ABBONATI

Il libro bianco sul digitale si evolve ancora: nuove linee guida per brand policy chiare e garanzia di brand safety

Autore: Redazione


Otto delle più importanti associazioni di settore si sono riunite per presentare un importante aggiornamento che suggerisce le migliori strategie a difesa del marchio e di tutto l’ecosistema pubblicitario. La sfida principale: alimentare il dialogo tra gli attori della filiera dell’advertising

di Anna Maria Ciardullo

Prosegue il percorso del “Libro Bianco sulla comunicazione digitale” che ieri ha raccolto l’intera industry per sviscerare miti e tabù sulla Brand Safety e sulla Brand Policy, già oggetto della seconda edizione aggiornata del Libro Bianco. Presidenti e Direttori delle Associazioni aderenti (Assocom, FCP Assointernet, Fedoweb, Fieg, Iab Italia, Netcomm, Unicom, Upa) hanno ribadito il loro impegno e l’importanza di un tavolo comune che faciliti il dialogo e premetta un confronto costruttivo per trovare un punto di convergenza tra le esigenze tra le diverse componenti rappresentanti il mercato.

Brand policy chiare

Alberto Vivaldelli, Responsabile digital UPA ha aperto i lavori, sottolineando l’importanza del contesto in cui è inserito il Libro Bianco della Comunicazione Digitale: oltre alla Brand Safety vera e propria, ossia l’offerta di un contesto trasparente e controllato che escluda l’accostamento di un brand a un contenuto inappropriato, sta assumendo sempre maggiore importanza la Brand Policy, la gestione dei contesti in linea con le specifiche policy del brand scelte e indicate per ogni campagna di comunicazione. “Il libro offre alle aziende linee guida per i brand sia pre, sia durante, sia post campagna per minimizzare le minacce e massimizzare le opportunità. In particolare pre campagna, la brand safety può essere garantita, ad esempio, attraverso strategie di black e whitelisting, l’uso delle keywords, trasparent traffic, scegliendo un’inventory diretta piuttosto che aggregata nell’audience da terze parti, definendo brand policy chiare basate sulla selezione accurata dei contesti indesiderati e condividendole con tutta la filiera (anche contrattualmente) insieme alle logiche di misurazione (e dei provider di misurazione) sulle quali non ci sono ancora degli standard. Anche post campagna si può fare molto, ad esempio, attraverso la reportistica che permetta di avere uno storico da confrontare per evitare la ripetizione di problemi in futuro”. L’auspicio è che lo sviluppo delle tecnologie e delle competenze in questi ambiti porti la gestione dei contesti di delivery della pubblicità digitale a diventare un asset per gli investitori pubblicitari, e non solo un elemento di potenziale criticità.

Ampliare le strategie

Giorgio Galantis, Presidente FCP Assointernet e Alessandro Furgione, Consigliere FCP Assointernet, hanno evidenziato i rischi legati all’utilizzo delle sole strategie più diffuse, come un eccessivo ricorso alle blacklist (di domini o sezioni) quale strumento principale per l’attivazione della propria brand policy. Strumento che, soprattutto in contesti di comunicazione qualificati, molto spesso rischia di impedire il raggiungimento del volume di impression prefissato in sede di pianificazione. Lo stesso pericolo s’incontra con le interminabili liste di keywords che, peraltro, comportano falsi positivi e falsi negativi. Inoltre, i rappresentanti di FCP hanno voluto ricordare che il passback, una tecnologia che consente all’editore di monetizzare le chiamate che sono state scartate/bloccate da strumenti di Ad Verification nella modalità di acquisto reservation, spesso per limiti tecnici non restituisce affatto la chiamata e quindi distrugge il valore per gli editori.

Punti chiave

Furgione ha, infine, individuato tre punti su cui basarsi per una brand policy efficace:

° Importante e critico: un dialogo continuo e condiviso tra gli attori che incentivi l’evoluzione tecnologica e che prenda in considerazione tutte le logiche di difesa del brand per creare un ecosistema più equilibrato.

° Aggiornarmento continuo seguito da una comunicazione tempestiva agli editori riguardo alle liste su cui erogare e sulle brand policy attuate.

° Incentivare l’evoluzione tecnologica per diffondere strumenti sempre più sofisticati, come ad esempio i white segment e la semantica attraverso l’AI e in futuro, ad esempio, anche l’uso della blockchain che permetterebbero una circoscrizione mirata dei contesti e dei contenuti.

Contesti qualificati

Contesti che, per gli utenti finali, hanno un ruolo estremamente importante, come ha dimostrato la ricerca realizzata da Human Highway per RCS e illustrata da Roberto Zanaboni, Direttore Digital Advertising di RCS Advertising. In particolare emerge che i lettori abituali di siti di news registrino un aumento di 5 punti percentuali del giudizio complessivo di una marca quando questa è associata a contenuti positivi e di 2 punti percentuali anche quando è associata a contenuti percepibili come negativi. Qualificati contesti di comunicazione favoriscono, dunque, il mantenimento dell’immagine relativa alla marca anche in caso di esposizione associata a contenuti non positivi.

Tavola rotonda

La mattinata si è chiusa con una tavola rotonda moderata da Michele Marzan, Consigliere IAB Italia, che ha sollecitato i relatori su temi quali gli investimenti, le fake news e il ruolo che la tecnologia può rivestire. Nella discussione Claudio Giua Consigliere Fedoweb, ha illustrato la disparità di rigore richiesto agli editori rispetto alle pianificazioni in open web, dove spesso i brand rischiano di essere associati a siti di fake news; Giorgio Galantis, Presidente FCP  Assointernet ha dichiarato che la collaborazione tra Concessionaria e Centro Media / Cliente in merito all’applicazione di Brand Safety e Brand Policy è fondamentale affinché la loro attuazione non generi riduzione di valore per l’intera filiera e non sia limitante per l’efficacia delle campagne. Infine, Antonio Montesano, head of digital OMG, ha sottolineato che le soluzioni per la corretta gestione dei meccanismi di brand safety passano anche attraverso le tecnologie oltre che con la collaborazione citando come esempio la blockchain che potrà costituire un protocollo di ufficializzazione di ambienti safe, così come l’uso più evoluto dei dati con sistemi di intelligenza artificiale. Queste ultime, sono in fase di osservazione dal tavolo di lavoro ed entreranno tra le tematiche trattate dal libro bianco non appena ci saranno sufficienti riscontri sul mercato.

Nuovi spunti

Altri spunti per il libro bianco sono attesi anche dalle autorità pubbliche, come Agcom, che sta lavorando sulla definizione di alcune categorie, come le fake news. Nel 2019 verrà lanciato anche un modello di brief da presentare sul tavolo dei brand per definire in anticipo le esigenze delle aziende e coadiuvare la collaborazione tra gli attori della filiera. La sfida non è solo evitare i problemi, ma anche lavorare in logica predittiva per ottenere vantaggi competitivi dalla conoscenza dei contesti.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: S Antonini - 14/06/2019


I bambini rapper protagonisti della nuova campagna Evian

Torna in Europa la campagna Evian fimata da BETC Parigi con i bambini rapper impegnati a fare cose da grandi. Il messaggio lanciato dal brand francese di acqua minerale sollecita i consumatori ad adottare comportamenti sostenibili per l'ambiente, facendo sempre riferimento al pay off "Live Young" che caratterizza questa comunicazione. La colonna sonora è una versione rap di "Bare Necessities", classico del film disneyano "The Jungle Book,” interpretata da Jay Prince.

LEGGI

Correlati

img
eventi

Autore: A Ciardullo - 10/06/2019


Criteo e Netcomm analizzano il mercato online del Fashion in Europa

“Fashion Marketplace” è il titolo della ricerca che Criteo ha commissionato a Netcomm con l’obiettivo di identificare opportunità e criticità per i brand fashion, in relazione alla loro presenza e vendita online tramite marketplace, online retailer e aggregatori B2C in Europa. «Abbiamo preso in considerazione circa 50 brand che costituissero un campione per tipologia e dimensione, così da offrire una panoramica abbastanza varia di questo ambito del fashion. Abbiamo riscontrato che il marketplace è una realtà consolidata- spiega Alberto Torre, Managing Director di Criteo Italia -. La totalità dei brand esaminati fa parte di almeno due dei trenta marketplace, retailer e aggregatori analizzati, con una presenza media in 15,7 su 30». Focus fashion Seppure l’analisi abbia preso in considerazione solo i canali europei, è emerso anche che i brand globali hanno una maggiore presenza sui canali analizzati rispetto ai brand con una presenza online solo europea. Da questi numeri, appare evidente che lo sviluppo e il consolidamento di tali canali sia avvenuto, principalmente grazie alle maggiori capacità di digital marketing, che consentono a questi attori di gestire quote di mercato importanti e di modellare la customer experience per offrire la migliore esperienza di shopping online. «Abbiamo scelto di puntare il focus sul settore del Fashion, prima di tutto, perché si tratta di un verticale molto importante per Criteo. Le nostre soluzioni, infatti, si sposano perfettamente con le esigenze degli operatori di questo comparto su tutti i fronti, ad esempio, a livello di obiettivi di marketing, di awareness, di acquisizione di  nuovi clienti, per strategie crossdevice di targeting e retargeting, modelli di lookalike e, naturalmente, strategie omnicanale che integrino in modo strutturato online e offline. Uno dei nostri clienti più grandi è YOOX, ma abbiamo un portfolio molto nutrito di retail brand che operano nella moda e nel lusso, i quali pesano circa per il 30% sul nostro fatturato annuo». Minaccia o opportunità? La domanda alla quale Criteo ha cercato di rispondere durante questa edizione del Netcomm Forum è se i marketplace rappresentino o meno una minaccia per il settore fashion. «Al marketplace, a patto che venga scelto in modo accurato a seconda del posizionamento che si intende raggiungere, si riconosce il contributo soprattutto in relazione ai grossi volumi di vendite e al potenziale numero di clienti molto elevato. Più difficile, invece, senza un sito proprio, cogliere le opportunità offerte dalla possibilità di creare relazioni one to one con i clienti e dalla personalizzazione delle esperienze d’acquisto, attraverso l’utilizzo dei dati proprietari. Nelle previsioni di Statista, fino al 2023, il valore delle vendite online del fashion in Italia è quattro volte inferiore rispetto alla Gran Bretagna, il Paese europeo dominante, ma registra un tasso di crescita quasi doppio con un + 11,9%. Questo, è un dato che i brand fashion devono tenere in considerazione, per sviluppare strategie di digital marketing di successo e catturare un’audience sempre più attenta», continua Torre. Eccellenze italiane Per portare il proprio valore nel settore del digital marketing, Criteo ha partecipato al Netcomm Forum 2019 con uno stand e un workshop dal titolo: “Marketplace: rischi e opportunità per i brand fashion”, dove Alberto Torre ha conversato con i responsabili eCommerce di alcune eccellenze italiane del settore fashion, stimolando gli ospiti a raccontare la loro strategia di presidio del mercato. È emerso che la presenza sui marketplace ha un ruolo fondamentale nell’aumentare la brand awareness e le opportunità di revenue delle aziende, ma deve essere abbinata a un percorso di digitalizzazione dell’intera azienda. DailyNet ha incontrato Nicola Antonelli, Web Project Manager di LuisaViaRoma, per avere un punto di vista sul tema anche da parte di un attore del commercio digitale in Italia. «È chiaro che il marketplace sia un acceleratore e l’ecommerce, in generale, sia un settore capital intensive, – spiega Antonelli - non si può pensare di lanciare un progetto digitale senza una strategia strutturata e, dunque, approcciare il canale digitale per le aziende più piccole può essere molto complesso. Il marketplace è la soluzione più semplice, nonostante variabili di costo comunque importanti. A mio avviso, credo sia una buona soluzione per iniziare a vendere, sondare il terreno e capire come reagisce il mercato al brand. Ma credo comunque che ogni azienda dovrebbe avere una roadmap di digitalizzazione portata avanti in parallelo, perché una cosa non dovrebbe escludere l’altra, altrimenti il rischio è di consegnare il valore del brand nelle mani di qualcun altro. I marketplace sono senza dubbio ottimi abilitatori e incubatori, ma la sfida dei brand è di non farsi schiacciare e cannibalizzare dalla piattaforma o farsi demoralizzare dalla complessità che si incontra quando i processi, che i marketplace semplificano, vanno poi applicati al proprio sito proprietario. Tantomeno, bisogna lasciarsi tentare dal fare cassa anziché investire per evolversi. Senza una strategia di marketing digitale completa, nessun brand può sopravvivere a lungo sul mercato odierno». Nuovo posizionamento Per le marketing solution, Criteo, sta lavorando a un nuovo posizionamento, che vale per tutti i settori verticali, con l’obiettivo di coprire con la propria offerta tutti i possibili marketing goal dei clienti rispetto alle fasi di awareness, consideration e conversion. «Si tratta di una rivoluzione abbastanza importante per Criteo, mentre prima la nostra offerta e il nostro approccio al cliente erano basati sul prodotto come fornitori di tecnologia, adesso sono più basati sull’ascolto delle sue esigenze e suoi obiettivi. Questa cosa non esclude l’uso di un prodotto, ma si è evoluta in una dimensione maggiormente consulenziale. L’omnicanalità, di nuovo, è estremamente importante e in questo posizionamento di marketing, ma anche fattuale, dato per scontato il tassello della performance, il focus più importante è tutto relativo alle audience, specifiche o costruite su modelli di lookalike», conclude Torre. Al centro dei progetti internazionali di Criteo c’è, poi, la divisione Retail Media, unit lanciata di recente in alcune country (non ancora in Italia) con specifico focus sul mondo retail e che sarà oggetto di una ristrutturazione nell’ambito dell’offering, per proporre migliori soluzioni di monetizzazione dell’utenza all’interno o all’esterno di un sito retail.  

LEGGI
img
eventi

Autore: V Parazzoli - 07/06/2019


UPA presenta il progetto di big data Nessie e, al Summit, Sassoli dovrebbe confermare un forecast positivo per il 2019. Sul palco, anche Bertelli, Bonami e Rossini

UPA presenta il 19 giugno il suo primo progetto condiviso di big data per il marketing e la comunicazione, la Data Management Platform di cui il Presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi aveva parlato nel Summit 2018, un “data lake” condiviso tra i suoi associati che ne accresca l’affidabilità e la qualità. Il progetto, avviato con una “fase alfa” che ha coinvolto inizialmente una decina di aziende, è stato implementato con Neodata ed è stato chiamato anche con una certa ironia Nessie, soprannome del mostro di Loch Ness. Sassoli illustrerà poi il progetto anche all’incontro del 3 luglio, insieme a quello del “Libro Bianco” sul digitale e a quello sulla blockcahin avviato con Reply Consulting e Blockchain Reply, funzionale alla definizione di un’architettura aperta alla partecipazione di tutto il mercato dell’advertising digitale che aiuti a controllare i fenomeni che preoccupano l’industria, come la brand safety per la marca che investe in comunicazione digitale, il contenimento dell’ad fraud e il controllo della trasparenza delle transazioni finanziarie nel programmatic buying. Il forecast e i contributi Al Summit, naturalmente, Sassoli farà il quadro della situazione economica. Politica e sociale, e fornirà l’aggiornamento rispetto al forecast del +0,8% per quanto riguarda gli investimenti 2019, basata sulla survey interna tra gli associati avviata in questi giorni. L’aspettativa è che la stima per l’anno resti comunque in territorio positivo, anche se con qualche decimale in meno, in virtù del fatto che sul fronte degli OTT che, ormai, rappresentano un terzo del mercato, non si registrano contrazioni. Il Summit, come già anticipato da DailyMedia, sarà anche, come di consueto, un’occasione di riflessione culturale, come evocano già il titolo “Ciò che guardi ti riguarda” e la riproduzione, nell’invito, dell’immagine di “Mimesi”, una delle  più rappresentative opere – datata 1975 – di Giulio Paolini, due calchi della statuaria classica che si guardano.  «Paolini è un artista concettuale e il tema è metafisico - ha spiegato Sassoli -. Il titolo può essere letto anche come: “ciò che guardi ti concerne” ma, anche, come: “ciò che guardi ti riflette” o “ti vede”, tanti spunti di riflessione ancora sulla rivoluzione di internet, primo mezzo interattivo che ha contaminato poi tutti gli altri. E’ anche un invito, stando sempre al gioco delle parole, a “specchiarsi”, indagare su se stessi e sulle proprie responsabilità». Argomenti che saranno affrontati anche quest’anno con un rappresentante ciascuno del mondo della pubblicità, della cultura e delle aziende e, cioè, rispettivamente, Bruno Bertelli, Ceo & Global Chief Creative Officer di Publicis WW di Publicis Italia, il critico d’arte Francesco Bonami e Andrea Rossini, Direttore Business Unit Consumer di Vodafone, che ha appena lanciato il 5G.    

LEGGI
img
eventi

Autore: Redazione - 06/06/2019


Teads crea a Cannes Lions campagne adv in real time e lancia L’Atelier durante il festival

Teads, sarà particolarmente protagonista quest’anno a Cannes (evento in scena dal 17 al 21 giugno). Teads Studio ospiterà infatti la prima sessione internazionale del workshop L’Atelier, un hub creativo per rispondere alle esigenze di brief dei clienti e creare campagne mobile qualitative in real-time. Si tratta di una full immersion creativa di un’ora in cui i top designers di Teads lavoreranno per sviluppare asset di campagna interattivi modellati ad hoc sulla base degli obiettivi di marketing del brand e produrre un output pronto per la delivery. L’appuntamento è aperto a brand, media director, brand manager e agenzie creative o centri media. L’Atelier durerà un’intera settimana e sarà guidato da Jonathan Lewis, Global Head of Teads Studio, Grant Gudgel, VP, Head of Teads Studio US e Bertrand (Coca) Cocallemen, Global Creative Director. Il team di designer, strategist e video expert di Teads accoglierà brand e agenzie nell’area vicino al Palais, e, partendo dagli asset creativi esistenti, per qualunque canale siano stati pensati, realizzerà una suite delle più efficaci e interattive unit per mobile (sia Video sia Interactive Display) per creare esperienze di advertising di qualità e guidare le performance.  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy