ABBONATI

ADS: a dicembre copie ancora in calo, Corriere della Sera si conferma primo quotidiano anche in edicola

Autore: S Antonini


La testata di via Solferino è seguita da la Repubblica, QN secondo nelle vendite; controtendenza per Avvenire, Libero e La Verità; Sorrisi sempre leader dei settimanali, a novembre tra i mensili è in testa Al Volante

Continua la sofferenza delle diffusioni, sostanzialmente ancora in calo nel mese di dicembre 2019 secondo i dati ADS confrontati con quelli del dicembre 2018. Nei 12 mesi i quotidiani perdono circa il 6,6% complessivo delle copie. Guida la classifica dei più diffusi il Corriere della Sera, in calo del 3,1% rispetto all’anno scorso, con 268.956 copie tra carta e digitale. La testata RCS è in testa anche nelle vendite in edicola con 171.503 copie, -6,7% rispetto al 2018. La Repubblica segue per copie totali, a quota 186.062, ma in edicola cede il passo al Quotidiano Nazionale – QN che ne vende 162.788 contro le 129.609 della testata di GEDI. Quest’ultima ne perde il 7,5% e l’8,3% complessivo, mentre il QN – che raccoglie sotto lo stesso cappello Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno – cede quasi l’11,9% delle copie complessive, a quota 181.399, e il 13,3% circa sul fronte edicola. Quarto quotidiano nazionale è il Sole 24 Ore con 150.541 copie, -9,6% sul dicembre 2018. In edicola ne diffonde 38.401, -14,3% rispetto all’anno scorso. La Gazzetta dello Sport fa 138.735 copie in totale, di cui 121.162 in edicola, rispettivamente in calo del 5,9% e dell’8%. La Stampa diffonde complessivamente 129.671 copie tra carta e digitale, e 88.928 in edicola, in calo rispettivamente dell’11,9% e del 13,5%. Controtendenza per l’Avvenire che tra carta e digitale diffonde 117.422 copie, crescendo dell’1,5% rispetto all’anno scorso. Il quotidiano della CEI va bene anche in edicola, dove aumenta le copie vendute del 2,9% e si attesta a quota 23.782. Il Messaggero invece fa 87.983 copie, 5,6% in meno del dicembre 2018, e 66.051 in edicola (-8,1%). Il Giornale si attesta a quota 43.487 (-12,4%) di cui 39.707 (-12,7%), mentre il Fatto Quotidiano diffonde complessivamente 39.862 copie, in calo del 10,8% sul 2018, di cui 23.535 in edicola (-19,3%). Numeri in crescita invece per Libero e La Verità: il primo si attesta a quota 28.227 copie complessive, +4,6%, di cui vendute in edicola 24.743 (+4%). La Verità cresce del 18,9% con 27.560 copie complessive, mentre in edicola ne diffonde 24.578 (+14%).

Settimanali

Per quanto riguarda la periodicità settimanale, in testa alle diffusioni di dicembre 2019 c’è sempre la testata Mondadori Sorrisi e canzoni TV, con 474.459 copie in calo del 7,3% sul 2018. Segue Settimanale DiPiù, della Cairo Editore, con 355.537 (-9,5%). Telesette perde il 6,3% e si attesta a 322.916. Tra i famigliari, Gente ne diffonde 239.924 e cresce del 2,5% sul 2018, mentre il concorrente Oggi ne fa 235.384 e ne perde il 5,6%. Famiglia Cristiana diffonde 217.706 copie e ne perde l’8,4%. Tra i femminili Vanity Fair è in crescita sul 2018, con il +1,7% fa 234.338 copie, mentre l’allegato iO Donna del Corriere della Sera di attesta a quota 261.144, in calo del 3,6%. Elle a quota 199.417 copie tiene con un minimo saldo negativo dell’1,1%. Grazia invece fa un exploit del 7,6% e si attesta a quota 161.889. L’allegato di la Repubblica D la Repubblica delle donne perde il 5,2% e si attesta a 173.062 copie.

Mensili

Nel mese di novembre 2019 Al Volante, con un totale copie di 219.626, si attesta primo tra i mensili, seguito da Focus con 196.195 copie. Quattroruote raggiunge le 170.983 copie, mentre Cose di Casa ne fa 146.838. Marie Clare a quota 125.914 è seguito da Cucina Moderna con 123.111 copie. Cosmopolitan a quota 117.963 precede Giallo Zafferano che diffonde 113.044 copie.

Tabelle quotidiani

Tabelle settimanali

Tabelle mensili


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 14/09/2021


Bellussi Spumanti on air con una campagna che celebra il prodotto di punta

Le bollicine degli spumanti Bellussi scoppiano ovunque, in tv, esterna, stampa e anche su digital. Il brand, forte della partnership con Publicis Groupe, va on air con Leo Burnett e il planning curato da Starcom e lo fa anche con una forte penetrazione digital e social. Lo spot racconta la forte personalità del brand e la sua unicità attraverso un linguaggio contemporaneo e inaspettato. Un’animazione in motion graphic dove le parole prendono vita e si muovono a ritmo sincopato con sound effect, tutto pensato per trascinare e sorprendere lo spettatore, come suggerisce il messaggio dello spot stesso: “Quando lo stappi senti solo WOW”. La bottiglia Bellussi è sempre integrata nel messaggio e protagonista indiscussa della scena. La campagna andrà in onda sulle principali emittenti televisive nazionali e sull’on demand di Sky per tre settimane e avrà una declinazione su digital, social, stampa e digital. Out of home tv e digitale sono stati pianificati con uno studio approfondito del target attraverso Addressable Tv e programmatic. L’impianto strategico amplia l’audience di riferimento e va a rafforzare la comunicazione che, dopo una prima fase incentrata sul B2B, da giugno si è rivolta a un target di consumatori urbani, digitalizzati, con una personalità attenta ai dettagli, all’estetica, alle mode, fortemente affine all’identità del brand e ai suoi valori.    Credits Agenzia Creativa: Leo Burnett Creative Director, Head of Design: Neta Ben-Tovim Creative Director: Marco Fagnani Art Director: Stefano Pertegato, Giovanni Duò Copywriter: Franco Vittori Account Director: Barbara Bottarini Account Executive: Francesco Biscuso  Manuela Fidenzi – Senior TV Producer Raffaella Scarpetti – Head of TV Milan & Rome Agenzia Media: Starcom CSD: Benedetta Bottaro Account Manager: Serena Rossi Digital consultant: Alessandra Greco Digital media planner senior: Silvia Ros Media executive: Federica Pomarelli Strategic planner: Ilias Nissim

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy