ABBONATI

Nella gara creativa di Enel si sta delineando una sfida a due tra Publicis Groupe, con Saatchi&Saatchi, e WPP, che ha appena visto la conferma di Mindshare per il media

Autore: V Parazzoli

Roberto Deambrogio


Al pitch indetto dall’azienda di cui è Direttore della Comunicazione Roberto Deambrogio sono stati invitati anche Havas Milan e IPG, che risultano aver declinato, e Omnicom, che potrebbe prendere una decisione analoga

Nella gara creativa per definire la nuova agenzia creativa di riferimento per il prossimo triennio di Enel si sta delineando una sfida a due tra Publicis Groupe, che vede Saatchi&Saatchi impegnata a difendere un rapporto che dura ormai continuativamente da 18 anni, e WPP. Oltre che a questi due Gruppi, come anticipato da DailyMedia dello scorso 3 settembre, al pitch indetto dal Gruppo di cui sono Direttore della Comunicazione Roberto Deambrogio e Responsabile della Pubblicità Silvia Fellegara, sono stati invitati anche Havas Milan, IPG e Omnicom. Sempre secondo quanto ci risulta, però, i primi due avrebbero declinato l’invito (l’agenzia guidata da Dario Mezzano tra l’altro gestisce Edison), mentre il terzo starebbe orientandosi nello stesso modo, anche se ancora non tutte le riserve sarebbero state sciolte. Va sottolineato che a WPP fa capo GroupM, di cui fa parte Mindshare la quale – sempre come da noi anticipato – ha appena vinto la gara media indetta nella scorsa primavera sempre da Enel, con una conferma quindi dell’incarico, per un budget complessivo a livello globale di 50 milioni all’anno (metà dei quali destinati al mercato interno), per la centrale di cui è CEO Roberto Binaghi.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 12/11/2019


Sainsbury’s festeggia i 150 anni sulle orme di Dickens

Londra, 1869, il mercato di Natale e una banda di spazzacamini provenienti dall'orfanotrofio si mangia con gli occhi le bancarelle piene di lecornie. Ma ecco apparire il solito cattivone di turno, il furfante che ruba. Peccato che poi venga incolpato il piccolo Nicholas il quale, umiliato di fronte a tutti, viene imprigionato e mandato via dalla città. La scena però è stata bene osservata da una commerciante, la quale, armatasi di carrozza, va a recuperrare il piccolo, disperso nella foresta imbiancata da una bufera di neve, lo salva, gli regala i frutti e lui, di nascosto, entra nella notte di Natale nell'orfanotrofio e riempie le calze dei suoi amici, mentre il furfante di cui sopra viene punito con una palla di carbone. I bambini corrono festanti e Nicholas si ritrova di nuovo da solo nella foresta, si sistema il berretto, che però diventa rosso, l'inquadratura si amplia ed ecco spuntare le renne. Il piccolo Nicholas, in realtà, è Babbo Natale! Sainsbury’s festeggia così i suoi primi 150 anni, con un lungo spot dai connotati cinematografici, ispirato alla Londra vittoriana cara a Charles Dickens.

LEGGI

Correlati

img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 20/11/2019


Torino diventa “Città del Cinema 2020”. L’rti di Noodles con Punto Rec Studios e Wellnet vince l’appalto per la comunicazione

Noodles, in rti con Punto Rec Studios e Wellnet, ha vinto il bando emesso dal Comune di Torino per l’affidamento dei servizi inerenti la realizzazione del progetto di comunicazione e promozione di “Torino Città del Cinema 2020”. L’appalto aveva per oggetto la realizzazione di una proposta creativa di comunicazione e di promozione del citato progetto e le varie attività che lo compongono mediante lo studio del relativo brand, del visual di campagna, del claim, del format di comunicazione, delle attività di storytelling, la creazione del sito, la realizzazione di video e spot, attività social, materiali di comunicazione e ufficio stampa. L’importo dell’appalto era di 163.935 euro. Il progetto “Un film lungo un anno” coinvolge anche il Museo Nazionale del Cinema e la Film Commission Torino Piemonte, con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, in collaborazione con Regione Piemonte, Fondazione per la Cultura Torino, e Rai che, come media partner, trasmetterà anche uno spot sui suoi canali. L’idea creativa è stata quella di comunicare con un segno grafico i tre sostenitori dell’evento, Comune di Torino, Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte appunto, che si uniscono per dare valore e identità al capoluogo subalpino e al suo sistema cinema. Un’icona forte che esprime, in modo inequivocabile, la centralità della città attraverso la stilizzazione della Mole Antonelliana. L’evento inaugurale sarà domani con il taglio del nastro dell’installazione dedicata a “Torino Città del Cinema” che rimarrà esposta in piazza Castello per tutto il 2020. Il programma Per l’anno prossimo è in programma un ricco calendario di iniziative, in cui confluiranno tutti i tradizionali eventi cinematografici del territorio, che vedranno coinvolte le istituzioni culturali torinesi con l’obiettivo di creare “contaminazioni cinematografiche” in ciascun ambito, dall’editoria alla musica, dall’arte contemporanea al teatro, sviluppandosi su diversi assi tematici tra cui innovazione, tecnologia, multimedialità, educazione, formazione e accessibilità. A partire da gennaio, l’onda-cinema coinvolgerà anche il look of the city con “I luoghi del cinema”. Nei punti strategici di Torino verranno allestiti supporti di forte impatto visivo e iconografico per un’accoglienza immersiva e suggestiva in una città “cinema friendly”. In questo modo 20 luoghi cinematograficamente significativi come piazze e palazzi del centro cittadino saranno le tappe per ripercorrere la storia del cinema torinese attraverso i 20 film che ne hanno fatto la storia. I passanti, con il supporto di mappe cartacee e digitali o attraverso guide turistiche, potranno visitare le location cittadine e i maestri che in quei luoghi hanno realizzato i loro film. Il clou di “Torino Città del Cinema 2020” sarà l’estate, quando la città verrà animata da importanti eventi, aperture notturne di cinema e musei, animazioni e appuntamenti pubblici. Durante tutto l’anno ci saranno anteprime nazionali, installazioni multimediali realizzate da artisti di fama internazionale, masterclass, momenti formativi, incontri e intrattenimenti rivolti a bambini e ragazzi, e feste come la “Notte bianca del cinema” (a luglio).

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 19/11/2019


Il Gruppo MullenLowe vince il business pubblicitario globale di Bayer

Il gigante farmaceutico Bayer ha nominato MullenLowe Group come global agency partner dopo una revisione che si è svolta a Mosca e che ha visto l’agenzia misurarsi contro un team di Omnicom, tra cui Adam & Eve/DDB. Da gennaio, MullenLowe sarà responsabile della strategia digitale e dello sviluppo creativo dei marchi globali di Bayer Consumer Health Bepanthen, Berocca, Canesten, Elevit, Iberogast, Redoxon, Rennie e Supradyn.  La rete Interpublic gestirà anche campagne integrate, digitali e contenuti per i prodotti di Bayer Consumer Health in tutta l'area EMEA. L'account sarà gestito dall'ufficio britannico di MullenLowe. BBDO di Omnicom continuerà a lavorare su alcuni altri marchi di Bayer Consumer Health tra cui Aspirina, Aleve e Claritin, ha detto una portavoce. BBDO è stato inoltre incaricato la settimana scorsa di gestire un account separato nella divisione americana Science. Patricia Corsi, Direttore Marketing Globale e Responsabile Digitale di Bayer Consumer Health, ha detto: "La decisione si è basata su una serie di criteri, tra cui l'approccio strategico, la creatività, la competenza, le modalità di lavoro e la collaborazione. Questi criteri sono stati messi alla prova durante tutto il pitch, che si è concluso con un workshop "pitch in a day" che ha simulato il processo creativo della vita reale, dal briefing alla proposta fino al test per i consumatori. Con MullenLowe Group, sono sicuro che abbiamo un partner che ci aiuterà ad accelerare il nostro approccio di marketing".

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 19/11/2019


Leagas Delaney acquisisce dopo gara l’incarico per la comunicazione di Normachem

Normachem, azienda di consulenza e formazione in ambito chimico, affida a Leagas Delaney Italia, dopo gara, l’incarico di ridefinirne la strategia e l’identità di marca e creare un piano di comunicazione integrata. Fondata 10 anni fa da Gianluca Stocco, figura di spicco tra i principali esponenti accademici nell’ambito delle normative chimiche, Normachem si pone l’obiettivo di divulgare una cultura della sicurezza e della sostenibilità non volta esclusivamente alla ridefinizione dei processi produttivi, ma soprattutto alla diffusione di una consapevolezza del ruolo fondamentale della chimica nella costruzione di un benessere ambientale collettivo. Leagas Delaney è chiamata a dare voce a questa ambiziosa visione attraverso un percorso che promuova la crescita della reputation di Normachem. L’agenzia è al lavoro per la ridefinizione della brand identity, e sulla sua applicazione su corporate profile, contenuti del sito e la strategia dei canali social. Alessandro Scarinci, Ceo di Leagas Delaney Italia, commenta: “È un privilegio poter lavorare con una realtà dai valori contemporanei come Normachem, che fornisce alle aziende una consulenza tecnica in un campo complesso come quello della chimica, ma con una visione progressista del bene comune che è doveroso comunicare nel modo più appropriato. Un lavoro molto stimolante ma anche una sfida importante per noi". Gianluca Stocco, Ceo di Normachem, si è dimostrato entusiasta del progetto e delle idee presentate dallo staff di Leagas Delaney: “L’intervento di un’azienda fatta di persone preparate, giovani e creative ci darà sicuramente una forte spinta verso il raggiungimento del nostro obiettivo più importante: diffondere il concetto di una chimica a sostegno della crescita e del benessere e non un nemico da cui scappare”.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy