ABBONATI

Auditel: domani alla Camera con le Authority, a fine anno la “total audience”

Autore: V Parazzoli


La società di cui è presidente Andrea Imperiali, che presenterà giovedì il suo operato, sta sviluppando il piano industriale mirato a portarla a essere più profittevole e perseguire l’obiettivo del progetto di quotazione

Ha tutta l’aria di non essere solo un evento meramente celebrativo l’incontro “30 anni di Auditel - Le nuove sfide della Ricerca nella società italiana che cambia” che il presidente della società dei rilevamenti televisivi, Andrea Imperiali, ha organizzato per domani mattina alla Camera dei Deputati. L’iniziativa pare infatti avere un valore istituzionale funzionale a un definitivo “accreditamento” di Auditel stessa (che, per altro, è stata fondata nel 1984 e ha avviato la rilevazione degli ascolti il 7 dicembre 1986) presso quelle Authority con cui non ha sempre avuto rapporti fluidi e scontati, specie quando è caduta in incidenti di percorso sui rilevamenti a fronte dei quali si era anche parlato di un impegno degli enti regolatori stessi che avrebbe potuto anche andare oltre i loro compiti di controllo in materia di fornitura dei dati di ascolto. Il percorso di pieno recupero di credibilità si sta insomma concludendo, mettendo Auditel nelle migliori condizioni per sviluppare le sue prossime mosse.

Accreditamento

I programmati interventi di Antonello Giacomelli, Sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico; Angelo Marcello Cardani, Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni; Giovanni Pitruzzella, Presidente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato; Giovanni Buttarelli, Garante Privacy UE; e Renato Loiero, Presidente della Commissione per la Garanzia dell’Informazione Statistica, ai quali si aggiungerà quello di Giorgio Alleva, Presidente dell’Istituto Nazionale di Statistica, vanno quindi letti anche e soprattutto come tentativo di “sdoganare” definitivamente Auditel a Roma, consolidandone il ruolo di unico interlocutore legittimato in materia di misurazione degli ascolti e, infine, anche, come implicito sostegno alle strategie di sviluppo della società stessa, per la quale il piano industriale di quinquennale memoria lanciato da Imperiali al momento del suo insediamento ha l’evidente, anche se ultimamente non più sottolineato, obiettivo di metterla nelle condizioni di poter ambire alla quotazione, seguendo l’idea a suo tempo (2015) lanciata e sempre sostenuta dal presidente di UPA, Lorenzo Sassoli de Bianchi.

I numeri

Per arrivare ad avere le dimensioni per andare in Borsa e, soprattutto, contestualmente, “accarezzare” il sogno di diventare la struttura unica che gestisce ed eroga le rilevazioni di tutti i mezzi, Auditel deve aumentare il proprio fatturato - che già dovrebbe aver superato i 20 milioni di euro l’anno scorso, con possibile aumento fino a 23-24 quest’anno - anche per non presentarsi, se non solo in pari, con utili modesti agli investitori. Considerando per altro che l’impianto complessivo per la total audience (“Super Panel” Nielsen più “Second Screen” comScore) atteso tra l’autunno e fine anno dovrebbe costare appunto una cifra analoga a quella del giro di affari atteso, si possono ben capire l’importanza di un consenso istituzionale al progetto da parte delle citate Autorità da un lato e l’accelerazione “industriale” che dall’altro Imperiali sta dando ad Auditel. La quale, a oggi, dovrebbe contare già su un numero intorno alle 10 risorse interne, comprese alcune figure di alto profilo come il “mckinseyniano” Paolo Lugiato, chiamato giusto un anno fa a occuparsi della direzione della pianificazione strategica e incaricato quindi di vegliare sull’avanzamento dei lavori dell’articolata road map del nuovo piano industriale e di coordinarne anche i processi d’implementazione; l’ingegner Davide Crestani, già Chief System Architect & Product Engineering in Nielsen, alla direzione tecnico-scientifica; e Paolo Duranti - anch’egli ex Nielsen - alla direzione commerciale, oltre a Patrizia Bertoni, in precedenza responsabile del coordinamento delle varie attività produttive e commerciali, ora alla direzione degli affari generali.

L’Istat

L’obiettivo, ovviamente, è di arrivare progressivamente a internalizzare il più possibile i processi di ricerca, cercando di andare a guadagnare progressivamente di più sulla vendita dei dati (inizialmente, almeno quelli degli ascolti televisivi, da qualsiasi device avvengano). Importante anche la presenza, giovedì, dell’Istat (che nel 1998, va ricordato, sembrava deputata addirittura a subentrare ad Auditel stessa), con cui collabora per il panel famiglie e con il quale ha avviato il protocollo per una nuova e più aggiornata descrizione di queste ultime. Anche perché il passaggio successivo degli sviluppi di Auditel sarà l’integrazione con i dati di consumo, di cui se ne dovrebbe sapere qualcosa di più entro la metà del prossimo anno.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 27/02/2024


GoGo Factory è stato scelto da Foletto Heritage per la gestione della strategia digital 2024

GoGo Factory, networked agency che si occupa di comunicazione digitale, ha acquisito un nuovo cliente: Foletto, azienda storica nel settore beverage a conduzione familiare. L’azienda trentina con sede in Val di Ledro, vicino al Lago di Garda, è giunta alla quinta generazione di farmacisti-speziali e ha da alcuni anni reclamato un posto di rilievo nella produzione italiana di liquori e alcolici di alta qualità. La nuova collaborazione vede GoGo Factory al timone della strategia digitale di Foletto per il 2024, in particolare sulla linea di fine spirits, con l’obiettivo di rafforzare la presenza online dell’azienda e di ampliare la sua portata a livello nazionale. “Dopo aver valutato attentamente molte proposte, abbiamo scelto di unirci a GoGo Factory perché fin dal primo momento hanno manifestato una condivisione completa dei nostri valori. Il progetto di sviluppo che ci hanno proposto si è dimostrato coerente, sostenibile e scalabile”, ha dichiarato Matteo Dal Bosco, Direttore Marketing & Commerciale di Foletto. L’approccio su misura di GoGo Factory combinerà una strategia di posizionamento e awareness sui social media, attraverso un gestione pianificata dei canali aziendali centrata sullo sviluppo di contenuti, oltre che ad attività di influencer marketing, social media advertising e un servizio di ufficio stampa dedicato. Lo storytelling sviluppa il concept di “Spirito Autentico”: nella società e nella cultura di oggi, in cui la distinzione tra cosa è reale e cosa è “fake” è sempre più labile, niente è più importante e ricercato dell’autenticità. 

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy