ABBONATI

ADS: l’emorragia di copie non si ferma ad aprile; Corriere della Sera primo fra i quotidiani anche in edicola

Autore: S Antonini


In controtendenza Avvenire e La Verità, QN si conferma il secondo più diffuso nei punti vendita; tra i settimanali Sorrisi e Canzoni Tv è sempre leader, in cima al ranking dei mensili a marzo c’è Altroconsumo Inchieste

Le diffusioni dei giornali continuano a calare anche nel mese di aprile 2019. I quotidiani hanno diffuso 2 milioni e 540mila copie tra carta e copie digitali contro le 2 milioni 920mila dello stesso mese dell’anno scorso, perdendone il 13%. Il Corriere della Sera è sempre saldamente in testa alle diffusioni nazionali con 275.328 copie complessive contro le quasi 290mila dell’aprile 2018, e primo anche per vendite in edicola con 181.444 copie in calo del 4,8% sullo stesso mese 2018.

Il secondo quotidiano più venduto è il QN – Quotidiano Nazionale (Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno e Il Telegrafo) con un totale edicola di 175.424 copie (-7,9%), mentre per diffusioni complessive con 194.874 copie (contro 210.064 nel 2018) è terzo dietro a la Repubblica che vanta 198.298 copie complessive contro le 208.619 del 2018 e 137.577 copie in edicola (-7,4%). Il quarto quotidiano più diffuso è Il Sole 24 Ore con 157.191 copie complessive (169.771 l’anno scorso) e 40.451 in edicola (-10,9%). Segue la Gazzetta dello Sport, con 146.020 copie, 162.461 l’anno scorso, e un venduto in edicola di 130.934 copie (-4,5%).

La Stampa diffonde 141.030 copie contro le 155.412 dell’aprile 2018 di cui 97.176 in edicola (-10,6%); Avvenire cresce dalle 112.202 complessive del 2018 alle attuali 115.536, ma perde il 4,1% in edicola dove si attesta a 21.142 copie. Il Messaggero ne diffonde 91.913 contro le 98.660 del 2018, con 70.421 in edicola (-7,8%). Il Giornale si attesta a 46.994 copie (56.879 copie nel 2019), con un diffuso edicola di 42.971 (-17,6%), mentre Il Fatto Quotidiano ne diffonde 41.884 contro le 45.758 dell’anno scorso, con 26.796 vendute in edicola (-19,6%). Libero è a quota 25.957 copie (26.131 nel 2018) con 22.685 vendute in edicola (in linea con l’anno scorso) mentre La Verità, in contro tendenza con il resto del mercato, è in crescita con 24.673 copie complessive (19.936 l’anno scorso) di cui 22.184 in edicola, +16,3% sul 2018. 

I settimanali

Sorrisi e canzoni Tv è il primo settimanale per diffusioni con 502.661 copie contro le 534.268 del 2018, seguito da Settimanale DiPiù con 363.405 copie (425.805 nel 2018) e Telesette a 339.401 copie (357.982 l’anno scorso). IO Donna ne fa 269.969 contro le 273.691 del 2018, Vanity Fair 211.845 (244.121 nel 2018) tallonato da Elle Settimanale a quota 210.202 – non confrontabile con l’anno scorso perché era mensile -, mentre La Repubblica delle Donne è a quota 182.016 copie contro le 187.402 dell’anno scorso. I femminili mondadoriani Donna Moderna e Grazia diffondono rispettivamente 161.653 e 152.139 copie, il primo in calo rispetto alle 182.513 del 2018 e il secondo in ripresa sulle 147.292 dell’anno scorso. Tra i newsmagazine il Venerdì di Repubblica registra una diffusione di 266.012 copie (278.240 nel 2018, L’Espresso di 218.664 copie (241.166) e Panorama 124.582 (152.582 nel 2018). Tra i famigliari, Oggi ha diffuso 245.952 copie contro 285.572, Gente 244.157 (247.201) e Famiglia Cristiana 222.916 (249.922). 

I mensili

Nel mese di marzo 2019, il mensile più diffuso è Altroconsumo Inchieste con 345.734 copie, seguito da 50 & Più con 288.274 copie. Al Volante è il terso con 239.299 copie mentre Focus si attesta al quarto posto con 222.325 copie. Touring che fa 188.892 mentre Quattroruote 179.715 e Cose di Casa 175.486. Amica diffonde 132.317 copie, Marie Claire 130.970 e Cucina Moderna 126.507. 


img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 17/06/2020


L'estate di Huawei: al via “Insieme, con un semplice tocco”

Parte “Insieme, con un semplice tocco”, la campagna multicanale di Huawei, dedicata ai mesi estivi. La creatività è stata realizzata da Havas Group, che ha da poco vinto una gara Emea, mentre tutta la parte di pianificazione media è a cura di WaveMaker. Havas Milan ha eseguito gli adattamenti per il nostro Paese. Al centro della comunicazione l’ecosistema Huawei e tutti i suoi prodotti e servizi, che dal 15 giugno al 31 agosto regaleranno vantaggi imperdibili a tutti coloro che sceglieranno la tecnologia all’avanguardia del colosso cinese. Pianificazione Sei settimane di campagna tv, 3 settimane di out of home nelle più grandi città italiane a partire da metà giugno, e due settimane di radio in partenza alla fine di luglio. Oltre a essere pianificata sulle maggiori emittenti tv nazionali, la campagna sarà sostenuta con una video strategy sulle testate online e sui canali social di Huawei Italia, insieme ad una selezione di influencer e celebrity come Mariano Di Vaio, Giulia De Lellis, Andrea Damante, Beatrice Valli e Marco Fantini, che ne racconteranno le promozioni e le offerte. Prodotti e promozioni Protagonisti dell’iniziativa i più recenti dispositivi dotati dei Huawei Mobile Services, tra cui Huawei P40, P40 Pro, P40 Pro +, P40 lite, Y Series. Tutti coloro che li acquisteranno riceveranno in omaggio Huawei Freebuds 3i e Huawei mini speaker, oltre a 50GB da utilizzare su Huawei Cloud, 6 mesi di Huawei Music, 3 mesi di Huawei Video in omaggio e fino a 10 film on demand. Ma non finisce qui. Gli utenti potranno, infatti, ricevere bonus esclusivi da parte dei partner Huawei, semplicemente accedendo all’app Member Center, disponibile gratuitamente su Huawei AppGallery e pre-installata sui device più recenti, e scaricando tutte le applicazioni che partecipano all’iniziativa. Il commento “Insieme, con un semplice tocco, conferma ancora una volta l’impegno di Huawei nell’offrire ai consumatori un'esperienza intelligente e connessa, senza soluzione di continuità tra i diversi device. La strategia 1+8+N dell’azienda vede al centro lo smartphone che, insieme ad altri dispositivi e accessori e IoT, dà vita ad un ecosistema di prodotti e servizi, ricco e omnicomprensivo di tutti quei prodotti tecnologici ormai diventati indispensabili nella vita di tutti i giorni”, afferma Isabella Lazzini, Retail and Marketing Director Huawei CBG Italia.

LEGGI

Correlati

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy