ABBONATI

Zelig TV all’esordio, con autoproduzioni e un ricco palinsesto per raggiungere lo 0,30% di share. Parte bene la raccolta pubblicitaria di PRS

Autore: V Parazzoli


Da ieri è stato acceso, al 243 del Dtt, il canale che fa parte della piattaforma di Bananas Media Company e che confida su un buon riscontro della pubblicità, curata dalla concessionaria di cui sono presidente Alfredo Bernardini De Pace e amministratore delegato e direttore generale Federico Silvestri. Di oltre 750.000 euro il budget di lancio

Come promesso durante la presentazione del progetto, ieri, alle 13:00, si è accesa (al canale 243 del DTT)  Zelig TV, la nuova sfida imprenditoriale creativa e multipiattaforma voluta da Bananas Media Company in collaborazione con Smemoranda. Anzi, tecnicamente, attivata da GUT Edizioni, cui fa capo anche Smemoranda, che ha acquisito (per 3 milioni di euro) la newco Bananas Media Company appositamente costituita per l’operazione e a cui fanno capo anche le controllate di Bananas, tra cui, ad esempio, al 70%, l’agenzia di contenuti e pubblicità Brand Cross. La presentazione del palinsesto da parte di Roberto Bosatra, che era a.d. di Bananas e che ora lo è della citata Bananas Media Company, e del d.g. Gianluca Paladini, avverrà stasera al Teatro Vetra di Milano.

I primi 4 format autoprodotti

La preview ha già permesso però di apprezzare i primi 4 format autoprodotti su cui si baserà il prime time (alle 21.30) del canale e che sono: “Zelig Time”, “Stars”, “L’arte di vivere” e Circa”. Nel dettaglio, il primo, per ora in 20 puntate, andrà in onda appunto al lunedì, “per tornare all’origine dell’intrattenimento comico, caratterizzate da una grande libertà di linguaggio, da una comicità dal vivo a 360° con monologhi di ampio respiro audaci e senza censura, e dalla possibilità per i comedians di essere autentici fino in fondo”. Con la conduzione di Federico Basso e Davide Paniate, si alterneranno sul palco di viale Monza 140 una trentina di comici, tra volti nuovi e già conosciuti, come Daniele Raco, Ale Baldi, Gigi Rock, Simonetta Guarino, Ippolita Baldini e Bruce Ketta. Ad arricchire il format, gli sketch-com che andranno a intervallare i vari monologhisti, quali i “Colloqui di lavoro” de Le Scemette, i brevissimi filmati sul “Come diventare famosi in 40 sec” dei Senso D’Oppio, le improbabili lezioni di italiano dei Boiler e gli intermezzi musicali di Elianto.

Raul Cremona
“Stars”

Il martedì (quindi da domani) è la volta di “Stars”, incontri ravvicinati condotti da Giancarlo Bozzo, direttore artistico di Zelig TV, qui nei panni di autore e conduttore, con i comici più importanti di “Casa Nostra”. Un viaggio nella loro vita, professionale e privata, arricchito da contributi video e testimonianze di amici e colleghi. In ogni puntata, di 75 minuti, si scandaglierà ogni aspetto della vita dell’artista ospite, coi relativi retroscena che spesso daranno vita a sorprese e momenti inattesi. La prima puntata sarà dedicata al mitico Raul Cremona. Nelle successive, seguiranno le interviste con Ale e Franz, Antonio Ornano, Amalgama (Basso, Paniate, Cinelli e Betti), Katia Follesa, Flavio Oreglio, Marco Della Noce, Giobbe Covatta, Gioele Dix e molti altri.

“Circa”

Spazio ai game show con “Circa”, nella serata del mercoledì (dal 21 marzo), quiz comico in cui l’approssimazione, già esplicitata nel titolo, è il motore della comicità e del divertimento. Alla conduzione, Federico Basso, che oltre a fare le domande spesso interviene con commenti divertenti e ironici. I quattro “veri” concorrenti, Davide Paniate, Ale Betti, Gianni Cinelli e Silvio Cavallo, ognuno con il suo carattere ben definito, si sfidano rispondendo a domande che riguardano gli argomenti più disparati, con la progressione che potrebbe avvenire su Wikipedia, cliccando cioè ogni volta sulla pagina aperta uno dei link possibili.

“L’arte di vivere”

Arte e comicità sono al centro de “L’arte di vivere”, talk show di 50 minuti in onda il giovedì dall’1 marzo, condotto da Leonardo Manera e dal critico d’arte Carlo Vanoni. Con un linguaggio informale e senza perdere il gusto per il divertimento, i due raccontano l’arte in modo innovativo. In ogni puntata è intervistato un noto personaggio italiano e attraverso la sua storia personale si narra anche quella dell’arte con il sorprendente risultato di avvicinarla al nostro quotidiano e renderla più comprensibile. Il format si completa con gli interventi musicali della sassofonista Jessica Cochis. A fine puntata, l’ospite di turno regalerà una piccola esibizione agli spettatori. Tra i primi, Yuri Chechi (nella prima puntata), Matteo Caccia, Drusilla Foer, Marco Berry, Davide Oldani e Gino e Michele.

“Io mi racconto”

Incursioni nel cinema con “Io mi racconto”, serie di interviste esclusive, a cura di Andrea Broglia, alle icone del cinema italiano che si svelano nella loro eccezionalità come nell’ordinarietà, in onda tutti i venerdì, sempre alle 21.30. Un viaggio nella cinematografia italiana di ieri e di oggi, dove maestri come Ermanno Olmi, Giuseppe Tornatore, Mario Monicelli, Pupi Avati, Dario Argentom e Tinto Brass ma, anche, attrici, attori e sceneggiatori quali Sandra Milo, Monica Bellucci, Valeria Golino, Paola Cortellesi, Pier Francesco Favino, Michele Placido, Luca Argentero, Jerry Calà, Diego Abatantuono, Vincenzo Cerami, Furio Scarpelli e tanti altri, raccontano le loro esperienze artistiche, la propria vita privata, le proprie idee ed emozioni.

Il day time

A punteggiare il day time parte un’altra produzione originale, “Peoplefrom”, pillole di 12 minuti pensate per mantenere aperto il dialogo tra Zelig TV e il suo pubblico. Con il consueto stile ironico che caratterizza tutto l’entertainment del canale, 7 inviati speciali da altrettante diverse città italiane - Ivan Fiore da Palermo, Marco e Chicco da Bari, Vincenzo Comunale da Napoli, Paolo Arcuri da Roma, Daniele Raco da Genova, Elisabetta Gullì da Torino e Giovanna Donini da Milano - scenderanno in strada per intervistare i cittadini su argomenti dal taglio sociale, come lavoro, immigrazione e salute. Sempre nel day time approda “(F)rammenti”, spezzoni video opportunamente montati, provenienti dagli archivi di “Zelig Cabaret”, nel corso dei quali verranno riproposte alcune delle migliori performance comiche sfornate negli anni dallo storico locale.

La fiction

Sul fronte fiction, in partenza in access prime time due sitcom capisaldi dello humor british: in onda a marzo dal lunedì al venerdì alle 20.30, arrivano gli indimenticabili “coniugi Roper”, protagonisti della serie di culto degli anni ‘70 “George & Mildred”. Tra le fiction più amate di tutti i tempi, celebra una comicità pungente e ricca di battute taglienti e doppi sensi. Il telefilm, che ha ispirato alcuni dei comici inglesi più famosi, come Rowan Atkinson (“Mr. Bean”), sarà trasmesso integralmente con tutti i 38 episodi da 30’ ciascuno. In onda dal 5 marzo, dal lunedì al venerdì alle 21.00, arriva invece dagli anni 2000 “The IT Crowd”, pluripremiata comedy nata dalla penna dello sceneggiatore irlandese Graham Lineham (“Father Ted”, “Black Books”, “Motherland”), che racconta con ironia irriverente dell’inettitudine sociale tipicamente attribuita ai nerd.

Il pomeriggio

Il pomeriggio di Zelig TV è dedicato agli approfondimenti informativi, che saranno realizzati con la collaborazione di associazioni e realtà cooperative che operano come volontari, ONG e non profit nei territori del sociale. Saranno loro a offrire reportage e approfondimenti per un racconto originale e diretto degli avvenimenti. I primi ad aderire al progetto sono stati Emergency, Diversity e il network di Radioimmaginaria, gestito interamente da adolescenti che, ad aprile, sarà on air con “141 e 5”, in programma dal lunedì al sabato alle 14.15. Da qui il titolo del format, che è ideato e prodotto in tutto e per tutto da una squadra di ragazzi dagli 11 ai 17 anni, un’occasione unica e preziosa per scoprire senza intermediazioni il punto di vista degli adolescenti. In 30 minuti, si susseguono diverse rubriche dove i ragazzi esprimono la loro opinione, filmano le loro passioni e raccontano di sé e del mondo. Dalle clip sui vari momenti che scandiscono la tipica giornata di uno studente, alle rubriche dedicate a tematiche importanti per i giovani, quali “Cacciabulli”, che affronta il tema del bullismo, “Cattivissimo Prof” - consigli da parte degli studenti verso gli insegnanti più intransigenti e ottusi -, “Sessedu”, corso di educazione sessuale visto e spiegato dal punto di vista degli adolescenti, e “Marker Dojo”, piccola scuola di programmazione dedicata alla robotica. E, ancora, “Menoventi”, videoclip realizzate da artisti under 20, o “Tuberbusk”, una raccolta del meglio degli youtuber in rete.

Share e raccolta

Zelig TV, factory creativa e multipiattaforma - ad aprile partirà anche la web tv - offrirà una programmazione per la maggior parte inedita sulla tv in chiaro, proprio perché nata all’interno di un hub dove sperimentare nuove idee e lanciare talenti, con uno sguardo non omologato, spesso comico nel senso alto del termine, ma sempre attento al sociale e alla realtà che ci circonda.   L’obiettivo di share nel primo anno di attività sta tra lo 0,20 e lo 0,30%, mentre quello di raccolta pubblicitaria, curata da PRS, è basato su una valutazione punto di share iniziale intorno ai 15 milioni. In 3 anni si può stimare quindi una cifra tra i 3 e i 3,5 milioni. Cui se ne potrebbero aggiungere un altro paio da operazioni di branded content e sponsorizzazioni. Diciamo che la piattaforma può valere 1,5 milioni di entrate all’anno, più alcune centinaia di migliaia di euro (1 milione nel periodo) da vendita di format. Il lancio, sostenuto da un budget di oltre 750 mila euro, punterà molto sui social ma anche su cinema, periodici, un po’ di tv e il circuito di 80 centri commerciali del network C’Art. A questo, seguiranno altri investimenti promozionali per il mantenimento e il lancio del palinsesto autunnale. La creatività è ideata ovviamente da Brand Cross, in collaborazione con Sunny Milano, che cura anche la grafica del canale. Per la pianificazione, almeno per ora, si è optato per la soluzione interna. La gestione è affidata a un comitato direttivo composto da Bosatra, Paladini e il direttore artistico Giancarlo Bozzo, e a quello editoriale, esteso a Gino e Michele, Nico Colonna (presidente di GUT Smemoranda) e Marina Di Loreto (responsabile programmazione e palinsesti).

Digital

Zelig TV, con il coordinamento di Stefano Preti, sarà anche una web tv - http://www.zelig243.tv - con contenuti extra che andranno a integrare e completare quelli del canale televisivo in chiaro. Oltre a offrire la visione di format provenienti dall’archivio storico di Zelig e di contenuti social delle associazioni partner, la web tv darà accesso alle prove e al backstage dei programmi in produzione. Non mancherà poi un’offerta premium di contenuti esclusivi, tra cui le dirette dal Teatro Zelig e un’offerta di film d’autore e classici introvabili. PRS collaborerà anche per la raccolta digitale, in attesa che venga definita la struttura dedicata.

Federico Silvestri
I commenti

“Sono particolarmente orgoglioso che la nostra concessionaria sia stata scelta da un Gruppo così importante - afferma Alfredo Bernardini De Pace, presidente di PRS -: da parte nostra, metteremo in campo un’esperienza, in termini di lancio e posizionamento commerciale di nuovi canali televisivi, che credo sia unica in Italia e che ci ha consentito, negli ultimi 7 anni, di accompagnare e consolidare più di 20 nuovi canali. Sono certo che il pubblico saprà apprezzare quest’iniziativa, anche perché il mercato ha risposto subito molto positivamente, cogliendone le potenzialità”. “Fin dai primi incontri che abbiamo fatto per esplorare questo progetto, era chiaro che ci potessero essere tutti gli ingredienti giusti - commenta Federico Silvestri, a.d. e direttore generale di PRS -: marchi importanti come Zelig e Smemoranda, contenuti da sempre apprezzati da un pubblico estremamente trasversale e di tutte le età, la visione della televisione come punto centrale di una più articolata piattaforma multicanale, il mix tra professionisti affermati e giovani talenti. Malgrado la proliferazione incessante di nuovi canali, spesso però difficilmente distinguibili tra loro, sono convinto che Zelig TV diverrà rapidamente un riferimento, proprio per la sua originalità e freschezza e per la chiarezza di posizionamento“.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 02/12/2022


Gruppo Siemens sceglie in forma diretta Mediaplus come sua principale agenzia media globale

Il Gruppo Siemens ha nominato Mediaplus come sua agenzia media globale principale con effetto immediato. L’incarico copre la strategia media, la pianificazione e l'acquisto di tutti i media tradizionali e digitali, ad eccezione della search. Uno dei punti focali del Gruppo Siemens, presente in 190 Paesi, è la consulenza strategica e la creazione di una campagna digitale innovativa. Il budget è stato assegnato senza gara. Il team di Mediaplus aveva già dimostrato la sua esperienza su base progettuale con la concezione e l'implementazione della campagna globale Xcelerator di Siemens. Nella nuova piattaforma di business aperta, è stato creato un portafoglio curato intorno alla trasformazione digitale dell'industria manifatturiera. In questo modo, Mediaplus ha avuto l'opportunità di mostrare le proprie competenze, dimostrando a entrambe le parti il successo della loro collaborazione. Il brief che ne è scaturito è di portata globale, inizialmente incentrato su Germania, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. Oltre alla sede centrale di Siemens, Mediaplus fornirà consulenza ad altre divisioni del gruppo, tra cui Siemens Mobility, Siemens Digital Industries e Siemens Smart Infrastructure. I commenti L'agenzia ha convinto Siemens soprattutto per la sua consulenza strategica, la creatività dei media e la competenza digitale. Lynette Jackson, responsabile globale della comunicazione di Siemens, spiega: "Vogliamo lavorare in partnership con Mediaplus per beneficiare di un targeting intelligente dei gruppi target, dell'esperienza digitale e dei dati, ma anche per esplorare modi nuovi e innovativi per costruire la nostra reputazione e sostenere la crescita delle vendite". Arvid Boström, managing director di Mediaplus, aggiunge: "Siemens è stato ed è tuttora uno dei marchi più forti ed entusiasmanti del mercato internazionale. Siamo assolutamente felici di poter continuare ad accompagnare la trasformazione di questa azienda tradizionale con la nostra esperienza. Questo si baserà sulla progettazione di una comunicazione digitale globale in tempo reale, sulla creazione di una rete più stretta tra business, tecnologia e comunicazione e sul continuo sviluppo dei requisiti di comunicazione in modo sempre agile. Ora che abbiamo dimostrato con successo le nostre capacità con Siemens Xcelerator, vogliamo creare dei capolavori nelle prossime campagne".

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 30/11/2022


Lines si schiera contro la violenza sulle donne con lo spot tv di Armando Testa, online e su Spotify

Anche quest’anno, sulla scia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Lines, in qualità di partner di WeWorld, prende posizione contro ogni forma di discriminazione e violenza di genere riportando on air una campagna, firmata da Armando Testa, che non passa di certo inosservata. Dal sexual harrassment, al catcalling, per finire con la violenza domestica, attraverso la voce di un’ambasciatrice eccezionale - Emma Marrone - il video vuole sensibilizzare il pubblico sulle forme che la violenza di genere può assumere andando a combattere quei pregiudizi che alimentano il modo in cui la società vede le donne, le giudica e di conseguenza le fa sentire. Il messaggio è importante: “Se una donna è gentile con un uomo, non significa che stia cercando le sue avances. Se si veste in modo più sexy non è colpevole di essersi andata a cercare molestie, verbali o fisiche. Se è innamorata non diventa proprietà del partner, l’amore è libertà, non possesso. Basta pregiudizi, basta violenza sulle donne. Cambiamo gli schemi. Rompiamo il silenzio”. Questa campagna rappresenta perfettamente il purpose di Lines: impegnarsi per un mondo in cui ogni donna possa essere sé stessa, libera da ogni condizionamento, combattendo gli stereotipi, i pregiudizi e la discriminazione di genere. La pianificazione della campagna TV con testimonial Emma Marrone è affidata a Media Italia. L’impegno del brand Lines ha anche lanciato una nuova campagna su Spotify con annunci audio adv incentrati sulla condivisione di strumenti e risorse utili alle donne a rischio di violenza. In Italia il 1522 è il numero di pubblica utilità per il sostegno alle donne vittime di violenze e stalking. Per molte donne che subiscono e/o sono a rischio di violenza, questo servizio di assistenza fornisce un'importante rete di supporto e spesso rappresenta l'unica via d'uscita. Ecco perché Fater ha scelto di cogliere l’opportunità di collaborare con Spotify per raggiungere quante più donne possibili grazie anche alla potenza dell’audio. Con testimonianze condivise da WeWorld, la campagna, “Unseen Stories”, mette in luce le storie vere di quattro donne italiane vittime di abusi e che si sono sentite isolate, impotenti e spaventate. L’adv si chiude con l'invito a chiedere aiuto, chiamando il 1522 oppure recandosi presso gli Spazi Donna WeWorld distribuiti su tutto il territorio nazionale. WeWorld infatti è presente nelle principali città italiane, con operatori che accolgono le donne in situazioni di fragilità, accompagnandole attraverso progetti di empowerment e percorsi di sviluppo della consapevolezza di sé e delle risorse personali. Tra questi ci sono anche lo Spazio Donna di Bologna e quello di Pescara inaugurati rispettivamente nel 2021 e a novembre 2022, aperti entrambi con il sostegno concreto di Lines. Il commento “Noi di Lines siamo da sempre in prima linea per contribuire a creare un mondo libero da stereotipi e discriminazione di genere, in cui ogni donna possa essere se stessa. Insieme a WeWorld vogliamo utilizzare tutti i canali possibili per parlare con le donne ed essere concretamente al loro fianco, per combattere la violenza che in Italia conta ancora purtroppo troppi casi. Per questo motivo sosteniamo gli Spazi Donna presenti sul territorio, dialoghiamo con i giovani all’interno delle Scuole attraverso il programma DomandeScomode@School e sollecitiamo l’attenzione sulla tematica attraverso le nostre campagne media in tv, online, ora anche su Spotify, con l'obiettivo di arrivare al maggior numero possibile di persone”. dichiara Ione Volpe, FemCare & AdultCare Marketing Director di Fater. Credits Direttori Creativi Esecutivi: Georgia Ferraro, Nicola Cellemme Team Creativo: Chiara Panattoni, Carlotta Gilardi Cdp Think Cattleya Regia: Francesco Calabrese  

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy