ABBONATI

Gerundio si aggiudica la gara Todis e ne rivoluziona la strategia digitale

Autore: D Sechi

Ramon Sembianza


La consultazione, che ha visto impegnate 10 agenzie, ha consegnato all’agenzia le chiavi del nuovo sito online e delle attività di web marketing all'insegna della personalizzazione. Il racconto del founder Ramon Sembianza

Un piccolo riassunto, visto che qualche puntata potrebbe essere andata persa durante le settimane dell’ormai epocale chiusura: Todis, storica insegna della GDO attiva nel centro sud, con circa 250 negozi, sul finire dello scorso anno assegna, dopo una consultazione che ha interessato 10 agenzie, l’incarico relativo al digital a Gerundio. L’idea di base è rivoluzionare un modo di fare, di pensare, di agire, per venire ancora di più incontro alle esigenze dell’utente medio che oggi come oggi appare cangiante, saltellante da un ambito all’altro, a cavallo di gusti e interessi eufemisticamente mutevoli. L’approdo definitivo al concetto di personalizzazione, di messaggio mirato, con un approccio data driven come si suol dire. L’insegna di proprietà della società Iges, società unipersonale, controllata dalla cooperativa PAC2000A Conad, si mette al lavoro con la nuova agenzia, mentre il nuovo anno è appena iniziato. Poi, ecco arrivare l’ormai noto stop globale, ma il lavoro non rallenta, continua sottotraccia, al chiuso degli appartamenti, accelera idee che comunque sia prima o poi, nel corso del 2020 sarebbero venute alla luce. Ed eccole qui. Il piano si concretizza, vengono ridefiniti tutti i touch point utili a dialogare con gli utenti online: sito, social, direct marketing, advertising.

Immagine e praticità

Ramon Sembianza è il founder dell’agenzia che si è aggiudicata la gara, Gerundio. In onore del nome, viene naturale chiedere…

Cosa state facendo per Todis?

«In questi mesi siamo intervenuti sul look & feel del sito, www.todis.it, con l’obiettivo di andare ancora più incontro all’utente, al consumatore. È stata quindi rinnovata la componente grafica, come pure quella tematica, arricchita di rubriche, di blog, accentuata da un forte impatto visivo. Dal portale siamo poi passati ai social, che erano già presenti, presidiati, ma serviva a quel punto una strada comune tra le due anime digitali».

L’obiettivo è catturare l’attenzione del nuovo cliente: chi è lui?

«È un cliente a più facce, un consumatore che si ciba su diversi canali. Per non perderne alcuna differenza, occorreva un approccio data driven, messaggi mirati, personalizzati, una profilazione probabilmente non ancora conosciutissima in ambito Gdo, anche nei grossi marchi».

Avete già primi risultati?

«Sì, anche se siamo online da poco più di una settimana. È già aumentata l’interazione, favorita anche dalla revisione user friendly, nata dalla consapevolezza che il cliente Todis ormai si muove soprattutto su mobile (per l’86%). È cresciuta la rilevanza del brand sui social, l’attivazione di iniziative drive to store e sono stati rinnovati i rapporti con la community di riferimento. Todis è un market di prossimità, una scelta strategica che abbiamo voluto replicare anche online. Non si tratta più di una vetrina, non ci son più solo scopi commerciali, autoreferenziali. L’ambito digital dell’insegna è stato trasformato in uno spazio per così dire amichevole, ricco di consigli, curiosità, ricette, indicazioni, concorsi».

Anche concorsi?

«Partirà fra qualche giorno “Todis - Buongiorno Pianeta”, un contest incentrato sulla mobilità green. Una delle tante novità legate a una visione più pop che in futuro verrà ulteriormente alimentata e accentuata». (Todis investe il 15% del budget marketing sul digital. A integrare la consulenza digitale di Todis anche la collaborazione con Digital Angels, l'agenzia che ha definito la strategia media ed il posizionamento SEO, con analisi dei trend di ricerca e di mercato, campagne di paid advertisinge data analytics, con un approccio integrato e multichannel).

Come ha reagito Gerundio al Covid?

«Sono stati tre mesi di stop, soprattutto per quel che concerne il ramo eventi, ambito per noi molto importante, ma ora stiamo avvertendo i primi segni della ripresa. Abbiamo ricevuto altri due nuovi incarichi: il primo riguarda Hill’s Pet Food, marchio della Colgate-Palmolive, per cui curiamo il contest Hill’s Pet Fit (https://www.hillspetfit.it/), il secondo Amazon, per il quale curiamo la content production di About Amazon. Il 2020 sarà un anno particolare. Magari non riusciremo a raggiungere gli obiettivi prefissati, ma potremmo alla fine pareggiare quelli dello scorso anno».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 06/08/2020


Hasbro con RCS per portare i giochi in scatola direttamente nell’edicola sotto casa

Che sia al mare, in montagna o in città quest’anno le vacanze estive saranno all’insegna del divertimento “a portata di mano”. Hasbro in collaborazione con il gruppo editoriale RCS lancia un’iniziativa inedita per garantire un intrattenimento senza fine e senza confini. I grandi classici Hasbro Gaming saranno infatti a disposizione in tutte le edicole per la prima volta in formato originale, con La Gazzetta dello Sport e Oggi. L’azione dell’azienda, leader nel settore dell’entertainment e del grande gruppo editoriale RCS, è volta a promuovere un divertimento alla portata di tutti senza limiti, che si avvicina alla quotidianità delle famiglie italiane privilegiando un canale che lavora proprio sulla prossimità. La collana prevede uscite a cadenza settimanale dei titoli più amati da adulti e bambini. Laprima uscita, acquistabile in edicola al prezzo di 14,99 euro, è il mitico Forza4, gioco in scatola che raccoglierà tutte le famiglie intorno a un tavolo o, perché no, sotto l’ombrellone. A seguire, fino a ottobre, tutti gli appassionati troveranno nella propria edicola di fiducia altri celebri board games tra cui l’intramontabile Monopoly, gli iconici L’allegro Chirurgo e Indovina Chi? E ancora Cluedo, Taboo e Twister. Un totale di 12 giochi. L’attività sarà supportata da una campagna media con uno spot di 15’’ on air sui canali Mediaset, RAI e La7+ e campagna stampa sulle testate RCS di riferimento. 

LEGGI

Correlati

img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 27/07/2020


Acquedotto Pugliese affida ad Amapola dopo gara la sua adv istituzionale e va in tv per promuovere l’uso delle autoclavi

Il 29 luglio, Simeone di Cagno Abbrescia, Presidente dell’Acquedotto Pugliese - tra i maggiori player nazionali nella gestione del ciclo idrico integrato - ospiterà, a Bari l’incontro “H2O la formula che connette territori e comunità”, che si concluderà con l’esibizione dei TerraRoss con alcuni acquedottisti, autori della colonna sonora dello spot istituzionale 2019 di AQP. L’evento è dedicato all’illustrazione del bilancio sociale e ambientale del Gruppo. Nell’occasione, AQP, che è la più grande azienda pubblica del Mezzogiorno controllata al 100% dalla Regione Puglia, lancia, anche in collaborazione con Pugliapromozione, la nuova campagna istituzionale che coniuga i valore dell’Acquedotto con il patrimonio naturale e culturale dei suoi territori. La creatività è stata affidata al termine di una gara ad Amapola, che ha curato anche la redazione del Report. La multi-soggetto ritrae panorami simbolo o scorci naturalistici in stretta correlazione con l’infrastruttura dell’Acquedotto Pugliese. L’headline sintetizza la missione dell’Acquedotto Pugliese e, tramite i servizi erogati e le infrastrutture, connette tra loro città, campagne e le loro comunità per oltre 4 milioni di cittadini serviti. La campagna valorizza il Report che presenta il bilancio finanziario e di sostenibilità dell’azienda. La campagna (7 le declinazioni) prevede una pianificazione online e sui media tradizionali che vede come primo soggetto la fortezza medievale di Castel del Monte. Intanto, da metà mese, è on air sulle tv regionali anche il nuovo spot messo a punto da AQP stesso “Ancora la devi mettere?”,  volto a diffondere informazioni sulla normativa che regolamenta il Servizio Idrico Integrato e a incentivare l’installazione delle autoclavi per poter usufruire di un’erogazione idrica adeguata alle esigenze domestiche. A raccontare episodi di vita quotidiana è lo youtuber Daniele Condotta che ha collaborato alla realizzazione dello spot.

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 27/07/2020


Mashfrog Group e AlteraWide si aggiudicano la gara Enel X

Mashfrog Group, Tech Company italiana con sedi in Europa, Asia e Australia e competenze trasversali in tutti i principali settori della trasformazione digitale, insieme ad AlteraWide, Content Agency specializzata nella produzione video e di contenuti multimediali, si aggiudica la gara indetta da Enel X per la creazione, gestione e pubblicazione contenuti su tutti i canali della comunicazione interna globale. Enel X è la società del Gruppo Enel dedicata allo sviluppo di prodotti e soluzioni digitali in tutti quei settori nei quali l'energia è la leva indispensabile per l’innovazione sostenibile: smart city, mobilità elettrica, abitazioni e impresa. Obiettivo del bando era individuare il partner più idoneo all’ideazione e realizzazione di campagne di comunicazione capaci di veicolare all’interno di tutta la popolazione Enel X, italiana e globale, la visione, la mission e la cultura dell’azienda nel suo complesso.  I motivi dell’assegnazione Forti dell’esperienza già maturata nel settore, l’RTI si è aggiudicata la vittoria prendendo in carico l’ideazione di format creativi finalizzati all’informazione, formazione ed engagement degli impiegati su scala globale, la produzione integrale dei contenuti multimediali (testi, infografiche, video animazioni, interviste, web serie, etc.) e la gestione di tutti i canali della comunicazione interna online e offline (DEM, intranet, web, applicazioni mobile, eventi, etc.). Ad aggiudicare la vittoria ai due candidati hanno contribuito non solo la presenza di tutte le professionalità e competenze tecniche e creative necessarie, ma anche l’esperienza e la consapevolezza dimostrate rispetto al ruolo che una comunicazione interna innovativa ed efficace svolge nella crescita di un’impresa. Una strategia triennale “La percezione visiva oggi più che mai ha un impatto determinante nella costruzione della brand awareness e nella creazione del senso di appartenenza all’azienda. Quando si creano contenuti ingaggianti e interessanti i lavoratori si sentono coinvolti e allineati alla mission e ai valori aziendali, diventando veri e propri ambassador.” sottolinea Fabrizio Varrenti CEO di Alterawide. “Progettare contenuti che abbiano un impatto è una sfida che accogliamo con grande entusiasmo soprattutto sapendo di lavorare con una azienda innovativa e proiettata verso il futuro come Enel X”. La collaborazione tra le parti prevede una durata di tre anni. Nel triennio 2020-2023 verrà messa in atto una strategia finalizzata alla comunicazione efficiente, efficace e multilingua, e alla partecipazione attiva a tutti gli aspetti della vita aziendale di una popolazione globale distribuita tra Europa, Asia, Americhe e Oceania.

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 22/07/2020


La Regione Marche mette a bando 3,4 milioni per la comunicazione dell’FSE per il triennio del POR 2014–2020 e per l'avvio della programmazione 2021–2027

La Regione Marche ha emesso un bando di gara per l’affidamento del servizio attività di comunicazione del Fondo sociale europeo per l'ultimo triennio di attuazione del POR 2014–2020 e per l'avvio della nuova programmazione 2021–2027, del valore totale stimato, IVA esclusa, di 3.440.000 euro in 36 mesi, con facoltà di rinnovo per un periodo analogo. Termine per il ricevimento delle domande di partecipazione: 29 settembre 2020, con apertura delle offerte l’1 ottobre. L’obiettivo è favorire la massima visibilità possibile e, contestualmente, porre le basi per il lancio della nuova Programmazione 2021/2027, anche attraverso la creazione e la diffusione di un “sentimento di fiducia” verso le opportunità provenienti dall’Europa tramite i Fondi Europei – in particolare i Fondi Strutturali – e verso le Istituzioni nazionali, regionali e locali che li attivano, e gestiscono, per destinarli al miglioramento delle condizioni economico-sociali della popolazione e dei propri territori di riferimento. I precedenti cicli di incarichi erano stati aggiudicati ad Agorà. Gli obiettivi Gli obiettivi specifici sono: incrementare la partecipazione dei cittadini, e delle giovani generazioni in particolare, a tutti gli interventi e opportunità offerte dai Programmi Europei; garantire la diffusione di informazioni a livello regionale e nazionale, anche con riguardo ai risultati raggiunti grazie agli interventi finanziati dal POR FSE Marche; incrementare e migliorare la presenza del FSE su web e canali social; costruire percorsi di comunicazione targettizzata (ad es. campagne DEM ecc.) per favorire un coinvolgimento mirato del pubblico di riferimento per ogni avviso/intervento del POR FSE; favorire l’applicazione di modalità operative basate sullo storytelling, sull’uso di testimonial e sul racconto di buone pratiche relative ad interventi/progetti finanziati dal FS; coinvolgere e informare il mondo delle imprese, laddove sia destinatario di azioni del POR FSE e/o congiuntamente di misure FESR. Al fine di rendere più efficace l’azione di comunicazione rispetto allo sviluppo dei nuovi mezzi di comunicazione digitale e alle nuove esigenze relative alla gestione dei social media ed alla produzione di materiali necessari per la comunicazione online e su web, si ritiene strategico, per il prossimo triennio, ampliare le attività relative alla comunicazione digitale, quali ad esempio: la componente relativa al social media management, la produzione di materiali digitali e l’acquisto di spazi promozionali sui canali social e sui principali siti web di riferimento.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy