ABBONATI

Rubicon Project supera le attese e guadagna fino al 15% a Wall Street

Autore: Redazione


La società ha chiuso il secondo trimestre con ricavi in calo del 33%, per effetto della decisione di non richiedere più fee lato domanda

Mercoledì sera Rubicon Project ha pubblicato i risultati trimestrali al 30 giugno, superando le attese sul fronte dei ricavi e degli utili arrivando a guadagnare fino al 15% nelle contrattazioni after-hour. In questo contesto, tuttavia, i ricavi stanno calando come effetto della decisione dell’azienda di non richiedere più fee lato domanda.

I numeri più importanti

La spesa pubblicitaria sulla piattaforma, nel corso del secondo trimestre, è stata pari a 238 milioni di dollari, grazie a una crescita del 16%. Ma il fatturato ha segnato una contrazione del 33% attestandosi a 28,6 milioni. Il dato è però in crescita del 15% sul confronto con il quarter precedente. Il take rate, una metrica calcolata dividendo i ricavi per la spesa pubblicitaria, è stato pari al 12,1% e andrà stabilizzandosi attorno a questo livello nei mesi a venire. Il rosso è stato di 18 milioni di dollari. Da segnalare che nel secondo trimestre Rubicon Project ha attivato 1.000 connessioni tramite header bidding, che hanno generato il 77% dei ricavi, e che le componenti video e audio sono sempre più importanti nel business dell’azienda. Il mobile è incrementato del 40% e vale circa il 50% dei ricavi.

Altre linee di business

A livello di prodotto, Rubicon Project ha detto che EMR (Estimated Market Rate) è stato un successo. La soluzione supporta gli inserzionisti nelle attività di bidding in un panorama caratterizzato dal passaggio da un modello d’asta second-price a first price. Anche nToggle, società acquisita un anno fa, sta dando i suoi frutti, scrive Adexchanger. In particolare, la sua tecnologia, ha portato a un’ottimizzazione dei costi per gli advertiser. In logica futura, il Ceo Michael Barrett ha affermato che la compagnia beneficerà del consolidamento dell’industry, che vede gli spender rivolgersi a un numero più ristretto di exchange. Infine Barrett ha dedicato parole positive all’acquisizione di AppNexus da parte di AT&T, perché “dimostra il ruolo di vlore rivestito dagli exchange in questo ecosistema”.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 23/02/2024


VML vince la gara di Perrigo e inizia già a lavorare in Italia, dove il budget è di 10 milioni

Dopo aver affidato recentemente il media alla beskope agency Publicis Unlimited, Perrigo ha scelto a VML come partner strategico, creativo e di attivazione globale. Il produttore e fornitore leader a livello mondiale di prodotti da banco (OTC) ha intrapreso un percorso di trasformazione e la gara, che si è svolta in 14 mercati chiave, si è concentrata sulla ricerca di un’unica agenzia partner per consolidare per la prima volta i compiti creativi di 45 marchi globali e regionali. La nomina assegna un contratto triennale a VML e riflette l’ambizione di Perrigo di fornire un lavoro creativo integrato e connesso in un mercato competitivo. VML è stata incaricata di sviluppare nuove piattaforme strategiche e creative in tutti i mercati e per nuovi portafogli di prodotti. L’agenzia ha iniziato a lavorare immediatamente in Italia, Francia, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, su sedici marchi di Perrigo. In Italia, come anticipato da Dailyonline, il budget è di 10 milioni di euro. Rob Nichol, global client lead di VML, ha dichiarato: “Perrigo rappresenta un’opportunità incredibile per noi di VML. La portata del loro settore, il portafoglio di prodotti e il desiderio di essere il marchio numero uno nella loro categoria significa che dovremo portare tutte le nostre capacità e competenze per risolvere problemi complessi e fornire un lavoro creativo pluripremiato a un team di clienti ambizioso e orientato al futuro”. VML lavorerà a stretto contatto con i team di VML Health in tutti i brief per accedere alla loro esperienza specifica nella comprensione delle normative, dei principali stakeholder e dell’attivazione dei marchi in un mercato specializzato.  

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy