ABBONATI

Publicis Group ha annunciato l’intenzione di acquisire Soft Computing

Autore: Redazione


Questa mossa farebbe del network il leader nel settore del data marketing in Francia, intanto, rilasciato il consueto video di auguri, questa volta interpretato dall’AI Marcel

Publicis Group annuncia l’avvio di trattative esclusive con i soci fondatori di Soft Computing, società francese leader nel data marketing, in vista dell’acquisizione di un blocco di controllo che rappresenta l’82,99% del capitale sociale ad un prezzo di 25 euro per azione, con un premio del 66,66% rispetto al prezzo di chiusura del 19 dicembre 2018. Data marketing Creata nel 1984 da Eric Fischmeister e Gilles Venturi, Soft Computing è specializzata in dati messi a servizio del marketing, per trasformare la customer experience. Con oltre 400 esperti, questa azienda leader di mercato fornisce la maggior parte delle grandi aziende del settore retail, dei servizi e finanziario. Quest’operazione rafforzerebbe la competenza di Publicis Groupe nel data marketing lungo l’intera catena del valore in Francia, consolidando ulteriormente la sua posizione di partner privilegiato per la trasformazione digitale dei propri clienti. L’acquisizione proposta è subordinata alla preventiva informazione e consultazione degli organismi che rappresentano il personale di Soft Computing, nonché alle consuete condizioni sospensive. Se l’acquisizione di questa partecipazione di controllo sarà completata, Publicis Groupe presenterà un’offerta pubblica semplificata, alle stesse condizioni finanziarie, che potrà essere seguita da un’acquisizione obbligatoria se le relative condizioni saranno soddisfatte. I consueti auguri Intanto, l’agenzia ha rilasciato, come di consueto, il video di auguri per le feste, questa volta interpretato da un protagonista insolito: Marcel, piattaforma aziendale basata sull’intelligenza artificiale che prende il nome del fondatore del Gruppo, Marcel Bleustein-Blanchet.

img
Special Content

Autore: Redazione - 15/11/2018


“Digitale, singolare, femminile”: tutti i numeri del portale verticale DiLei

Pianificare pubblicità su DiLei significa raggiungere un target molto ampio e di pregio. Il magazine infatti è saldamente nel podio dei siti al femminile italiani, con una total digital audience di 4,5 milioni di utenti mensili, di cui il 63 % composto da donne, con un’elevata percentuale di istruzione superiore, pari all’81%. Inoltre, a livello di di profilazione del target, la CRU (Custom Roll Up) Responsabile d’acquisto pesa per DiLei il 72%. Ciò significa che se un inserzionista pianifica una campagna su DiLei va a interessare l’audience più protagonista della spesa delle famiglie italiane. Grazie ai dati di prima parte di Italiaonline, le campagne in audience targeting hanno risultati superiori ai benchmark di mercato, in particolare su alcuni target di eccellenza, tipicamente le fasce d’età più alto spendenti, sia donne che uomini. Relativamente alle campagne in audience targeting su DiLei, la viewability dei formati preroll su desktop è al di sopra dell’80% (dati Moat, set-ott ’18) e la viewability dei formati MPU top su tutti i device è dell’80% (dati IAS, set ’18) per una brand safety complessiva del 98% (dati IAS, 1H ’18). Pianificare su DiLei è possibile in tutti i formati per mezzo dell’offerta che iOL Advertising, la concessionaria di digital adv di Italiaonline, mette a disposizione degli inserzionisti, con ottimi risultati in termini di viewability e completion rate, in un ambiente assolutamente brand-safe.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 21/03/2019


Burn That Ad

Burger King è sicuramente uno dei brand più creativi e competitivi al mondo, almeno dal punto di vista creativo. Dopo avervi proposto in questa sede Cheese Lover, oggi parliamo di Burn That Ad, il nuovo commercial che la filiale brasiliana della catena fast food ha lanciato con il supporto dell'agenzia David SP. Lo spot invita gli utenti a sperimentare le nuovi funzioni di realtà aumentata dell'app Burger King, facendo letteralmente bruciare i loghi e le pubblicità dei concorrenti. Si tratta, infatti, di una promozione per il servizio BK Express, che consente di pre-ordinare per saltare la coda. Chi farà trasformare gli annunci dei rivali in un o di Burger King, avrà diritto a un Whopper. Bella idea!

LEGGI

Correlati

img
agenzie

Autore: Redazione - 21/03/2019


Hallelujah finisce la fase di startup e chiude il 2018 con ricavi a +25%

A tre anni dalla sua nascita, Hallelujah ha archiviato il 2018 con numeri importanti, certificati da numeri in crescita. “Un incremento del fatturato del 25% rispetto al 2017 e, soprattutto, un EBITDA sopra i 130.000 euro testimoniano che oggi Hallelujah può definirsi a tutti gli effetti ben più di una startup, vale a dire un player solido e affermato nel mercato della comunicazione digitale in Italia. E il profilo dei clienti attuali, con i quali sono state costruire relazioni strategiche importanti, conferma la riuscita del nostro progetto imprenditoriale: AXA, Penny Market, Thun, Vorwerk Folletto e Vorwerk Bimby sono i principali - dichiara Valerio Franco, partner e Executive Strategy Director di Hallelujah -. Inoltre, forti di un break even già quasi raggiunto, affrontiamo il 2019 con la voglia di implementare ulteriormente il nostro DNA di Digital Thinkers, e cioè facendo quello che ci riesce meglio, che poi significa implementare strategie ad hoc, idee e contenuti che performino al meglio sui canali digital”. “È un sollievo non essere più una startup - aggiunge Mizio Ratti, partner ed Executive Creative Director - un po’ perché sono quelle parole molto inflazionate come storytelling che però vogliono dire poco o niente, ma soprattutto perché significa che la nostra visione era corretta e che abbiamo concluso quel periodo di attività particolarmente delicato in cui di solito si perdono 9 realtà su 10. E dato che quest’anno siamo sereni rispetto alla questione dei conti, ci piacerebbe concentrare il meglio delle nostre energie su progetti di eccellenza creativa e di respiro strategico sempre più ampio”.

LEGGI
img
agenzie

Autore: Redazione - 21/03/2019


PayClick archivia il 2018 oltre i 10 milioni di euro

Un 2018 di ottimi risultati per PayClick, che chiude l’anno superando i 10 milioni di euro di ricavi, con una crescita intorno all’8% rispetto al 2017 e una marginalità del 23%. Obiettivi è proseguire su questo trend anche nei prossimi mesi. La società con sede a Pozzuoli, specializzata in Digital Performance Marketing, vanta un portfolio clienti di alto livello, tra cui Optima Italia, Wall Street English, Pegaso Università Telematica, IBL, Linear e molti altri. Questo grazie a tre asset fondamentali per l’agenzia: da un lato la tecnologia, tramite piattaforme proprietarie, e i dati, grazie a database esclusivi, dall’altro le persone, ossia le competenze strategiche e tecniche di un team verticale e coeso, che conta oltre 30 risorse, capaci di fornire consulenza personalizzata e risultati concreti ai clienti. In Cerved On_ “La nostra forza sta sicuramente negli strumenti che utilizziamo, ma a renderli efficaci e performanti è il know-how dei nostri team dedicati, che vantano un’esperienza pluriennale nel digital advertising - commenta Luca Formicola, a.d. di PayClick - per il 2019 gli obiettivi di crescita sono ambiziosi. A renderlo possibile sarà l’offerta sempre più completa, grazie alla collaborazione sinergica all’interno dell’universo Cerved”. Infatti, nel 2019 si rafforza ulteriormente la collaborazione con il Gruppo Cerved, di cui il player fa parte già dal 2016, in particolare sotto la business division Cerved ON_ Marketing Services. PayClick punta anche a potenziare la propria awareness sul mercato attraverso attività di formazione e divulgazione, come le docenze e la presentazione di success case e contenuti di valore ai maggiori eventi di settore - del calibro di AdWorld Experience, Web Marketing Festival, eCommerce Hub e IAB Forum.

LEGGI
img
agenzie

Autore: Redazione - 21/03/2019


Pubblimarket2 confermata da The North Face per la gestione della comunicazione in EMEA

Pubblimarket2, agenzia di Udine specializzata in comunicazione integrata di marketing e con una profonda expertise nel comparto sportivo, si è aggiudicata anche per il biennio 2019/20 l’incarico per la gestione dei materiali di comunicazione destinati all’area EMEA del brand The North Face. Il rinnovo del mandato da parte di The North Face si colloca all’interno di una collaborazione solida e continuativa. Un percorso iniziato oltre 18 anni fa, durante il quale Pubblimarket2 ha saputo mettere in luce non solo la sua spiccata vocazione internazionale, ma anche il suo consolidato know-how nel settore sportivo. Attività e iniziative speciali Tra le attività incluse nel rinnovato incarico con The North Face, oltre alla gestione degli strumenti di comunicazione online e offline destinati alle tre diverse macro-aree geografiche EMEA, anche il coordinamento di progetti annuali speciali. Tra questi, The Explorer Magazine, il magazine digitale dedicato agli attori della filiera distributiva europea, ideato e sviluppato interamente da Pubblimarket2 e lanciato per la prima volta nel 2016. Giunto alla sua dodicesima edizione, per il 2019 il magazine è atteso in tre nuove uscite ricche di testimonianze da parte degli atleti The North Face, descrizioni prodotto, spiegazioni tecniche, contenuti video, informazioni sulle strategie di vendita, sulle campagne media, sulle attività PR in corso e molto altro ancora. A curare i lavori, il team di Pubblimarket2 composto dal Presidente Francesco Sacco, strategic supervisor, e dall’account executive Cristiana Feruglio, che insieme hanno coordinato un gruppo di collaboratori con competenze specifiche.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy