ABBONATI

TIM: RFI in vista della gara per partner unico in Italia e Brasile

Autore: V Parazzoli


Nella revisione avviata dalla compagnia di cui è direttore Brand Strategy Media & Multimedia Entertainment Luca Josi, oltre ad Havas Groupe, che gestisce attualmente l’incarico, potrebbero essere coinvolti anche, tra gli altri, Omnicom, WPP e Publicis Groupe. Il budget, di 55 milioni di euro, nel nostro mercato, dovrebbe essere analogo anche nel Paese sudamericano

Dopo aver prima aperto, in dicembre e, poco dopo, sospesa, la gara per la definizione del solo nuovo partner creativo, TIM ha ora strutturato in modo più organico la revisione dei suoi partner di comunicazione, che mirerà comunque a definire di nuovo il rapporto con un unico interlocutore che, a sua volta, dovrà proporre (tra l’altro, secondo quanto ci risulta, addirittura già entro domani) le sigle con cui intenderebbe lavorare nelle aree di creatività, social e centro media (quindi, teoricamente ma non necessariamente, appunto, tre distinte). Tutti incarichi attualmente gestiti da Havas Groupe (con Havas Milan per comunicazione e social e Havas Media per il planning): tra l’altro, anche in Brasile che pure, sempre in base a quanto ci risulta, è coinvolta nella gara che partirà dopo questa breve fase di RFI.
Il coinvolgimento brasiliano
Il fatto che il pitch riguarderà anche il citato Paese sudamericano (dove TIM è il terzo player del mercato con 57 milioni di connessioni a far capo alla fine dello scorso settembre e dove pure il format proposto è quello italiano di successo con il ballerino Sven Otten), autorizza a pensare che il beauty contest sia stato rivolto solo a un gruppo di selezionati player internazionali tra i quali, oltre allo stesso Havas Groupe, potrebbero esserci WPP, Omnicom, Publicis Groupe e, forse, pochi altri. Naturalmente, le singole sigle che questi indicheranno, non possono essere già impegnate con altri operatori di tlc e con Sky, giudicata concorrente diretta della compagnia di cui da pochi giorni Luca Josi, che lo era già per Brand Strategy Media, è diventato direttore anche dell’area Multimedia Entertainment, allargando le sue responsabilità anche a Tim Vision.
Spending analogo tra i due Paesi
Alla precedente gara solo creativa, oltre ad Havas Milan (che sta tra l’altro lavorando anche con Josi alla finalizzazione dell’articolata presenza del brand al Festival di Sanremo, di cui è notoriamente di nuovo sponsor unico), erano state invitate anche Leo Burnett – che, quindi, potrebbe essere “rischierata” da Publicis Groupe in vista del nuovo pitch – Armando Testa e Leagas Delaney, che hanno già lavorato in passato per Telecom. In Italia, lo spending di TIM dovrebbe aggirarsi intorno ai 55 milioni di euro, e una cifra analoga se non maggiore dovrebbe essere spesa in Brasile.

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: D Sechi - 19/04/2019


Bancontact, con Payconiq sliding doors sempre positive

Ci sono momenti in cui la felicità sembra essere completamente dalla tua parte. Ed è un peccato se non riesci a ottenere il massimo da quei momenti. Su queste basi, Boondoggle ha ideato la campagna di lancio per l'app Payconiq di Bancontact, la nuova app di pagamento mobile emersa dalla fusione delle app Payconiq e Bancontact esistenti. Occasioni perse perché hai dimenticato il tuo portafoglio? L'app Payconiq by Bancontact metterà fine a tutto questo una volta per tutte. L'ultimo affare o l'ultimo minuto perfetto, la mancanza di contanti o di carte bancarie non faranno più da guastafeste. Con l'app sarà possibile pagare sul posto. Perché se c'è una cosa che tutti hanno sempre in tasca ... è uno smartphone. Con Apple Pay che inizia a fare il suo ingresso nel mercato belga, Payconiq desiderava una campagna capace di creare una forte consapevolezza sul marchio. Lo spot televisivo è un'affascinante piccola storia d'amore con un tocco inaspettato, portato a lieto fine proprio grazie all'app Payconiq by Bancontact.

LEGGI

Correlati

img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 19/04/2019


Ferrarelle: Leo Burnett vince, con la collaborazione strategica di Publicis Groupe, la gara per la nuova campagna autunnale del brand

Ferrarelle si prepara a tornare on air in autunno con una nuova campagna integrata, che porterà la firma di Leo Burnett. L’agenzia di cui è Ceo Romeo Repetto ha vinto infatti - con la collaborazione strategica di Publicis Groupe, di cui fa parte – l’apposita gara indetta dal Gruppo che fa capo alla famiglia Pontecorvo e di cui è Group Brand Manager Martina Cerbone, e alla quale hanno partecipato anche VMLY&R e Havas Milan, storico partner del brand. Non ci sono invece novità sul fronte del planning, seguito sempre da Carat (che amministra un budget di circa 18 milioni di euro, pari a più del 10% del fatturato). Nello specifico, la nuova campagna di posizionamento si articolerà in tv, OOH e digitale, cui seguirà la stampa. L’azienda, tra i suoi impegni, punta molto anche sulla sostenibilità e ha avviato la produzione sulla base di materia prima riciclata delle bottiglie.

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 16/04/2019


Bertazzoni affida a BPRESS la gestione social del marchio La Germania a livello globale

Bertazzoni, azienda emiliana di elettrodomestici sul mercato da oltre 135 anni, affida a BPRESS la comunicazione social del brand La Germania. L’agenzia milanese - da sei anni riferimento per le attività di PR e media relations del marchio Bertazzoni - diventa partner strategico anche per la comunicazione social a livello globale di un marchio rinnovato e con una personalità ben definita, presente in 60 mercati nel mondo. I compiti dell’agenzia L’agenzia si occuperà del lancio e della gestione della pagina Facebook e del canale Instagram La Germania, implementando una strategia incisiva per comunicare i valori distintivi del brand e dei suoi prodotti ai clienti dei mercati di tutto il mondo. Attenzione alla qualità dei contenuti e alla veste grafica e tempestività nel community management saranno i punti chiave della gestione. Rafforzare il social “Questo nuovo incarico affidatoci da Bertazzoni rappresenta per BPRESS una conferma della fiducia che si è consolidata negli anni grazie a una collaborazione di successo nell’ambito delle PR e media relations”, dichiara Diego Biasi, fondatore e CEO di BPRESS. “L’ingresso del brand di elettrodomestici La Germania nel nostro portfolio clienti rafforza le attività dell’agenzia sul fronte social, un ambito ormai fondamentale per una comunicazione efficace”.   Il team La gestione dei canali social del marchio La Germania è affidata al team Food e Lifestyle guidato da Beatrice Caputo, Senior Vice President con Cinzia Sartori come Client Manager e Cecilia Ghisletti come Social media and Event specialist.

LEGGI
img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 16/04/2019


Consorzio per la Tutela del Taleggio sceglie This Is Ideal come partner di comunicazione

Sono stati affidati in via esclusiva a This Is Ideal l’ideazione, lo sviluppo e la gestione di tutte le attività di comunicazione del Consorzio per la Tutela del Taleggio, compreso il planning media a seguito di una revisione competitiva. La collaborazione prevede la realizzazione di campagne pubblicitarie sui principali mezzi di comunicazione, l’implementazione di tutto l’ecosistema digitale, eventi e attività di presidio territoriale. “Siamo entusiasti di dare avvio a questa nuova collaborazione- commenta Stefano Capraro, Ceo del Gruppo - perché crediamo che eccellenze alimentari italiane come il Taleggio meritino di essere ulteriormente tutelate e celebrate attraverso una comunicazione efficace e rilevante. Questa è un’importante opportunità per il Gruppo This Is Ideal che potrà mettere a sistema le competenze verticali delle sue società”. Il team dell’agenzia è composto da Riccardo Giacobini – Managing Director, Carmelo Cadili – Strategy Director, Pietro Verri – Creative Director e Nicola Pasianot – Head of Digital Strategy and Social Media.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy