ABBONATI

La rivoluzione digitale del retail: i dati post pandemia di Similarweb

Autore: Redazione

Stefania Balsamo, Country Manager


Nel primo trimestre dell’anno le visite globali ai siti e-commerce & shopping sono aumentate del 17%, sfiorando quota 50 miliardi. Tra i leader spicca Amazon, con una quota di traffico del 9% a livello mondiale, ma di oltre il 31% nel nostro Paese. eBay e Subito completano il podio in Italia

Nel 2020, complici le misure adottate per contrastare la pandemia, i consumatori di tutto il mondo hanno incrementato la spesa e-commerce, a beneficio dei grandi retailer. Un salto irreversibile nel digitale che sta ridefinendo il rapporto tra marca e acquirente e che non accenna a fermarsi nemmeno in questa prima parte dell’anno. A confermarlo sono i dati della , stando a cui il traffico globale della categoria e-commerce & shopping è aumentato del 17,3% nel primo trimestre dell’anno rispetto al pari periodo del 2020 per un totale di 49,75 miliardi di visite.

Chi comanda

Il leader è senza particolari sorprese Amazon, con una quota di traffico del 9% a marzo, seguito da eBay (3,26%) e Rakuten (2,05%). Una forchetta che si allarga se si sposta lo sguardo agli Stati Uniti, dove il colosso di Jeff Bezos vanta una share del 32,8% mentre eBay sale fino al 10,9%. In terza posizione siede Walmart, con il 6,9%. In Italia, secondo i dati di aprile di Similarweb, Amazon fa da pigliatutto assorbendo il 31% del traffico, mentre completano il podio eBay (12,1%) e Subito (11,1%). Brand awareness e una strategia SEO efficace sono gli elementi decisivi per acquisire visibilità online. Infatti, Direct e Organic Search risultano tra i canali privilegiati per entrare in contatto con i siti web dei retailer, sia in Italia che nel mondo.

Il tasso di conversione

Un altro fenomeno da osservare con attenzione è il progressivo aumento delle conversioni della categoria, un segnale che ne certifica la crescente capacità di realizzare vendite. Se il tasso di conversione da desktop dei maggiori siti e-commerce era pari al 4,9% a settembre del 2020, nel primo trimestre dell’anno è incrementato al 6,6%. Sopra la media l’Italia, con il 6,9%, mentre la Gran Bretagna guida la graduatoria mondiale con l’11,41%. Tra i verticali con i migliori tassi di conversione spiccano Grocery (19%), Libri (14,9%) e Articoli per Feste (13,7%).

La regola dell’anticipo

Infine, prosegue anche la transizione verso il mobile, che dal 57% del 2020 passa al 60% in questo primo spaccato del 2021. Un dato di cui i brand e retailer devono tenere conto, costruendo esperienze ottimali anche per smartphone, che valorizzino le immagini e permettano di concludere l’acquisto in sicurezza e rapidità. “È in atto una rivoluzione profondamente digitale che non riguarda solo i consumatori, ma anche e soprattutto le aziende, che dovranno sapersi adattare a nuove esigenze e desiderata”, dichiara Stefania Balsamo, Country Manager Italia - SimilarWeb Certified Partner. “La capacità di cogliere in anticipo i trend del mercato e le mosse della concorrenza rappresenta una leva fondamentale per accrescere il business e massimizzare le opportunità presenti nei mercati in cui si opera. Per il retail, al pari di altri settori, ciò significa garantire esperienze di fruizione evolute e all’avanguardia, in grado di ingaggiare il cliente finale fornendogli strumenti digitali all’altezza se non superiori alle aspettative”.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 09/06/2021


“The Spoon”: Francesco Totti fa “il cucchiaio” agli ex campioni olandesi

Francesco Totti, autore del celebre “cucchiaio” agli Europei 2000 che fece vincere l’Italia contro la nazionale olandese, ha raggiunto ad Amsterdam i rivali del famoso match per scusarsi. O forse no. È questo il cuore di "The Spoon", un’iniziativa tutta italiana firmata Heineken, che ancora una volta ha presentato un tema importante come la sana rivalità, nel classico stile del brand: con divertimento, positività e quel pizzico di ironia che non può mancare in nessuna competizione che si rispetti. Nelle stories di Instagram si può seguire tutta la narrazione che si svolge in due nazioni e coinvolge talenti del calcio internazionale come Clarence Seedorf, Ronald De Boer e Giovanni Van Bronckhorst, tutti scherzosamente presi in giro dal “Capitano”, intenzionato a volare ad Amsterdam per riappacificarsi di persona. Ma Totti farà di testa sua, scusandosi, non con i famosi calciatori, ma con omonimi che col calcio hanno poco a che fare: un fiorista, una guida turistica e un olandese doc saranno presi per strada e riceveranno delle scuse inaspettate. A costringere il “Capitano” a riappacificarsi davvero con gli olandesi ci penserà un ospite d’eccezione: Heineken, che inviterà i talenti del calcio a riunirsi davanti a una birra. Anche questa volta però Totti farà a modo suo. La storia si conclude, infatti, con un brindisi dove il Capitano chiede al barista un apribottiglie, ma non uno qualunque, un cucchiaio...Proprio da questo gesto, il 10 giugno, partirà la Challenge #colcucchiaio, dove Totti sfiderà tutti i suoi follower ad aprire una Heineken col cucchiaio. Il nuovo video “The Spoon”, il cui progetto creativo porta la firma di Publicis Italia, è un’attività esclusiva pensata e sviluppata da Heineken Italia e sponsorizzata sul mercato di riferimento. "The Spoon" fa parte della campagna global “Enjoy the Rivalry”.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy