ABBONATI

Il Ministero degli Esteri avvia con ICE le procedure di gara per la promozione internazionale del Made in Italy post Covid con budget fino a 50 milioni di euro

Autore: V Parazzoli


Il Dicastero guidato da Luigi Di Maio ha affidato all’Agenzia per l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione degli investimenti la gestione del bando che sarà emesso il 31 luglio. I primi Paesi coinvolti saranno 26

Il “Fondo per la promozione integrata” da 140 milioni di euro voluto dal Ministero degli Esteri a favore del Made in Italy, un “piano straordinario” inserito nel Decreto “Cura Italia” varato dal Consiglio dei Ministri guidato da Giuseppe Conte sta iniziando a essere investito anche per quanto riguarda la “realizzazione di una campagna straordinaria di comunicazione volta a sostenere le esportazioni italiane e l’internazionalizzazione del sistema economico nazionale nel settore agroalimentare e negli altri settori colpiti dall’emergenza derivante dalla diffusione del Covid-19, anche avvalendosi di ICE-Agenzia italiana per l’internazionalizzazione delle imprese e per l’attrazione degli investimenti”. E ora in effetti l’Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane ha emesso per conto del Dicastero guidato da Luigi Di Maio l’avviso di pre-informazione che porterà alla relativa gara per il piano di comunicazione per il quale è stata stanziata una cifra fino a 50 milioni di euro (41 milioni al netto dell’IVA come valore complessivo degli acquisti) da spendersi entro un anno.

Gli obiettivi

Il programma “Made in Italy”, per il quale il Ministero avrà anche il supporto di AgID - Agenzia per l’Italia digitale, si pone i seguenti obiettivi: rilanciare l’immagine dell’Italia con una vera e propria campagna di nation branding in grado di attrarre risorse, anche umane, e investimenti; sostenere le esportazioni italiane attraverso il rilancio dei settori economici più colpiti dall’emergenza Covid-19 e ridare, al contempo, slancio al settore turistico; ampliare e diversificare i mercati esteri di riferimento per le PMI italiane, in aggiunta a un’azione di consolidamento della presenza del nostro export in quelli più tradizionali. La consultazione preliminare di mercato dovrà essere finalizzata all’individuazione di elementi conoscitivi, proposte, strumenti e metodologie innovative, di cui tener conto nella predisposizione dell’oggetto della successiva documentazione di gara per la realizzazione della campagna.

Target

I primi destinatari della campagna saranno opinion leader, imprenditori, pubblico giovanile e consumatori ad alto potenziale, da differenziare Paese per Paese. La campagna dovrà prevedere una diffusione a livello globale, con declinazioni “verticali” nei principali mercati di sbocco dell’export italiano e nelle economie più promettenti per potenzialità di penetrazione commerciale. Al momento sono stati individuati 26 Paesi target in tre continenti: Europa, Asia e America. I Paesi sono: Arabia Saudita, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cina (inclusa Hong Kong), Corea del Sud, Emirati Arabi Uniti, Federazione Russa, Francia, Germania, Giappone, India, Messico, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria, USA e Vietnam. Il programma è suscettibile di progressivo incremento fino a 50 Paesi complessivi, prescelti fra i principali mercati di sbocco dell’export italiano e le economie più promettenti per potenzialità di penetrazione commerciale.

La struttura di campagna

La campagna dovrà privilegiare l’utilizzo di strumenti, azioni, mezzi, iniziative e canali di natura digitale e innovativi, tali da raggiungere con la massima efficacia i target di riferimento. L’articolazione è pensata come una “campagna madre” di tipo “valoriale”, alla quale agganciare campagne verticali per settori o Paesi o per gruppi di Paesi culturalmente omogenei. L’azione dovrà svolgersi con “sinergie promozionali”, esplorando la possibilità di un approccio intersettoriale e integrato, basato sulle cd. “adiacenze utili”, o per filiera, come, a titolo esemplificativo: turismo, ospitalità, agroalimentare, artigianato, valorizzazione del territorio, cultura e siti UNESCO, con priorità a quelli meno noti; salute, aging society, turismo; tessile, moda, persona; meccanica, lavorazione legno, arredo-design; innovazione, tecnologia, aerospazio, robotica, intelligenza artificiale, ICT; economia verde, sostenibilità, energie rinnovabili, economia circolare; filiera agroindustria innovativa: sementi, macchine, irrigazione, packaging; commercializzazione, logistica, catena del freddo, ciclo dei rifiuti, biocarburanti.

La consultazione di mercato

La piattaforma per il procurement di innovazione Appaltinnovativi.gov. supporterà le iniziative connesse al programma di comunicazione. La consultazione di mercato si svolgerà con strumenti telematici, in modalità asincrona (ad esempio via mail, forum, questionari on line) e sincrona (ad esempio, webinar e meeting on-line). La consultazione di mercato prevede un primo incontro pubblico che si terrà entro il 22 giugno 2020. L'incontro si svolgerà tramite una piattaforma digitale. La partecipazione è aperta a tutti gli operatori siano essi impreseuniversitàcentri di ricercaenti del terzo settorepersone fisiche, etc. previa trasmissione del modulo di iscrizione alla consultazione stessa, che sarà disponibile a partire da lunedì 8 giugno. Al termine di questo percorso di consultazione verrà dato seguito alla procedura di appalto attraverso la pubblicazione di uno o più bandi di gara. La scelta della procedura verrà operata in ragione di quanto emergerà in relazione al grado di efficacia delle soluzioni esistenti e alla connessa esigenza di massimizzare le risorse disponibili. Il primo incontro si svolgerà entro il 22 giugno 2020, mentre la data prevista di pubblicazione del bando di gara è il 31 luglio 2020.

Le altre iniziative

La “dotazione iniziale per l’anno 2020” di 140 milioni di euro (il finanziamento complessivo è di 182,4 milioni) è volta anche alla realizzazione di altre iniziative: potenziamento delle attività di promozione del sistema Paese realizzate, anche mediante la rete all’estero, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e da ICE; cofinanziamento di iniziative di promozione dirette a mercati esteri realizzate da altre amministrazioni pubbliche mediante la stipula di apposite convenzioni; concessione di cofinanziamenti a fondo perduto. In considerazione dell’esigenza di contenere con immediatezza gli effetti negativi sull’internazionalizzazione del sistema Paese in conseguenza della diffusione del Covid-19 si applicano, fino al 31 dicembre 2020, le seguenti disposizioni: i contratti di forniture, lavori e servizi possono essere aggiudicati con procedura negoziata (dopo selezione di almeno 5 operatori) senza previa pubblicazione di un bando di gara; il Ministero degli Affari Esteri e ICE possono avvalersi, con modalità definite mediante convenzione, e nei limiti delle risorse finanziarie disponibili, dell’Agenzia Nazionale per l'Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo di Impresa – Invitalia.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/01/2022


The Ad Store porta in tv il nuovo spot di Calciatori Panini 2021-2022

È on air la nuova campagna dedicata alla collezione più attesa dagli appassionati di calcio di tutte le età: Calciatori Panini 2021-2022. Lo storico brand di figurine ha scelto, per il terzo anno consecutivo, la creatività di The Ad Store che, con il claim "Una passione che lascia il segno", porta in tv uno dei gesti più chiacchierati del calcio moderno: quello della VAR. "Strappa, incolla, scambia: l'album Panini è da sempre fortemente legato alla gestualità”, racconta Giulio Nadotti, Creative Director di The Ad Store. “Siamo partiti da questo insight sul prodotto e da una delle novità più importanti della collezione 2021-2022 - il nuovo formato delle figurine - per sviluppare uno storytelling basato su uno dei gesti più iconici del calcio italiano e dargli un significato tutto nuovo, ma soprattutto positivo legato all'atteso ritorno in edicola delle figurine dei calciatori". “La proposta di The Ad Store ci è piaciuta perché fa leva, in modo creativo, su una delle principali novità del nostro album, trasformando un gesto ormai noto in ambito calcistico, capace di creare suspance in tutti i tifosi, in un elemento decisamente positivo, identificabile con il nostro brand e al lancio della Collezione 2021-2022”, spiega Alessandro Folloni, Product Manager di Panini. Oltre alla tv, con diversi formati multisoggetto da 20”, 15” e 10”, la pianificazione prevede anche il digital - con attività social e di digital PR attraverso influencer e ambassador Panini. La produzione è di Fargo Film con la regia di Alessio Fava.   Credits Panini Antonio Allegra - Direttore Mercato Italia, Prodotti Collezionabili Alessandro Folloni - Product Manager - Collectibles Dept.   The Ad Store Giulio Nadotti - Creative Director Antonella de Gironimo - Senior Copywriter & Strategist Nicolò Amoretti - Art Director Daniele Iafulli - Copywriter Michele Febbroni - Client Director Marta Gerosa - Agency Producer   Fargo Film Nicolò Dragoni - Executive Producer Federico Mazzola - Executive Producer Alessio Fava - Director Martino Pellion Di Persano - DOP Lorenzo Casati - VFX

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy