ABBONATI

20 anni di Skuola.net, il fratello maggiore degli studenti

Autore: D Sechi

Marco Sbardella


Per il portale di riferimento degli studenti due decenni volati e ricchi di iniziative, di intuizioni, di successi e gratificazioni, con un’autorevolezza ormai riconosciuta anche da media e istituzioni. Il fondatore Marco Sbardella ci racconta il segreto di un brand divenuto iconico per generazioni di ragazzi

Quelle sortite nei bagni, quei passaggi di carta stropicciata tra i banchi, furtivi cenni di assenso, ma anche tavolate infinite e confuse tra appunti, libri, penne e compagni di scuola spettinati, con enciclopedie aperte a caso, con domande prive di un responso, con il dubbio, che si trasforma in preoccupazione e poi in angoscia, stavolta non ce la facciamo, stavolta non è la solita interrogazione, questa volta si tratta dell’esame di maturità!!!

Quante volte vi siete svegliati di soprassalto, 25-30 anni dopo il temibile appuntamento con il primo esame di Stato, impreparati come quella volta, con il peso schiacciante che in fase onirica diviene inesorabile? Ebbene, pensate che la solfa non è cambiata: nel 21esimo secolo si studia ancora, si fatica, ci si dispera, ma con la fortuna di avere un professore a portata di mano: proprio lui, Internet. Eppure, anche nell’ancora giovane storia della rete non sono state subito rose e fiori, al principio ci volle un’intuizione, ossia trasportare tutti quei foglietti di cui sopra, nonché i famigerati Bignami, strapazzati e sottolineati fino allo sfinimento, nella dimensione online. Creare un portale dove poter rintracciare gli appunti desiderati da studenti di medie, superiori e universitari.

L’idea venne nel 2000 a Marco Sbardella e Daniele Grassucci – al tempo compagni di scuola e vicini di banco - e nacque Skuola.net. Sbardella e Grassucci, all’epoca 16enni, si trovano oggi alla guida di un gruppo che non accenna a rallentare, perché tesoriere di uno dei beni più agognati dai giovani: la preparazione scolastica, perlomeno dignitosa, una fucina di perle inesauribile. E proprio con Marco Sbardella, Co-founder e Head of Marketing & Business Development di Skuola.net, abbiamo provato a fare un bilancio dei tanti obiettivi trasformati in realtà.

Skuola20-Copertina.png  

Sorpresi di aver toccato i venti anni?

«Certo al principio, come sempre o spesso accade, non si dava molto credito al progetto, eravamo anche piuttosto giovani, eppure eccoci qui. Come abbiamo fatto ad alimentare il fuoco? Abbiamo ascoltato le richieste e soddisfatto i bisogni degli utenti. Aggiornando, modificando, implementando, sempre concentrati sull’oggi e sul domani. Se oggi guardiamo indietro, ci accorgiamo che i ragazzi del 2000, i nostri primi utenti, non avevano a disposizione Google e neanche Wikipedia. Ma hanno cominciato ad appoggiarsi su Skuola.net e a creare, via via, quella che poi si è trasformata in una community, una famiglia.

E dire che la richiesta iniziale era avere a disposizione qualche appunto in più…

«Skuola.net ha cominciato a raccogliere decine di pagine di appunti corretti e oggi ci ritroviamo con un database di 200.000 appunti, un tesoro creato in due decenni. Nel corso del tempo si è creato un vero e proprio marketplace, con la possibilità per gli studenti di poter vendere i propri».

Nella storia dell’apprendimento scolastico, una delle ultime chance, la più famosa almeno è rappresentata dalla lezione privata, funzione che Skuola.net adempie con profitto

«È sempre stato difficile trovare un tutor, adatto alle singole circostanze, geograficamente vicino e, perché no, conveniente sul fronte dei prezzi. Su Skuola.net abbiamo aperto un marketplace dedicato a questo - Skuola.net | Ripetizioni - una sorta di Deliveroo dei professori di ripetizione: lo cerchi, leggi le valutazioni, lo scegli, vai da lui, lo fai venire, ti confronti via Skype. Skuola.net è un’esperienza maturata sul campo, una creazione progressiva di sovrastrutture che improvvisamente oggi si rivelano fondamentali, nel momento dell’improvvisa emergenza, con il Coronavirus che si impadronisce delle esistenze, con il lockdown che incombe e poi diventa realtà e con le scuole diventano la prime strutture a dover chiudere fino a chissà quando. Nonostante l’attuale difficoltà, possiamo contare su una scuola comunque informatizzata, sempre online. A testimoniarlo proprio la percentuale di chi riceve lezioni in rete, passata dal 25% all’80% in pochissimi giorni, già prima delle restrizioni».

Skuola20-Banner.png

Altri traguardi raggiunti?

«La creazione di una testata giornalistica dedicata ai giovani – guidata da Daniele Grassucci, Co-founder & Head of Content and Communication - con gli argomenti che poi vengono divulgati sui vari media. Come non citare poi la community, che può contare su 2 milioni di utenti social, su 2,5 milioni di iscritti al portale, su 5,5 milioni di accessi unici al mese al sito (dato medio unique browser mensili rilevata da Google Analytics). E poi, ancora, la web tv che vanta la partecipazione di esperti, influencer ma anche di politici, da Conte a Salvini passando per Di Maio e Renzi, solo per citarne alcuni. I ministri dell’Istruzione sono poi degli habitué: dal 2012 in poi ciascuno di loro è passato nei nostri studi. Per arrivare a quello che è divenuto un autentico format di successo: 'La notte prima degli esami', che nell'ultima edizione ha fatto registrare oltre 200.000 connessioni in streaming in diretta. Si tratta di piccoli-grandi passi avanti, anche di mutamenti di costume all’interno di un sistema che didatticamente purtroppo non è che sia cambiato poi così tanto dai tempi della riforma Gentile».

[youtube id=oYSxTHGggAo]

In retrospettiva, la vostra fu una vera e propria scommessa?

«Oggi pubblichiamo libri che provano a raccontare i lavori del domani, perché conosciamo l’argomento, l’abbiamo provato sulla nostra pelle. Partivamo da contesti famigliari legate comunque alla scuola, eppure non c’era questa grande fiducia. Oggi magari potrebbe essere più facile trovarsi, capire la propria indole, il talento e assecondarlo. Le famiglie sono cambiate, diverse: ora i genitori sono meno presenti, lavorano tutti, educano meno, ci sono anche più separati, tutte situazioni che incidono».

Intanto i numeri vi danno ragione

«Dopo venti anni cresciamo sempre a due cifre, nel 2019 abbiamo chiuso con un +30%. Siamo ormai in 25, distribuiti tra Milano e Roma. Recentemente, abbiamo acquisito 2 portali: Matematicamente.it, che aggiunge un milione di utenti al nostro traffico, e Sostudenti.it, un lifestyle universitario acquisito da Scuolazoo. Abbiamo creato un’agenzia che si muove anche offline, che va fisicamente dentro le scuole e le università. Le aziende, grazie all’azione congiunta con la nostra concessionaria Mediamond, si affidano sempre più spesso al nostro operato, si pensi ai recenti casi di Durex, Ferrero, Facebook, ecc. Annualmente realizziamo un diario scolastico, pubblicato assieme a Panini, con una tiratura di 50mila copie. E poi ci sono le l'App, scaricate da oltre 1 milione di utenti».

Cosa si cerca di più all’interno di Skuola.net?

«Senza dubbio matematica e latino per lo studio e informazioni su tematiche giovanili e orientamento. Ogni disciplina ha comunque il suo spazio. Ma Skuola.net è importante anche per quel che concerne l’edutainment, tra education e entertainment, siamo come un fratello maggiore. Si viene da noi per cercare appoggio, autorevolezza, anche i politici sono disponibili al confronto con i giovani sulla nostra piattaforma il che non è banale. Un ambiente tra l’altro safety, molto controllato».

Chi investe su di voi?

«Un po’ tutti. Negli anni abbiamo visto aumentare il portafoglio clienti in termini di industry rappresentate e di esigenze soddisfatte. Skuola.net oggi infatti rappresenta una realtà del tutto peculiare per chi ha bisogno di comunicare ai giovani e nel contempo non limitarsi solo alla pianificazione media, al branded content o l'influencer marketing, magari gestite con soggetti diversi e senza organicità. Da noi possono fare tutto questo e anche di più, ovvero conoscere meglio il target attraverso le survey, sviluppare progetti di pubbliche relazioni e, più in generale, di posizionamento strategico. E la soddisfazione dei clienti si misura con la fedeltà di rapporti di partnership che in alcuni casi durano da anni. Chi stabilisce un rapporto diretto con Skuola.net tende a mantenerlo, perché ci riconosce serietà, credibilità ed esperienza per dialogare con le nuove generazioni. C'è solo un settore che ancora ci resiste: l'automotive. Eppure oggi più che mai occorre fare breccia su questa generazione, altrimenti destinata a vivere l'automobile sempre più come una commodity e quindi a non legarsi a un brand specifico».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 27/05/2020


Nasce l’ibrido Lancia: Nuova Ypsilon Hybrid EcoChic, on air con Armando Testa

Tutte le novità tecniche e commerciali saranno presentate durante la conferenza stampa virtuale di giovedì mattina dalla Responsabile del brand Lancia Antonella Bruno e dal Responsabile Mercato Italia di FCA Emea Santo Ficili ma, intanto, il lancio pubblicitario della Nuova Ypsilon Hybrid EcoChic è già partito in questi giorni con la campagna ideata da Armando Testa e pianificata da Starcom su tv, stampa e digital. Nello spot, girato da Ago Panini con produzione di Movie Magic, come un portale che si apre nel "grande blu”, lo spazio limitato di una piscina sul terrazzo di un grattacielo, diventa all’improvviso uno scenario inaspettato, emozionante e senza confini. Una donna, attirata da alcuni riflessi di luce sul fondo della piscina, si immerge e nuota perdendosi nella profondità. In questa dimensione onirica si scopre che i bagliori provengono da alcune meduse, che attraverso la propria luminosità, la guidano verso una forma misteriosa, che si svelerà appunto essere la Nuova Ypsilon Hybrid EcoChic. Lentamente e in modo sempre più sinuoso, le meduse svelano i particolari dell’auto, mentre la donna, rapita dalla bellezza della Ypsilon, fluttua danzante. Infine, l’auto emerge dalle profondità e i bagliori delle meduse, trasformandosi nelle luci della città, ne rivelano la reale natura: ora la Ypsilon Hybrid EcoChic sfila per le strade della metropoli notturna e scintillante che le fa da sfondo. Credits Direzione creativa: Raffaele Balducci Art: Davide Cortese e Claudio Nicoli  Copy: Elisa Infante  Musica a cura di Flavio Ibba, Red Rose Productions

LEGGI

Correlati

img
media

Autore: S Antonini - 05/06/2020


TER con GfK analizza la fruizione della radio in “fase 2”, in crescita del 20% rispetto al lockdown; l’autoradio torna centrale

Con la “fase 2” GfK ritorna sul tema della radio per capire in che modo evolvono le dinamiche dell’ascolto radiofonico con la ripresa della mobilità. Come c’era da aspettarsi, riprende quota l’autoradio come strumento di fruizione mentre durante il lockdown l’ascolto era ovviamente diminuito sul quel fronte. La prima indagine “L’ascolto della radio al tempo del Covid – Fase 1”, realizzata dall’istituto di ricerca per Tavolo Editori Radio e presentata a metà dello scorso aprile, ha infatti rivelato un calo del 17% nel periodo del confinamento; mentre con il ritorno alla normalità si assiste a una crescita fino al 20%, con frequenze di ascolto vicine ai livelli pre Covid. Fondamentalmente, nella “nuova normalità” che si sta configurando l’autoradio torna centrale nel consumo del mezzo. Contemporaneamente, la multicanalità che si è instaurata in questo periodo si rafforza con l’aumento dell’ascolto. In buona sostanza, più si ascolta la radio, più device si utilizzano. Intanto il Presidente di TER Marco Rossignoli ha annunciato la ripresa della ricerca RadioTER a partire dal 16 giugno, mentre i dati pubblici relativi alla wave del primo trimestre 2020 segnalano un ascolto complessivo nel giorno medio pari a 34.061.000 di persone, con un calo del 2% sullo stesso periodo del 2019 nonostante – fa notare Rossignoli - l’impatto del coronavirus esercitato a partire dall’8 marzo. La rilevazione RadioTER del secondo trimestre 2020 è stata interrotta per via delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria. Il sentiment in “fase 2” La nuova ricerca parte da un presupposto: la preoccupazione per il Covid è ancora ben presente nel 44% degli italiani alla vigilia dell’apertura del 4 maggio, ma con un 20% di contrazione rispetto all’ultimo mese. La fonte del dato è l’Osservatorio GfK sui consumi, secondo cui nel Paese c’era voglia di normalità: molto forte il desiderio di vedere gli amici, di viaggiare, di fare shopping, uscire, andare in palestra o dal parrucchiere. La stessa richiesta di normalità, o di una “nuova” normalità viene fatta all’advertising: dalle aziende ci si aspetta che continuino a comunicare ma in modo diverso. Per quanto riguarda la mobilità, dal 3 giugno si nota la ripresa degli spostamenti dei veicoli leggeri mentre quelli pesanti si mantengono sugli stessi livelli. Se in “fase 1” i lavoratori fuori casa erano il 22,6%, nella “fase 2” sono il 46%, a cui si aggiungono coloro che escono per altre attività. L’utilizzo dell’auto in “fase 2” è quasi al 77% anche perché le persone non si fidano ancora a prendere i mezzi pubblici. L’andamento del mezzo La ricerca GfK rivela una crescita progressiva degli ascolti radiofonici a partire dal 4 maggio 2020 con un +7,4% nella prima settimana, un +11,6% nella seconda e un +20% nella terza. Anche la frequenza di ascolto, che peraltro non aveva subito forti cali in “fase 1”, è in ripresa e si sta avvicinando ai livelli precedenti l’emergenza. Infine crescono i tempi di fruizione: +21% nell’ascolto complessivo, +18% negli ultimi 7 giorni, +13% in auto. «Alcune abitudini d’ascolto emerse durante il lockdown si stanno assestando» spiega Giorgio Licastro, media research director di GfK. I trend rivelano che le modalità di ascolto di oggi sono una sorta di “mix” tra pre-Covid ed emergenza: «Bisogna capire se stiamo tornando alle modalità di ascolto di un tempo, oppure se si sta imponendo una “nuova normalità” anche in questo ambito». Giorgio Licastro, media research director GfK   Per esempio, “tengono” le curve di ascolto più omogenee rispetto ai picchi pre-Covid, e “tiene” l’ascolto presso i giovanissimi della Generazione Z che contribuiscono a mantenere alti i livelli dell’abitazione come luogo di ascolto nonostante la ripresa dell’auto, anche perché in casa la radio diventa una compagna per i momenti di relax. Contemporaneamente si assiste alla tenuta dei vari device diversi dall’autoradio e dagli apparecchi tradizionali che a breve riprenderanno il loro ruolo pre-Covid presso lavoratori e pubblico maschile la prima, e pubblico maturo e donne la seconda. Le nuove scoperte, cellulari e tv, in futuro dovrebbero mantenere gli attuali livelli di utilizzo, così come gli smart speaker che potrebbero vedere una ripresa. Stabile il tablet, il pc vedrà un ritorno alla normalità. In questo quadro si inserisce il lancio di Radioplayer Italia, la app per l’ascolto via IP, che registra un buon livello di apprezzamento e di intenzione di utilizzo presso chi non l’ha ancora scaricata.

LEGGI
img
media

Autore: V Parazzoli - 05/06/2020


Per Andrea Monti voci di uscita dalla Gazzetta dello Sport, con Stefano Barigelli nuovo Direttore: potrebbe andare a guidare la Comunicazione di Milano-Cortina 2026

Dopo quella, ufficializzata, dell’uscita da RCS MG, di cui sarà Direttore Generale Pubblicità fino all’11 giugno, di Raimondo Zanaboni, per il Gruppo di cui è Presidente Urbano Cairo se ne annuncia un’altra di peso e, cioè, quella del Direttore della Gazzetta dello Sport Andrea Monti. Per ora non c’è ancora nulla di concreto, ma già si parla di un possibile approdo di quest’ultimo al Comitato Milano-Cortina 2026 come Direttore delle Relazioni esterne e di tutta l’Area Comunicazione. Ambito dove potrebbe ritrovare proprio Zanaboni, per il quale pure si vocifera di un prossimo arrivo con un ruolo di vertice nell’organizzazione delle Olimpiadi Invernali che si terranno tra 6 anni. E per quanto riguarda la rosea, come “naturale” eventuale sostituto di Monti, che la dirige da oltre 10 anni, viene indicato l’attuale Condirettore Stefano Barigelli, che era ritornato alla Gazzetta, dove era già stato in precedenza Vicedirettore Vicario, poco più di due anni fa. Nel caso, Monti lascerebbe la Gazzetta in un momento inevitabilmente delicato anche per i quotidiani sportivi e, in particolare, proprio per la Gazzetta, che è leader di segmento e che più ha risentito delle conseguenze della pandemia, soprattutto al Nord e per via della chiusura dei bar, con una perdita, a marzo, che potrebbe anche essere peggiorata in aprile e maggio, del 43,16% delle copie (carta più digitale) rispetto allo stesso mese del 2019, scendendo da 150.000 copie medie (160.000 al lunedì) a 84.000 (e 89.000 al lunedì secondo gli ADS), con una contrazione inevitabilmente anche della raccolta pubblicitaria.

LEGGI
img
media

Autore: S Antonini - 03/06/2020


RTL 102.5: radiovisione in crescita a 1,8 milioni di spettatori durante il lockdown, gli ascolti tengono grazie al simulcast

Può sembrare un paradosso, ma durante il lockdown RTL 102.5 ha riscoperto i numeri che genera in tv grazie alla radiovisione, vale a dire la messa in onda in simulcast del palinsesto radiofonico sul mezzo televisivo. Durante i giorni di confinamento casalingo forzato si è verificata un’impennata complessiva delle audience del piccolo schermo che ha investito anche il network radiofonico guidato dai fratelli Lorenzo e Virgilio Suraci, permettendogli di tenere sul fronte degli ascolti in un momento in cui il crollo della mobilità rischiava di far accantonare un medium fruito principalmente in auto. «Secondo i dati Auditel, durante il confinamento a casa abbiamo avuto una media d’ascolto giornaliera di 1,8 milioni di ascoltatori al giorno contro l’1,1 milioni del “prima”, e con punte di oltre 2 milioni» spiegano Lorenzo, presidente di RTL 102.5, ammiraglia del gruppo cui fanno capo anche gli altri due brand Radiofreccia e Radio Zeta, e Virgilio, alla guida della concessionaria Open Space. Poca duplicazione tra radio e tv Queste performance «ci hanno permesso di illuminare i dati Auditel a cui non abbiamo dato particolare peso fino a ora. Grazie alle analisi di Nielsen Media Impact – prosegue Virgilio - sappiamo che nel nostro sistema crossmediale la sovrapposizione degli ascolti tra radio e tv è molto bassa. Ma fino a ora non abbiamo mai tenuto conto i dati Auditel e pur non determinando cambiamenti nell’offerta commerciale le evidenze emerse in questi giorni ci hanno aperto gli occhi sui nostri reali risultati e su quello che sappiamo fare». Aggiunge Lorenzo: «Abbiamo regalato al mercato un milione di ascoltatori che non abbiamo mai valorizzato anche per via dei “lyrics” (format ideato dalla concessionaria appositamente per la radiovisione e collocato al posto degli spot radiofonici, ndr)». Il valore della radiovisione L’obbligo di restare a casa ha messo tutti quanti davanti alla televisione «e i dati dimostrano che il nostro prodotto ha un senso anche in tv, oltre al fatto che abbiamo presidiato sia la richiesta di informazione, sia quella di svago con il nostro intrattenimento e la nostra offerta musicale» continuano i fratelli Suraci. «Inoltre – sottolineano - siamo gli unici ad avere un vero e proprio prodotto in simulcast, con lo stesso contenuto su tutte piattaforme. Questa offerta è coerente con la fidelizzazione delle audience, che caratterizza l’ascolto radiofonico». RTL 102.5 è leader nelle audience con 7,4 milioni di ascoltatori nel giorno medio (dati Tavolo Editori Radio – TER 2019); al gruppo fanno capo anche Radiofreccia, con oltre 1,2 milioni di ascoltatori, e Radio Zeta con 685mila ascoltatori. «Durante il lockdown – commenta Virgilio - è stato fatto passare il concetto che la radio era sparita dai radar degli ascoltatori perché non si viaggiava più in auto: invece la possibilità di ascoltare la radio attraverso tutti i device ha permesso una certa tenuta delle audience (che secondo uno studio di GfK si sono ridotte solamente del 17%, ndr), e nel nostro caso la radiovisione ci ha permesso di recuperare ascolti». Una ripresa lenta Nel frattempo, sono usciti i dati relativi agli investimenti pubblicitari del primo trimestre 2020. A marzo, il mezzo radio ha perso il 41,6% dei ricavi e grazie ai parziali in forte crescita di gennaio (+11,8%) e febbraio (15,7%) il cumulato si è chiuso con una contrazione dell’8,9%. «La ripresa sarà sicuramente molto lenta. Ma non potendo prevedere cosa succederà in futuro dobbiamo cominciare a guardare avanti con un atteggiamento positivo» commenta Virgilio Suraci. «In ogni caso – prosegue -, la radio ha tenuto e noi di RTL 102.5 in particolar modo grazie alla nostra radiovisione, che ci ha permesso di fare fronte al calo di ascolti dall’autoradio registrati da tutto il comparto». Durante il periodo di lockdown la Open Space ha proposto ai suoi clienti la possibilità di uscire in comunicazione con degli spot emozionali ideati dalla concessionaria a cui venivano associati i brand «con l’obiettivo di tenere alto il ricordo in un momento in cui c’era poca propensione a fare campagne. Invece di fare leva sui prezzi abbiamo preferito lavorare su creatività che fossero in linea con lo spirito del momento e per fare in modo che i marchi rimanessero nella memoria dei nostri ascoltatori». In questi giorni tutti gli editori riuniti hanno lanciato la campagna collettiva “I love my radio” che festeggia 45 anni di radio commerciale e che dovrebbe concludersi con un evento il prossimo ottobre: «Una sorta di “richiamo” al mercato per fargli capire che la radio era, ed è, più viva che mai» commenta Lorenzo Suraci. La fase 2 del gruppo RTL 102.5 Nel nuovo scenario che si è aperto dopo il 4 maggio 2020, il gruppo RTL 102.5 conferma le misure prese durante il lockdown almeno fino a che i numeri del contagio a Milano e limitrofi non saranno più che tranquillizzanti: «La sicurezza innanzitutto – afferma Lorenzo Suraci -. Continueremo con presenze in sede molto contingentate, e la maggioranza degli addetti in smart working. Noi ci siamo mossi subito anche sul fronte della gestione e della salvaguardia dell’azienda, presidiando la pubblicità e cercando di limare i costi. Stiamo mettendo a fuoco una strategia di utilizzo ottimale delle nostre risorse su tutti i fronti e lavorando alla valorizzazione delle nostre tre radio. Ci muoviamo da soli: al momento non ci sono forme di aiuto per la radiofonia».

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy