ABBONATI

Worldwide Shows Corporation: nel 2017 raddoppia il fatturato, a 101 milioni di euro

Autore: Redazione


La holding fondata da Marco Balich, Gianmaria Serra e Simone Merico, si prepara al primo evento della controllata Artainment: “Giudizio Universale”, il 15 marzo a Roma

Worldwide Shows Corporation (WSCorp) è la holding specializzata nell’intrattenimento dal vivo e comunicazione, primo player italiano nella creazione di grandi spettacoli ed eventi globali con ricavi per 101 milioni di euro nel 2017, raddoppiati rispetto all’anno precedente. Nel 2017 il fatturato della corporation è stato originato per circa il 64% da grandi eventi sportivi internazionali, il 27% da eventi corporate e b2c italiani e il restante 9% da eventi istituzionali in UAE, per un totale di oltre 50 live show realizzati.

Profonda trasformazione

“Dopo gli anni di consolidamento e stabilizzazione, WSCorp è pronta a compiere un salto importante che ci porterà a inserire 70 nuove risorse nel primo semestre di quest’anno. La corporation sta intraprendendo un processo di profonda trasformazione attraverso l’investimento in un nuovo mercato, più stabile, come quello delle intellectual properties. Far confluire il know how accumulato in anni di eventi complessi come le Cerimonie Olimpiche in uno show a lunga tenitura è un’evoluzione naturale e necessaria per un gruppo come il nostro”, commenta il ceo Gianmaria Serra, riferendosi ai diversi progetti avviati, tra i quali l’imminente “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel”, la prima produzione dell’ultima sigla nata in casa WSCorp: Artainment Worldwide Shows.

Un nuovo genere

Artainment Worldwide Shows è nata per dare vita a un nuovo genere di intrattenimento dal vivo in cui i linguaggi visivi contemporanei incontrano l’arte. “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel” è il primo spettacolo immersivo di Artainment, che debutterà all’Auditorium Conciliazione di Roma il 15 marzo 2018, con la consulenza scientifica dei Musei Vaticani, direzione artistica di Marco Balich, tema musicale di Sting e partecipazione di Pierfrancesco Favino. Per questo progetto, che rappresenta un nuovo modello di business nell’entertainment, sono stati investiti privatamente 9 milioni di euro. I costi di allestimento sostengono la più alta qualità, mentre i running cost sono calmierati puntando sulla replicabilità di uno spettacolo flessibile e con prezzi del biglietto accessibili. La roadmap di Artainment prevede tre fasi: “Giudizio Universale” a Roma, poi “Giudizio Universale” nel mondo, e infine Nuovi spettacoli di Artainment.

Sei entità controllate

WSCorp è stata fondata a Milano nel 2013 da Marco Balich, Gianmaria Serra e Simone Merico, e attraverso le sue sei controllate - BWS, Punk for Business, FeelRouge, Artainment, BWS Mea e HQWS - è specializzata nell’ideazione, produzione e gestione di spettacoli, eventi e live experience in tutto il mondo, con un team internazionale che arriverà a superare le 220 unità a metà 2018. È parte del gruppo Balich Worldwide Shows, che dal 2013 crea e produce Cerimonie Olimpiche, eventi globali e nuovi format d’intrattenimento. La società è riconosciuta a livello globale tra i leader di un mercato di nicchia, ma in continua espansione. Lo scorso anno è stata fondata a Dubai Balich Worldwide Shows MEA e acquisita la maggioranza di HQWS, da 20 anni leader del mercato emiratino, per realizzare grandi eventi e celebrazioni negli UAE. Completano la lineup della corporation altre due società italiane: Punk for Business, agenzia anticonformista dedicata al brand entertainment e agli eventi consumer e FeelRouge Worldwide Shows, che progetta e realizza corporate e special events curando gli aspetti creativi, organizzativi e produttivi, secondo i più alti standard qualitativi negli ambiti incentive e del lusso.


img
incarichi e gare

Autore: V Parazzoli - 19/05/2022


La Piadineria si affida dopo gara a Ogilvy Italia per il nuovo posizionamento: la campagna, anche in tv, attesa per giugno

Al termine di una consultazione che ha coinvolto altre 3 agenzie di comunicazione, La Piadineria ha scelto Ogilvy Italia come suo nuovo partner creativo. Tema  della gara vinta dall’agenzia di cui è CEO Roberta la Selva era studiare un nuovo posizionamento e la nuova campagna per quella che è la più grande catena di fast casual food in Italia, con più di 300 ristoranti, 1.600 addetti e 50.000 piadine servite ogni giorno. Il lavoro strategico e la proposta di comunicazione di Ogilvy sono risultate vincenti: “Siamo molto contenti di iniziare questa nuova collaborazione con una grande realtà in crescita come La Piadineria, che apre 50 nuovi locali ogni anno. Non vediamo l’ora di metterci al lavoro per aiutarli a crescere ancora di più”, dichiara Giuseppe Mastromatteo, Chief Creative Officer della sigla di WPP. La nuova campagna sarà declinata su più mezzi, compresa la tv, e andrà in onda a partire da giugno. L’Insegna, di cui è A.D. Donato Romano, è passata nel 2017 sotto il controllo di Permira, che l’aveva rilevato da IDeA Taste of Italy, fondo italiano specializzato nel settore agroalimentare gestito da DeA Capital Alternative Fund, sostenendola anche per un’espansione all’estero. Del resto, il fondo britannico è interessato a marchi tricolori legati al made in Italy di qualità in grado di esportare il loro modello di business anche in altri mercati.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 18/05/2022


Nuova versione globale della piattaforma creativa “Qualcuno ha detto Just Eat” con Katy Perry

Just Eat, colosso del digital food delivery, presenta la nuova piattaforma creativa “Qualcuno ha detto Just Eat”, che celebra la gioia universale che si prova quando si ordina il proprio cibo preferito e racchiude l’impegno di Just Eat nell’offrire piatti in grado di rispondere a ogni esigenza in diversi momenti della giornata. La nuova piattaforma creativa rappresenta un’evoluzione della campagna che originariamente aveva come protagonista Snoop Dogg, precedentemente lanciata nel Regno Unito, Australia e Canada. Il motivo mnemonico distintivo “Did Somebody Say” era riuscito a guadagnarsi spazio nel linguaggio quotidiano e ottenuto numerosi riconoscimenti di marketing. Ora, la formula vincente viene introdotta anche in Italia e in tutti i mercati in cui opera Just Eat Takeaway.com, il gruppo di cui fa parte Just Eat. Nel nostro Paese l’on air è atteso da oggi. Katy Perry Just Eat lancia la campagna con un nuovo spot tv che vede la partecipazione sensazionale di Katy Perry, per supportare l’azienda nel comunicare il piacere e il divertimento dell’ordinare cibo a domicilio. Ideato dall’agenzia McCann London, lo spot vede un courier di Just Eat arrivare a casa di Katy, una fantastica e gigantesca casa delle bambole. Mentre il courier consegna il cibo, ci addentriamo e facciamo un giro del mondo di Katy, fatto di costumi favolosi, pupazzi che suonano il piano e una varietà di cibo delizioso da gustare in ogni occasione. I testi accuratamente creati mostrano la gamma di cucine e piatti disponibili su Just Eat rispecchiando l’incremento della domanda del food delivery in momenti non tradizionali come colazione, pranzo e durante la settimana. Oltre allo spot tv, la piattaforma creativa comprende un’identità visiva rinnovata, un nuovo tone-of-voice e sarà attivata grazie ad una strategia media mirata a conquistare gli schermi, i cuori e le strade italiane, insieme al supporto dei social media e attivazioni PR. Il commento  “La piattaforma creativa Did Somebody Say posiziona saldamente il brand sulla mappa culturale, ancorando il messaggio per cui Just Eat è la risposta a ogni desiderio di cibo, e ci ha messo in contatto con il pubblico, incrementando l’amore e la considerazione per il brand in un settore fortemente competitivo - ha commentato Tiziana Bernabè, Senior Marketing Lead Italy in Just Eat -. Katy Perry ha un potere da star ineguagliabile e la sua natura giocosa si sposa perfettamente con la nostra. È la partnership perfetta per continuare a costruire il legame istintivo tra Just Eat e la gioia del food delivery". Rob Webster e Alexei Berwitz, Direttori Creativi di McCann London hanno aggiunto: "Just Eat Takeaway.com ha sempre compreso che il delivery non è solo una questione di cibo, ma di portare gioia. Siamo lieti di portare la loro piattaforma creativa Qualcuno ha detto Just Eat su tanti mercati come mai prima d’ora e di aggiungere ancora più di gioia, grazie agli ingredienti speciali che solo Katy Perry è in grado di offrire". La strategia Diretto dall'iconico veterano dei video musicali Dave Meyers, già autore dei video di Perry dal successo mondiale Swish Swish e Firework, il film vive in un'atmosfera autentica e giocosa in pieno stile Katy Perry, che conferma il suo stile vivace e stravagante. La musica e i testi sono stati co-creati da Katy Perry, Kris Pooley, McCann London e dal team responsabile del brano originale Did Somebody Say feat. Snoop Dogg. La campagna è stata scritta e diretta da Ben Buswell e Jo Griffin e girata a Los Angeles con la società di produzione Radical Media, e la fotografia a cura di Vijat. La nuova campagna globale, con un TVC da 30" (e formati più brevi), sarà diffusa in tv, OOH, DOOH e social media con plannig di UM. Credits McCann London Co-Presidents and McCann UK CCOs: Laurence Thomson & Rob Doubal Chief Strategy Officer: Theo Izzard-Brown Creative Directors: Rob Webster & Alexei Berwitz Senior Creatives: Ben Buswell & Jo Griffin PR: Weber Shandwick and BCW Production Company: Radical Media London Director: Dave Meyers Photographer: Vijat Mohindra

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy