ABBONATI

GroupM analizza con LIVE Panel eCommerce Edition l’impatto dell’ecommerce su brand, consumer e media

Autore: Redazione

Federica Setti


La company si propone di analizzare il presente ma anche il futuro del segmento, con approfondimento sul ruolo delle private label e degli influencer nei marketplace digitali nonché delle percezioni e aspettative verso l’era dell’omni-commerce

Dopo una prima fase che ha riguardato l’evoluzione dei media, la Digital Transformation si sta estendendo al mondo del commercio. I legami tra queste due fasi sono stretti ma anche complessi: difficile pensare all’eCommerce senza aver familiarizzato con le logiche di disintermediazione della platform-economy, l’ascesa degli OTT, l’impatto sui modelli di relazione tra audience e consumatori e il ruolo strategico dei modelli di business data-driven. Ma altrettanto difficile è capire cosa sta accadendo di realmente nuovo con la diffusione su scala dell’eCommerce se non si acquisiscono altri strumenti concettuali e operativi per gestire un fenomeno che sta impattando i brand forse ancora più profondamente della media transformation, perché più vicino all’area di manovra delle aziende: le vendite.

La piattaforma di LIVE Panel eCommerce Edition

“In linea con il posizionamento di GroupM sui tre temi chiave di ‘Strategy and Business Development, Media Investment, and Technology’ abbiamo affrontato il tema dell’eCommerce come una missione di gruppo e con una visione strategica” dichiara Federica Setti, Chief Research Officer di GroupM Italy. “Fin dall’inizio abbiamo considerato l’eCommerce come qualcosa che va ben oltre la presenza di un semplice negozio online. LIVE Panel eCommerce Edition è stata la nostra risposta: un insight, data & activation platform che GroupM ha affiancato ai framework e ai tool già utilizzati dalle agenzie e dai loro clienti per offrire una mappa di orientamento e diversi strumenti operativi”. Sulla base di questa piattaforma le agenzie di GroupM (Wavemaker, Mindshare, MediaCom) hanno sviluppato diverse proposte per rendere l’eCommerce un’opportunità attivabile nello sviluppo delle strategie di business, nella costruzione di modelli di relazione tra marche e consumatori e nell’utilizzo del commercio digitale come vero e proprio mezzo di comunicazione da affiancare in sinergia agli altri media.

Ecommerce, piattaforma multidimensionale

L’ecommerce è analizzato innanzitutto come una piattaforma multidimensionale per incrementare il business su tre livelli: un canale media, un catalogo per rendere reperibile la propria offerta (product showcase) e un engagement network per costruire relazioni che vadano oltre il semplice rapporto commerciale. La misurazione del livello di maturità digitale diventa un passaggio fondamentale per ogni azienda che voglia comprendere qual è il livello più opportuno da presidiare e definire quali sono gli strumenti e le capacità tecniche da attivare. Non senza aver stabilito prima i propri obiettivi di ritorno pubblicitario e di business.

Il punto di vista dei consumatori

Si è passati poi ad indagare il punto di vista dei consumatori. La crescita della penetrazione di Internet ha arricchito l’eCommerce di aspetti soft (motivazioni ed emozioni) che vanno al di là della ricerca di convenienza. L’iper-personalizzazione del consumer journey, la socializzazione degli acquisti (tramite i social e le funzionalità incorporate nei siti di eCommerce), i riti dello shopping digitale (Blue monday, Easter weekend, Back to school, Black friday, Cyber monday, Free shipping day, etc.) diventano fattori critici di successo per la presenza e le performance digitali. Definire queste variabili in un modello di segmentazione ad-hoc e renderle azionabili nella pianificazione della comunicazione diventano passaggi obbligati sia per le marche tradizionali, sia per le marche di nuova generazione.

GroupM.png

Ecommerce: una leva per il branding digitale

Infine, l’eCommerce è stato analizzato non solo come canale verticale che si affianca agli altri, ma come un vero e proprio amplificatore delle risorse che le aziende spendono sulle altre attività di marketing. Se da una parte emerge il ruolo decisivo che recensioni sui prodotti, influencer e adv on-line hanno sulle vendite digitali, dall’altra bisogna identificare e misurare, al di là degli obiettivi di vendita più immediati (performance), gli effetti indiretti che questi driver hanno sulla comunicazione off-line e sulle percezioni di marca. L’eCommerce diventa a tutti gli effetti una delle leve per la gestione del branding digitale. “Con LIVE Panel eCommerce Edition ci siamo spinti oltre e abbiamo cominciato a riflettere sulle prospettive del commercio digitale” ha commentato Federica Setti “Siamo partiti da fenomeni meno visibili che alcuni player del mercato stanno già incubando, per descrivere nuovi modelli di relazione e consumo, su diverse scale temporali. E abbiamo accompagnato i consumatori nell’immaginare diversi gradi di presenza e di accettazione delle piattaforme digitali nelle loro vite quotidiane. Perché la velocità e l’impatto del digitale richiedono nuovi strumenti di orientamento. E l’immaginazione è, tra le risorse disponibili, la più adatta a creare ponti tra possibilità e realtà, tra presente e futuro”.

Lente sugli influencer

Nei prossimi giorni verranno presentati i risultati dell’analisi del ruolo delle private label e degli influencer nei marketplace digitali. Nello specifico si andrà a indagare quali sono le percezioni e la credibilità delle marche private “prodotte” direttamente dalle piattaforme di eCommerce. Contemporaneamente si analizzeranno i nuovi ruoli e le nuove alleanze che si stanno stringendo tra influencer e promozione degli acquisti online. Se da una parte, come già accaduto al mercato della grande distribuzione, le private label dei merchant (come i sempre più presenti Amazon Basics o 8 by Yoox) guadagnano la credibilità degli eShopper, dall’altra gli influencer, con le loro attività di promozione, contribuiscono a generare un impatto positivo sull’immagine e la percezione dei brand che vivono sui social network. Il 43% degli eShopper, infatti, si dichiara propenso all’acquisto di prodotti o servizi private label e 3 su 4 considera che il coinvolgimento di influencer sia un vantaggio per l’equity di marca.

Verso nuovi scenari

L’orizzonte temporale si sposterà su una scala più ampia e s’indagheranno le percezioni e le aspettative verso l’era dell’omni-commerce, una dimensione nella quale le piattaforme potrebbero convergere in un unico ecosistema. L’apertura verso nuovi scenari (utopici o distopici) vede il consumatore misurarsi con quella che, a proprio parere, sarà la diffusione di nuovi servizi o prodotti che riguardano non solo la sfera collettiva, ma anche quella privata. Alcuni settori sembrano essere pronti a entrare nel portfolio di servizi offerti dalle piattaforme digitali, come il trasporto pubblico: quasi il 50% degli eShopper, infatti, si dichiara pronto a salire su un bus di linea di trasporti di una piattaforma di eCommerce. Per altri si aprono scenari interessanti: già il 20% degli acquirenti online si dichiara interessato a sottoscrivere un piano pensionistico da una piattaforma digitale


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 12/11/2019


Sainsbury’s festeggia i 150 anni sulle orme di Dickens

Londra, 1869, il mercato di Natale e una banda di spazzacamini provenienti dall'orfanotrofio si mangia con gli occhi le bancarelle piene di lecornie. Ma ecco apparire il solito cattivone di turno, il furfante che ruba. Peccato che poi venga incolpato il piccolo Nicholas il quale, umiliato di fronte a tutti, viene imprigionato e mandato via dalla città. La scena però è stata bene osservata da una commerciante, la quale, armatasi di carrozza, va a recuperrare il piccolo, disperso nella foresta imbiancata da una bufera di neve, lo salva, gli regala i frutti e lui, di nascosto, entra nella notte di Natale nell'orfanotrofio e riempie le calze dei suoi amici, mentre il furfante di cui sopra viene punito con una palla di carbone. I bambini corrono festanti e Nicholas si ritrova di nuovo da solo nella foresta, si sistema il berretto, che però diventa rosso, l'inquadratura si amplia ed ecco spuntare le renne. Il piccolo Nicholas, in realtà, è Babbo Natale! Sainsbury’s festeggia così i suoi primi 150 anni, con un lungo spot dai connotati cinematografici, ispirato alla Londra vittoriana cara a Charles Dickens.

LEGGI

Correlati

img
dati e ricerche

Autore: V Parazzoli - 18/11/2019


Gitto/Battaglia_22 ha vinto la gara a tre per la nuova comunicazione integrata di SisalPay

Anche se ancora non ci sono ufficializzazioni, si sarebbe conclusa a favore di Gitto/Battaglia_22 la gara indetta da Sisal per la scelta dell’agenzia a cui affidare la comunicazione di SisalPay, il circuito di pagamenti e ricariche del Gruppo. L’agenzia di Vicky Gitto e Roberto Battaglia avrebbe superato quella attualmente in carica e, cioè, DLVBBDO, e Armando Testa. L’ultima campagna, appunto dell’agenzia di Omnicom, che è stata pianificata da OMD, risale ancora all’anno scorso: la creatività, facendo leva sul valore inestimabile del tempo, evidenziava i tratti distintivi del modello di pagamento di SisalPay - comodo, veloce e sicuro - capace di rendere la vita degli italiani più semplice. “Basta passare la vita in coda! Passa a SisalPay. E paghi i tuoi bollettini nel tempo di un caffè”. Era questo l’invito rivolto ai consumatori al centro della campagna integrata che, oltre allo spot, comprendeva radio, stampa e web. Attraverso l’offerta di SisalPay, disponibile in oltre 40 mila bar, tabacchi ed edicole, online - www.sisalpay.it- e da smartphone (e che nei giorni scorsi ha annunciato una partnership con Intesa Sanpaolo), è possibile concludere le diverse incombenze quotidiane relative ai pagamenti dei bollettini in modo rapido e semplice, evitando frustranti attese e risparmiando tempo prezioso. 

LEGGI
img
dati e ricerche

Autore: D Sechi - 14/11/2019


Audiweb, a settembre si torna alla “normalità”

Voci di corridoio: le vacanze tanto agognate, finalmente arrivano, molli tutto, respiri e il mondo si colora di felicità ma, in realtà, dopo una settimana non ne puoi più. Però fai finta di nulla, perché uno stop ci vuole, la salute se ne giova… Ma ormai siamo diventati esseri mediatici, cervelli costantemente alimentati dal consumo di informazioni. Il che non vuol dire che l’italiano sia diventato un avido lettore, o magari abbia inaugurato una nuova figura di intellettuale, non esageriamo. Però abbiamo bisogno dei nostri social, dei nostri telegiornali, delle partite di calcio, dei programmi tv, tutte cose che sotto il sole tendono a sparire, per poco, ma a volte sembra un’eternità, senza contare che non sono poche le località in cui si fa una certa fatica a trovare una connessione online. Ma poi, come sempre, arriva settembre e, a parte le scuole che riaprono e i direttori degli uffici che riappaiono, eccolo lì il sorriso sornione che dice “Rieccoci, finalmente!”. E Audiweb è pronto a contarvi tutti. Desktop, sono di nuovo tuo! Primo riassunto del nono mese dell’anno: a settembre sono stati 41,6 milioni gli italiani che si sono collegati a internet da computer, tablet e/o smartphone, dedicando all’online 113 ore e 56 minuti.  Rispetto ad agosto, ma guarda un po’, nel mese della ripresa dopo le ferie si registra un incremento del 7,8% degli utenti online da computer, mentre resta stabile l’accesso da smartphone, segno che in ferie non si abbandona il ‘’telefonino’’ per navigare. La total digital audience nel giorno medio a settembre raggiunge 33,4 milioni di utenti, online in media per 4 ore e 44 minuti a persona. L’imbarazzo della scelta I dati giorno medio di settembre mostrano valori molto interessanti, grazie alla ripresa di cui sopra: le testate di news online presentano valori rimarchevoli, sia per l'effetto del rientro alla "normalità" post ferie, sia perché ancora sotto l'onda positiva (per le testate giornalistiche, ovviamente) della crisi di Governo e successiva nomina del nuovo che ha preso praticamente quasi tutta la prima parte del mese. Per quanto riguarda gli altri filoni, a settembre ripartono con grandi numeri sia i brand sportivi (testate giornalistiche, ma anche televisive come Sky Sport HD), sia quelli televisivi (come Rai Play, Mediaset Play e La 7 che riaccendono i programmi autunnali e, di conseguenza, l'interesse degli utenti). I primattori Nei due raggruppamenti, tra le concessionarie si impone Italiaonline che supera Manzoni, mentre Mediamond sopravanza Sky Italia e raggiunge il podio. Chiudono la top ten Ciaopeople e Il Fatto Quotidiano. Tra i gruppi editoriali a prevalere è GEDI, che si impone su ItaliaOnline e RCS Mediagroup, seguono Caltagirone e IlMeteo. Scarica Tabelle Settembre

LEGGI
img
dati e ricerche

Autore: Redazione - 14/11/2019


Digitale italiano: + 2,8% l’anno sino al 2021, ma sotto le potenzialità

Si parla di mercato digitale e non si può non considerarlo in crescita. È un qualcosa di naturale, è nell’ordine delle cose, come si suol dire. Ma c’è sempre un ‘ma’: non tutto procede in maniera agevole, i rallentamenti sono dietro gli angoli, magari mimetizzati a sgambetti non proprio inaspettati. Ma procediamo con ordine: il mercato digitale italiano (informatica, telecomunicazioni, contenuti digitali ed elettronica di consumo) crescerà nel triennio 2019-2021 a un tasso medio annuo del 2,8%, risultante da incrementi del 2,5% a 72.223 milioni di euro nel 2019, del 2,8% a 74.254 milioni nel 2020 e del 3,1% a 76.536 milioni nel 2021. La proiezione segue a un 2018 già chiuso in crescita del 2,5% e già quarto anno consecutivo di ripresa del mercato. Un Paese con troppe entità Si accentuerà lo scarto fra le dinamiche delle componenti più consolidate e più innovative, con le seconde stimate crescere da qui al 2021 e nell’insieme a tassi 10 volte più elevati. Le stime scontano però la continuità degli investimenti in reti di comunicazione ad alta capacità, dei programmi Impresa 4.0 e dei programmi di ammodernamento della PA (nuovo Piano Triennale); e, pur dando conto di una trasformazione digitale avviata, evidenziano ancora il profilo di un Paese con troppe entità, soprattutto di minori dimensioni e in molti settori, ancora ai margini di un ammodernamento necessario per continuare a creare valore e occupazione. Emerge così anche l’urgenza di provvedimenti che rendano l’innovazione digitale più diffusa e che, al contempo, permettano al settore ICT di rafforzarsi ed esprimere con ancora maggiore efficacia il ruolo strategico che gli compete. Anitec-Assinform È questo il quadro emerso dall’edizione 2019 del rapporto Il Digitale in Italia, presentato da Anitec-Assinform, l’Associazione delle imprese dell’ICT aderente a Confindustria in collaborazione con NetConsulting cube nel corso del Convegno “Digitale per Crescere - Innovazione, Crescita, Trasformazione”, con il supporto di 4.Manager, AlmavivA, DXC Technology, Facebook, NFON Italia e Philip Morris Italia. Progressione, tutti i comparti interessati “Si è innescato un processo virtuoso. La spinta delle compenti più innovative si autoalimenta sulla base di risultati concreti e si trasmette all’intero mercato, a partire dal software ai servizi. In tutti i settori le medie e grandi imprese investono nel digitale, visto non più solo come fattore di efficienza, ma come leva strategica per innovare prodotti, servizi, modelli di business. E i dati presentati oggi lo confermano - ha commentato Marco Gay, Presidente di Anitec-Assinform. E infatti, a parte i servizi di rete, per il quali si attende la spinta del 5G, la progressione attesa per il medio termine è trasversale a tutti i comparti. Tra il 2019 e il 2021, Dispositivi e Sistemi cresceranno a un tasso medio annuo dell’1,9% (da circa 19.100 milioni nel 2019 a 19.900 nel 2021); Software e Soluzioni ICT del 6,3% (da circa 7.600 milioni nel 2019 a 8.580 nel 2021); Servizi ICT del 6,1% (da circa 12.280 milioni nel 2019 a 13.870 nel 2021); Contenuti e Pubblicità Digitale del 7,2% (da circa 11.990 milioni nel 2019 a 13750 nel 2021”. Le componenti più innovative Estraendo dai diversi comparti le componenti più innovative (dette anche Digital Enabler, per le possibilità che offrono) si ha conferma della loro crescente rilevanza. Da qui al 2021, cresceranno a tassi medi annui del 14,2% l’IoT, del 13,9% la Cybersecurity, del 22% il Cloud, del 14,7% l’ambito Big Data, dell’11,6% le Piattaforme per la gestione Web, del 9,1% il Mobile business, dell’11,8% i prodotti e le applicazioni Wearable. In fortissima crescita anche lntelligenza Artificiale e Blockchain, pur con valori di partenza contenuti. “La crescita di queste componenti, in un quadro di digitalizzazione diffusa, va sostenuta - ha aggiunto Gay -. È questa la chiave per evolvere in coerenza con le sfide di una trasformazione digitale di portata mondiale, cui si può rispondere solo con l’innovazione. Chiunque, da tutto il mondo può vendere sul nostro mercato generando valore aggiunto e occupazione nel proprio Paese. E chiunque dall’Italia, può entrare nelle filiere di produzione globali dove i processi digitalizzati contano moltissimo per far sì che creatività, qualità ed esperienza operativa del made in Italy continuino a fare la differenza”. Settori Guardando ai settori d’utenza, sempre in termini crescite medie annue da qui al 2021, si conferma il ruolo trainante di Banche (+4,8%), Industria (+5,2%), Distribuzione (+5,1%) e Utility 5,1%), cui si aggiungono anche Assicurazioni (+5,1%) e Trasporti (+3,9%).  Ed è stimato anche migliorare il trend del settore pubblico (+ 0,6% per la PA Centrale, + 1,3% per la PA Locale), scontando l’attuazione del Piano Triennale per l’Informatica nella PA 2019-2021. Il ritardo delle Pmi Sul fronte dell’innovazione diffusa molto resta però da fare. Fatto 100 il solo mercato business, il 2018 ha visto le grandi imprese (oltre 250 addetti) esprimere ben il 58,7% degli investimenti ICT, contro il 18,7% delle medie (50-249 addetti) e solo il 22,6% delle piccole (1-49 addetti), che hanno un peso in termini di occupazione e Pil proporzionalmente più elevato. Il quadro al 2021 lascia intravedere un’accentuazione dello scarto. “Per gli investimenti digitali sono previsti incrementi medi annui del 4,7% per le grandi imprese, del 3,8% nelle medie e del 2,1% nelle piccole - ha precisato Gay - e quest’ultimo dato è da correggere al rialzo con pragmatismo, con incentivi centrati non solo sulla bassa taglia dimensionale o la localizzazione, ma anche indirizzati ai progetti delle grandi aziende che puntano a integrare le piccole in ecosistemi collaborativi. Il ruolo guida dei capo filiera è fondamentale”. Non rimettere in discussione tutto Emerge così anche l’urgenza di provvedimenti per rendere l’innovazione digitale più diffusa e che, al contempo, permettano al settore ICT di rafforzarsi ed evolvere per esprimere con ancora maggiore efficacia il ruolo strategico che gli compete. Su primo fronte si guarda al rinnovo dei programmi Impresa 4.0, che a condizioni costanti promettono di far crescere gli investimenti innovativi in sistemi industriali e sistemi ICT da qui al 2021 a un tasso medio annuo del 15,5% (da oltre 3030 milioni nel 2019 a circa 4000 milioni nel 2021), mantenendo la quota della componente ICT attorno al 56-57%. “I risultati attesi sono importanti, soprattutto per un sistema produttivo come il nostro, che sino a due anni fa accusava investimenti fermi, se non in calo; e confermano i risultati conseguibili con provvedimenti che meritano di non essere rimessi in discussione ogni anno, ma di essere rinnovati su una base triennale stabile, come già dal Mise è stato proposto”. Scarsità di competenze Sul secondo fronte, quello del rafforzamento del settore, si tratta di favorire una crescita già in atto e che genera valore e occupazione - tra il 2015 e il 2018 il numero di imprese è cresciuto da 107.340 a 112.340 e quello degli addetti da 477.850 a 512.400 - e di farlo rimuovendo gli ostacoli all’evoluzione verso le tecnologie e le applicazioni più innovative e i modelli di business centrati sul supporto e il know-how realizzativo. “Gli imprenditori del settore - ha aggiunto Gay - devono fare la loro parte. Ma non si può continuare rimandare la soluzione di due problemi che condizionano le prospettive del settore e che sono materia di intervento delle Istituzioni: la scarsità di competenze digitali e un finanziamento pubblico alla R&D nell’ICT marginale e non comparabile con quello dei paesi guida dell’Europa. “A fronte di una occupazione ICT in crescita annua del 2,4%, la forbice domanda-offerta di competenze digitali continua infatti ad allargarsi e mancano 12.000 laureati. A fronte di oltre 10.000 Startup Innovative, per più della metà appartenenti al settore ICT, da circa un decennio la spesa R&S del settore ICT in Italia, attorno ai 2,2 miliardi di euro l’anno, è per oltre l’80% autofinanziato dalle imprese, per il 13% circa dal resto del mondo e solo per il 6% dal settore pubblico”. “A sette mesi dai primi annunci, si va solo ora profilando l’operatività al Fondo per l’Innovazione, essenziale per dare una marcia in più anche alla R&D di un settore, quello dell’ICT, che è strategico per spingere l’innovazione in tutti i settori e territori”. La politica dia un segnale “Quello del Fondo per l’innovazione è solo un esempio di come anche le buone idee rischino ritardi e incertezze che poco hanno a che fare con le prassi di un Paese proiettato al futuro. Chiediamo al Governo in carica di tenerne conto. Perché in Italia la dinamica dell’innovazione digitale potrebbe essere ancora più viva se solo si iniziasse a dare un segnale più netto sulla volontà di creare un ecosistema più favorevole agli investimenti innovativi, tramite una maggiore stabilità fiscale e normativa per chi investe nel cambiamento e una PA con meno vincoli culturali e organizzativi“.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy