ABBONATI

Facebook pensa a una sezione dedicata alle news di qualità, e potrebbe pagare gli editori

Autore: Redazione

Mark Zuckerberg


Lo ha dichiarato direttamente Mark Zuckerberg in un’intervista al CEO di Axel Springer, Mathias Dopfner

Dall’algoritmo che penalizza le news alla creazione di una sezione dedicata alle notizie di qualità, con possibile aggiunta di compensi ai publisher che le producono. Mark Zuckerberg, in questi giorni in viaggio in Europa, sta sradicando le convinzioni espresse lo scorso anno e provando a proporre un’immagine diversa della sua creatura.

In un’intervista con il CEO di Axel Springer, Mathias Dopfner, il fondatore di Facebook ha parlato del ruolo del giornalismo di qualità nella costruzione di community informate e dei principi che il social dovrebbe adottare per costruire una nuova tab per le news dal grande valore editoriale, “comprendendo un modello di business e un ecosistema in grado di supportarle”, ha dichiarato.

Verrà sviluppata dunque una sezione che gli utenti potranno consultare per fruire delle news e verranno allacciati dei contatti diretti con gli editori, per assicurarsi che i loro contenuti siano disponibili, se di alta qualità. Zuckerberg ha accennato anche al possibile pagamento di una tassa di licensing agli editori. 

“La persone accedono al News Feed principalmente per collegarsi con gli amici, per ricevere aggiornamenti sulle loro vite quotidiane. Ci sono molte news al suo interno perché sono un tipo di contenuto molto importante. Ma ci sono anche molte persone che hanno chiesto che ce ne siano ancora di più. Credo che il 10, 15 o 20% della nostra community voglia davvero approfondire e avere un’esperienza di immersione nelle news, che per noi significa avere l’abilità di aumentare la distribuzione e, se va bene, la monetizzazione dei partecipanti all’ecosistema”, spiega Zuckerberg.


Tag:

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: - 22/02/2021


Fiat Panda, online con Leo Burnett, celebra la sua storia "social"

Fiat Panda è online con una nuova campagna che celebra la sua storia social e la capacità innata di mettere in contatto le persone. Capacità che Fiat Panda possiede fin dalle origini nel 1980, ancora prima dell’arrivo dei social network. Lo spot, con uno storytelling originariamente ideato per il mercato italiano, ha avuto un successo oltre le aspettative in Uk dove è in onda sui canali digital da dicembre 2020. Dagli inizi di febbraio è live anche in Italia su YouTube, Facebook con pianificazione media curata da Starcom. La creatività è firmata dalla sede torinese di Leo Burnett, hub strategico creativo e di coordinamento internazionale per i brand FCA, sotto la guida di Maurizio Spagnulo e la direzione creativa esecutiva di Francesco Martini. La forza della campagna vive nella sua narrazione vincente, nella scelta di raccontare unione, partecipazione e ottimismo, valori universali di cui oggi le persone hanno più che mai bisogno e che sono insiti nel DNA di Panda. Le scene dello spot sono studiate per farci riflettere su come Panda sia l’auto che da 40 anni ci accompagna nelle diverse esperienze di vita, da ragazzi e da adulti. Un’auto che è precursore dei tempi e che ancora prima della nascita del digitale è stata capace di unirci per davvero, di farci vivere una vita piena di emozioni e di autenticità, senza filtri social.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy