ABBONATI

La calda estate di Waze: con Danone lungo le stazioni di ristorazione nazionale

Autore: D Sechi

Dario Mancini


La social navigation app utilizzata da oltre 130 milioni di utenti in tutto il mondo e l’azienda leader del settore food & beverage hanno lavorato al lancio del nuovo prodotto Alpro Caffè. Il Regional Manager Italy & EMEA Emerging Markets di Waze Dario Mancini ci spiega obiettivi, format utilizzati e risultati conseguiti

Estate 2019, ma potrebbe essere anche la prossima, o quelle di anni passati, anche perché, in ogni caso, si viaggia, ci si sposta, per lunghi o per brevi tratti, ma intanto il movimento è d’obbligo e, tra le altre cose, ad aumentare esponenzialmente è anche il numero dei veicoli che percorrono le autostrade. E anche la comunicazione deve adattarsi, deve quasi rincorrere l’utente, oppure farsi trovare pronta, in un punto preciso, come in un appuntamento. Poi, da anni c’è anche Waze, che studia, analizza, lavora sul mondo della mobilità. È una piattaforma che consente alla community di contribuire ai dati stradali ed editare le mappe per migliorare il modo in cui ci spostiamo nel mondo. Waze è in grado di istituire anche partnership con municipalità ed enti di trasporto per ridurre il traffico e la congestione stradale attraverso il programma di scambio gratuito di dati “Waze for Cities”. Dario Mancini, fresco di nomina a Regional Manager Italy & EMEA Emerging Markets di Waze, sullo sfondo dello IAB Forum ci ha tolto qualche curiosità e raccontato l’ultimo caso, guarda caso baciato dall’ultimo, in ordine di tempo, sole estivo.

Lavorate a stretto contatto con i municipi, date la possibilità di segnalare pericoli in strada, ma sempre in forma gratuita. Come monetizzate?

«È vero, la piattaforma di Waze è utilizzabile dagli utenti in modo gratuito perché segnalando eventuali pericoli o incidenti, aiutano concretamente tutta la comunità. Inoltre, sempre gratuitamente, l’app fornisce i dati anonimizzati alle municipalità affinché possano migliorare la viabilità cittadina. In aggiunta a questi servizi offerti gratuitamente, la nostra è un’applicazione che si muove attraverso la pubblicità, quindi la monetizzazione c’è e sta crescendo a doppia cifra».

Come “catturate” l’utente automobilista?

«Il tutto avviene attraverso tre passaggi: Branded Pin, Branded Take Over; Sponsor Search. Dal location marketing siamo arrivati al Destination Marketing. A differenza del location marketing dove il focus è esclusivamente geografico Waze aggiunge la possibilità di analizzare il contesto e l’intento diventando così uno strumento per portare i consumatori dalla loro auto direttamente allo store. Questo perché Waze offre più insight a livello di misurazione, infatti abbiamo ideato un nuovo KPI chiamato Navigation Market Share che partendo dal   numero di persone che attivano una navigazione verso un punto vendita permette di monitorare l’intero settore e contestualizzare i risultati della propria performance rispetto alla concorrenza così da definire una strategia pubblicitaria ancora più efficace.».

La scorsa estate avete lanciato un’iniziativa con Danone che ha portato non pochi risultati…

«Da giugno ad agosto, abbiamo collaborato con Danone per sviluppare una soluzione unica e su misura per il lancio di Alpro Caffè con l’obiettivo di aumentare la brand awareness del prodotto e incentivare le navigazioni dei potenziali consumatori».

Che formati avete utilizzato?

«Per la campagna, attiva su un totale di 198 stazioni di servizio suddivise tra 178 punti Autogrill e 20 MyChef, sono stati utilizzati tre nostri formati pubblicitari con una modalità di visualizzazione personalizzata: Pin brandizzati e geolocalizzati per consolidare la presenza sulla mappa e aumentare la location awareness; per comunicare in modo efficace l’offerta e aumentare la considerazione, abbiamo attivato il formato Takeover che appare sullo screen quando l’automobilista dista 10 chilometri dal punto vendita; infine la Search gratuita per accrescere l’engagement e incentivare il drive to store».

Che numeri avete ottenuto?

«Sono state 6.3 milioni le impression registrate, più di 1 milione di utenti raggiunti e quasi 10mila navigazioni attivate sull’app. L’efficacia della campagna attivata da Danone e Waze si conferma anche grazie ai dati relativi all’ad recall e alla navigation lift, rispettivamente +247% e +83%. Risultati che sono un’ulteriore conferma del nostro andamento in Italia nel 2019, in cui la media nazionale rivela che un automobilista esposto ad adv su Waze ha il 47% di probabilità in più di dirigersi verso un negozio e che le navigazioni verso i retailer sono aumentate di ben 43 punti percentuali».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 17/05/2021


The Just Eat Delivery, il connubio tra calcio e cibo celebra Uefa Euro 2021

Una nuova creatività sbarca in Italia per raccontare il perfetto parallelismo tra calcio e cibo e il ruolo di Just Eat nel consegnare ai fan il loro cibo preferito, fornendo la migliore esperienza possibile di food delivery. Just Eat (www.justeat.it), app leader per ordinare online cibo a domicilio in tutta Italia e nel mondo, e parte di Just Eat Takeaway.com, leader mondiale nel mercato della consegna di cibo a domicilio, torna in tv con una nuova campagna sviluppata in occasione di Euro 2021, di cui è partner ufficiale a livello globale. L'obiettivo è di proseguire il percorso di consolidamento del brand come leader di mercato e ispirare a vivere il food delivery come una vera e propria emozione da condividere in ogni occasione. Lo spot, sviluppato sul concept creativo “The Just Eat Delivery”, ha infatti l’obiettivo di rafforzare la percezione di Just Eat come sinonimo di food delivery e top of mind brand capace di rendere speciali tutti i momenti passati da soli o in compagnia. Ecco allora che in occasione della celebrazione della sponsorizzazione del torneo, appuntamento tanto atteso dai tifosi di calcio ma non solo, il brand porta sul grande schermo il perfetto parallelismo tra calcio e cibo, attraverso un mix di immagini che alternano le azioni di una partita di calcio e le fasi del viaggio di un rider per portare il cibo preferito dal ristorante a casa del consumatore. Le richieste di Gigi Protagonista dello spot è la leggenda del calcio Gianluigi Buffon, il quale apre la porta di casa a un ignaro rider che rimane sbalordito nello scoprire che l’ordine è per il campione italiano. Altre icone del calcio saranno protagoniste della campagna "The Just Eat Delivery" per Just Eat Takeway.com in tutta Europa, tra cui Fernando Torres, Virgil van Dijk e Lukas Podolski. Energia positiva “Lo spot nasce dalla volontà di raccontare come il food delivery sia un alleato prezioso per esaltare tutti i momenti di convivialità gustando i propri piatti preferiti”, racconta Tiziana Bernabè, Brand & Partner Marketing Manager di Just Eat in Italia. “Non potevamo pensare a un momento migliore Europei, un appuntamento molto atteso nel quale vogliamo essere al fianco dei nostri clienti nel seguire i match, regalando loro la miglior esperienza possibile attraverso il nostro servizio. Per questo abbiamo voluto dare vita anche a una creatività che, attraverso le immagini e ai suoni, fosse capace di trasmettere quel senso di energia positiva che una partita di calcio e il gustarsi i propri piatti preferiti sono in grado di ispirare”. La campagna è on air nel formato da 15” sulle principali emittenti televisive e sui canali digital. L’idea creativa della campagna è di McCann London e Universal McCann ha curato la pianificazione.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy