ABBONATI

Olivetti con SumUp per digitalizzare i sistemi di pagamento delle piccole imprese italiane

Autore: Redazione


Grazie alla partnership, il gruppo italiano offrirà sistemi di cassa integrati con la soluzione tecnologica della società fintech britannica

Rivoluzionare le soluzioni di pagamento per le piccole imprese in Italia: con questo obiettivo Olivetti annuncia la partnership con SumUp, società fintech che permette alle aziende di ogni dimensione di ricevere pagamenti in modo semplice e veloce. Olivetti, azienda fortemente incentrata sull’innovazione, ha individuato in SumUp il partner per offrire agli esercizi commerciali una soluzione tecnologica evoluta e facilmente accessibile. Dal 2011 SumUp sostiene la crescita delle piccole imprese permettendo loro di accettare, anche senza la tradizionale apparecchiatura POS, pagamenti con carta in-store, in-app e online sui maggiori circuiti di carte di credito e di debito, oltre che tramite Google Pay e ApplePay: i suoi terminali di pagamento devono semplicemente essere collegati ad uno smartphone o ad un tablet dell’esercente

Nuove direttive

La soluzione permette inoltre di adeguarsi agli obblighi introdotti dalla direttiva sullo scontrino elettronico. Olivetti è impegnata a sostenere gli esercenti in ogni fase del processo di adeguamento alla normativa e a facilitare la transizione rendendola più agevole e rapida possibile. SumUp sarà un importante partner in questo processo grazie alla consolidata esperienza nel settore che ha evidenziato significativi miglioramenti nel business per i commercianti dopo aver introdotto l’accettazione delle carte di credito e debito

Velocizzare e semplificare

“I negozi di prossimità continuano a giocare un ruolo di primaria importanza anche in un’epoca in cui l’ecommerce cresce in modo esponenziale. Perciò l’esperienza del cliente presso il negozio deve diventare sempre più soddisfacente”, afferma Antonio Cirillo, AD di Olivetti, sottolineando la piena coerenza della partnership con la strategia di Olivetti per il commercio al dettaglio. “L’integrazione delle casse Olivetti con la soluzione SumUp va proprio in questa direzione: velocizzare l’operazione di pagamento e al contempo garantire al negoziante l’accesso a una soluzione semplice, economica e tecnologicamente evoluta”.

I tempi cambiano

“Il panorama dei pagamenti sta cambiando rapidamente, la tecnologia e i prodotti si stanno innovando e la legislazione si sta adattando”, commenta Marc-Alexander Christ, Co-Founder di SumUp. “Siamo felici di unire le forze con un partner forte come Olivetti per aiutare le piccole e medie imprese, dalla gelateria siciliana al meccanico torinese, a stare al passo con i tempi e a crescere attraverso l'accettazione della carta di credito”.


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: - 22/02/2021


Fiat Panda, online con Leo Burnett, celebra la sua storia "social"

Fiat Panda è online con una nuova campagna che celebra la sua storia social e la capacità innata di mettere in contatto le persone. Capacità che Fiat Panda possiede fin dalle origini nel 1980, ancora prima dell’arrivo dei social network. Lo spot, con uno storytelling originariamente ideato per il mercato italiano, ha avuto un successo oltre le aspettative in Uk dove è in onda sui canali digital da dicembre 2020. Dagli inizi di febbraio è live anche in Italia su YouTube, Facebook con pianificazione media curata da Starcom. La creatività è firmata dalla sede torinese di Leo Burnett, hub strategico creativo e di coordinamento internazionale per i brand FCA, sotto la guida di Maurizio Spagnulo e la direzione creativa esecutiva di Francesco Martini. La forza della campagna vive nella sua narrazione vincente, nella scelta di raccontare unione, partecipazione e ottimismo, valori universali di cui oggi le persone hanno più che mai bisogno e che sono insiti nel DNA di Panda. Le scene dello spot sono studiate per farci riflettere su come Panda sia l’auto che da 40 anni ci accompagna nelle diverse esperienze di vita, da ragazzi e da adulti. Un’auto che è precursore dei tempi e che ancora prima della nascita del digitale è stata capace di unirci per davvero, di farci vivere una vita piena di emozioni e di autenticità, senza filtri social.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy