ABBONATI

Manzoni: per il 2022 l’offerta è full funnel, in arrivo il rilancio del sistema moda e bellezza diretto da Emanuele Farneti

Autore: S Antonini

Raimondo Zanaboni


La concessionaria guidata da Raimondo Zanaboni ha presentato i progetti per l’anno prossimo, tra cui la ripresa degli eventi e le iniziative per i 40 anni di Radio Deejay; il digital rappresenta il 40% del fatturato

Si è tenuta martedì scorso la convention della Manzoni seguita, nel pomeriggio, dalla presentazione ai clienti sia della visione strategica dell’offerta, sia dei progetti per il 2022 della concessionaria GEDI guidata da Raimondo Zanaboni. L’incontro quest’anno è stato intitolato “Il business della rilevanza”, «perché con il nostro lavoro siamo capaci di generare intorno ai brand una attenzione e una conversazione in grado di influenzare i comportamenti. E’ quello che ci distingue da Google, che aiuta il consumatore a trovare quello che cerca: noi gli facciamo capire cosa desidera» spiega il presidente e amministratore delegato a DailyMedia.

Sul fronte della visione dell’offerta, la Manzoni conta su tre aspetti, di cui il primo è supportare la marca su tutti i fronti attraverso gli oltre 40 milioni di contatti generati dai mezzi in portafoglio tra carta, radio e digitale. Il secondo riguarda la capacità di creare considerazione attorno ai brand grazie ai progetti e ai contenuti integrati che ne raccontano i valori, capacità che si avvale dei contenitori verticali o hub creati nell’ambito della sostenibilità (Green and Blue), della tecnologia (Italian Tech, diretto da Riccardo Luna), del food (Il Gusto), di salute e benessere (Salute), del fashion (Moda e beauty).

La visione dell’offerta

Il terzo elemento che caratterizza l’approccio strategico della Manzoni è la capacità di chiudere il percorso con la call to action grazie alle acquisizioni di piattaforme a performance come Taboola, AutoXY per la generazione di lead nel settore automotive, il sito di shopping online nel settore del fashion Joy.it, e infine la piattaforma di infocommerce consigli.it. «Questi tre elementi, reach contenuti e conversione, ci consentono di costruire un’offerta di comunicazione full funnel».

Nel 2022 la concessionaria spingerà molto sugli eventi, settore che è stato bruscamente e a lungo interrotto, proposti nella inevitabile forma “phygital” ibrida tra live e online. Saranno eventi tematici legati al sistema delle news e degli hub verticali: a giugno si terrà a Milano il festival dedicato ai temi della sostenibilità, in collaborazione con Green and Blue, mentre a Bologna si svolgerà il festival del gusto. A luglio, sempre Bologna ospiterà l’undicesima edizione di “la Repubblica delle Idee”. A settembre, a Torino, si terrà la seconda edizione della Italian Tech Week e infine, a ottobre, a Roma ci sarà un evento dedicato alla salute.

Radio Deejay compie 40 anni

Ma gli eventi non saranno l’unico territorio di sviluppo dell’anno prossimo: «Il 2022 festeggeremo i 40 anni di Radio Deejay. Cominceremo le celebrazioni il primo febbraio, data del compleanno, con un palinsesto ad hoc per la giornata. Tra febbraio e marzo organizzeremo un tour teatrale con i talent della radio e a giugno sarà la volta di “Party like a Deejay”, la festa aperta al pubblico nel parco Sempione».

Seguiranno Play Deejay a Riccione in agosto e il summer tour nel periodo estivo, e il winter tour con l’avvio della stagione invernale. Inoltre, l’anno prossimo la Deejay Ten si fa in quattro: Bari, Lignano, Firenze e Milano; ricordando che gli iscritti nel 2019, l’ultima realizzata “in presenza”, erano stati 80mila, e le edizioni digitali di questi due anni pandemici ne hanno raccolti 20mila.

Novità editoriali

Le novità riguardano anche l’offerta editoriale e in particolare l’ingresso nel settore dei podcast grazie all’accordo con l’operatore leader iHeartMedia, annunciato qualche giorno fa, a seguito del quale GEDI ha lanciato One Podcast, iniziativa dedicata alla creazione e distribuzione di contenuti audio digitali originali: «Pensiamo che nel mondo dell’audio ci sia un grande potenziale – commenta Zanaboni – e grazie a One Podcast rafforziamo la nostra presenza come produttori, realizzando prodotti seriali, di intrattenimento, di spettacolo, culturali, coinvolgendo i nostri talent che saranno anche disponibili sulle principali piattaforme come Audible e Spotify».

Inoltre, dopo l’acquisizione del 100% dell’HuffPost Italia sarà lanciato un nuovo sito perché cambia la piattaforma che diventa proprietaria: «Con un posizionamento di opinione e di approfondimento l’HuffPost vanta 4 milioni di utenti al mese». Infine, a seguito dell’ingresso di Emanuele Farneti alla direzione del sistema moda e bellezza, ci sarà un rilancio dello stesso, a partire dal nuovo D che sarà in edicola in primavera corroborato da una intensa presenza sui social e in sinergia con il digital.

Andamenti 2021

Per quanto riguarda gli andamenti della Manzoni in questo 2021, Zanaboni sottolinea le performance soddisfacenti: «Abbiamo raggiunto gli obiettivi importanti che ci eravamo prefissati, e l’anno non è ancora finito». Il digitale «è andato molto bene, raggiunge una quota superiore al 40% del fatturato complessivo, si è verificato lo scambio tra carta e digitale e la cosa ci fa ben sperare».

Bene anche la radio, «in ripresa a livello di mercato, con le audience in crescita rispetto a una tv in calo, è in atto un ribilanciamento degli ascolti». E bene anche la carta stampata: «Meglio delle aspettative, il ritorno è superiore a quanto ci aspettavamo».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/01/2022


The Ad Store porta in tv il nuovo spot di Calciatori Panini 2021-2022

È on air la nuova campagna dedicata alla collezione più attesa dagli appassionati di calcio di tutte le età: Calciatori Panini 2021-2022. Lo storico brand di figurine ha scelto, per il terzo anno consecutivo, la creatività di The Ad Store che, con il claim "Una passione che lascia il segno", porta in tv uno dei gesti più chiacchierati del calcio moderno: quello della VAR. "Strappa, incolla, scambia: l'album Panini è da sempre fortemente legato alla gestualità”, racconta Giulio Nadotti, Creative Director di The Ad Store. “Siamo partiti da questo insight sul prodotto e da una delle novità più importanti della collezione 2021-2022 - il nuovo formato delle figurine - per sviluppare uno storytelling basato su uno dei gesti più iconici del calcio italiano e dargli un significato tutto nuovo, ma soprattutto positivo legato all'atteso ritorno in edicola delle figurine dei calciatori". “La proposta di The Ad Store ci è piaciuta perché fa leva, in modo creativo, su una delle principali novità del nostro album, trasformando un gesto ormai noto in ambito calcistico, capace di creare suspance in tutti i tifosi, in un elemento decisamente positivo, identificabile con il nostro brand e al lancio della Collezione 2021-2022”, spiega Alessandro Folloni, Product Manager di Panini. Oltre alla tv, con diversi formati multisoggetto da 20”, 15” e 10”, la pianificazione prevede anche il digital - con attività social e di digital PR attraverso influencer e ambassador Panini. La produzione è di Fargo Film con la regia di Alessio Fava.   Credits Panini Antonio Allegra - Direttore Mercato Italia, Prodotti Collezionabili Alessandro Folloni - Product Manager - Collectibles Dept.   The Ad Store Giulio Nadotti - Creative Director Antonella de Gironimo - Senior Copywriter & Strategist Nicolò Amoretti - Art Director Daniele Iafulli - Copywriter Michele Febbroni - Client Director Marta Gerosa - Agency Producer   Fargo Film Nicolò Dragoni - Executive Producer Federico Mazzola - Executive Producer Alessio Fava - Director Martino Pellion Di Persano - DOP Lorenzo Casati - VFX

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy