ABBONATI

Open Influence racconta il rapporto tra Influencer e i big della rete

Autore: Redazione


Torniamo a parlare di Influencer Marketing insieme a Karim De Martino, che ricopre il ruolo di VP Business Development Europe a Open Influence

di  Karim De Martino    Karim@openinfluence.com   
Twitter, il pioniere

Dei grandi player del mondo social, Twitter è stato il primo a fare una mossa, acquisendo nel 2015 il network di Influencer Niche per circa 30 milioni di dollari. La società, fondata un paio d’anni prima (2013) raccoglieva al suo interno 6.000 influencer, prevalentemente attivi su Twitter e Vine, che in quegli anni era sulla cresta dell’onda. Successivamente alla chiusura di Vine, Niche ha allargato il suo spettro a tutti gli altri social, reclutando influencer di YouTube, Facebook e Instagram. Lo scorso anno, a marzo, gli influencer erano oltre 45.000. Nel luglio 2017 il co-founder Darren Lachtman ha lasciato Twitter-Niche e, stando ai media, in 4 anni Niche avrebbe generato oltre 200 milioni di revenue. Di fatto Niche è considerato negli States uno dei primi e principali player di questo settore, ma c’è da dire che la sua attività in Italia è stata praticamente nulla, soprattutto a seguito della chiusura degli uffici nel nostro Paese, nel novembre 2016.

YouTube, il partner

La piattaforma di video sharing di proprietà di Google ha da sempre puntato tutto sui contenuti generati dagli utenti e quindi sui creator stessi. YouTube ha offerto fin dall’inizio programmi di partnership per Influencer, offrendo un modello di business basato sulla monetizzazione delle views pagate dagli inserzionisti. I creator dunque possono avere una revenue da ogni dollaro incassato da Google e il modello simbiotico ha permesso uno sviluppo importante dell’influencer marketing su questa piattaforma. L’idillio è durato anni, fino ai primi mesi del 2018, quando YouTube ha aggiornato i propri algoritmi facendo registrare a molti influencer un crollo fino al 75% nei profitti. Molti hanno quindi ripiegato su modelli di monetizzazione differente, come l’inserimento di contenuti all’interno di video co-branded con le aziende. Questo sta spostando i budget delle aziende dagli MCN (Multi-Channel Network) ad agenzie multi-piattaforma come Open Influence, che lavorano a progetti di influencer marketing a 360 gradi.

Snapchat, lo snob

Il rapporto tra Snapchat e gli influencer non è mai stato roseo. Molti avranno sentito di quanto è successo a febbraio: Kylie Jenner ha scritto un Tweet che diceva “Sooo does anyone else not open Snapchat anymore? Or is it just me... ugh this is so sad” e le azioni di Snap hanno perso il 6% del valore in borsa, bruciando 1,3 miliardi di dollari. Sicuramente questa è la punta dell’iceberg di una relazione difficile a causa delle posizioni che Snapchat ha sempre assunto nei confronti degli influencer. Il founder Evan Spiegel ha sempre sostenuto che Snapchat è un'app che punta sugli utenti e i loro amici, non sugli influencer. Dopo il lancio di Instagram Stories dunque, molti influencer hanno abbandonato il social network snob, per gettarsi nelle braccia di Mark Zuckerberg, che è stato bravissimo a prevedere le loro esigenze e affinare gli strumenti a loro disposizione, trasformandoli in star. Solo di recente, a inizio 2018, la politica di Snapchat è cambiata e l’azienda ha messo a disposizione degli influencer un sistema di analytics con l’obiettivo di riconquistarli. Ci riuscirà?

Facebook, il regolatore

Facebook (e di conseguenza Instagram che rientra sotto lo stesso cappello) si stanno muovendo sul mondo influencer in maniera molto interessante. Da una parte il social network sta inasprendo le sue policy per creare una netta distinzione tra quello che i brand possono fare con gli influencer e quello che invece deve ricadere nel media (la fonte di revenue di Facebook). Dal 1 marzo ad esempio c’è il divieto per gli influencer di farsi pagare per il re-post di contenuti forniti dal brand (ad esempio il trailer di un film o il flyer di un’offerta commerciale). Nello specifico Facebook chiede agli influencer di “Non accettare beni di valore per la pubblicazione di contenuti che non hai creato o dei quali non hai partecipato alla creazione oppure che non ti comprendono”. Questo significa che gli influencer che vorranno collaborare con le aziende dovranno pubblicare solo contenuti originali e non “markette”. Una buona notizia per le agenzie che come Open Influence fanno nella componente creativa e del processo di gestione delle campagne il loro punto di forza. Per i clienti interessati solo a distribuire un loro contenuto pre-confezionato rimane invece la strada dei post sponsorizzati. A questa “chiusura” si va però ad aggiungere l’apertura in un'altra direzione: a fine 2017 Facebook ha lanciato negli USA un tool per cercare Influencer, utilizzando i dati proprietari per analizzare le audience (sesso, età, interessi, reddito, posizione geografica). Il test è stato limitato agli influencer del mondo food e una volta che il cliente aveva individuato gli influencer poteva scegliere se contattarli direttamente o affidarsi a una serie di agenzie partner. Insomma, l’approccio rimanda a quello avuto con le agenzie che gestiscono pagine Facebook: non si tratta di un modello di business scalabile quindi Mark Zuckerberg non è interessato a entraci direttamente, ma piuttosto ad individuare dei partner con l’obiettivo che questo poi si trasformi in revenue, grazie alla sponsorizzazione dei contenuti prodotti dagli influencer.

Amazon, il commerciale

Il colosso dell’ecommerce ha da poco lanciato un programma di affiliazione dedicato esclusivamente a Influencer. Per accedere bisogna avere un certo numero di follower su Facebook, Instagram, YouTube o Twitter. Gli iscritti possono cercare, scegliere e promuovere una selezione di prodotti in vendita su Amazon e ricevere una provvigione sulle vendite. Un modello di business molto semplice e chiaro, che punta su gli influencer capaci di portare conversioni, piuttosto che sull’awareness che sono in grado di generare, senza la necessità di includere intermediari.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 11/08/2022


Lega Serie B e Adplay insieme per una nuova piattaforma multimediale

Un ulteriore passo per diffondere la Serie BKT nel mondo e stare ancora più vicino ai propri tifosi. È questo il significato dell’accordo fra AdPlay Media Holding, realtà composta da società specializzate in digital transformation per il business media, e la Lega Nazionale Professionisti Serie B che si traduce in una nuova piattaforma tecnologica in grado di distribuire gli highlight del campionato cadetto. In questo modo i tifosi avranno un ulteriore strumento, gratuito e disponibile sul proprio sito preferito, per seguire il ‘Campionato degli Italiani’ che, da alcuni anni, si distingue per la molteplicità delle offerte e dei canali di distribuzione in grado di soddisfare le diverse esigenze degli appassionati. "La Lega Serie B - sottolinea il presidente Mauro Balata - è sempre più impegnata ad ampliare i propri canali di diffusione per stare vicina ai propri tifosi utilizzando tutti gli strumenti che la tecnologia mette oggi a disposizione. Lo fa con partner di assoluto livello, come nel caso di AdPlay, a dimostrazione dell’importanza di un campionato che per credibilità, contendibilità e valore delle squadre si è affermato a livello internazionale come conferma la distribuzione in 40 Paesi in tutto il mondo". La nuova piattaforma multimediale di Lega Serie B verrà distribuita tramite il Video Player proprietario sviluppato dalla stessa AdPlay, sia mediante app per CTV, sia all’interno di una sezione dedicata del sito highlights.legab.it che sarà implementata e gestita sempre dalla società incaricata del progetto. Nei termini dell’accordo biennale, per le stagioni sportive 2022/2023 e 2023/2024, vi sono inoltre la gestione e diffusione degli highlight tramite i principali canali social di Lega B - tra cui YouTube, TikTok e altri -, da parte della media holding milanese. Gli highlights saranno disponibili per la visione a partire da 3 ore dopo il termine delle singole gare - o dopo le ore 23.30 per le partite il cui inizio è fissato dopo le ore 15.00 - e per gli otto giorni a seguire. Grazie alla tecnologia AdPlay, e in particolare al suo Video Player, per ogni contenuto pubblicato la Lega Serie B si avvarrà inoltre di nuove possibilità di tracciamento e misurazione dati, quali il numero di utenti unici lordi e netti per ogni video visualizzato, la provenienza geografica e altre informazioni che consentiranno di analizzare in modo censuario e programmatico l’Audience, nel rispetto della privacy degli utenti finali. Il Video Player consentirà allo stesso tempo agli utenti di consultare l’intero palinsesto di contenuti, potendo sia riprodurre solo uno degli highlight di loro gradimento, sia godersi l’intera programmazione in modo sequenziale, per un’esperienza di fruizione interattiva e coinvolgente.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 09/08/2022


Barilla: al via la nuova campagna “The Promise” con Roger Federer

A tre settimane dell’inizio dello storico torneo di tennis US Open, Barilla lancia “The Promise”, il nuovo film realizzato dall’agenzia creativa Boomerang (parte del gruppo Publicis) con protagonista l’ambassador del brand, Roger Federer. È la storia di Zizou, un giovane tennista che, grazie a Barilla, esaudisce il sogno di una vita, incontrando il suo eroe, in un match indimenticabile. Tutto ha avuto inizio durante gli US Open del 2017 quando, in occasione della conferenza stampa, il piccolo Izyan Ahmad, anche noto ai suoi fan come Zizou sfidò Federer, chiedendogli di continuare a giocare fino a quando non sarebbe stato grande abbastanza da poter fare un match contro di lui. Una sfida che il grande tennista non poteva rifiutare: Federer ha dato la sua parola a Zizou ed il video è diventato virale su YouTube. Cinque anni dopo, Barilla ha fatto sì che la promessa di Federer venisse mantenuta, regalando al giovane tennista "il giorno più bello della sua vita". Un effetto sorpresa assicurato: Zizou era convinto di recarsi a Zurigo per allenarsi, senza immaginare che avrebbe incontrato di lì a poco il suo eroe su un campo da tennis. Non è stato facile far viaggiare Zizou dagli Stati Uniti a Zurigo senza fargli sospettare di ciò che lo attendeva ed è stato solo grazie alla complicità della famiglia e del suo allenatore se il sogno si è trasformato in realtà. Un giorno speciale in cui, grazie a Barilla, Federer e Zizou hanno avuto l’occasione di conoscersi meglio sfidandosi in un match e chiacchierando per ore, di fronte ad un meritato piatto di pasta, delle loro ambizioni e della loro passione per il tennis. Zizou è attualmente il giocatore numero uno negli Stati Uniti nella categoria under 12, sia in singolo sia in doppio. Si allena alla John McEnroe Tennis Academy (JMTA) di Randall's Island a New York e fa parte del programma nazionale di formazione giocatori della United States Tennis Association (USTA). Il video integrale del film è disponibile su YouTube e i teaser saranno pubblicati a partire da questa settimana sui social media ufficiali Barilla nei mercati europei e negli Stati Uniti.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy