ABBONATI

Diennea, nuovo posizionamento per un cliente sempre più vicino e un 2018 a +10/15%

Autore: D Sechi


Il gruppo è stato protagonista, ieri a Milano, della prima edizione di Digital Marketing Collection; e si racconta attraverso le parole della General Manager Florida Farruku e del CMO Galizio De Galitiis

Tutto esaurito in ogni ordine di posto ieri mattina alla Terrazza Martini, in una Milano assolata, per la prima edizione del Digital Marketing Collection by Diennea. Un evento che per il gruppo rappresenta una sorta di svolta lungo il percorso. Diennea si è fatta conoscere e riconoscere, nel corso del suo ancora giovane tragitto, come partner tecnologico in costante movimento e crescendo. Ma oggi vuole andare oltre. La nuova mission mette sotto i riflettori la figura del cliente e punta a fornire soluzioni che siano in grado di supportarne la Customer Centricity e offrire, nel contempo, esperienze eccellenti ai propri customer. Esperienze che siano rilevanti, coinvolgenti e rispettose, affiancando la tecnologia alle competenze progettuali nella gestione del contatto digitale.

Sei step per una nuova strategia

«L’approccio ai progetti è sempre sartoriale: Diennea parte dagli obiettivi del cliente per applicare la Strategy Box», racconta la General Manager Florida Farruku. «Si tratta del nostro modello consulenziale a sei step guidato dai dati che servono per mappare le customer journey e identificare, così, i punti e momenti fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi del brand». La Roadmap di prodotto ha viaggiato rapidamente quest’anno, arricchendo la Suite per il multichannel marketing MagNews con nuove soluzioni. «Nella prima parte dell’anno abbiamo lanciato il Consent Tracker, per tracciare in termini GDPR i consensi acquisiti, e il Google Connector per potenziare il proprio database di contatti con campagne mirate verso target audience specifiche. A giugno è stato rilasciato il nuovo prodotto Web Experience per acquisire e valorizzare i visitatori dei siti web aziendali e a settembre è stato aggiunto il canale push agli altri già gestiti tramite la piattaforma», aggiunge la General Manager. Intanto, Diennea sta proseguendo nel rafforzamento di tutti i servizi di analisi dati, sia sul piano tecnologico sia di risorse professionali.

I progetti in cantiere: restyling per MagNews

Cosa si prepara per il 2019? Nel mirino ci sono vari progetti e analisi di fattibilità. Il restyling della piattaforma MagNews, per iniziare: «Stiamo lavorando a un restyling totale della nostra piattaforma in chiave di usabilità e orientamento alla performance, anche grazie ai feedback ottenuti e che continueremo a raccogliere direttamente dai clienti. Dopo una fase di studio e analisi, che sta per concludersi, verrà avviata la fase di implementazione con l’obiettivo di attivare la nuova versione su una selezione di clienti nel Q4 2019 e switchare l’intera CB entro Q1 2020» precisa Farruku. «Non solo un orientamento alla vendita, ma un’offerta di strumenti utili a sostenerla. L’obiettivo è costruie una costumer experience completa che porti, di conseguenza, a una relazione duratura con il cliente», aggiunge il CMO Galizio De Galitiis.

Machine Learning e Sales Support

Diennea sta implementando uno strato di Machine Learning sulla marketing automation, le interazioni web experience, le attività di campagna, con l’obiettivo di rendere MagNews un sistema in grado di auto configurare e ottimizzare processi e attività, adeguarsi autonomamente ai cambiamenti del contesto operativo e, infine, incrementare costantemente le perfomance, OMP, recommendation engine. Novità anche sul fronte Sales Support: l’azienda vuole presidiare progressivamente tutte le fasi e i processi di interazione diretta con il cliente, verso una copertura totale delle customer journey a partire dal processo di vendita. «Sul fronte B2B stiamo lavorando a un nuovo prodotto, la OMP - Opportunities Mapping Platform - già in fase avanzata di implementazione, per l’identificazione di opportunità di vendita in ambito B2B. In ambito B2C implementeremo un’integrazione tra MagNews e un recommendation engine per ecommerce, così da completare il nostro presidio in ambito Digital Commerce», spiega ancora la General Manager.

Web Experience

La Digital Marketing Collection è stata anche l’occasione per presentare la Web Experience, una soluzione che consente di valorizzare gli utenti anonimi che navigano i siti di un brand, attivando azioni di acquisizione ed engagement specifiche per singolo utente e meccanismi di profilazione progressiva. Tramite un codice di tracciamento, MagNews traccia sia i dati comportamentali, inerenti alle pagine visitate, sia quelli di profilazione, raccolti in seguito a una determinata azione dell’utente, ad esempio la compilazione di un form. MagNews utilizza queste informazioni per arricchire il profilo del contatto e pilotare campagne multicanali (su web, email, sms, social) con obiettivi di conversione, up e cross-sell. Grazie a Web Experience, MagNews, oggi, è in grado di accompagnare l’intero journey dell’utente, per convertirlo da utente anonimo ad ambassador del brand.

Digital Marketing Collection: i progetti presentati

Presenti all’evento di ieri una serie di aziende, tra le quali Giunti e Parmalat, protagoniste di progetti costruiti insieme a Diennea. Per Giunti, Diennea ha realizzato un progetto pilota sul sito di Scuola Store, con l’obiettivo di intercettare sia gli utenti anonimi che navigano il sito, al fine di acquisire il primo contatto e alcune informazioni di profilazione, sia quelli che non hanno completato l’acquisto, intercettandoli a una seconda visita. Un progetto che integra l’attività sul web con i flussi di automation già attivi sul canale email, per spostare la conversazione nel luogo digitale più appropriato alla fase del journey in cui si trova l’utente. Sul fronte Parmalat, siamo di fronte a un esempio di come sia possibile incrementare il Customer Lifetime Value partendo dall’analisi strategica del dato. In questo progetto, Diennea ha coniugato l’esperienza nella gestione delle campagne di multichannel marketing con le capacità di analisi del patrimonio informativo aziendale, elaborando una strategia data driven rivolta alla valorizzazione dei membri del Loyalty Program di Parmalat. Punto di partenza è stato l’analisi e l’integrazione dei dati provenienti da diverse fonti informative che hanno permesso di costruire journey map specifiche e flussi multicanale con obiettivi di up e cross-sell. Inoltre, Diennea ha sviluppato delle dashboard per consentire al cliente di avere sempre il polso sui KPI. Un progetto completo, che mette al centro di tutto il contatto.

Crescita a ripetizione

Il gruppo registra segni “+” a ripetizione: «Ci sarà una chiusura con una crescita a doppia cifra rispetto al 2017, intorno al 10/15%. Il nostro organico è cresciuto del 15% e ora siamo a quota 130. Siamo alla ricerca di nuove figure professionali: data scientist, data analyst, multichannel marketing. Tra i settori che maggiormente si sono mossi: le onlus, il segmento bancario-finanziario e la moda, un ambito molto sensibile all’interpretazione dei dati», conclude Florida Farruku.

Francesco Potenza
Parmalat, strada sempre più digital con Zimyl e Chef
Il cliente, sempre lui, noto, talvolta amico, magari solo un semplice conoscente, oppure misterioso, silenzioso, quasi timido, in attesa di un cenno, di qualcosa che possa sospingerlo anche a una semplice stretta di mano. Proprio lui, al centro dei pensieri del marchio, dell’azienda, del responsabile marketing, del media planner, degli strateghi della comunicazione, di Francesco Potenza, Head of Digital & Marketing Services di Parmalat, tra i protagonisti/relatori dell’evento targato Diennea tenutosi ieri mattina a Milano. E mentre il 2018 volge al tramonto, ci si chiede: come si sta comportando Parmalat in questo rush finale? Francesco Potenza racconta le ultime mosse in comunicazione e disegna nel contempo un veloce quadro del mercato alimentare, e non solo.
Il mix perfetto

«Il nostro è un brand che si muove su due strade parallele: da un lato lo zoccolo duro di affezionati, dall’altro i nuovi affezionati, i futuri tifosi/consumatori. Si tratta di due filoni che vengono accompagnati da differenti modalità comunicative. Nel primo caso la tv, mezzo che rimane sempre al top, conferma la propria necessità. Ma se volessimo dirigerci verso territori inediti, allora non potremmo non concentrarci sul lato digital/social, che poi è quello che Parmalat sta facendo da qualche tempo con sempre più decisione. E se il mezzo televisivo appare sempre preponderante, soprattutto in Italia, oggi come oggi se si vuole ottenere lo stesso livello di reach di qualche stagione orsono si deve per forza di cose cercare il mix, l’unione delle forze con il video online».

Zymil e Chef

Sono due i prodotti sui quali attualmente si incentra la comunicazione dell’azienda: «Zymil, indirizzato a un target che ama un’alimentazione leggera e moderna, e Chef per tutti quelli che si dilettano ai fornelli. Il primo marchio si è mosso durante la stagione con una serie di video che vedono protagonista la nostra testimonial Jill Cooper, mentre con Chef stiamo promuovendo i Ripieni con Ricotta e Verdure». Parmalat si affida a Caffeina per il web, mentre Diennea cura le attività di loyalty. Pianificazioni a cura di Zenith.

Aziende DHL, al via la nuova offerta Express Easy, budget 2018 di 3 milioni
Simona Lertora

Quelle coincidenze, sliding doors per dirla in modo esotico, inaspettate: DHL firma una contratto triennale con la Nazionale di pallavolo e per poco non si laurea campione del mondo grazie ai balzi delle ragazze. Medaglia d’argento e un logo, di per sé notissimo, che viene ulteriormente illuminato. Ne è consapevole, oltre che ovviamente molto felice Simona Lertora, Managing Director Marketing e Business Development dell’azienda. L’attività di sponsoring è diventata argomento principale all’interno della casa: «Al momento non ci sono budget ATL, ma una ricca attività sui social e nel capo delle sponsorizzazioni sportive: pallavolo, ma anche MotoGp, F1 e FE, oltre al Campionato del Mondo di Rugby. E, sul fronte estero, DHL corre anche sui campi da calcio ed è tra i main sponsor di Bayern Monaco e Manchester United. Abbiamo progressivamente allargato il nostro raggio d’azione: da un posizionamento B2B siamo passati a un che riguarda anche il privato che magari non ci conosce, che non sa come trovarci. Abbiamo così ampliato la nostra rete fisica e lanciato anche una nuova offerta, “Express Easy”, che stiamo già promuovendo sia in store sia sui social. Nel 2018 abbiamo investito in comunicazione circa 3 milioni di euro». Lo scorso giugno, dopo una gara, Connexia si è aggiudicata la comunicazione digitale del marchio.

   

img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 23/05/2022


OMD vicina alla vittoria nella gara di Regione Lombardia per planning e buying: il valore della convenzione è di 17,5 milioni di euro in 42 mesi

Sarebbe giunta quasi al termine – secondo quanto risulta a DailyMedia – la gara monolotto aperta a inizio febbraio dalla Regione Lombardia attraverso ARIA – Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti, per l’affidamento del servizio di pianificazione e acquisto di spazi pubblicitari del valore di 15.000.000 di euro in 36 mesi, che diventano 17,5 aggiungendo i 2,5 previsti per la proroga di 180 giorni successiva alla scadenza del contratto. La gara si svolge attraverso l’utilizzo del sistema telematico “Sintel”. La procedura è stata avviata in vista della scadenza della convenzione in essere fino al 12 novembre 2022 con Wavemaker che detiene l’incarico come coda di quello che aveva acquisito l’allora Maxus. In questa tornata, la centrale di GroupM non ha partecipato alla gara, che vede invece in pool per l’aggiudicazione, in base ai punteggi, OMD. La centrale di OMG di cui è M.D. Francesca Costanzo sta quindi per avere la meglio nei confronti degli altri partecipanti, che sono: Havas Media, Starcom, Pomilio Blumm, MediaXchange e OCMGroup con la sua controllata Ecomedianet. L’appalto L’appalto è costituito da un unico lotto in quanto trattasi di un servizio omnicomprensivo, le cui attività non sono frazionabili. Gli operatori del settore della comunicazione fungono da intermediari unici tra inserzionisti e concessionarie di pubblicità per la negoziazione e l’acquisto di spazi pubblicitari e si occupano di tutte le altre attività propedeutiche o comunque connesse all’acquisto degli spazi pubblicitari. Dal momento, quindi, che gli Operatori Economici che caratterizzano il mercato fungono da hub rispetto al variegato mondo della comunicazione, che spazia dalla stampa ai più recenti e dinamici canali di social network, è necessario garantire l’affidamento della fornitura ad un unico operatore, che sia in grado di massimizzare le economie di scopo.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 18/05/2022


Nuova versione globale della piattaforma creativa “Qualcuno ha detto Just Eat” con Katy Perry

Just Eat, colosso del digital food delivery, presenta la nuova piattaforma creativa “Qualcuno ha detto Just Eat”, che celebra la gioia universale che si prova quando si ordina il proprio cibo preferito e racchiude l’impegno di Just Eat nell’offrire piatti in grado di rispondere a ogni esigenza in diversi momenti della giornata. La nuova piattaforma creativa rappresenta un’evoluzione della campagna che originariamente aveva come protagonista Snoop Dogg, precedentemente lanciata nel Regno Unito, Australia e Canada. Il motivo mnemonico distintivo “Did Somebody Say” era riuscito a guadagnarsi spazio nel linguaggio quotidiano e ottenuto numerosi riconoscimenti di marketing. Ora, la formula vincente viene introdotta anche in Italia e in tutti i mercati in cui opera Just Eat Takeaway.com, il gruppo di cui fa parte Just Eat. Nel nostro Paese l’on air è atteso da oggi. Katy Perry Just Eat lancia la campagna con un nuovo spot tv che vede la partecipazione sensazionale di Katy Perry, per supportare l’azienda nel comunicare il piacere e il divertimento dell’ordinare cibo a domicilio. Ideato dall’agenzia McCann London, lo spot vede un courier di Just Eat arrivare a casa di Katy, una fantastica e gigantesca casa delle bambole. Mentre il courier consegna il cibo, ci addentriamo e facciamo un giro del mondo di Katy, fatto di costumi favolosi, pupazzi che suonano il piano e una varietà di cibo delizioso da gustare in ogni occasione. I testi accuratamente creati mostrano la gamma di cucine e piatti disponibili su Just Eat rispecchiando l’incremento della domanda del food delivery in momenti non tradizionali come colazione, pranzo e durante la settimana. Oltre allo spot tv, la piattaforma creativa comprende un’identità visiva rinnovata, un nuovo tone-of-voice e sarà attivata grazie ad una strategia media mirata a conquistare gli schermi, i cuori e le strade italiane, insieme al supporto dei social media e attivazioni PR. Il commento  “La piattaforma creativa Did Somebody Say posiziona saldamente il brand sulla mappa culturale, ancorando il messaggio per cui Just Eat è la risposta a ogni desiderio di cibo, e ci ha messo in contatto con il pubblico, incrementando l’amore e la considerazione per il brand in un settore fortemente competitivo - ha commentato Tiziana Bernabè, Senior Marketing Lead Italy in Just Eat -. Katy Perry ha un potere da star ineguagliabile e la sua natura giocosa si sposa perfettamente con la nostra. È la partnership perfetta per continuare a costruire il legame istintivo tra Just Eat e la gioia del food delivery". Rob Webster e Alexei Berwitz, Direttori Creativi di McCann London hanno aggiunto: "Just Eat Takeaway.com ha sempre compreso che il delivery non è solo una questione di cibo, ma di portare gioia. Siamo lieti di portare la loro piattaforma creativa Qualcuno ha detto Just Eat su tanti mercati come mai prima d’ora e di aggiungere ancora più di gioia, grazie agli ingredienti speciali che solo Katy Perry è in grado di offrire". La strategia Diretto dall'iconico veterano dei video musicali Dave Meyers, già autore dei video di Perry dal successo mondiale Swish Swish e Firework, il film vive in un'atmosfera autentica e giocosa in pieno stile Katy Perry, che conferma il suo stile vivace e stravagante. La musica e i testi sono stati co-creati da Katy Perry, Kris Pooley, McCann London e dal team responsabile del brano originale Did Somebody Say feat. Snoop Dogg. La campagna è stata scritta e diretta da Ben Buswell e Jo Griffin e girata a Los Angeles con la società di produzione Radical Media, e la fotografia a cura di Vijat. La nuova campagna globale, con un TVC da 30" (e formati più brevi), sarà diffusa in tv, OOH, DOOH e social media con plannig di UM. Credits McCann London Co-Presidents and McCann UK CCOs: Laurence Thomson & Rob Doubal Chief Strategy Officer: Theo Izzard-Brown Creative Directors: Rob Webster & Alexei Berwitz Senior Creatives: Ben Buswell & Jo Griffin PR: Weber Shandwick and BCW Production Company: Radical Media London Director: Dave Meyers Photographer: Vijat Mohindra

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy