ABBONATI

Marco De Benedetti verso la presidenza di GEDI. Atteso il closing della fusione con ITEDI

Autore: S Antonini


Il CdA del gruppo dovrebbe sancire oggi il passaggio di consegne da parte di suo padre Carlo; John Elkann auspica per la prossima settimana il via libera di Consob alla fusione

Carlo De Benedetti starebbe per lasciare la presidenza di GEDI. Le voci si sono rese insistenti all’indomani del convegno “The Future of Newspapers”, tenutosi mercoledì scorso a Torino nell’ambito dei festeggiamenti per i 150 anni del quotidiano La Stampa, chiuso proprio dalle considerazioni di Carlo De Benedetti. La notizia non trova una conferma ufficiale presso l’editore di la Repubblica, ma pare quasi certo che l’ingegnere si dimetta a favore del figlio Marco, attuale amministratore di Carlyle. Sfumate invece le voci sull’ex direttore del quotidiano, Ezio Mauro, per la vice presidenza. La questione sarà affrontata nel corso di un Consiglio di Amministrazione indetto per oggi. La notizia fa il paio con l’annuncio dato da John Elkann sempre nel meeting torinese, secondo cui la settimana prossima dovrebbe arrivare a conclusione il processo di fusione tra Gruppo L’Espresso e ITEDI, ancora in attesa del via libera da parte della Consob.

De Benedetti: chiediamogli Stati generali dell’editoria

Una società democratica non può fare a meno dell’informazione professionale, ma per sopravvivere quest’ultima ha bisogno di essere opportunamente remunerata. Google, Facebook, i nuovi mediatori non professionali dell’informazione, guadagnano ingenti somme da contenuti prodotti dagli editori, ai quali restano solo le briciole. Per questo motivo «chiediamo la convocazione degli Stati generali dell’editoria d’informazione. Non vogliamo aiuti di Stato né sovvenzioni, vogliamo cercare il modo per rimanere remunerativi perché se muore l’editoria d’informazione, non muore solo un settore industriale. Muore una funzione essenziale dei sistemi democratici». Carlo De Benedetti ha concluso così il convegno di Torino voluto dal numero uno di Exor John Elkann. «Noi editori - ha continuato - ci siamo resi conto che non dà risultati andare alla guerra contro Google e soci, che pure usano i nostri contenuti senza retribuirci. Hanno mezzi e risorse per respingerci. Noi chiediamo solo di poter fare il nostro mestiere. Non siamo più i soli a raccogliere, elaborare e fornire informazioni, a connettere persone e istituzioni, a lubrificare l’economia e i commerci con la pubblicità. Dobbiamo ridefinire qual è in questo nuovo contesto il ruolo degli imprenditori dell’informazione. Dobbiamo creare prodotti informativi non replicabili, perché nel mondo digitale c’è la legge del good enough, di un’abbondanza di prodotti buoni abbastanza. Dobbiamo concentrarci sull’informazione che fa la differenza».

Un nuovo modello di business

Come si diceva, Facebook e Google dominano il mercato pubblicitario di cui drenano la maggior parte delle risorse, senza produrre contenuti ma anzi avvalendosi dei contenuti altrui. Come ha sottolineato in apertura di convegno Maurizio Molinari, direttore de La Stampa, ogni singolo utente digitale genera un ricavo annuo di 25 dollari per Facebook, ma solo 25 centesimi per l’editoria. Inoltre, diffusioni e raccolta pubblicitaria sono in calo. «I nostri prodotti attirano però molti lettori che vogliono informarsi – ha detto Molinari -. Occorre un nuovo modello di business che introduca e faccia accettare ai lettori il pagamento dei contenuti. Non dobbiamo aver paura di reinventarci, anche con idee dirompenti. Magari riflettere sulla lunghezza dei contenuti, scrivere meno ma garantire una qualità così alta da giustificare prezzi più alti, trasformare le piattaforme digitali in generatori di servizi a prezzo di mercato». I giornali devono essere affidabili, nei contenuti così come nella comunità che costruiscono intorno a sé stessi.

Nuove competenze professionali e qualità

Uno degli scopi dell’incontro, ha detto Molinari, era trovare idee per avviare il processo di cambiamento. Che deve partire senz’altro dalla professionalità dei giornalisti. Nei giornali del futuro «ci vorranno conoscenze specialistiche non necessariamente giornalistiche – ha detto Lionel Barber, editor Financial Times -. I giornalisti devono avere il senso del nostro business, saper fare reportage ma anche avere competenze di software, expertise digitale. Occorre avere qualcosa di distintivo, sapersi mettere in contatto con il lettore. Una volta non sapevamo minimamente chi fosse». John Micklethwait, editor in chief di Bloomberg News, ha moderato la tavola rotonda a cui hanno partecipato anche Bobby Ghosh, editor in chief di Hindustan Times; Lydia Polgreen, editor in chief The Huffington Post; Ascanio Seleme, editor in chief di O Globo. Sul tema delle competenze concorda anche Ghosh, mentre per Polgreen ribadisce la necessità di costruire un rapporto di empatia con il lettore. Per Seleme al centro del business ci sono le notizie, prodotte da persone: «Non saranno i robot a garantirci il futuro, nessuno pagherebbe per una notizia che è diventata una commodity».

L’intelligenza artificiale «non ci soppianterà – dice Barber -, un robot può fare delle cose ma non può dare il valore aggiunto di un giornalista, che rappresenta la voce autorevole di un giornale». Per Ghosh «la tecnologia non sostituirà il giornalismo, ma i giornalisti devono usarla per raccontare le storie in modo più efficace». I social network sono un male necessario, o addirittura un pericolo, incoraggiano a usare un tono sarcastico o aggressivo, sono ingovernabili, gli stessi giornalisti li usano con poco senso di responsabilità: ma Polgreen ne sottolinea l’utilità per far circolare notizie. E poi sono fonti di fake news, la cui risposta è il giornalismo di qualità. «Servono investimenti - dice Seleme - per fare prodotti di qualità e attirare abbonati»; anche se secondo Polgreen i lettori fanno fatica a distinguere il lavoro giornalistico e quello, ad esempio, sponsorizzato. Sul conflitto tra investitori pubblicitari e giornalismo investigativo le ombre sono tante: «Noi dobbiamo indicare i redazionali ma questo agli advertiser non piace», dice Barber e Ghosh afferma: «Siamo costretti a fare le contorsioni, spero che i lettori capiscano». A fronte del dilagare del digital, qual è il destino del cartaceo? «Deve essere più efficiente, facile da leggere, avere un ottimo design – dice Barber -. Puntare sul fine settimana, c’è più tempo per leggere». Selene: «I lettori amano la gerarchia delle notizie sul cartaceo, più efficiente della disposizione delle notizie su un sito, gli utenti amano il giornale stampato, per lo meno in Brasile. Forse dobbiamo ripensare il formato, magari più piccolo».

Nuovi modelli di business per il digitale

Gli investimenti pubblicitari sono in calo e le grandi piattaforme digitali se ne accaparrano la maggior parte. Per superare il modello gratuito con pubblicità che mostra le corde la soluzione pare una sola: incrementare l’acquisto fidelizzato, vale a dire gli abbonamenti. Su questa strada si è incamminato decisamente il New York Times: «Siamo concentrati sugli abbonamenti digitali – afferma il Ceo Mark Thompson – perché non voglio continuamente pregare per la sopravvivenza della carta, che potremmo anche eliminare, conservando un terzo del business rappresentato dall’adv. 10 milioni di abbonamenti sono un obiettivo plausibile in un mercato ancora immaturo dove non vediamo tanta concorrenza». Al dibattito moderato dall’editor in chief Zanny Minton Beddes dell’Economist ha partecipato anche Robert Albritton, chairman e Ceo di Politico: «Pubblicità e abbonamenti hanno lo stesso peso nel nostro business, abbiamo eliminato la carta. Il lettore è il nostro cliente». Il Ceo di Le Monde Louis Dreyfuss ha detto che la maggior parte del business è rappresentato dalle diffusioni cartacee, e solo in parte dall’adv: «Non vogliamo convertirci esclusivamente al digitale, ci stiamo attrezzando, ma crediamo che la carta durerà molti anni ancora. Non scegliamo abbonamenti o pubblicità. Vogliamo ottenere il meglio dai due mondi. Per garantire la fidelizzazione dei nostri abbonati puntiamo sull’esclusività dei contenuti». Per Gary Liu, Ceo di South China Morning Post Publishers, «gli abbonamenti confinavano il nostro giornale al pubblico di Hong Kong, li abbiamo abbandonati per costruire un brand globale che possa raccontare la Cina grande potenza economica mondiale.  Solo a quel punto si cercherà un altro modello di ricavi». Superare il modello locale sembra essere un altro passo verso il futuro: «Ci sarà spazio solo per uno o due giornali nazionali non di lingua inglese», ha detto Thompson.

Il rapporto con Google e Facebook

Il direttore di la Repubblica Mario Calabresi ha condotto il dibattito sul rapporto dell’industria editoriale con le piattaforme web che dominano il mercato. Per Andrew Ross Sorking, editor at large, columnist & founder di DealBook, The New York Times «Facebook e Google sono media company e non sono certo che siano nostri amici. Si propongono come partner dell’industria, ma se ci tengono le mani intorno al collo che partner sono? Loro sono come proprietari terrieri, noi siamo gli affittuari in un rapporto quasi feudale». Per Jessica Lessin, founder ed editor in chief di The Information «a Google e Facebook non interessa il settore delle notizie, vogliono solo mettere tutti in rete». Il CEO di News Corp Robert Thompson afferma: «Spesso per Facebook si parla di giardino murato. Ma in questo caso i muri sono alti 50 metri e intorno ci sono anche i coccodrilli». Ma non si può dichiarare guerra a Facebooke Google, spiega Julian Reichelt  della Bild, inoltre «per i giovani Facebook è internet. Dobbiamo collaborare con loro facendo accordi che ci permettano di monetizzare i nostri contenuti, dobbiamo collaborare. A volte fanno meglio di noi le cose che sono il nostro core business.

Per esempio, per i lettori è importante aprire gli articoli velocemente. E’ un’esigenza informativa. Noi non ci siamo riusciti, Facebook ha creato gli instant articles, e offrendo un prodotto migliore di quello che diamo noi mantengono gli utenti dentro Facebook». E Tsuneo Kita, chairman di Nikkei commenta: «Google e Facebook non sono né amici né nemici. Esistono solo da 10 anni, se pensiamo a cosa è successo nel frattempo e a come possono cambiare le cose nei prossimi dieci anni possiamo immaginare che ci saranno nuovi modi per fornire servizi. Io credo che Facebook non avrà lo stesso rilievo tra 10 anni e credo che arriveranno nuovi attori, e noi dovremo affrontare il loro arrivo». Per quanto riguarda il futuro dell’informazione «bisogna andare dove sono i nostri lettori, attirarli più che inseguirli, fare un giornalismo che valga la pena pagare» (Lessin); «creare contenuti accattivanti come “Games of Thrones”, soprattutto per il Millennials che non vogliono pagare ma sono assetati di notizie, agire in fretta per operare il cambiamento» (Sorkin); «creare un portafoglio, non escludere piattaforme, flessibilità» (Thomson); «non aver paura di far pagare i contenuti» (Reichelt); «andare incontro alle necessità dei lettori, fare giornalismo di qualità, accettare le nuove tecnologie ed essere aperti alle piattaforme social» (Kita).

Elkann e Bezos: l’informazione si paga

Nel 2013 Jeff Bezos, l’inventore di Amazon, il terzo uomo più ricco del mondo secondo Forbes con 72,8 miliardi di dollari, ha acquistato il Washington Post dalla famiglia Graham. «Non avevo intenzione di entrare nel settore editoriale, ma loro avevano bisogno di aiuto a sviluppare la parte digitale». Oggi il Post è una società tecnologica, «abbiamo sviluppato un sistema che vendiamo a terzi (ARC, ndr), per noi questo è un secondo business». Bezos ha incontrato John Elkann in un dibattito moderato dal direttore della divisione digitale di GEDI, Massimo Russo. Entrambi gli imprenditori affermano che un giornale debba perseguire il profitto per mantenersi indipendente. Perciò un modello di business non può prescindere dagli abbonamenti perché solo la pubblicità non basta. «Bisogna scrivere bene, scrivere la verità e chiedere ai lettori di pagare. Loro sanno che il buon giornalismo non è gratis», dice Bezos.

Per Elkann, che ricorda la partecipazione di Exor nell’Economist, il brand è fondamentale: il punto di vista dell’Economist garantisce la crescita sia del numero degli abbonati sia del prezzo di copertina. «Sono certo che nessuno è contento di lavorare in un giornale in perdita, non avremmo mai pensato a una gestione filantropica» ha aggiunto Elkann, mentre Bezos ha detto: «Io non ho obiettivi filantropici, voglio un giornale in salute e indipendente. Non si può tagliare per raggiungere profitti». E ancora: «Noi gestiamo Amazon e Washington Post in modo simile sull’approccio di base. Ci concentriamo sul cliente/lettore) e così arriva anche l’advertising. Ma non basta il programmatic, altrimenti bisogna essere molto snelli e ridurre le redazioni, diminuendo i contenuti originali, quelli più costosi. I nostri dati dimostrano che le storie più impegnative che produciamo sono quelle che attirano gli abbonamenti».

Elkann ha detto che il quotidiano La Stampa è stato redditizio nel 2016 e farà utili nel 2017. «Se siamo riusciti a raggiungere e mantenere una certa redditività è stato grazie ad alcune operazioni di consolidamento, con il Secolo XIX della famiglia Perrone e successivamente con il Gruppo Espresso, che ci hanno consentito di tagliare i costi e bilanciare così il calo di due terzi accusato sul fronte dei ricavi da pubblicità». Per Bezos, «la carta non scomparirà ma diventerà un oggetto di lusso. Sarà come comprare un cavallo: oggi nessuno compra un cavallo come mezzo di trasporto, ma perché è bello».


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 12/11/2019


Sainsbury’s festeggia i 150 anni sulle orme di Dickens

Londra, 1869, il mercato di Natale e una banda di spazzacamini provenienti dall'orfanotrofio si mangia con gli occhi le bancarelle piene di lecornie. Ma ecco apparire il solito cattivone di turno, il furfante che ruba. Peccato che poi venga incolpato il piccolo Nicholas il quale, umiliato di fronte a tutti, viene imprigionato e mandato via dalla città. La scena però è stata bene osservata da una commerciante, la quale, armatasi di carrozza, va a recuperrare il piccolo, disperso nella foresta imbiancata da una bufera di neve, lo salva, gli regala i frutti e lui, di nascosto, entra nella notte di Natale nell'orfanotrofio e riempie le calze dei suoi amici, mentre il furfante di cui sopra viene punito con una palla di carbone. I bambini corrono festanti e Nicholas si ritrova di nuovo da solo nella foresta, si sistema il berretto, che però diventa rosso, l'inquadratura si amplia ed ecco spuntare le renne. Il piccolo Nicholas, in realtà, è Babbo Natale! Sainsbury’s festeggia così i suoi primi 150 anni, con un lungo spot dai connotati cinematografici, ispirato alla Londra vittoriana cara a Charles Dickens.

LEGGI

Correlati

img
eventi

Autore: Redazione - 18/11/2019


Forum WPP/Ambrosetti: inclusività, sostenibilità, social impact al centro del dibattito sul futuro della comunicazione

Oltre 250 aziende hanno partecipato all’ottava edizione del Forum WPP sulla comunicazione, organizzato in collaborazione con The European House – Ambrosetti come tappa finale dell’Advisory Board fondato dalle due strutture. L’evento dal titolo ‘Il ruolo della comunicazione per la società di domani – Idee, esperienze e storie per un mondo più inclusivo e sostenibile’ quest’anno è stato dedicato ai temi del social impact, dello sviluppo sostenibile e dell’emergenza ambientale in quanto temi fondamentali dell’attuale dibattito socioculturale, politico ed economico. Allo studio del Board tre aspetti quali lavoro, impresa e inclusione sociale: ovvero l’importanza del fattore umano nelle sfide del Sistema Italia; la tutela dell’ambiente e la salvaguardia territori come paradigmi della sostenibilità e della crescita; la governance della sostenibilità e dell’inclusività; e il ruolo della comunicazione nel favorire questi sviluppi. Attenzione è stata posta anche alle caratteristiche del nostro Paese, dove la forza dei distretti industriali e la vocazione alla valorizzazione dei territori richiedono politiche di sviluppo originali e innovative. Un Forum tutto al femminile, quest’anno, presentato da Sarah Varetto, EVP News Project Development Continental Europe Sky Italia. Contenuti e relatori Simona Maggini, CEO di VMLY&R, ha aperto i lavori introducendo il tema portante della prima parte del Forum, ossia la governance dell’inclusività e della sostenibilità. Cetti Lauteta, Capo Progetto di The European House – Ambrosetti ha illustrato il lavoro svolto dal Board quest’anno: i millennials indicano come priorità dell’UE per i prossimi anni questioni come la protezione dell’ambiente e il cambiamento climatico (67%), il miglioramento dell’educazione e della formazione (56%), la lotta alla povertà e alle differenze sociali ed economiche (56%), l’aumento dell’occupazione (49%), la salute e il benessere (44%), la promozione dei diritti umani, la democrazia e i valori comuni (44%), la sicurezza e la difesa della UE (28%), la necessità di fare sistema tra i giovani provenienti da diversi parti dell’UE (23%). L’obiettivo dovrebbe essere incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti. Per conseguire questi risultati è necessaria una collaborazione fra leader mondiali e aziende che deve essere comunicata, accettata e implementata come una routine quotidiana, pena l’inefficacia. Gli altri interventi di questa prima parte sono stati tenuti da Patricia Navarra dell’ASviS, che ha presentato una ricetta per un’Italia e un’Europa più inclusive e sostenibili, e Federica Gasbarro, la portavoce italiana all’ONU del Movimento FridaysForFuture fondato da Greta Thunberg. La centralità del ‘Fattore Umano” La seconda parte è stata dedicata al “Fattore Umano” nelle sfide per il Sistema-Italia che, in un’epoca di rivoluzioni tecnologiche, assume un ruolo diverso nello sviluppo delle aziende. Ne hanno parlato Silvia Candiani (Amministratore Delegato di Microsoft Italia), Riccarda Zezza (CEO di Life based Value), Barbara Labate (CEO di ReStore), Camilla Lunelli (Responsabile Comunicazione di Cantine Ferrari), Francesca Pasinelli (Direttore Generale di Telethon) Hanno quindi preso la parola manager e imprenditrici che hanno condiviso le storie di inclusività e sostenibilità delle proprie imprese. Enass Abo-Hamed (Fondatrice e CEO di H2GO Power) ha presentato il lavoro svolto per portare l’idrogeno ad assumere un ruolo sempre più importante nelle scelte energetiche di aziende e Paesi. Irini Komodikis (Marketing Director BU South) ha illustrato l’impegno di AB InBev nel sostenere i Global Goals dell’ONU. Camilla Crotti di TEH – Ambrosetti e Francesca Santoro dell’ITT (Istituto Italiano di tecnologia) hanno presentato due casi italiani di produzioni sostenibili. L’impegno di WPP sui temi del Forum «WPP si impegna attivamente nella crescita della sensibilità delle persone per sostenibilità ambientale, sociale ed economica – ha detto Massimo Costa, Country Manager di WPP Italia –. È per noi motivo di orgoglio che i membri dell’Advisory Board di WPP, che ringrazio per la loro partecipazione, si siano impegnati con noi a creare proposte e a stimolare il dialogo su temi che sono alla base di ogni forma di futuro sviluppo sostenibile”. Agli incontri del Board che si sono svolti nel 2019 hanno partecipato Silvia Candiani (CEO Microsoft Italia), Luca Garavoglia (Presidente Campari Group), Barbara Labate (CEO ReStore), Francesco Pugliese (Amministratore Delegato Conad), Riccarda Zezza (CEO Life Based Value), Marco Costaguta (Presidente LTP), Camilla Lunelli (Responsabile Comunicazione Cantine Ferrari), Aldo Bisio (Amministratore Delegato Vodafone Italia). Il lavoro dei membri del Board, coordinato da Costa, Valerio De Molli (Managing Partner TEH Ambrosetti) e Fabio Caporizzi (Market leader BCW Italia), Massimo Beduschi (CEO GroupM Italy) si è focalizzato sulla creazione di nuove iniziative per contribuire alla crescita della partecipazione del pubblico ai grandi programmi di valorizzazione delle risorse umane e di salvaguardia dell’ambiente e delle risorse.

LEGGI
img
eventi

Autore: V Parazzoli - 11/11/2019


Il 23 e 24 novembre la seconda edizione del “Vanity Fair Stories”: con ancora più contenuti e sponsor

Sta per tornare per la sua seconda edizione il “Vanity Fair Stories”, l’iniziativa di due giorni dedicata al tema dello storytelling organizzata dall’edizione italiana del settimanale di Condé Nast di cui è Direttore Simone Marchetti. Il format, che ha inaugurato l’offerta di eventi propri da parte del magazine, ha registrato l’anno scorso un notevole successo, con oltre 20.000 presenze e più di 200.000 visualizzazioni con il live streaming sulla pagina del sito del giornale. Crescerà anche la proposta di contenuti e di talenti, anche internazionali, che animeranno, insieme a talk, incontri, performance, proiezioni e live music, le due giornate del 23 e 24 novembre, sempre al The Space Cinema Odeon. Crescono anche gli sponsor, con l’arrivo di Tendercapital e, come technical partner, di Verso, che permetterà di registrarsi agli eventi anche via app. Già confermati anche Škoda come main partner, Taoduefilm come institutional sponsor, RTL 102.5, Urban Vision (che dovrebbe garantire anche una visibilità promozionale all’evento) e YES Milano come media partner.

LEGGI
img
eventi

Autore: Redazione - 10/11/2019


ADCI Awards 2019: Grand Prix a Publicis italia per Diesel ”Hate Couture”

Si sono conclusi sabato sera gli ADCI Awards, il premio per la creatività e la qualità nella comunicazione pubblicitaria più importante in Italia, e la giuria presieduta da Luca Lorenzini e Luca Pannese ha decretato che il vincitore del Grand Prix ADCI Awards 2019 è Publicis Italia con la campagna “Hate Couture” realizzata per Diesel. A conforto del verdetto, Publicis ha anche vinto il premio Agenzia dell’Anno e Diesel il premio Cliente dell’Anno. Il Grand Prix Non Profit  è stato assegnato all’agenzia Superhumans per la campagna “Agnosis Collection” per Fondazione EBRI Rita Levi-Montalcini. Record “Un’edizione record quella di quest’anno – commenta Vicky Gitto presidente di ADCI Art Directors Club Italiano -, che ha visto crescere il numero delle entries: sono state complessivamente 1006 il +47% rispetto all’edizione precedente, il miglior risultato di partecipazione di sempre. Eppoi evidenzio con soddisfazione il numero sempre crescente tra i partecipanti di agenzie indipendenti, nonché di giovani creativi: le entries nella categoria Studenti sono infatti addirittura triplicate”. IED Categoria Studenti che ha visto l’affermazione di IED Istituto Europeo di Design che ha conquistato due Ori con le campagne  “Read stories not titles” per The Times - The Sunday Times e “The Resurrected Menu” per Burger King. Tra i riconoscimenti speciali il Premio Equal che l’impegno di aziende e creativi contro le discriminazioni, è stato vinto quest’anno da Alkemy con la campagna “BUU. Brothers Universally United” per FC Internazionale Milano. The Jackal Il Premio Best Use of YouTube – Digital è andato al gruppo creativo The Jackal in concorso nella categoria Creative Social Content & Editorial con la campagna “Operazione XFactor” per il cliente SKY Italia, mentre il Premio Best Use of YouTube – Film  se l’è invece aggiudicato l’agenzia MCCANN con la campagna “Beer Heroes” per il cliente Ubrew. Invece il 7 Days Brief, sfida per la realizzazione in soli sette  giorni di uno spot per la Onlus “Fare x Bene” e stato vinto da Francesco Macchia e Francesca Persico. La lista degli Ori

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy