ABBONATI

Wavemaker: nell’offerta sempre più integrata di nuova generazione, cresce il ruolo di WM Content e della sua creatività “data driven”

Autore: V Parazzoli


All’interno della struttura di GroupM di cui è Chief Executive Officer Luca Vergani, oltre a quelle di media e technology, prende sempre maggior peso la unit che, sotto la guida del Content Marketing Director Alessandro Pastore, sta acquisendo anche clienti esterni, come nel caso di Mondadori per Tu Style

Quello del content marketing è uno degli ambiti che ha visto negli ultimi anni le maggiori trasformazioni, in termini di linguaggio, possibilità e player coinvolti nella produzione e gestione dei progetti. La creazione di contenuti rilevanti è ormai uno dei territori cruciali per i brand per entrare in relazione e conquistare l’attenzione delle loro audience. All’interno delle strategie di comunicazione, il ruolo della creatività e del contenuto è sempre più centrale e sinergico al raggiungimento degli obiettivi di marketing.

La struttura

L’area content, insieme a quella media e technology, è uno dei pillar fondamentali dell’offerta di Wavemaker, la sigla di GroupM che, sotto la guida di Luca Vergani, sta diventando sempre più simile a un’agenzia a servizio completo ma di nuova generazione, in grado di fornire anche creatività data driven. Non a caso, dopo soli 2 anni di attività, la relativa struttura WM Content si è evoluta da startup social integrata all’interno dell’agenzia media fino ad arrivare a un assetto di vera e propria unit di content marketing, estendendo il proprio perimetro di servizi attraverso l’apporto di oltre 40 professionisti provenienti da diversi ambiti, creativi, analitici e di project management. Questo ha permesso di portare le sue competenze e aree di attività oltre i confini del digitale, andando progressivamente verso la produzione di gestione di progetti multipiattaforma. Come testimonia, ultimo solo in termini temporali, quello sviluppato per il rilancio del settimanale di Mondadori Tu Style, di cui parliamo nel relativo box.

Approccio integrato

«Il punto di partenza è quello di credere fortemente in un’esperienza di lavoro integrata tra componenti analitiche, creative e di project management, radicata sulla fiducia che il digitale abbia dischiuso una molteplicità di opportunità conoscitive e che, attraverso l’uso di questi dati, sia possibile conoscere meglio i consumatori e i brand al fine di guidare il processo creativo verso la massima efficacia in funzione degli obiettivi di comunicazione dei brand - spiega a DailyMedia il Content Marketing Director Alessandro Pastore -. Per questo motivo, la unit di cui sono responsabile si alimenta di insight grazie al suo team di content analyst dedicati a misurare e valutare le performance dei contenuti. Con un approccio anche predittivo, monitoriamo topic e sentiment rispetto ai contenuti, oltrepassando i limiti delle soluzioni di analisi provenienti sul mercato, ma innovando attraverso approcci inediti ai dati. Adottare nuovi punti di vista su questi ultimi può dischiudere nuove soluzioni: per questo, fondare le strategie di content su di essi consente di guidare e consolidare le scelte creative e editoriali su fondamenti analitici in grado di assicurare il raggiungimento degli obiettivi di marca, e di oltrepassare un approccio creativo guidato esclusivamente dal gusto estetico, ma orientato alla performance di marketing».

Approccio creativo

Per far pronte a diverse aree di ideazione e creazione di contenuti, attraverso una molteplicità di linguaggi, mercati e canali di comunicazione, diviene infatti centrale il ruolo della strategia del content al fine di sviluppare messaggi ed esperienze  di contenuto che siano coerenti e “consistenti” per i consumatori. Ma altrettanto prezioso è il lavoro di orchestrazione dei contenuti e di ottimizzazione in grado di farli emergere dal rumore di fondo che spesso i mercati ad alta competition presentano. Il compito di portare sul campo questo approccio è il ruolo interpretato dal team creativo di WM Content, che risponde - attraverso una varietà di linguaggi, con capacità ideative ampie e specifiche - alla necessità, oggi sempre più strategica, di pensare in modo nativo per ciascun canale di comunicazione a un approccio al messaggio che non sia la mera declinazione di un concept, ma una produzione originale pensata per interpretare al meglio le possibilità offerte dalle piattaforme, in termini di formati e linguaggi.

Influencer marketing

«A completare il team allargato, un nucleo di project manager lavora con partner editoriali sia nell’ambito branded content con un approccio multipiattaforma, dalla tv al digital - continua Pastore -. Intercettando il trend crescente di richiesta da parte dei brand di lavorare in modo strategico con influencer, oltrepassando il coinvolgimento tattico e occasionale, si è progressivamente sviluppato un team di specialisti di influencer marketing focalizzati su scouting, analisi e gestione di progetti di influencer, con un approccio nuovamente orientato dal dato e alla misurabilità, volto a identificare i migliori profili da coinvolgere in termini di visibilità ed engagement, ma con le competenze per analizzarne l’affinità rispetto al brand e al tono di voce».

I risultati

Il lavoro combinato di questi team all’interno di WM Content e l’integrazione con il resto della squadra di Wavemaker, dalla strategia alla pianificazione media, alimentano la formula che ha permesso di portare con successo molteplici risposte ai brand per creare soluzioni e progetti di content fortemente innestati nella strategia di brand e orientati ai risultati. Questo sta portando la unit ad affiancare sempre più, oltre a quelli su cui lavora Wavemaker, anche clienti esterni, come, appunto, la citata Mondadori per Tu Style.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 27/02/2024


GoGo Factory è stato scelto da Foletto Heritage per la gestione della strategia digital 2024

GoGo Factory, networked agency che si occupa di comunicazione digitale, ha acquisito un nuovo cliente: Foletto, azienda storica nel settore beverage a conduzione familiare. L’azienda trentina con sede in Val di Ledro, vicino al Lago di Garda, è giunta alla quinta generazione di farmacisti-speziali e ha da alcuni anni reclamato un posto di rilievo nella produzione italiana di liquori e alcolici di alta qualità. La nuova collaborazione vede GoGo Factory al timone della strategia digitale di Foletto per il 2024, in particolare sulla linea di fine spirits, con l’obiettivo di rafforzare la presenza online dell’azienda e di ampliare la sua portata a livello nazionale. “Dopo aver valutato attentamente molte proposte, abbiamo scelto di unirci a GoGo Factory perché fin dal primo momento hanno manifestato una condivisione completa dei nostri valori. Il progetto di sviluppo che ci hanno proposto si è dimostrato coerente, sostenibile e scalabile”, ha dichiarato Matteo Dal Bosco, Direttore Marketing & Commerciale di Foletto. L’approccio su misura di GoGo Factory combinerà una strategia di posizionamento e awareness sui social media, attraverso un gestione pianificata dei canali aziendali centrata sullo sviluppo di contenuti, oltre che ad attività di influencer marketing, social media advertising e un servizio di ufficio stampa dedicato. Lo storytelling sviluppa il concept di “Spirito Autentico”: nella società e nella cultura di oggi, in cui la distinzione tra cosa è reale e cosa è “fake” è sempre più labile, niente è più importante e ricercato dell’autenticità. 

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy