ABBONATI

Daniela Pavan general manager della sede newyorkese di The Ad Store, nuova risorsa strategica

Autore: Redazione


Nuova risorsa strategico-creativa per contribuire alla valorizzazione dei concetti alla base dell’approccio human to human del network, in particolare sul mercato degli Stati Uniti

Dopo aver trascorso gli ultimi dieci anni tra Londra, Italia e Stati Uniti, la carriera internazionale di Daniela Pavan prosegue a New York, come general manager di The Ad Store NYC. “Sono pronta a dare il massimo per contribuire alla valorizzazione dei concetti alla base dell’approccio human to human del network: collaborazione e trasparenza in primis che, mixati con creatività e innovazione, ci permettono di costruire esperienze online e offline in grado di emozionare i nostri clienti e i loro interlocutori”. Pavan ha lavorato nel ruolo di digital strategist, project manager e business consultant per brand come Coca Cola, Mediaset, Fastweb, Boscolo Group e Sainsburry’s, con un ampio portfolio di progetti focalizzati sul digitale e di campagne multichannel. Docente di Design Thinking presso l’Università Ca’Foscari di Venezia, oggi Pavan è pronta per una nuova sfida: “Tra i miei obiettivi per il 2017/18 ci sono il rafforzamento della nostra identità sul mercato statunitense, attraverso il design di progetti che permettano ai nostri clienti di diventare abili divulgatori di contenuti di qualità”.

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 09/10/2019


Smirnoff, "Infamous from 1864", prima campagna globale in 25 anni

Diageo ha lanciato la prima campagna globale per il brand Smirnoff in 25 anni - un'epica avventura in stile thriller di 60 secondi che traccia i 155 anni di storia del marchio di vodka. Creata da 72andSunny New York, la campagna traccia il patrimonio di Smirnoff dalle sue radici russe fino alla sua presenza in 130 paesi del mondo. Diffuso questa settimana in Europa, lo spot televisivo "Secret story of Smirnoff" si apre con una distilleria razziata dalle autorità russe nel 1860. Il nostro eroe fugge saltando su un treno a vapore. La scena successiva è soprannominata "Nascosto in America" e si svolge durante il Proibizionismo degli anni 20. Ancora una volta, le autorità stanno facendo un'incursione, ma senza successo. E così, le bottiglie di vodka continuano a sfuggire alle autorità in altre ambientazioni come ad esempio a Hollywood e in una prigione. L'azione è punteggiata da "coltellate" di pianoforte e da un nuovo arrangiamento del brano hip-hop Shimmy Shimmy Shimmy Ya. Dopo il debutto europeo di questa settimana, lo spot si diffonderà anche in Argentina, Brasile, Canada, Kenya e Stati Uniti. La campagna, oltre al lancio televisivo, prevede out-of-home, digitale, social e stampa. Il lavoro è stato diretto da Rupert Sanders attraverso MJZ.

LEGGI

Correlati

img
poltrone

Autore: Redazione - 07/10/2019


Paola Tuè, nuova Client Department Director di Blogmeter

Blogmeter annuncia la nomina di Paola Tuè a nuovo Client Department Director. Tuè, milanese di nascita, ma siciliana di sangue, mamma di 3 figli e sociologa, ha diretto per 8 anni il Dipartimento per gli Studi Qualitativi di ISPO. Da sempre si occupa di progettualità, attualità e ricerca, credendo profondamente nella necessità di dati di qualità e nell'integrazione tra dati di provenienza diversa. “In Blogmeter sono arrivata con l’obiettivo di far conoscere tutte le potenzialità della ricerca e del supporto data-driven per le aziende”, spiega Paola Tuè. “Sono molto orgogliosa di poter ulteriormente contribuire alla mission dell’azienda, alla guida del team di analisti, ricercatori e account che compongono il dipartimento clienti di Blogmeter.” Il nuovo corso Dichiara Sacha Monotti Graziadei, fondatore e CEO di Blogmeter: “Il mondo social e digital è in costante evoluzione, così come la nostra azienda. La nomina di Paola Tuè si inserisce nel processo iniziato lo scorso anno di riposizionamento di Blogmeter, con la strutturazione in 3 business units: Blogmeter Suite (la nostra piattaforma integrata di ascolto e analisi del web), Blogmeter Research (l’istituto di ricerca social tool-based certificato Assirm) e Blogmeter Analysis and Consulting (il servizio di consulenza e supporto per un’efficace comprensione delle dinamiche dei social). Paola Tuè porta all’azienda una profondissima conoscenza delle ricerche tool-based e forte expertise manageriale e consulenziale che sposano perfettamente il nuovo corso di Blogmeter”.

LEGGI
img
poltrone

Autore: Redazione - 23/09/2019


Publicis Groupe Italia: Louise Jackson è la nuova Head of Business Development

Publicis Groupe annuncia l’arrivo in Italia di Louise Jackson nel ruolo di Head of Business Development, che riporta direttamente a Vittorio Bonori, Ceo del Gruppo nel nostro Paese. Louise vanta 18 anni di esperienza nel marketing e nella comunicazione, spaziando dal media alla creatività alle pubbliche relazioni. Entrata 12 anni fa nel Gruppo in UK, ha ricoperto diversi ruoli, sia EMEA sia globali nelle aree Business Development, Marketing e PR. In precedenza ha lavorato in M&C Saatchi Group e Manning Gottlieb OMD, sempre nel Regno Unito. Nel suo ruolo più recente di Global Business Development Director di Publicis Media a Londra, il contributo apportato in gare importanti come Luxottica, FCA, LVMH e Marriott è stato fondamentale per il raggiungimento del successo. In Italia Louise Jackson sarà impegnata nell’organizzazione del nuovo team Business Development di Publicis Groupe. In particolare il suo ruolo sarà quello di coordinare le gare di tutte le brand del Gruppo, contribuendo al consolidamento e allo sviluppo dell’approccio Power of One, in grado di integrare le capabilities del Gruppo e formulare un’offerta personalizzata che sia in grado di rispondere in modo mirato alle esigenze delle aziende, accompagnandole in un percorso di crescita del business. “Publicis Groupe Italia è un mercato importante all’interno del network internazionale, contraddistinto da una grande spinta verso l’innovazione e la creazione di nuovi modelli di business con l’obiettivo di guidare la crescita dei propri clienti” - dichiara Louise Jackson. “Il valore aggiunto di Louise allo sviluppo e all’organizzazione del Business Development team di Publicis Groupe Italia sarà fondamentale per affrontare le sfide che il mercato ci presenta - commenta Vittorio Bonori CEO Publicis Groupe Italia -. La nostra proposizione è quella di essere una ‘piattaforma di crescita’ per le aziende, tramite un approccio consulenziale che risponde a precise sfide di business. Ho avuto modo di apprezzare il lavoro e la professionalità di Louise negli ultimi tre anni trascorsi a Londra e sono certo che il suo entusiasmo e la sua professionalità saranno vincenti sul mercato italiano”.

LEGGI
img
poltrone

Autore: Redazione - 09/09/2019


Federico Porrozzi Direttore Responsabile di Motorsprint, storica testata dedicata al racing

Grandi novità in redazione Motosprint. Federico Porrozzi, giornalista del team digital Motosprint da 7 anni, diventa Direttore Responsabile del magazine. Il mondo dell'editoria si sta evolvendo e con questo Motosprint, che si riorganizza per intercettare sempre più i desideri dei lettori. Nei prossimi mesi inizierà un percorso che porterà il magazine a dare maggior spazio agli approfondimenti, ai retroscena e alle curiosità del paddock di tutte le specialità sportive a due ruote. Troveranno spazio le storie dei protagonisti del mondo del racing come piloti, tecnici e manager, cercando di far risaltare il lato umano, oltre che quello professionale. Motosprint andrà alla scoperta dei campionati nazionali e dei trofei cosiddetti "minori", dei loro protagonisti e dei sacrifici che fanno per presentarsi in pista nel week-end di gara. Parleranno i responsabili delle piste, i moto club che organizzano gli eventi e chi, spesso e volentieri, sta dietro lo "show" ma fa un lavoro fondamentale affinché tutto funzioni. Il sito Alle cronache, alle interviste post-gara e alle notizie in tempo reale si darà spazio in modo approfondito soprattutto attraverso il sito, che verrà potenziato e che sarà sempre più il punto di riferimento quotidiano del lettore. Oltre al settimanale e al web, il magazine sarà in edicola con gli speciali periodici dedicati ai protagonisti del passato e del presente, ma anche alle Case Costruttrici e alle corse che hanno fatto la storia del motociclismo. Motosprint tornerà poi in mezzo ai motociclisti, alla gente che vive le moto, partecipando direttamente agli appuntamenti sportivi e organizzando eventi durante i quali i lettori saranno protagonisti assoluti. Il commento “Avevo 14 anni quando ho scoperto che la mia vita sarebbe stata quella dei motori e delle due ruote - ha dichiarato il nuovo Direttore Responsabile di Motosprint Federico Porrozzi -, sapevo che non sarei stato un pilota, ma uno di quelli che questo mondo lo raccontano, lo vivono per farlo vivere agli altri. Volevo conoscerlo, capirlo, sentirlo ed è così che è nata una passione. Di quelle che definiscono la tua vita. Oggi si realizza un sogno grandissimo, poter dirigere la rivista italiana più importante dedicata al racing mi riempie di orgoglio. Sono consapevole della storia di questa testata, di quello che rappresenta e intendo rispettarla contribuendo a portarla nel mondo delle moto di oggi. Ringrazio l’Editore che mi sta permettendo di vivere un passo molto importante e con la sua fiducia, il lavoro in redazione di una squadra formata da professionisti come Mirco Melloni e Riccardo Piergentili e il grande supporto dei nostri collaboratori siamo pronti a raccontare, in modo diverso e moderno, lo sport più bello del mondo”. Il curriculum Federico Porrozzi, trentanove anni, romano, eredita la passione per il giornalismo e le moto dal padre Claudio, direttore responsabile di alcune riviste del settore e dallo zio Fabrizio, fotografo della Superbike. Inizia a scrivere nel 1998 per il Corriere Laziale, grazie al quale, nel 2003, si iscrive all'Albo dei Pubblicisti. Nelle fasi iniziali della carriera ha collaborato con la Gazzetta dello Sport e con varie riviste e siti web del settore moto. Ha gestito i contenuti editoriali del sito della Federazione Motociclistica europea e condotto programmi radiofonici dedicati alle due ruote. È stato addetto stampa del Campionato Italiano Velocità FMI, del salone Motodays di Roma e del canale tematico MotoTV, oltre che di vari team del campionato mondiale Superbike. Negli ultimi anni è stato responsabile del prodotto moto dei siti dei quotidiani Corriere dello Sport e Tuttosport, dei contenuti del sito di Motosprint e redattore del mensile InMoto. Salito in sella per la prima volta a 14 anni (su un'Aprilia RS 50) è ora felice possessore di una Kawasaki ZRX1200R.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy