ABBONATI

Madzuli: per 7 italiani su 10 la pubblicità social è utile; e c'è bisogno di maggiore personalizzazione

Autore: Redazione


La ricerca presentata dall'agenzia di cui è Country Manager Marcos Media disegna uno scenario favorevole per i social. Facebook, il più usato e quello in cui l'adv è ritenuta più funzionale

L'Italia è pronta per una pubblicità più personalizzata sui social media e gli italiani sono favorevoli agli adv sui social: da una ricerca realizzata da Madzuli Italia su un campione di 500 utenti internet, in Italia e in Belgio, emerge che quasi 7 italiani su 10 trovano utili gli adv sui social media e circa la metà degli italiani che li utilizzano afferma di preferire la pubblicità sui social rispetto a quella su altri siti web. Inoltre, 3 utenti su 5 pensano che questa pubblicità debba essere più personalizzata in base alle preferenze espresse direttamente sulle proprie pagine Facebook, Instagram e Twitter.

Facebook social prediletto, anche per l’adv

Gli italiani, secondo la survey, riportano di usare i social media più spesso dei belgi: l'82% degli italiani dichiara di essere iscritto a Facebook, che risulta essere il social media più utilizzato, contro il 75% del Belgio. Inoltre, il 43% degli italiani utilizza Instagram, (Belgio 30%), il 21% LinkedIn e il 20% Twitter. L’89% naviga con frequenza su Youtube. Come prevedibile, gli utenti più anziani non utilizzano i social media spesso come i giovani. (Percentuali di chi non usa i social: <= 34 anni: 3%; 35-54 anni: 5%; 55+ anni: 15%). Inoltre, è emerso che gli uomini utilizzano Twitter (26% contro 15%) e LinkedIn (29% contro 13%) più spesso delle donne. Alla domanda su quale sia il social media attraverso cui l’utente preferisce ricevere adv e promozioni, risulta che in Italia il social preferito sia Facebook (63%), mentre una percentuale più bassa ha indicato che sarebbe disponibile ad accedere ad annunci pubblicitari tramite Instagram (14%), percentuale che supera di gran lunga quella degli utenti belgi (5%).

L’atteggiamento verso la pubblicità social

Osservando più in generale l'atteggiamento degli utenti dei social media nei confronti della pubblicità su questi canali emerge quanto gli italiani siano più positivi rispetto ai belgi: il 66% degli utenti di social network italiani trova infatti che la pubblicità sui social media sia utile (rispetto al 37% in Belgio) mentre il 59% afferma di cliccare su annunci originali o divertenti (37% in Belgio) e il 52% dichiara di preferire la pubblicità sui social media rispetto alla pubblicità su altri siti (24% in Belgio). Il 34% degli utenti di social media italiani dichiara di avere più fiducia nella pubblicità sui social che nella pubblicità su altri siti. Gli uomini in particolare lo indicano più spesso rispetto alle donne (M: 38%; F: 29%).

Maggiore personalizzazione

Interessante che il 58% degli italiani affermi di non ritenere necessario che la pubblicità sui social debba essere esplicitata maggiormente (26% in Belgio) e addirittura il 59% pensi che la pubblicità sui social media dovrebbe essere più personalizzata in base alle proprie preferenze e esigenze di acquisto. Per il 49% degli utenti la pubblicità sui social media dovrebbe essere più basata su ciò che piace ai loro amici, a ciò che comprano, etc. Per i belgi, queste percentuali sono tra il 20% e il 30%. In particolare, gli utenti tra 35-54 anni indicano che gli annunci pubblicitari dovrebbero essere adattati maggiormente a seconda di chi seguono sui social media (<= 34: 59%; 35-54: 66%; 55+: 49%).

Un canale potente

Marcos Medina, Country Manager Madzuli Italia, afferma: “Come emerge dai dati della survey, i social si confermano un canale potente e oggi più che mai centrale nello sviluppo di strategie di marketing online. Le aziende ne sono coscienti, per questo considerano la loro presenza social fondamentale. L’interesse per lo sviluppo di campagne pubblicitarie in queste piattaforme è infatti molto forte, nonostante generalmente non ci sia un’idea ben definita sugli obiettivi a cui puntare e sui risultati effettivi ai quali una campagna social può portare. Negli ultimi mesi abbiamo ricevuto numerosissime richieste di clienti che ci chiedevano di guidarli in un percorso di crescita e di branding nei diversi social network. Da parte nostra comprendiamo a pieno l’esigenza delle imprese di inserirsi in questo panorama, e il nostro lavoro è proprio quello di offrire un disegno chiaro e concreto sulle possibilità che i social possono generare a livello di marketing, definendo un percorso online comprensibile e misurabile per ogni canale utilizzato”.

Madzuli ha annunciato il suo arrivo in Italia all'inizio di quest'anno, Dailynet ha intervistato il mese scorso Marcos Medina, che ha spiegato l'offerta e definito alcuni obiettivi.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 05/01/2022


The Ad Store porta in tv il nuovo spot di Calciatori Panini 2021-2022

È on air la nuova campagna dedicata alla collezione più attesa dagli appassionati di calcio di tutte le età: Calciatori Panini 2021-2022. Lo storico brand di figurine ha scelto, per il terzo anno consecutivo, la creatività di The Ad Store che, con il claim "Una passione che lascia il segno", porta in tv uno dei gesti più chiacchierati del calcio moderno: quello della VAR. "Strappa, incolla, scambia: l'album Panini è da sempre fortemente legato alla gestualità”, racconta Giulio Nadotti, Creative Director di The Ad Store. “Siamo partiti da questo insight sul prodotto e da una delle novità più importanti della collezione 2021-2022 - il nuovo formato delle figurine - per sviluppare uno storytelling basato su uno dei gesti più iconici del calcio italiano e dargli un significato tutto nuovo, ma soprattutto positivo legato all'atteso ritorno in edicola delle figurine dei calciatori". “La proposta di The Ad Store ci è piaciuta perché fa leva, in modo creativo, su una delle principali novità del nostro album, trasformando un gesto ormai noto in ambito calcistico, capace di creare suspance in tutti i tifosi, in un elemento decisamente positivo, identificabile con il nostro brand e al lancio della Collezione 2021-2022”, spiega Alessandro Folloni, Product Manager di Panini. Oltre alla tv, con diversi formati multisoggetto da 20”, 15” e 10”, la pianificazione prevede anche il digital - con attività social e di digital PR attraverso influencer e ambassador Panini. La produzione è di Fargo Film con la regia di Alessio Fava.   Credits Panini Antonio Allegra - Direttore Mercato Italia, Prodotti Collezionabili Alessandro Folloni - Product Manager - Collectibles Dept.   The Ad Store Giulio Nadotti - Creative Director Antonella de Gironimo - Senior Copywriter & Strategist Nicolò Amoretti - Art Director Daniele Iafulli - Copywriter Michele Febbroni - Client Director Marta Gerosa - Agency Producer   Fargo Film Nicolò Dragoni - Executive Producer Federico Mazzola - Executive Producer Alessio Fava - Director Martino Pellion Di Persano - DOP Lorenzo Casati - VFX

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy