ABBONATI

Per il futuro dei media locali la sfida è una radicale trasformazione delle proprie logiche e l’integrazione con informazione online e social

Autore: Redazione


È questa la strada indicata dai giornalisti EMEA, che hanno rivelato a Ogilvy, nel II° capitolo di Global Media Influence 2018 la propria visione sull’evoluzione della comunicazione

Raccogliere la sfida del cambiamento per scongiurare il rischio di essere sopraffatti da un mondo in continua evoluzione. È questa la direzione che i media locali devono intraprendere secondo i giornalisti di Europa, Medio Oriente e Africa. Un re-set delle proprie logiche e una sempre maggiore integrazione con il web e i social network per essere davvero efficaci anche in futuro. O quantomeno per sopravvivere. È quanto emerge dai risultati del secondo capitolo del sondaggio Global Media Influence 2018 che Ogilvy ha somministrato a 350 giornalisti in tutto il mondo e 117 nell’area EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa), sul tema del futuro della comunicazione. Convergenza tra I media: croce o delizia? A livello globale, più della metà dei giornalisti intervistati (55%) ritiene che la convergenza e l’integrazione tra i diversi media possa essere positiva per il settore. Non dello stesso parere le penne d’Oltreoceano, considerato che il 76% dei giornalisti nordamericani si dichiara in disaccordo e anzi ritiene questo scenario una vera e propria minaccia per l’informazione (42,2%). L’importanza dei media locali E una forte disparità di opinione tra Nord America e resto del mondo riguarda anche l’importanza e la salute dei media locali. Secondo i nordamericani, infatti, i media locali sono oggigiorno più importanti che mai (42%). Il motivo? In un mondo in cui ciò che accade nella porta accanto così come dall’altra parte del pianeta, arriva ai cittadini con la stessa facilità, l’accesso più diretto dei media locali a contenuti dettagliati e difficili da intercettare per le piattaforme globali, assegna alle testate locali un ruolo più che mai significativo nel riportare l’agenda delle notizie. Delineare la narrativa di marca “Oggi viviamo in un mondo in cui il concetto di influence è sempre più una chiave di comprensione della realtà”, ha dichiarato Luca De Fino, Head of Content, Social & PR di Ogilvy in Italia. “La facilità di accesso da parte dei consumatori alle informazioni, e ad una mole di informazioni mai vista prima, fa sì che anche le aziende debbano rivedere i propri linguaggi e touch point di comunicazione. È dunque sempre più necessaria una consulenza strategica da parte di esperti della comunicazione che possano aiutare i brand a delineare la propria narrativa di marca e scegliere i giusti canali all’interno di un panorama mediatico davvero multiforme e in continua evoluzione. Solo in questo modo i brand ricominceranno a parlare lo stesso linguaggio dei propri consumatori e stakeholder”. Piattaforme integrate È evidente, infatti, come oggi la distinzione tra i diversi media si faccia sempre più labile. Una realtà che, come sostengono i giornalisti dei Paesi EMEA, non può essere trascurata dai media locali. Secondo il 63% degli intervistati, infatti, è necessario un cambio di direzione, mentre per il 16% il loro declino è inarrestabile. C’è però qualcuno che sembra essere sulla strada buona per riuscire a rimanere al passo con i tempi. Per il 46% dei giornalisti EMEA si tratta della trasformazione delle testate giornalistiche in piattaforme mediatiche integrate, dove la notizia si declina con diversi linguaggi. Nel Nord America, invece, sta avendo la meglio la televisione (50,8%), che, trasformandosi in streaming tv, per i prossimi cinque anni sarà la regina dei media.

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 23/02/2024


VML vince la gara di Perrigo e inizia già a lavorare in Italia, dove il budget è di 10 milioni

Dopo aver affidato recentemente il media alla beskope agency Publicis Unlimited, Perrigo ha scelto a VML come partner strategico, creativo e di attivazione globale. Il produttore e fornitore leader a livello mondiale di prodotti da banco (OTC) ha intrapreso un percorso di trasformazione e la gara, che si è svolta in 14 mercati chiave, si è concentrata sulla ricerca di un’unica agenzia partner per consolidare per la prima volta i compiti creativi di 45 marchi globali e regionali. La nomina assegna un contratto triennale a VML e riflette l’ambizione di Perrigo di fornire un lavoro creativo integrato e connesso in un mercato competitivo. VML è stata incaricata di sviluppare nuove piattaforme strategiche e creative in tutti i mercati e per nuovi portafogli di prodotti. L’agenzia ha iniziato a lavorare immediatamente in Italia, Francia, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito, su sedici marchi di Perrigo. In Italia, come anticipato da Dailyonline, il budget è di 10 milioni di euro. Rob Nichol, global client lead di VML, ha dichiarato: “Perrigo rappresenta un’opportunità incredibile per noi di VML. La portata del loro settore, il portafoglio di prodotti e il desiderio di essere il marchio numero uno nella loro categoria significa che dovremo portare tutte le nostre capacità e competenze per risolvere problemi complessi e fornire un lavoro creativo pluripremiato a un team di clienti ambizioso e orientato al futuro”. VML lavorerà a stretto contatto con i team di VML Health in tutti i brief per accedere alla loro esperienza specifica nella comprensione delle normative, dei principali stakeholder e dell’attivazione dei marchi in un mercato specializzato.  

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 23/02/2024


ENPA insieme a TBWA\Italia per la nuova campagna multisoggetto prodotta dalla cdp Doc Artist

È online la campagna Imperfetti cercasi, realizzata da TBWA\Italia per ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), un progetto che vuole invitare le persone ad adottare animali abbandonati. Una gattina tra i gomitoli, un cane seduto a tavola, un coniglio che saltella tra le scatole: protagonisti indiscussi della campagna sono proprio gli animali da compagnia che amano in modo incondizionato noi e le nostre imperfezioni. Così, nei 5 soggetti e nel video di lancio, Onda, felice che il padrone sia pigro a sparecchiare, può gettarsi indisturbata sugli avanzi; Sweety gioca con i gomitoli lasciati in giro dal padrone “vecchio dentro” appassionato di cucito; Max salta fra le scatole di vestiti nuovi che il padrone “fashion victim” ordina in continuazione...  La campagna, che inaugura la collaborazione tra TBWA\Italia ed ENPA è pianificata su stampa, digital, social e radio. Un invito agli “imperfetti” di tutta Italia: adottate con ENPA e avrete al vostro fianco qualcuno che saprà apprezzarvi senza se e senza ma. Hanno lavorato al progetto Alessandro Monti (copywriter) e Yara Saad (art director) con la direzione creativa di Vittoria Apicella e Frank Guarini. Chief Creative Officer: Mirco Pagano. La produzione è di Doc Artist, con regia e fotografie di Gabriele Inzaghi.  Post produzione audio di SuoniLab. Hanno prestato le proprie voci al progetto Flavia Altomonte, Luca Appetiti, Stefano Mondini e Valentina Tomada. I protagonisti dello spot sono: Calma, Ofelia, Onda, Loulou, Max, Shy e Sweety.

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy