ABBONATI

Hasbro, il focus 2020-21 è sui responsabili di acquisto

Autore: D Sechi

Davide Neri


Le parole dell’Head of Media & ecommerce e Marketing manager franchise e games brand Hasbro Davide Neri, tra le incertezze del momento e le sicurezze di un brand dal prestigio assodato. L’azienda andrà a investire anche a livello di brand - più che di singolo prodotto – comunicando ai genitori i propri valori

Prosegue il viaggio nel mondo del giocattolo, tra punti vendita chiusi, distribuzione in crisi, la rete che arriva in soccorso, i bambini che cercano ristoro, le stagioni mancate, le strategie che mutano ogni settimana e si adeguano all’incertezza dominante. Dalle parti di Hasbro hanno deciso di puntare sull’offerta già consolidata, ma qualcosa dovrebbe cambiare nella comunicazione in vista del Natale. Ne abbiamo parlato con dell’Head of Media & ecommerce e Marketing manager franchise e games brand Hasbro Davide Neri.

Bambini da intrattenere, genitori improvvisamente liberi: non mi dica che il lockdown ha spinto il settore?

La difficile situazione che stiamo vivendo sta certamente avendo un impatto anche sul nostro mercato. A risentirne sono tutte le categorie, chi in misura maggiore e chi in misura minore. Le uniche due che sembrano vivere un momento di crescita importante sono Giochi in Scatola e Arts & Crafts, due categorie che sicuramente supportano i genitori a casa a intrattenere i propri figli con prodotti di qualità.

Negozi chiusi, non c’è da aggiungere altro sulle difficoltà estreme. Ma oggi l’ecommerce può salvare baracca e burattini?

Nonostante non possediamo una piattaforma ecommerce proprietaria, abbiamo osservato come questo canale di vendita sia cresciuto in maniera importante durante questo periodo di lockdown. Più che potenziare i nostri sforzi media, sono state fatte scelte diverse andando a concentrare l’attenzione sulle audience responsabili di acquisto e sull’offerta già esistente e consolidata a mercato, senza andare quindi ad aggiungere elementi di novità. Queste scelte hanno sicuramente pagato, probabilmente anche perché i nostri consumatori hanno riconosciuto un rifugio sicuro nei nostri brand.

Siamo in piena riapertura, socio-economica, ma per quel che concerne le strategie di marketing e comunicazione?

Le strategie di quest’anno sono volte a rafforzare in maniera sostanziale i nostri sforzi di comunicazione e presenza a scaffale nella season natalizia. Per la prima volta in qualche anno, poi, andremo ad investire anche a livello di brand – più che di singolo prodotto – comunicando ai genitori i nostri valori.

Qui però c’è anche da far fronte a stagioni che non si sono vissute, con l’interrogativo che ricade anche sulle prossime…

Purtroppo al momento non riusciamo ancora a prevedere cosa potrà succedere nella seconda parte dell’anno o comunque quando i consumatori si abitueranno a questa nuova realtà. Di certo c’è che alcune categorie nello specifico hanno vissuto un momento molto positivo negli scorsi mesi.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 17/05/2021


The Just Eat Delivery, il connubio tra calcio e cibo celebra Uefa Euro 2021

Una nuova creatività sbarca in Italia per raccontare il perfetto parallelismo tra calcio e cibo e il ruolo di Just Eat nel consegnare ai fan il loro cibo preferito, fornendo la migliore esperienza possibile di food delivery. Just Eat (www.justeat.it), app leader per ordinare online cibo a domicilio in tutta Italia e nel mondo, e parte di Just Eat Takeaway.com, leader mondiale nel mercato della consegna di cibo a domicilio, torna in tv con una nuova campagna sviluppata in occasione di Euro 2021, di cui è partner ufficiale a livello globale. L'obiettivo è di proseguire il percorso di consolidamento del brand come leader di mercato e ispirare a vivere il food delivery come una vera e propria emozione da condividere in ogni occasione. Lo spot, sviluppato sul concept creativo “The Just Eat Delivery”, ha infatti l’obiettivo di rafforzare la percezione di Just Eat come sinonimo di food delivery e top of mind brand capace di rendere speciali tutti i momenti passati da soli o in compagnia. Ecco allora che in occasione della celebrazione della sponsorizzazione del torneo, appuntamento tanto atteso dai tifosi di calcio ma non solo, il brand porta sul grande schermo il perfetto parallelismo tra calcio e cibo, attraverso un mix di immagini che alternano le azioni di una partita di calcio e le fasi del viaggio di un rider per portare il cibo preferito dal ristorante a casa del consumatore. Le richieste di Gigi Protagonista dello spot è la leggenda del calcio Gianluigi Buffon, il quale apre la porta di casa a un ignaro rider che rimane sbalordito nello scoprire che l’ordine è per il campione italiano. Altre icone del calcio saranno protagoniste della campagna "The Just Eat Delivery" per Just Eat Takeway.com in tutta Europa, tra cui Fernando Torres, Virgil van Dijk e Lukas Podolski. Energia positiva “Lo spot nasce dalla volontà di raccontare come il food delivery sia un alleato prezioso per esaltare tutti i momenti di convivialità gustando i propri piatti preferiti”, racconta Tiziana Bernabè, Brand & Partner Marketing Manager di Just Eat in Italia. “Non potevamo pensare a un momento migliore Europei, un appuntamento molto atteso nel quale vogliamo essere al fianco dei nostri clienti nel seguire i match, regalando loro la miglior esperienza possibile attraverso il nostro servizio. Per questo abbiamo voluto dare vita anche a una creatività che, attraverso le immagini e ai suoni, fosse capace di trasmettere quel senso di energia positiva che una partita di calcio e il gustarsi i propri piatti preferiti sono in grado di ispirare”. La campagna è on air nel formato da 15” sulle principali emittenti televisive e sui canali digital. L’idea creativa della campagna è di McCann London e Universal McCann ha curato la pianificazione.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy