ABBONATI

Google cambia le sue regole: maggiore visibilità sul motore di ricerca per le notizie originali

Autore: Redazione


La company intende premiare i contenuti che richiedono grande sforzo investigativo concedendogli una posizione migliore nel ranking, e salvaguardando così il ciclo di vita dell’articolo. A subire modifiche sono dunque all’algoritmo di SERP e alle linee guida per i valutatori

Per incentivare gli editori alla produzione di original reporting, approfondimenti o inchieste che richiedono grande sforzo investigativo per i giornalisti, Google ha modificato le sue linee guida dedicate ai valutatori della qualità di Ricerca, così che questi possano riconoscere meglio le notizie originali, garantendo loro più visibilità e tempo di visualizzazione. Dal blogpost firmato dal VP dell’area News Richard Gingrass, si apprendere che il cambiamento coinvolgerà sia il ranking sia le indicazioni per i valutatori.

Un cambio di ranking che favorisce le notizie originali

In un mondo come quello di oggi in cui le notizie si susseguono rapidamente, non sempre una storia originale resta a lungo al centro dei riflettori. Molti articoli, inchieste, interviste esclusive o altre notizie possono avere una rilevanza tale da riuscire a generare un grande interesse da parte di altre testate, dando seguito a successive inchieste di approfondimento. In altri casi, molte storie diverse coprono gli sviluppi di una singola notizia, e vengono pubblicate tutte più o meno contemporaneamente. Questo può rendere difficile per gli utenti scoprire quale sia la storia originale, quella che ha innescato il meccanismo. “Mentre solitamente tra i risultati di ricerca mostravamo per prima la versione più recente e completa di una notizia, ora abbiamo apportato alcuni cambiamenti ai nostri prodotti a livello globale al fine di evidenziare l’articolo che identifichiamo come il più significativo original reporting. A tali articoli viene garantita una posizione di maggiore visibilità, e più a lungo. Tale visibilità consente agli utenti di visualizzare la notizia originale insieme agli altri articoli più recenti sull’argomento”, si legge.

I parametri di valutazione

In prima battuta, sono gli algoritmi a valutare i contenuti che la società incontra sul web, e sono gli stessi a dargli un ordine. Ma gli algoritmi vanno calibrati e aggiornati, ed è qui che entrano in ballo i 10.000 valutatori della company, il cui compito è quello di aiutare i sistemi a comprendere l’autorevolezza delle singole pagine. “Queste linee guida descrivono chiaramente ciò che valorizziamo maggiormente quando assegniamo un ranking ai contenuti. Abbiamo recentemente introdotto una modifica che ci permette di raccogliere un nuovo feedback al fine di consentire ai nostri sistemi automatici di ranking di scoprire i contenuti originali più agevolmente”, scrive Gingrass. Secondo l’aggiornamento, le linee guida prevedono l’utilizzo del rating più alto “per le notizie originali che forniscono informazioni che non sarebbero note se l’articolo non le avesse rivelate. Le inchieste investigative originali e approfondite richiedono competenza e un notevole dispendio di tempo e impegno”. “Non solo chiediamo ai nostri valutatori di riconoscere le singole notizie originali a livello di pagina, ma anche di prendere in considerazione la reputazione generale dell’editore in termini di original reporting, conclude GIngrass.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: S Antonini - 04/12/2019


"Fatti furbo", investi con TD Ameritrade

Toni ironici e sofisticati da spy story degli anni 60 e un protagonista che nel look (e nell'auto) rimanda vagamente a James Bond: così la nuova creatività "Get smarter" firmata Havas New York comunica il brand e i servizi della società di trading TD Ameritrade.

LEGGI

Correlati

img
aziende

Autore: D Sechi - 05/12/2019


Buzzoole, Vincenzo Cosenza: «Su TikTok oltre 2,5 milioni di italiani, Instagram a due passi da Facebook»

Qualche tempo fa in pochi ci avrebbero creduto. Ma poi la realtà social ha cominciato a prendere forma, a diventare quasi parallela a quella “ufficiale” ed è allora che si è cominciato a ragionare sulle possibilità legate alla neo dimensione. Poi si è spinto anche troppo sul versante e sono arrivate controversie e distorsioni, e ogni tanto qualcuno ci lascia idealmente le penne. Però intanto oggi come oggi le aziende spendono tempo e ovviamente denaro alla ricerca del creator capace di influenzare il proprio target di riferimento. La realtà è insomma assodata: non si può più prescindere dall’influencer marketing, o fare finta di nulla girando la testa. Secondo la recente ricerca di Buzzoole, “La Customer Journey dell’Influencer Marketing in Italia”, che ha analizzato l’approccio di 300 decision maker italiani di grandi aziende, il 60% sceglie i creator in base alla capacità di rappresentare i valori del brand in maniera autentica. Per rendere quindi più semplice e veloce questa fase di scouting, Buzzoole, influencer marketing solution provider leader in Europa in grado di connettere i brand ai content creator attraverso l’utilizzo dell'Intelligenza Artificiale, ha ideato Discovery, il nuovo tool di ricerca e intelligence potenziato da sofisticati algoritmi di Intelligenza Artificiale, presentato ieri a Milano. Primo passo verso la SaaS Grazie a tecniche di Natural Language Understanding e Image Recognition applicate all’analisi dei contenuti, la piattaforma permette di effettuare una precisa e granulare classificazione dei creator in categorie non generiche, attraverso ricerche specifiche, in modo da fornire ai brand il giusto influencer in linea con le caratteristiche dell’azienda. Il nuovo prodotto enterprise, dedicato ad aziende e agenzie che si rapportano all’Influencer Marketing in maniera matura e che gestiscono direttamente le proprie campagne in house, rappresenta il primo passo verso la disponibilità di una piattaforma SaaS (Software-as-a-Service) per gestire tutti i processi delle attività di Influencer Marketing. Come funziona Buzzoole Discovery Per facilitare l’identificazione dei creator, in un database in continua crescita di oltre 2 milioni di profili, il tool mette a disposizione tre tipologie di ricerca: Smart, Advance e ricerca per Contenuti. ●               La ricerca Smart offre i filtri essenziali per perfezionare la ricerca: nome, indirizzo di posta, handle, canali, follower, engagement per post, località e categoria ●               La ricerca Advanced permette di approfondire e segmentare l’analisi secondo la tipologia di audience che si desidera intercettare (genere, età, interessi, località). Inoltre, consente di analizzare le bio dei creator e identificare coloro che hanno menzionato un determinato brand ●               La ricerca per Contenuti dà la possibilità di individuare i creator sulla base dei post prodotti, ma anche di effettuare attività di Competitive Intelligence sui contenuti e individuare trend per migliorare la propria Content Strategy.  Analisi e valutazione delle performance Lo step successivo alla ricerca è l’analisi. Per ogni singolo creator è possibile verificare, attraverso una scheda dettagliata, le performance reali, l’engagement rate, l’engagement per post, le impression, le caratteristiche demografiche dell’audience, i brand menzionati, i contenuti più performanti e altri parametri. Inoltre, è possibile conoscere lo ‘stato di salute’ dei profili verificati Buzzoole grazie al sistema di ‘fraud detection’ basato sui first-party data e capire se un creator ha fatto uso di bot o se ha utilizzato un linguaggio inappropriato. La fase di gestione Una volta effettuata la ricerca e l’analisi, vengono selezionati gli influencer più interessanti che possono essere aggiunti a liste di preferiti per un utilizzo successivo o per un invito immediato. Inoltre, è possibile utilizzare un referral link generato automaticamente per invitare nuovi creator, anche i propri dipendenti, per creare network utili ad attività di Brand Advocacy. TikTok, è in casa l’influencer? Quasi un anno fa, Vincenzo Cosenza, l’Head of Marketing Italy & Head of Product Marketing, sottolineava il ruolo che avrebbe potuto rivestire TikTok in ambito social e quindi nell’influecner marketing. Un’esplosione di notorietà che sembrava imminente e infatti è diventata ora palese: «Sono ormai 2,5 milioni gli iscritti alla video app. Si tratta di numeri importanti e piuttosto recenti, cui tener conto. Certo, stiamo parlando una realtà sbilanciata su un target particolarmente giovane, diciamo tra i 14 e i 24 anni, ed è quindi difficile avere numeri importanti legati al marketing, ma qualcosa si muove, magari mascherando in qualche modo le attività. Di certo non si tratta di una piattaforma adatta a tutte le aziende. L’evoluzione però continua. Lo stile è differente da un Instagram, il focus è sull’intrattenimento, la dimensione seria non ha cittadinanza, ma con un creator giusto, si possono realizzare ottime cose». E invece sul fronte dei due social principali? «Instagram sta performando alla grande, come testimoniano i 22 milioni di italiani collegati ogni mese, un numero non proprio lontano dai 31 mln di Facebook. È noto che Instagram funzioni meglio sul fronte influencer, ma c’è da dire che non sono poche le aziende che fanno un uso coordinato delle due realtà. A giovare all’ascesa hanno provveduto le Stories, divenute ormai un diario della giornata dell’utente, un racconto molto più empatico rispetto alla foto pubblicata sul feed. Un effetto vicinanza che fa la differenza». È cambiato qualcosa nelle richieste delle aziende? «Sì, qualcosa si muove e i classici criteri di valutazione, ossia il numero dei seguaci e quello dei like, non riscuotono più il massimo dell’interesse. Oggi conta di più la trasparenza nelle pratiche e la capacità di rappresentare in modo reale i valori di un marchio». Come è stato il 2019 di Buzzoole? «È andato bene, ma non siamo ancora pronti per un consuntivo definitivo, che comunque arriverà prima delle festività».

LEGGI
img
aziende

Autore: D Sechi - 04/12/2019


Xiaomi, da oggi l’on air multicanale con Mediacom per far crescere la brand awarness

Ti dicono Xiaomi e rimani sul chi va là, forse hai udito male, qualcosa non ti torna, ti precipiti su un device digitale qualsiasi per capire di cosa si tratti. E scopri che “Xiaomi Corporation è stata fondata nell’aprile 2010 e quotata al Main Board della Borsa di Hong Kong il 9 luglio 2018. Si tratta di una società internet con smartphone e dispositivi smart interconnessi da una piattaforma Internet of Things (IoT). Come vision punta a essere amica dei propri fan e di diventare la società più cool nel cuore dei propri utenti, Xiaomi s’impegna nell’innovazione continua, con una costante attenzione alla qualità e all’efficienza. L’azienda costruisce instancabilmente prodotti sorprendenti con prezzi onesti per permettere a tutti nel mondo di godersi una vita migliore attraverso tecnologie innovative”. A ridosso del podio Dopo aver ringraziato la chiarezza dell’ufficio stampa, i dubbi però permangono. In soccorso arriva un appuntamento, organizzato proprio dal brand, nella sua sede milanese. A fare gli onori di casa e raccontarci tutto c’è Davide Lunardelli, Head of Marketing del gruppo il quale fuga ogni dubbio: «Oggi Xiaomi è il quarto brand di smartphone più popolare al mondo, ma anche in Europa e pure in Italia». Insomma, il marchio, benché giovane si trova già a ridosso del podio. L’occasione dell’incontro è ghiotta: l’azienda lancia oggi la nuova campagna multicanale, dedicata al nuovo Mi Note 10, con un deciso investimento televisivo, da qui fino al 31 dicembre, quindi in uno dei periodi più caldi, e costosi, per gli investimenti pubblicitari. Dal suo sbarco italiano, avvenuto nel 2018, questa è la seconda puntata in adv, dopo una veicolazione sempre multi channel, e sempre tv, ma di dimensioni più ridotte, avvenuta lo scorso settembre. Davide Lunardelli   Sognare in grande “Sogna in grande con Mi Note 10”, dichiara il claim. L’elogio di una fase onirica che ci trasporta in un mondo fantastico riguarda l’unico prodotto esistente oggi nel mondo dotato di penta camera da 108MP. Ma non solo: come è costume dell’azienda, il tutto viene promosso con un prezzo super concorrenziale. La campagna fa parte di una più ampia strategia di comunicazione e che punta a consolidare e accrescere la propria brand awareness sul territorio italiano. Fino al termine dell’anno, lo spot, ideato internamente dall’azienda, che si occupa anche del buying, mentre Mediacom cura il planning, sarà on air sule principali reti tv nazionali con formato breve da 15”, oltre che visibile sui canali digital, sui principali social network e anche out of home, in particolare a Milano, Roma e Napoli, mediante installazioni di maxi-affissioni e pensiline nei punti di passaggio più strategici, supportate da una creatività ad hoc. Visibilità e popolarità «Il nostro obiettivo è incrementare la brand awarness. È importantissimo per noi sfruttare queste occasioni di visibilità che non fanno parte degli strumenti di comunicazione più familiari per Xiaomi. Finora infatti, abbiamo sempre puntato sull’importanza del passaparola e sul supporto della nostra Community, e continueremo a farlo. A oggi abbiamo una brand awarness del 64%, circa il 50% in più rispetto all’anno scorso. Un risultato davvero straordinario considerato che siamo sul territorio solo da maggio 2018», ha precisato Lunardelli. [fbvideo id=2872570759442330] Il seguito social Dal suo arrivo in Italia, Xiaomi ha lavorato duramente per incrementare il numero dei propri Mi fan (curiosi e vogliosi di condividere): a oggi, la Mi Community italiana è la più grande al mondo con 65 Mi Fan Club attivi su tutto il territorio italiano, 114 mila Mi Fan registrati. L’azienda è presente su tutte le piattaforme social del momento: Facebook per aggiornare gli utenti su tutte le novità, Instagram per essere vicini ai più devoti della fotografia, Twitter per non perdere nemmeno una conversazione online e Telegram, per i più sensibili alle offerte. Sono 560 mila i follower distribuiti sui social media, soprattutto all’interno di Instagram. L’ultima novità dell’azienda riguarda infine l’apertura di un canale TikTok, social dedicato ai più giovani su cui Xiaomi è sbarcata proprio in questi giorni.   Non solo Smartphone Il lancio della campagna arriva contestualmente al rilascio dei risultati ottenuti nel terzo trimestre 2019. Durante questo periodo, i ricavi totali del gruppo sono aumentati del 5,5% rispetto all'anno precedente, attestandosi a 53,7 miliardi di RMB e facendo del Q32019 il trimestre con i ricavi totali più alti dalla sua fondazione. Xiaomi in Cina non si limita agli Smartphone, ma produce di tutto, dai monopattini elettrici ai materassi. Intorno al mese di febbraio, anche l’azienda lancerà tre nuovi modelli di Smart Tv. La comunicazione sul nostro territorio riguarderà però solo gli smartphone.

LEGGI
img
aziende

Autore: V Parazzoli - 04/12/2019


Barilla arricchisce la linea Pan di Stelle con Biscocrema: il lancio a gennaio

È’ il 1983 quando Mulino Bianco lancia sul mercato il suo primo biscotto da colazione al cacao Pan di Stelle, destinato ad entrare nell’immaginario collettivo delle famiglie italiane, associandosi fin da subito ai valori del sogno e della magia. Nel 2007 Pan di Stelle diventa un brand autonomo, dando vita a prodotti innovativi (merende, torte, cereali), che entrano subito in feeling con il gusto degli italiani. Nel 2012 arriva sul mercato Mooncake, merenda costituita da pan di spagna al cacao che circonda un cuore di crema al cacao. L’offerta si arricchisce poi nel 2019 della Crema Pan di Stelle, la prima crema di cacao e nocciole con la granella dei biscotti stessi. [youtube id=OgUJ9t4d3CU] Ora è la volta del Biscocrema: un biscotto dalla frolla al cacao, ripieno di crema Pan di Stelle e ricoperto da un sottile strato di cioccolato con “incastonata” l’iconica stella bianca di crema al latte, che è stato presentato alla fine della scorsa settimana e che verrà lanciato da gennaio, presumibilmente anche con sostegno pubblicitario (Armando Testa segue Pan di Stelle), sul quale però al momento Barilla, contattata in merito, non fornisce ancora indicazioni. Anche Biscocrema è senza olio di palma, è coniuga tre diverse componenti: la friabilità del biscotto al cacao, la cremosità della crema Pan di Stelle e la croccantezza del cioccolato. Sarà venduto in monoporzioni da 28 grammi, contenenti due biscotti, la soluzione ideale per un consumo in casa oppure “on the go”. Contemporaneamente, arriverà anche un nuovo formato famiglia da 480 g. della Crema Pan di Stelle, oltre al classico vasetto da 330 g.: questo prodotto ha avuto grande successo e ha contribuito a far crescere la categoria dell’11% a valore. Al Gruppo emiliano dicono che ognuno fa la sua partita, ma è chiaro l’intento di rispondere alla Ferrero che ha da poco lanciato i Nutella Biscuits, “con l’obiettivo di farne la prima referenza nel segmento di mercato” come aveva detto Alessandro d’Este, presidente e A.D. Commerciale Italia dell’azienda di Alba. In sede di conferenza stampa, Julia Schwoerer, Vice Presidente Marketing dei brand Mulino Bianco e Pan di Stelle, ha infatti commentato: “Biscocrema non è una risposta alla competizione con Ferrero. Non vogliamo fare la guerra dei numeri né delle quote. Noi siamo leader di mercato con il 37% di quota valore. Questo lancio è una naturale estensione della marca, nata da un biscotto, come facciamo da anni”. E ha aggiunto: “Nel 2019 il fatturato di Pan di Stelle ha raggiunto i 100 milioni di euro, con un aumento del 50% sul 2018, ponendo la linea al secondo posto dei best seller dopo le Gocciole Pavesi. Il mercato italiano dei biscotti quest’anno raggiungerà  quota 1,5 miliardi di euro e il segmento dei biscotti ricchi, a cui appartengono quelli con le creme, vale un terzo del totale”.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy