infrastrutture italiane. Ai cittadini italiani serve banda larga, non solo per l’utilizzo passivo ma anche per quello attivo». Così Sky mette sul piatto 230 milioni di euro e assume 270 persone, mettendo già in conto di raggiungere entro l’estate 120 città, tra cui 5 quartieri di Roma.

Le campagne di lancio

Al momento e fino a dopo l’estate il servizio è riservato agli abbonati Sky residenti nei centri abitati raggiunti dal servizio, successivamente anche ai nuovi clienti. In questi giorni l’iniziativa è stata sostenuta da una campagna teaser rivolta in modalità addressable ai soli abbonati delle 26 città dove il servizio è già disponibile – tra cui ci sono Milano, Torino, Genova, Firenze, Bologna, Venezia, Bari, Napoli, Catania, Palermo, Cagliari - e che sono in possesso del set top box Sky Q. Dopo l’estate, quando la copertura sarà più estesa, partirà un lancio pubblicitario vero e proprio firmato da M&C Saatchi, mentre gli allestimenti nel punto vendita saranno curati da Integer.

Le caratteristiche tecniche

La nuova infrastruttura Ultra Network su cui si poggia il servizio garantisce un’esperienza di connettività estesa e stabile in grado di ottimizzare la qualità di streaming e upload a prescindere dal numero di device connessi allo stesso momento. L’infrastruttura interamente in fibra realizzata è realizzata ex novo avvalendosi del know how tecnologico di Comcast, azionista di riferimento di Sky che è già operatore leader tlc negli Stati Uniti, e di Sky UK che ha già lanciato il broadband. Grazie allo Sky Wifi Hub, il segnale viene distribuito in casa in modo stabile e omogeneo e attraverso l’App Sky Wifi è possibile gestire le funzionalità come se fosse un telecomando. Oltre a essere particolarmente efficiente sul fronte dei consumi energetici, la rete Ultra Network è in grado di modulare in modo “intelligente” la capacità di banda, ampliandola in funzione del traffico dati. Con Sky Wifi Hub è garantita la completa copertura del segnale anche in case di grandi dimensioni e su più piani.

L’offerta commerciale

Con questo servizio Sky propone un ecosistema pensato per le attività e le funzionalità future come quelle delle smart home e dell’internet delle cose. “E’ tutta un’altra casa” è lo slogan forse non del tutto casualmente lanciato dal giornalista di Sky Guido Meda che ha presentato il servizio dalla sua abitazione. Inoltre, è la naturale conseguenza sia della crescita dei consumi di contenuti attraverso internet, sia della contingenza che si è creata durante il lockdown. L’aumento degli ascolti televisivi nel corso della pandemia ha anche spinto da parte dei consumatori l’attivazione di nuovi abbonamenti soprattutto digitali. L’offerta prevede tre opzioni, la “Smart” a 29,90 euro al mese con un costo di attivazione una tantum di 49 euro, la “Ultra” per case di grandi dimensioni o su più piani a 32,90 euro al mese e un costo di attivazione di 99 euro. Entrambe le offerta hanno la voce a consumo ma se si vogliono includere le telefonate illimitate il prezzo è 37,90 euro con 99 euro di attivazione. A questi costi vanno aggiunti i vari pacchetti di contenuti, ma in futuro per i nuovi clienti arriveranno offerte bundle.

[fbvideo id=257147032377058]

La diffusione della banda larga

«Questo è il nostro modo di migliorare la vita quotidiana delle persone, ma anche di dare un contributo significativo alla diffusione della banda ultra larga nel nostro Paese – ha detto Ibarra -, un’esigenza che l’emergenza che abbiamo affrontato in questi mesi ha reso evidente a tutti noi». L’amministratore delegato ha dichiarato che attualmente il servizio è rivolto solo alla clientela residenziale ma in futuro non è escluso di includere l’area business come in UK.  Non sono previste altre collaborazioni oltre a Open Fiber e Fastweb, «e al momento non pensiamo di essere investitori in reti di altri operatori ma non lo escludiamo in futuro essendo Comcast anche un operatore». Per quanto riguarda la crisi del modello pay tv ha dichiarato che Sky punta sull’aggregazione e sull’equilibrio tra contenuti proprietari e quelli di terzi, ospitati dalla piattaforma per offrire al consumatore un’esperienza più semplice. Sul calcio «per la prossima stagione della Serie A stiamo aspettando la gara, al momento ci siamo resi disponibili a trasmettere le partite in chiaro ma ci deve autorizzare la Lega Calcio». A proposito del progetto di rete unica previsto anche dal piano presentato al Governo dalla task force guidata da Vittorio Colao «dal punto di vista concettuale è una soluzione positiva per il Paese, ma non si deve creare una rete all sale verticalmente integrata con solo un player presente in Italia».

Il commento di Open Fiber

“La partnership con una realtà di primo piano come Sky è un grande riconoscimento dell’efficace strategia industriale che Open Fiber sta perseguendo e del suo ruolo sempre più rilevante nel panorama nazionale e internazionale delle telecomunicazioni - ha dichiarato Elisabetta Ripa, amministratore delegato di Open Fiber -. L’unione tra i contenuti di altissima qualità di Sky e la rete integralmente in fibra ottica di Open Fiber aprirà la strada a nuovi servizi ed applicazioni nelle case degli italiani. L’ingresso di un nuovo attore nel mercato delle telecomunicazioni conferma, infatti, i vantaggi che il modello wholesale only di Open Fiber offre, garantendo parità di accesso alla rete a tutti gli operatori interessati”.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/11/2020


Enel Energia racconta Enel One nella nuova campagna firmata Saatchi & Saatchi

Da ieri, 4 novembre, è on air per quattro settimane la nuova campagna Enel One di Enel Energia, l’offerta di energia verde, con cinque piani tariffari a costo mensile fisso, per le famiglie con il contatore elettronico di seconda generazione. Vantaggiosa, sostenibile e smart, la nuova soluzione di Enel Energia permette di controllare e gestire i consumi con il salvadanaio digitale, direttamente dall’app. L’idea creativa sviluppata da Saatchi & Saatchi nasce da una riflessione sulla situazione attuale che vede le certezze e le abitudini delle famiglie cambiare ogni giorno. Con tono ironico e coinvolgente, lo spot tv illustra i cambiamenti che avvengono: sul lavoro, dove lo smart working ha ormai ridisegnato la routine, in famiglia, dove la digitalizzazione ha reso più smart anche i più grandi, e nel tempo libero, dove sono i figli a dare lezione ai propri genitori. In questo contesto, Enel One rappresenta la certezza di un’energia verde a costo fisso e la tranquillità di una soluzione che, almeno quando si tratta dei consumi, ci permette di tenere tutto sotto controllo. La multisoggetto è declinata su tv, radio, stampa e web con una creatività dinamica che andrà ad intercettare dei target specifici, veicolando di volta in volta dei messaggi personalizzati. La pianificazione web è stata curata dal centro media Starcom, che si aggiudicata la gara relativa e operera insieme a Sapient. Invece per tv, stampa e radio il planning è di Mindshare. Credits Creative Director: Manuel Musilli Art Director: Antonio Penco Copywriter: Marta Curcio Casa di Produzione: Think Cattleya Regia: Bellone&Consonni Fotografo: Daniele Baracco

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy