ABBONATI

Milano Digital Week: Enrico Mentana fa un primo bilancio di Open

Autore: A Ciardullo

Enrico Mentana


Il magazine online vive di raccolta pubblicitaria, gestita da Cairo, senza elementi di clickbaiting ospita circa 200mila utenti unici nel giorno medio. «Sono sufficienti 1,4 milioni l’anno» spiega Mentana, che punta a pareggiare il bilancio in due anni o già entro la fine di quello in corso

Il direttore del TG La7 e, oggi, anche fondatore del nuovo magazine online “Open”, Enrico Mentana, in occasione della Digital Week di Milano ha tracciato un primo bilancio della sua nuova sfida professionale, che nasce per favorire ai giovani l’accesso alla professione del giornalismo.

«Sono quasi 40 anni che ho iniziato a fare il giornalista e mi rendo conto che a quei tempi la professione non aveva barriere all’ingresso - ha esordito Mentana parlando al pubblico, che lo ha accolto nella nuova sede di Fastweb in piazza Olivetti a Milano, per spiegare i motivi che hanno dato il via all’iniziativa - tutti i colleghi della mia generazione che volevano diventare giornalisti hanno fatto carriera. Oggi, non è la stessa cosa, i giovani che approcciano il settore lo trovano in una situazione di crisi profonda, lavorano in condizioni di precariato, le redazioni sono sempre più composte da persone con i capelli bianchi e nessuno fa nulla per cambiare questa situazione di stallo. Io credo che coloro come me hanno avuto questa fortuna debbano oggi fare qualcosa per aiutare le nuove generazioni e contrastare questa crisi. È quello che ho fatto io, mi sono messo in gioco in prima persona, ho investito e utilizzato i miei contatti e la mia notorietà per una buona causa».

Contratti stabili

Al famoso post su Facebook, di poco meno di un anno fa, dove Mentana annunciava l’intenzione di avviare questo progetto, che ha visto la luce a luglio 2018 ed è diventato operativo a dicembre dello stesso anno, hanno risposto, infatti, oltre 15.000 candidati. La formula è semplice, una redazione online, agile, mobile first, ma che tratti contenuti generalisti di qualità, con giovani talenti tutti regolarmente assunti con contratto a tempo indeterminato. Solo 20 di loro, ad oggi, sono stati selezionati per iniziare quest’avventura lavorativa, ma Mentana precisa «non è un progetto sul quale intendo lucrare, se crescerà, tutto sarà proiettato alla crescita della redazione e al sostentamento della stessa».

Audience in crescita

Mentana ha poi aperto una parentesi anche su chi oggi, nonostante i pochi mesi di vita del progetto, abbia già molte critiche da rivolgergli. «Le critiche sono arrivate già il giorno dopo che abbiamo iniziato a lavorare. Ma si tratta di un progetto che ha anche un risvolto formativo e che, tra l’altro, esplora un mondo in totale stravolgimento e rivoluzione, che non si sa cosa porterà un domani. Io, ad esempio, cerco di non influenzare troppo l’operato dei ragazzi con i miei consigli che potrebbero essere anacronistici. Nello staff, ci sono le figure adatte a interfacciarsi con loro sui temi più attuali, e alcuni dei migliori debunker e fact checker che gli stanno insegnando a presidiare un territorio di credibilità e precisione, come David Puente, ad esempio. Infatti, oggi, senza SEO e senza gossip facciamo 200mila utenti unici al giorno, e l’80% del traffico passa da Facebook. La mia pagina ha sicuramente un ruolo di traino per questo traffico, ma l’audience sta crescendo e non escludo che andremo in pari con il bilancio entro due anni o persino forse già entro la fine del 2019», continua il direttore del Tg La7.

Scommessa per il futuro

Open ha, dunque, un traffico prevalentemente social, L’86% degli utenti legge le notizie da smartphone, il 4% dal tablet e il 10% da desktop. Il magazine vive di raccolta pubblicitaria, gestita da Cairo Pubblicità, e non chiede sconti: «Open deve essere un prodotto inappuntabile a tutela dei ragazzi che ci lavorano. Oggi, viviamo un post giornalismo e la tecnologia ha portato alla distruzione del valore delle notizie. La raccolta pubblicitaria nel mondo tradizionale cala e oggi possiamo scommettere che chi vuole investire sui giovani scelga di farlo con Open. Non dobbiamo poi raccogliere cifre enormi: 1,4 milioni l’anno sono sufficienti almeno per i primi anni».

I numeri

Infine, le statistiche: «Nei primi 12 giorni di marzo oltre un milione di utenti unici acquisiti, nel giorno medio siamo a 198mila e 4 milioni di pagine viste. Il core target è dai 18 ai 34 anni. Siamo 13esimi su Instagram tra i media digitali. Il giornale non ha ancora investito un euro per promuoversi e non ne ho mai parlato in televisione. Questo ha permesso di limitare i costi». Mentana è ottimista, dunque, e propone un futuro possibile dove l’informazione venga finanziata da chi ne ha la possibilità, non solo persone ma anche colossi aziendali, come le telco e i produttori di device mobili, che hanno interesse a creare traffico nella rete. Ma a turno, precisa, affinché non impongano troppo la loro influenza.


Tag:

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 22/03/2019


The Lift

La più classica delle scene cinematografiche diviene il centro del nuovo spot di Bianco, brand di calzature danese nato nel 1987. L’ascensore - The Lift - è il luogo ideale per raccontare una storia, una storia che come tante vede protagonisti un ragazzo e una ragazza che non hanno il coraggio di parlarsi e di rivelarsi l’attrazione reciproca. “Esci fuori dalla tua testa”, è questo l’invito finale del commercial da quasi 5 minuti, realizzato dall’agenzia &Co.. Uno spot davvero davvero emozionante che ci fa immedesimare con i protagonisti.

LEGGI

Correlati

img
media

Autore: Redazione - 22/03/2019


Prelievo con il sorriso: il nuovo video di AIBWS realizzato da Racoon Studio

Per tutti i bambini affetti da BWS (ma non solo) il prelievo del sangue è fondamentale ma si sa non piacevole. A rendere il tutto più semplice arriva in loro soccorso Biwy, una farfalla monarca, che li trasporta in un mondo fantastico e li accompagna durante tutto l’iter spiegando loro come funziona la procedura. Al loro ingresso in ospedale, Roby e Melissa, i piccoli protagonisti della storia, sono ovviamente spaventati. Ecco che all’improvviso, mentre sono seduti in sala d’attesa, appare Biwy che starà al loro fianco durante tutto il tempo necessario per il prelievo. Parla con loro, gli sta vicino e alla fine li accompagna all’uscita tra le braccia di mamma e papà. Animazione dai tratti tradizionali Il team di Racoon Studio ha lavorato sul brief dell'Associazione e da questa collaborazione è nato un video. Riccardo Galimberti, titolare della cdp, esprime grande soddisfazione per il progetto: “Abbiamo sposato immediatamente la causa e accolto con gioia la richiesta di realizzare questo video per aiutare tutti quei bambini, non solo quelli affetti da BWS, che periodicamente devono affrontare il prelievo del sangue. Poter rendere la pratica più semplice e sostenerli ad affrontare il tutto con più serenità ci rende felici. Abbiamo pensato ad una animazione tradizionale dal linguaggio molto fluido e dinamico al quale sono abituati oggi i più piccoli”. [vimeo id=288766871]

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 21/03/2019


Cartoonito presenta in prima tv free la nuova serie "Top Wing"

Approda su Cartoonito (canale 46 del DTT) una nuova serie in Prima Tv free dedicata ai più piccoli: Top Wing. Lo show vede protagonisti quattro piloti della Top Wing Accademy. I giovani pennuti sono infatti dei cadetti pronti ad allenarsi per diventare una squadra di soccorso. L’appuntamento è per il 25 marzo, dal lunedì al venerdì, alle 19.30. Swift, Penny, Brody e Rod sono amici e si impegnano al massimo per superare le prove che gli permetteranno di conquistare le ali e diventare uccelli da salvataggio. Potranno riuscirci solo imparando a lavorare in squadra e fidandosi delle capacità e delle risorse di ognuno di loro. Una squadra affiatata Swift è in assoluto il più veloce di tutti, sempre concentrato sul lavoro da svolgere, è per gli altri cadetti un amico davvero fidato. A tenere alto l’umore del gruppo ci pensa invece Rod, con i suoi buffi scherzi e le sue risate contagiose, è divertente ed energico in ogni momento. Al loro fianco ci sarà Penny, una pinguina esperta di operazioni marine, alla guida del sottomarino Aqua Wing. Curiosa, intelligente e coraggiosissima, Penny è un minuscolo concentrato di energia e sorprese. A completare la squadra, infine, il dolce e amabile Brody, sempre pronto all’azione. Ad aiutarli nell’impresa Speedy, il loro mentore, e dei veicoli a turbo compressione e gadgets high- tech. Ogni missione che verrà loro assegnata servirà proprio per affinare le abilità di soccorso e aiutare chiunque abbia bisogno. Insieme ai quattro intraprendenti cadetti, i bambini potranno imparare importanti e preziose nozioni sulla sicurezza, senza scordare il divertimento. Avventura e coraggio non mancheranno in questa nuova serie colorata e piena di azione.

LEGGI
img
media

Autore: Redazione - 21/03/2019


Canale 5 leader negli ascolti: è la prima rete italiana nell’intera giornata

Da tre settimane Auditel, Canale 5 è stabilmente prima rete italiana negli ascolti dell’intera giornata sia nel target commerciale 15-64 anni sia tra il pubblico totale, risultato quest’ultimo che va oltre ogni previsione e che mai è stato considerato un obiettivo aziendale. Nella settimana 24 febbraio-2 marzo 2019 e nelle due successive (3-9 marzo e 10-16 marzo), Canale 5 ha conquistato la leadership assoluta sul pubblico totale aumentando gradualmente la propria audience fino ad arrivare al 17,4% nelle 24 ore, con un vantaggio di oltre un punto sulla rete ammiraglia concorrente. Un significativo successo che dimostra la brillante stagione d’ascolti di Canale 5 al di là di percezioni non sempre oggettive. Questo gradimento del pubblico si concretizza sia in Day time (leadership quotidiana dalle 8:40 delmattino alle 20:00 della sera con una media del 17,9% di share) sia in Prima serata con la forza di "Striscia la notizia” e le affermazioni di programmi come “C’è posta per te”, “Ciao Darwin”, “Uominie donne: la scelta”, “Chi vuol essere milionario?”, “L’Isola dei famosi”, “Live-Non è la D’Urso”. Le fiction Da segnalare inoltre i risultati dell’innovativa linea di fiction in onda da metà febbraio su Canale 5: grazie al nuovo linguaggio e al nuovo stile narrativo, sia “Non mentire” sia “Il silenzio dell’acqua” hanno registrato ottimi ascolti oltre ad aver raccolto riscontri di critica molto positivi. In conclusione, va sottolineato che arrivati a metà stagione primavera 2019 devono ancora esordire prodotti di punta come “Amici” e “Grande Fratello”, oltre a programmi completamente nuovi come “Alltogheternow” e al ritorno di un classico di Canale 5 che sarà annunciato a breve. Al via anche “Lontano da te”, inedita fiction di standard europeo frutto della coproduzione con Mediaset España, e l’attesa serie “L’Amore strappato” con Sabrina Ferilli, legata alla più stretta attualità e tratta da una storia vera. Una nuova offerta che arricchirà ulteriormente la proposta televisiva della rete ora in testa al gradimento del pubblico.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy