ABBONATI

Caffeina punta sull’Experience Transformation per creare un nuovo modello di agenzia

Autore: F Lattanzio

Tiziano Tassi


L’agenzia guidata da Tiziano Tassi vuole ridefinire l’accezione di “Creatività”, ristrutturando il vecchio impianto che vede l’impiego di coppia creativa e strategist in uno schema che metta al tavolo personalità estremamente differenti con l’obiettivo di creare una “impactful experience”. Tassi approfondisce le novità con DailyNet

Caffeina si appresta a mettere a referto un altro anno di crescita, dopo il +25% del primo semestre che il CEO Tiziano Tassi si aspetta di mantenere anche nell’H2. Ma, sebbene sia soddisfatto del lavoro del suo team negli ultimi anni, Tassi non ha perso tempo a compiacersi e ha gettato lo sguardo al futuro, quando le interazioni tra i marketer e le agenzie si stabiliranno su argomenti diversi da quelli attuali, che in realtà sono gli stessi da tanti, troppi anni. «C’è una distonia forte tra il cambiamento dei comportamenti dei consumatori e l’approccio alla comunicazione, che è uguale da 70 anni. Le agenzie digitali, rispetto a quelle tradizionali, sono più snelle, veloci e smart, ma solo nell’execution. Non riescono ancora a raggiungere un pensiero strategico che abbracci la comunicazione ad ampio spettro. Gestendo i touchpoint con un metodo che tiene conto della customer journey creando una serie di esperienze coerenti si riesce a ricreare quel ponte tra brand e consumatori ormai svanito negli ultimi 70 anni», commenta Tassi a Dailynet.

Una nuova vision

È su questi presupposti che poggia l’annuncio di ieri, ovvero la rivoluzione del suo modello di agenzia, il passaggio dall’economia dei servizi all’economia dell’esperienza. Una trasformazione che vuole ridefinire l’accezione di “Creatività”; l’immaginare, il creare e l’inventare diventano oggi concetti “liquidi”, diffusi in tutta l’organizzazione e nelle singole discipline. Da Omnichannel Agency Caffeina si evolve così in Italian Creative Company, per aiutare i propri clienti a trasformarsi in Experience Brand, e tiene fede a questa promessa creando esperienze d’impatto che iniettano nuova energia nella relazione tra persone e marche. «Nella nostra visione, il digitale resta centrale ma non più come pillar. Rappresenta invece le fondamenta su cui costruire tutto, perché tutto può essere arricchito dal digitale. Il packaging o i punti vendita, ad esempio, non possono smaterializzarsi, ma il digitale può aggiungere un nuovo livello di esperienza ad entrambi», spiega.

Il modello dell’agenzia

Per concretizzare questo approccio è stata necessaria una revisione dei team, che dalla tradizionale coppia creativa con l’aggiunta dello strategist si allarga, unendo mondi estremamente differenti, che mettono a sistema le sei aree di Caffeina: Strategy, Technology, Communication, Design, Client Services e Corporate. Ciò permette, da un lato, la capacità di pensare out of the box, di prendere le strade difficili o esplorare quelle ancora da scoprire per creare innovazione e trovare nuove soluzioni; dall’altro, la capacità di organizzare, dare struttura, definire flussi chiari e coerenti. Nella Creative Company questi mondi si fondono al servizio di un unico obiettivo: la creazione di impactful experience.

Questo modello si sviluppa sull’unione di un elemento orizzontale e di uno verticale: l’Hexa Team e la Creator Line. Gli Hexa Team sono squadre multidisciplinari che lavorano sempre insieme e in modo continuo, costituite da Strategic Planner, Creative Technologist, Experience Designer, Copywriter, Art Director e Account Manager. Le Creator Line invece sono le anime verticali dell’organizzazione, che permettono a Caffeina di operare in ambiti precisi con un importante know-how specifico, garantito dai team di Production, Content, Media Strategy, Project Management, Product Development e UX/UI Design. «Gruppi così formati sviluppano idee secondo un metodo sviluppato ad hoc, mettendo le skills a sistema per abilitare l’offerta creativa. Abbiamo adottato questa struttura da qualche mese e i feedback sono molto positivi. Permette infatti a chi è appassionato di più discipline di poter mettere il naso, e le sue idee, in ambiti diversi rendendo tutto più nativo ed integrato», continua Tassi.

Il futuro di Caffeina

Se nel presente i feedback sono positivi, «sia quelli provenienti dal team interno, sia quelli dei nostri clienti, che hanno visto il prima e il dopo apprezzando la maggiore completezza delle campagne sviluppate con il nuovo approccio, sia quello del new business, che ci contatta per saperne di più e collaborare», il futuro sembra essere ancora più roseo. «Con il nuovo assetto abbiamo già vinto alcune gare, e stiamo preparando l’anno prossimo. Siamo in gara su due multinazionali italiane tra le più conosciute a livello europeo e mondiale, un account è nazionale e l’altro è global», conclude Tassi.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 07/01/2021


Meetic celebra l'inizio di una storia vera

Dall’avvio della campagna “Dai inizio a qualcosa di vero”, Meetic, l’app di dating online leader del settore, ha costantemente celebrato l’impegno dei single nella ricerca dell’amore e la loro autenticità. Il marchio, infatti, ha cura di ogni piccolo dettaglio del dating journey, ossia di ogni momento che accompagna l’inizio della conoscenza con un potenziale partner, dal primo messaggio fino al fatidico “ti amo”, dal primo selfie insieme, fino alla foto della prima vacanza di coppia. Tutti momenti che il 57% dei single Meetic dichiarano di essere pronti a vivere, specialmente in questa epocacosì controversa. Per il lancio della sua nuova campagna, Meetic ha voluto mostrare l’inizio di una relazione sin dai primi momenti, quando le persone iniziano a sentirsi coinvolte. Ecco quindi ritratto in uno spot il percorso di innamoramento, dal primo messaggio in chat fino al primo appuntamento. Due vite che si incontrano e, grazie a Meetic, diventano una sola. Per raccontare e rendere al meglio questo momento magico, Meetic e Marcel agency hanno scelto di usare lo “split screen” che consente di mostrare la vita dei single protagonisti contemporaneamente, entrambi immersi nel loro universo quotidiano, caratterizzato da una palette rappresentativa scelta per ognuno di loro. Grazie a Meetic, presenza costante come mobile app in tutti i frame dello spot, ripercorriamo le vicende che portano i single a incontrarsi e a godere del loro romantico primo appuntamento. Lo spot conduce lo spettatore in un piccolo viaggio che mette in risalto l’impegno di ognuno dei protagonisti, dalla ragazza che invita il proprio date ad una colazione improvvisata, piuttosto che a cena, all’artigiano che si impegna a creare un regalo in legno, fatto con le sue mani, per la ragazza musicista che dovrà incontrare, fino all’ultima storia che mostra l’accurata scelta di un luogo particolare per il primo appuntamento. E chi meglio del duo di registi Réalité, una coppia nella vita così come dietro la cinepresa, poteva creare la chiave giusta per incoraggiare tutti i single ad iniziare la loro personale storia vera? Quest’anno, Meetic e Marcel agency, si sono affidati ai registi spagnoli Jason Causse e Alba Solé (Big Productions) per realizzare un video che prosegue nell’intento del brand di mostrare momenti veri di impegno reciproco nella ricerca dell’amore, una promessa che Meetic desidera portare avanti ancora di più nel nuovo anno.  La campagna prevede ben 8 formati che saranno divulgati in altrettanti paesi: un formato da 60’’, vero e proprio inno ai single desiderosi di iniziare qualcosa di vero, 3 formati da 20’’ che svelano il momento iniziale delle 3 storie rappresentate e, infine, 4 formati da 10’’ focalizzati sui vari strumenti che l’app Meetic offre a tutti i suoi users (videochiamata, la profilazione di persone con interessi comuni e soprattutto gli eventi) ALa campagna è pianificata in tv, in radio e in tutti i canali digital supportata dai diversi formati, filtri e altri contenuti coinvolgenti. 

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy