ABBONATI

Hearst: da novembre ELLE Italia diventa settimanale con alla direzione Maria Elena Viola. Chiude Gioia!

Autore: V Parazzoli


Le redazioni delle due testate si integrano e Antonella Antonelli ne diventa creative director, mantenendo il ruolo che già riveste di Fashion Vice President at Large del Gruppo, il cui Ceo Giacomo Moletto ha spiegato ieri le ragioni della decisione

Importanti novità sul fronte strategico ed editoriale per Hearst Italia, che ha deciso di dare una periodicità settimanale a ELLE Italia, ciò che avverrà a partire da inizio novembre, contestualmente alla chiusura di Gioia!, come ha deciso Giacomo Moletto, Ceo di Hearst Italia e Western Europe. In pratica, il Gruppo porterà il suo marchio più forte nel segmento dei settimanali moda, mentre la sua ultima uscita come mensile è prevista il 16 ottobre.

Nella sua nuova periodicità, ELLE Italia uscirà al giovedì, come avviene attualmente per Gioia!. Presente in Italia dal 1987 e leader nel segmento dei mensili fashion per diffusione e numero di pagine pubblicitarie, ELLE si accinge, quindi, a entrare nell’arena dei settimanali moda, il segmento più ricco di pubblicità per i periodici italiani, con l’obiettivo dichiarato di conquistarne la leadership.

Lanciato in Francia come settimanale femminile nel 1945, ELLE, brand di proprietà di Lagardère Active, si è rivelato, del resto, subito un enorme successo, diventando velocemente il primo fashion media del mondo con un network che conta attualmente ben 45 edizioni. La testata Hearst Italia diventa, quindi, la prima edizione del network a puntare sulla periodicità di carattere settimanale. A maggio, ha registrato una diffusione di 172.932 copie, mentre per Gioia!, sempre valutando i dati ADS, ne riporta una, relativa a giugno, di 165.257.

Il team

Per raggiungere questo ambizioso traguardo, Hearst Italia costituisce la redazione stampa e digital più forte e numerosa del settore, con eccellenze nella moda, ma anche nel beauty e nell’attualità. Al gruppo originario di ELLE mensile si aggiunge, infatti, tutta la redazione di Gioia!. Maria Elena Viola, che guida Gioia!, ha assunto da ieri la carica di Direttore Responsabile anche di ELLE, affiancata da Antonella Antonelli, Creative Director ELLE, che avrà il compito di guidare l’immagine e il posizionamento moda. Antonelli mantiene anche la carica di Fashion Vice President at Large di Hearst Italia, che aveva assunto dopo essere stata a sua volta direttore di Marie Claire prima di Antonella Bussi.

Ai vertici della redazione di ELLE: Elena Mantaut (direttore a interim del mensile) è Vice Direttore Vicario Attualità; Benedetta Dell’Orto (attuale capo redattrice moda del mensile) è Vice Direttore Vicario Moda, affiancando Alberto Zanoletti; Claudia Valeriani e Michela Gattermayer (attuali vicedirettori di Gioia!) sono vicedirettori centrali. Il progetto grafico di ELLE è affidato a Pilar Ibanez, Art Consultant del magazine. La redazione di elle.it à guidata da Paola di Marcantonio, Digital Managing Editor con Barbara Digiglio, Deputy Digital Managing Editor.

I commenti

“ELLE diventa settimanale perché siamo fortemente convinti che con qualità dei contenuti, coerenza di posizionamento fra print, digital e social, e un brand internazionale così forte, si possano appassionare le lettrici, fornire un media efficace ai clienti pubblicitari e far crescere i fatturati. Cadenza e contenuti di un settimanale moda, e del suo sito, consentono più potenziale di crescita rispetto a un mensile - dichiara Moletto -: inoltre, lo storico successo dell’edizione francese conferma come ELLE sappia combinare il DNA del settimanale con un’immagine moda particolarmente qualitativa, potendo anche contare su collaboratori quali fotografi e modelle che abitualmente privilegiano le fashion bible mensili. In più, grazie al network internazionale, i nostri partner avranno l’opportunità di sviluppare progetti di comunicazione multimediale di respiro internazionale”.

“Siamo veramente contenti e fieri della decisione strategica di ELLE Italia. ELLE Italia è il primo magazine del network a essere pubblicato su base settimanale, seguendo le orme della sorella maggiore ELLE Francia. Questo passaggio è la dimostrazione del valore del brand ELLE in un mercato, quello italiano, fondamentale per fashion e luxury” afferma François Coruzzi, Ceo ELLE International Media Licenses & Ceo Lagardère Global Advertising. In linea con la visione della sua fondatrice Hélène Lazareff, “du sérieux dans la frivolité et de l’ironie dans le grave” - “ironia nelle cose serie, serietà nelle cose frivole” - ELLE è il femminile che considera la donna la vera energia della società e la protagonista del cambiamento. Il nuovo ELLE va in questa direzione, a rafforzare il senso di appartenenza a un mondo di valori condivisi da un network di 45 edizioni globali.

Il network

Oggi il network di ELLE, inclusa la Francia e le edizioni internazionali, raggiunge più di 22 milioni di lettori in tutto il mondo: 45 edizioni di ELLE in 43 Paesi, 25 edizioni di ELLE Decoration (tra cui ELLE Decor nel nostro mercato, dove mantiene la sua cadenza mensile), 5 edizioni di ELLE à Table, 3 di ELLE Men e una di ELLE Girl. Rappresenta 46 siti web locali e conta circa 100 milioni di visitatori unici al mese. Lagardère Active, proprietario dei marchi di ELLE & ELLE Decoration, è partner di prestigiose case editrici in tutto il mondo, con contratti di licenza, ed è una delle quattro filiali di Lagardère SCA, insieme a Lagardère Publishing (Libri ed e-Publishing), Lagardère Travel Retail e Lagardère Sports and Entertainment.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 02/12/2022


Gruppo Siemens sceglie in forma diretta Mediaplus come sua principale agenzia media globale

Il Gruppo Siemens ha nominato Mediaplus come sua agenzia media globale principale con effetto immediato. L’incarico copre la strategia media, la pianificazione e l'acquisto di tutti i media tradizionali e digitali, ad eccezione della search. Uno dei punti focali del Gruppo Siemens, presente in 190 Paesi, è la consulenza strategica e la creazione di una campagna digitale innovativa. Il budget è stato assegnato senza gara. Il team di Mediaplus aveva già dimostrato la sua esperienza su base progettuale con la concezione e l'implementazione della campagna globale Xcelerator di Siemens. Nella nuova piattaforma di business aperta, è stato creato un portafoglio curato intorno alla trasformazione digitale dell'industria manifatturiera. In questo modo, Mediaplus ha avuto l'opportunità di mostrare le proprie competenze, dimostrando a entrambe le parti il successo della loro collaborazione. Il brief che ne è scaturito è di portata globale, inizialmente incentrato su Germania, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. Oltre alla sede centrale di Siemens, Mediaplus fornirà consulenza ad altre divisioni del gruppo, tra cui Siemens Mobility, Siemens Digital Industries e Siemens Smart Infrastructure. I commenti L'agenzia ha convinto Siemens soprattutto per la sua consulenza strategica, la creatività dei media e la competenza digitale. Lynette Jackson, responsabile globale della comunicazione di Siemens, spiega: "Vogliamo lavorare in partnership con Mediaplus per beneficiare di un targeting intelligente dei gruppi target, dell'esperienza digitale e dei dati, ma anche per esplorare modi nuovi e innovativi per costruire la nostra reputazione e sostenere la crescita delle vendite". Arvid Boström, managing director di Mediaplus, aggiunge: "Siemens è stato ed è tuttora uno dei marchi più forti ed entusiasmanti del mercato internazionale. Siamo assolutamente felici di poter continuare ad accompagnare la trasformazione di questa azienda tradizionale con la nostra esperienza. Questo si baserà sulla progettazione di una comunicazione digitale globale in tempo reale, sulla creazione di una rete più stretta tra business, tecnologia e comunicazione e sul continuo sviluppo dei requisiti di comunicazione in modo sempre agile. Ora che abbiamo dimostrato con successo le nostre capacità con Siemens Xcelerator, vogliamo creare dei capolavori nelle prossime campagne".

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 30/11/2022


Lines si schiera contro la violenza sulle donne con lo spot tv di Armando Testa, online e su Spotify

Anche quest’anno, sulla scia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Lines, in qualità di partner di WeWorld, prende posizione contro ogni forma di discriminazione e violenza di genere riportando on air una campagna, firmata da Armando Testa, che non passa di certo inosservata. Dal sexual harrassment, al catcalling, per finire con la violenza domestica, attraverso la voce di un’ambasciatrice eccezionale - Emma Marrone - il video vuole sensibilizzare il pubblico sulle forme che la violenza di genere può assumere andando a combattere quei pregiudizi che alimentano il modo in cui la società vede le donne, le giudica e di conseguenza le fa sentire. Il messaggio è importante: “Se una donna è gentile con un uomo, non significa che stia cercando le sue avances. Se si veste in modo più sexy non è colpevole di essersi andata a cercare molestie, verbali o fisiche. Se è innamorata non diventa proprietà del partner, l’amore è libertà, non possesso. Basta pregiudizi, basta violenza sulle donne. Cambiamo gli schemi. Rompiamo il silenzio”. Questa campagna rappresenta perfettamente il purpose di Lines: impegnarsi per un mondo in cui ogni donna possa essere sé stessa, libera da ogni condizionamento, combattendo gli stereotipi, i pregiudizi e la discriminazione di genere. La pianificazione della campagna TV con testimonial Emma Marrone è affidata a Media Italia. L’impegno del brand Lines ha anche lanciato una nuova campagna su Spotify con annunci audio adv incentrati sulla condivisione di strumenti e risorse utili alle donne a rischio di violenza. In Italia il 1522 è il numero di pubblica utilità per il sostegno alle donne vittime di violenze e stalking. Per molte donne che subiscono e/o sono a rischio di violenza, questo servizio di assistenza fornisce un'importante rete di supporto e spesso rappresenta l'unica via d'uscita. Ecco perché Fater ha scelto di cogliere l’opportunità di collaborare con Spotify per raggiungere quante più donne possibili grazie anche alla potenza dell’audio. Con testimonianze condivise da WeWorld, la campagna, “Unseen Stories”, mette in luce le storie vere di quattro donne italiane vittime di abusi e che si sono sentite isolate, impotenti e spaventate. L’adv si chiude con l'invito a chiedere aiuto, chiamando il 1522 oppure recandosi presso gli Spazi Donna WeWorld distribuiti su tutto il territorio nazionale. WeWorld infatti è presente nelle principali città italiane, con operatori che accolgono le donne in situazioni di fragilità, accompagnandole attraverso progetti di empowerment e percorsi di sviluppo della consapevolezza di sé e delle risorse personali. Tra questi ci sono anche lo Spazio Donna di Bologna e quello di Pescara inaugurati rispettivamente nel 2021 e a novembre 2022, aperti entrambi con il sostegno concreto di Lines. Il commento “Noi di Lines siamo da sempre in prima linea per contribuire a creare un mondo libero da stereotipi e discriminazione di genere, in cui ogni donna possa essere se stessa. Insieme a WeWorld vogliamo utilizzare tutti i canali possibili per parlare con le donne ed essere concretamente al loro fianco, per combattere la violenza che in Italia conta ancora purtroppo troppi casi. Per questo motivo sosteniamo gli Spazi Donna presenti sul territorio, dialoghiamo con i giovani all’interno delle Scuole attraverso il programma DomandeScomode@School e sollecitiamo l’attenzione sulla tematica attraverso le nostre campagne media in tv, online, ora anche su Spotify, con l'obiettivo di arrivare al maggior numero possibile di persone”. dichiara Ione Volpe, FemCare & AdultCare Marketing Director di Fater. Credits Direttori Creativi Esecutivi: Georgia Ferraro, Nicola Cellemme Team Creativo: Chiara Panattoni, Carlotta Gilardi Cdp Think Cattleya Regia: Francesco Calabrese  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy