ABBONATI

Nasce Audicomm, primo organismo integrato per la misurazione della total audience su carta e digitale, disponibile dal 2022

Autore: V Parazzoli

Lorenzo Sassoli de Bianchi, Presidente UPA, e il Direttore Generale Vittorio Meloni


La società che nasce dalla fusione di Audipress e Audiweb sarà detenuta pariteticamente da Fieg, Fedoweb, UNA e UPA, che ha maggiormente sostenuto il progetto; costo inferiore ai 5 milioni attualmente spesi

Importante passo avanti nell’annunciato progetto di fusione tra Audipress e Audiweb per sviluppare una nuova rilevazione integrata tra le audience digitali e le readership della stampa. I Consigli di Amministrazione delle due società, riunisiti sotto la presidenza, rispettivamente, di Ernesto Mauri e Marco Muraglia, hanno infatti approvato all’unanimità il progetto di fusione tra le due società che darà vita nelle prossime settimane a un nuovo Joint Industry Commitee, che insedierà la propria governance e sarà a tutti gli effetti operativo il prossimo 14 maggio, quando l’operazione sarà sottoposta alle assemblee delle due società.

La nuova società, denominata Audicomm, riunirà tutte le componenti più significative del mercato editoriale, digitale e pubblicitario italiano, dotando così il nostro Paese, tra i primi a livello europeo, di uno strumento evoluto per la misurazione delle audience sulle diverse piattaforme.  La nuova società sarà detenuta pariteticamente da Fieg, Fedoweb, UNA (che gestisce attualmente tramite AssAP Servizi le sue partecipazioni in Audipress e Audiweb) e UPA, che è quella che più ne ha promosso e perseguito la nascita con il suo Presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi e il D.G. Vittorio Meloni.

Contestualmente, ai principali istituti di ricerca operanti in Italia sarà indirizzata, su iniziativa dei soci fondatori del nuovo JIC, una richiesta di proposte metodologiche per la nuova indagine integrata (RFP, Request For Proposal). Gli Istituti invitati sono 6 (come già comunicato all’AgCom) e tra questi con tutta certezza ci saranno quelli che già lavorano per Audiweb, ovvero Nielsen, e Doxa e Ipsos (che collabora anche con Audiweb per la ricerca di base), ma anche altri potranno candidarsi. Potrebbe essere scelto più di un Isituto.

In attesa dell’implementazione della nuova ricerca, che non sarà ragionevolmente disponibile prima dell’inizio del prossimo anno, le attuali rilevazioni di Audipress per la carta stampata e di Audiweb per le audience digitali continueranno ad essere regolarmente rilasciate fino alla naturale conclusione del loro orizzonte contrattuale.

Metodologia e costi

Come si legge nel documento "Richiesta di progetti con proposte metodologiche per la nuova ricerca integrata digital+press di Audicomm", "l’integrazione delle ricerche ha l’obiettivo di arrivare alla produzione di una total audience in grado di comprendere la misurazione dei lettori print e digital, con la dovuta deduplicazione dei dati.

I 6 pilastri del progetto sono: misurazione digital, tramite Panel – SDK; misurazione lettura stampa, tramite CAPI – KAWI; modelli per la produzione dei dati: profilazione file censuario digitale, fusione con la misurazione lettura stampa e post-valutazione; catalogo properties editoriali; disponibilità e titolarità del file respondent level digital, press e unico digital+press; sistema di distribuzione dei dati via dashboard e via API.

I singoli aggiudicatari o rti stipuleranno un contratto triennale con eventuale proroga di altri 2 anni. Il costo per la ricerca integrata dovrà essere inferiore a quello medio sostenuto da Audiweb e Audipress per le sole ricerche sulle audience, pari a 5 milioni di euro. In particolare, nel primo anno è attesa una riduzione non inferiore al 10% rispetto alla baseline e doppia dal secondo anno in poi".


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 20/10/2021


Nutella sceglie Ogilvy per la nuova campagna “Ti Amo Italia”.

Dopo il successo della prima edizione, Nutella torna a dire “Ti Amo Italia” insieme a Ogilvy con un’edizione tutta nuova: dopo aver celebrato le bellezze le italiane note e meno note e le più affascinanti, questa volta la collezione di vasetti è stata ispirata proprio dagli utenti. La call to action lanciata in primavera, infatti, ha invitato gli utenti a segnalare gli angoli d’Italia più belli che hanno intorno, o che conoscono: grazie ad una votazione online ha permesso di selezionare i 42 luoghi che oggi fanno parte della collezione disponibile in tutti i punti vendita. L’edizione limitata viene lanciata in tv, in affissione e stampa con una campagna che mette in scena la meraviglia: quella che ci circonda, riempiendo il nostro Paese da nord a sud, e quella che proviamo nel riscoprire la bellezza proprio intorno a noi. Ma non è finita qui: perché l’esperienza prosegue sui canali digitali grazie a un esclusivo filtro Instagram, con cui gli utenti possono catturare le meraviglie che hanno davanti ai loro occhi, e caricarle sul Wall delle Meraviglie sul sito Nutella.it, per ricevere a casa una confezione personalizzata. Il risultato è una brand experience che invita gli utenti ad aprire gli occhi, ritrovare la meraviglia nella loro vita quotidiana e contribuire ad una collezione che è virtualmente infinita.   Credits Chief Creative Officer: Giuseppe Mastromatteo Creative Director: Lavinia Francia Creative Team: Gigi Pasquinelli, Andrea Sghedoni, Giuseppe Calì, Francesco Fiscone, Marco Ramponi Client Service Director: Chiara Caccia Client Service Team: Federica Mosele, Jessica Basilico Head of Strategy: Alessia Vitali Strategy Team: Gaia Ottaviano, Giulio Comandini Social Media Specialist: Nicola Capannelli Design: Claudio Sibio Head of Digital & Consulting Director: Marco Pelà Head of Operations: Stella Stasi UX Designer: Silvia Riva Centro Media: Mindshare

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy