ABBONATI

Il G20 italiano: 6 in gara per il lotto 1 da 18,5 milioni per gli eventi di vertice, 14 per il lotto 2 da 17 milioni per quelli ministeriali

Autore: V Parazzoli


Il MEF ha messo a bando 43 milioni in 4 lotti per l’organizzazione e gestione del summit del 2021 legato alla prima presidenza del nostro Paese

Sono rispettivamente 6 e 14 gli operatori che partecipano (in qualche caso con sovrapposizioni su entrambi) alla gara per i lotti 1 e 2 del bando emesso dal Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze tramite Consip per l’affidamento di servizi di organizzazione degli eventi per l’anno di presidenza italiana 2021 del G20, che coprirà il periodo dall’1 dicembre 2020 al 30 novembre 2021 e che si dovrebbe tenere a Bari oltre che a Roma. La procedura è finalizzata alla conclusione di quattro accordi quadro: a) avente ad oggetto l’erogazione dei servizi di progettazione, organizzazione, allestimento e gestione del vertice dei Capi di Stato e di Governo connessi all’anno di presidenza italiana del G20 – lotto 1; b) avente ad oggetto l’erogazione dei servizi di progettazione, organizzazione, allestimento e gestione degli eventi ministeriali e altri eventi a livello politico – lotto 2; c) avente ad oggetto l’erogazione dei servizi di progettazione, organizzazione, allestimento e gestione degli eventi a livello tecnico – lotto 3; d) avente a oggetto l’erogazione dei servizio di registrazione accreditamento e controllo accessi – lotto 4. Il valore totale stimato dell’appalto, IVA esclusa, è di 43.080.000 milioni in 12 mesi, con opzione di proroga per ulteriori 6. Il valore del lotto 1 è di 18.480.000 euro; quello del lotto 2 è di 17.280.000; quello del lotto 3 è di 5.040.000; e quello del lotto 4 infine di 2.280.000. Per il lotto 1, i partecipanti sono SEC, Over Seas, Uvet Global Business Travel, Pomilio Blumm, Next Group e l’rti di Triumph Italy con Studio Ega e Studio 80 Group. Quest’ultimo raggruppamento, al pari di SEC, Uvet, Over Seas e Next Group, fa parte dei candidati per il lotto 2, che comprende anche: AB Comunicazioni, Adriacongrex, Carlson Wagonlit Travel, GroupM, IBF, Inrete, My Ego, e l’rti di Centro Italiano Congressi con Biba Tour, Exposistem Allestimenti e Developing.it. E’ possibile partecipare a tutti i 4 lotti (di cui il terzo e il quarto più tecnici) ma, nel caso in cui un fornitore risulti primo in graduatoria contemporaneamente nei lotti 1 e/o 2 e/o 3, lo stesso potrà aggiudicarsi esclusivamente il lotto di importo superiore secondo il seguente ordine: 1, 2 e 3. Non vi è alcun vincolo in relazione all’aggiudicazione del lotto 4; aggiudicabile unitamente al lotto 1, 2 o 3. Nell’analoga gara del 2017, il lotto 1 era andato all’rti di Studio Ega, Studio 80 Group e Volume; il lotto 2 agli rti di Triumph ltaly con La Torre; Pomilio Blumm con Piaceri d'Italia; e Over Seas (che, da HDRA’, sta per passare sotto l’egida di Casta Diva Group); il lotto 3 all’rti di AB Comunicazioni con Spazio Eventi; e, infine, il 4, ad After.

Il summit

Il G20 è il summit dei capi di Stato e di Governo dei 20 “grandi” del mondo. Dal 2009 riunisce ogni anno 19 delle prime economie del mondo, più l’Unione europea, e dal 2011 il vertice si tiene una volta l’anno in uno dei 19 Paesi ospitanti. Nel 2021 l’Italia assumerà la presidenza del G20 per la prima volta in assoluto e, ovviamente, è una grande occasione di rilancio del ruolo del nostro Paese sullo scenario internazionale. Un onore, ma anche un onere per il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministero degli Esteri Luigi Di Maio che saranno in prima linea nella sua gestione, perché il prossimo è l’anno in cui si comincerà a capire qual è stato l’impatto reale della pandemia e quanto è grave la situazione. Il summit è stato elevato al livello dei capi di Stato e di Governo nel corso della recessione del 2009, con lo specifico intento di dare una risposta comune alla crisi economica. Nel corso del tempo il vertice si è arricchito, venendo a includere un numero sempre maggiore di temi che trascendono le capacità di risposta dei singoli Paesi e che, dunque, necessitano di soluzioni a livello globale: dalla lotta al cambiamento climatico alla salvaguardia del libero commercio internazionale, dalla cooperazione per lo sviluppo dei Paesi più poveri all’antiterrorismo. Inevitabile che nel 2020 il vertice trattasse anche temi di carattere sanitario, in particolare per discutere sul possibile coordinamento della risposta alla pandemia di Covid-19.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/11/2020


Enel Energia racconta Enel One nella nuova campagna firmata Saatchi & Saatchi

Da ieri, 4 novembre, è on air per quattro settimane la nuova campagna Enel One di Enel Energia, l’offerta di energia verde, con cinque piani tariffari a costo mensile fisso, per le famiglie con il contatore elettronico di seconda generazione. Vantaggiosa, sostenibile e smart, la nuova soluzione di Enel Energia permette di controllare e gestire i consumi con il salvadanaio digitale, direttamente dall’app. L’idea creativa sviluppata da Saatchi & Saatchi nasce da una riflessione sulla situazione attuale che vede le certezze e le abitudini delle famiglie cambiare ogni giorno. Con tono ironico e coinvolgente, lo spot tv illustra i cambiamenti che avvengono: sul lavoro, dove lo smart working ha ormai ridisegnato la routine, in famiglia, dove la digitalizzazione ha reso più smart anche i più grandi, e nel tempo libero, dove sono i figli a dare lezione ai propri genitori. In questo contesto, Enel One rappresenta la certezza di un’energia verde a costo fisso e la tranquillità di una soluzione che, almeno quando si tratta dei consumi, ci permette di tenere tutto sotto controllo. La multisoggetto è declinata su tv, radio, stampa e web con una creatività dinamica che andrà ad intercettare dei target specifici, veicolando di volta in volta dei messaggi personalizzati. La pianificazione web è stata curata dal centro media Starcom, che si aggiudicata la gara relativa e operera insieme a Sapient. Invece per tv, stampa e radio il planning è di Mindshare. Credits Creative Director: Manuel Musilli Art Director: Antonio Penco Copywriter: Marta Curcio Casa di Produzione: Think Cattleya Regia: Bellone&Consonni Fotografo: Daniele Baracco

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy