ABBONATI

We Are Social Trends: ecco cosa tenere d’occhio nel 2018

Autore: D Sechi


Innovazione e tecnologie emergenti cambiano costantemente lo scenario digital. Il network globale ha identificato le tendenze chiave che influenzeranno il marketing e la comunicazione nel corso dell’anno

E dopo la mezzanotte i brindisi terminano e si comincia a scrutare l’orizzonte. Calma, non c’è nulla di cui preoccuparsi, ma forse qualche previsione ben assestata potrebbe agevolare il relax. E si sa che quando un anno nuovo fa capolino, le letture delle stelle abbondano. Ma non solo: ci sono in giro anche analisi più scientificamente organizzate, tipo quelle relative a possibili trend che potrebbero caratterizzare il panorama. We Are Social, network che di digital si occupa e si intende, ha messo nero su bianco una serie di tendenze che dovrebbero segnare il settore.
Il binge-watching del pesce rosso
(di Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, CEO di We Are Social Milano) In passato, le piattaforme consigliavano ai brand di creare contenuti sempre più brevi, mettendo in evidenza i benefit dei video da 6 secondi e da 2 secondi. Se da un lato è ancora vero che le conversazioni delle persone vertono spesso su contenuti immediati, brevi e semplici da fruire, è altrettanto interessante osservare come video ed esperienze di più lunga durata, che catturano l’attenzione ben oltre una manciata di secondi, stiano diventando molto interessanti per le persone. Pensiamo al fenomeno del binge-watching, o ai documentari di media come Vice e Vox o al costante aumento dei podcast: di fianco ai format brevi, le persone si stanno oggi abituando a interagire con contenuti di lunga durata. Facebook Watch, per esempio, che distribuisce serie video attraverso la sua piattaforma social, è un esperimento in questa direzione. Non è vero, insomma, che la durata della nostra attenzione equivale a quella di un pesce rosso: se ci piace un contenuto, vogliamo vederne di più.
Direct messenger marketing
(Nathan McDonald, co-founder e ceo di We Are Social) L'evoluzione dei servizi di messaggistica è destinata a continuare. Più i nostri feed si popolano di contenuti e più utilizziamo canali privati - messaggi diretti - per contattare gli altri. E più tempo spendiamo utilizzando servizi di messaggistica, e più diventa importante per i brand capire come possono apportare valore a questo scenario. Le potenzialità dei servizi di messaggistica si stanno sviluppando secondo modalità differenti. Da un lato, non ci sono mai stati strumenti così evoluti - sia a livello hardware che software - per creare video messaggi rilevanti. Le principali piattaforme sono al lavoro per migliorare costantemente le loro app e diventare gli strumenti più utilizzati per messaggi con un elemento creativo. E Instagram sta già testando un'app separata e indipendente per i messaggi diretti, presumibilmente con questo obiettivo. Nel frattempo, la spinta a fornire funzionalità utili all'interno dell'app di messaggistica ha visto il proliferare di bot text-only. Facebook vuole che Messenger diventi la piattaforma preferenziale per il servizio di customer care. Oltre all'help desk, ci rivolgeremo sempre più ai robot di messaggistica per tutto - dalle pizze alle previsioni del tempo - sui nostri smartphone, ma anche grazie al controllo vocale, nelle nostre case e veicoli.
Social commerce
(Benjamin Arnold managing director di We Are Social New York)  Il social commerce oggi rappresenta meno del 2% del totale delle vendite al dettaglio secondo i dati, ma si prevede che questo numero sia destinato a esplodere nei prossimi anni. Le ricerche suggeriscono che le entrate generate potrebbero raggiungere 165 miliardi di dollari a livello globale entro il 2021. E in particolare per quanto riguarda il mercato statunitense il vero punto di svolta è atteso già nel 2018. Quest'anno abbiamo visto la promettente espansione beta degli annunci pubblicitari su Instagram che aumenterà in termini di frequenza ed efficacia, mentre i bot Messenger hanno dimostrato che esiste un potenziale reale per ridefinire l'esperienza di vendita al dettaglio delle persone. Poi c'è WeChat di Tencent, il gigante cinese di app per la messaggistica e il pagamento mobile - con quasi un miliardo di utenti - che non fa mistero della sua intenzione di aumentare il proprio presidio negli Stati Uniti già a partire da quest’anno. L'importanza del dark social, e in particolare delle app di messaggistica che consentono di condividere contenuti in forma privata, cresceranno all'interno dei piani di marketing.
L’integrazione dei grandi gruppi
Le piattaforme non sono le sole a privilegiare il social commerce, marchi come Amazon con la sua rete Spark o app indipendenti quali Screenshop, stanno innovando lo scenario e offrendo concrete soluzioni di social commerce. E questa tendenza non si ferma qui: brand quali Google e Starbucks stanno integrando il social commerce nell’ambito delle loro reti di vendita tradizionali, costruendo una vera strategia di marketing omnicanale digital e social in grado di offrire alle persone un’esperienza di acquisto integrata e dinamica, che vince i modelli di vendita tradizionali.
Social Search
(di Suzie Shaw, managing director di We Are Social Sydney) ‘Cerca’ è storicamente funzione di Google, che continua a perfezionare l'esperienza di ricerca, rendendola sempre più locale, personalizzata e rilevante. In parallelo, le piattaforme social stanno raccogliendo una crescente quantità di dati: dai tag geografici agli insight comportamentali passando per gli approfondimenti su interessi e passioni. Con la continua evoluzione della ricerca visiva, le piattaforme stanno diventando luoghi di ricerca sempre più popolari. Facebook sta investendo in maniera significativa nella ricerca visiva, facendo leva sulle funzionalità di intelligenza artificiale inizialmente sviluppate per migliorare l'accesso al social network da parte delle persone ipovedenti. Questi aggiornamenti della piattaforma ora verranno estesi, consentendo a tutte le persone di cercare immagini tramite parole chiave che descrivono effettivamente il contenuto di una foto, invece che solamente con tag e didascalie.
Intelligenza Artificiale attivata vocalmente e sonic-branding
(di Sandrine Plasseraud, president e founder di We Are Social Parigi Entro il 2029, si prevede che la metà dell'interazione uomo computer sarà effettuata tramite intelligenza artificiale attivata dalla voce. E se il 2029 sembra ancora lontano, secondo Gartner, entro il 2020 il 30% della navigazione avverrà senza uno schermo, il che significa che stiamo passando da una relazione screen-first a una voice-first. Sì. Molto presto la maggior parte di noi parlerà quotidianamente con un'intelligenza artificiale.
Il potere della voce
Il futuro è più vicino di quanto pensiamo e questo apre una serie di nuove opportunità per i brand: il potere della voce come nuovo touchpoint per il marketing. Al fianco di una personalità distintiva, i brand avranno davvero bisogno di sviluppare un tone of voice unico e riconoscibile. Credo che nel 2018 i marchi dovranno iniziare a investire nel "sonic-branding" affinché le persone possano riconoscere la voce pronunciata da un'IA e che cosa rappresenta. Nell’AI-age sviluppare l'identità sonora di un brand non è senza complessità. Oggi i brand hanno a che fare con le persone in maniera one-to-one: è necessario tenere in considerazione che gli assistenti vocali non si limiteranno a essere disponibili nella sfera privata dei nostri smartphone ma in quella pubblica delle nostre case, a portata di orecchio di tutta la famiglia.
Intelligenza Artificiale nel content marketing
(di Christina Chong, managing director di We Are Social Singapore) Il 2017 ha visto l'avvento di soluzioni di marketing basate sull’intelligenza artificiale che consentono alle aziende di far leva sulle abitudini delle persone per sviluppare strategie social sempre più mirate. Esse infatti analizzano tutto ciò che gli utenti vedono, fanno, condividono e con cui interagiscono, per fornire informazioni significative sul target di riferimento, delineando scenari futuri di cui i brand devono tenere conto per attuare le loro strategie. Grazie alle piattaforme di AI marketing, le aziende possono ora sviluppare contenuti più efficaci e rilevanti. Esse consentono di distribuire contenuti tramite soluzioni personalizzate e forniscono previsioni su come, dove, perché e quando le persone vogliono essere coinvolte dai messaggi. In questo modo i brand possono interagire meglio con i propri consumatori. Il futuro del content marketing sta quindi nella capacità di soddisfare singole audience.
Hyper-transparency e chiarezza
(di Jim Coleman, ceo di We Are Social Londra) Uno dei temi discussi nel Think Forward di quest'anno è stato l'Iper-trasparenza. I brand sono impegnati nel riconquistare la fiducia dei propri consumatori, fornendo certezza e una trasparenza assoluta delle informazioni - non semplicemente evitando dettagli scomodi. L’apprezzamento delle persone per la trasparenza non è una novità, ma nell'era delle fake news, la sfiducia nei confronti di marchi, media e governi si è moltiplicata. Questo scenario lancerà l'anno prossimo una vera e propria sfida ai brand per conquistarsi la fiducia delle persone. Non sarà più sufficiente dire che sei onesto o che il tuo staff lo è: devono essere le terze parti a comprovarlo. Le aziende dovranno poter parlare di tutto - non solo delle cose positive. Dovranno anzi dimostrare di essere consapevoli anche delle debolezze relative al business - o al settore di attività - e di essere già all’opera per migliorarle.
Le persone sono contributor
(Vanessa Bouwman-Axt and Roberto Garcia, managing directors di We Are Social Monaco & Berlino) Un altro tema discusso nel Think Forward di quest'anno è il concetto di "The new cooperative". I brand sono sempre più guidati dalle idee e dalle interazioni con i loro consumatori. Ed è così che le persone si stanno trasformando in contributor. Non si tratta solo di essere un acquirente occasionale per esempio, si tratta di avere un senso di appartenenza reale alla community della marca e dell’ esercitare un ruolo attivo nel delinearne il futuro. Consentendo alle persone di sviluppare un senso di appartenenza verso i brand preferiti, è possibile formare comunità di co-creatori grazie alle quali si generano nuove idee e prodotti, sulla base di feedback in tempo reale da parte di chi acquista. A questo punto allora, la community ha il potenziale per diventare al tempo stesso la sua più grande risorsa del brand. Promuovendolo nel bene, difendendolo nel male e aiutandolo a disegnare sviluppi futuri in base a desideri e bisogni dei clienti.  

img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 24/09/2022


Sono 7 gli operatori ammessi alla gara da 440.000 euro per la campagna di promozione turistica di Sorrento

Sono 7 gli operatori ammessi dal Comune di Sorrento alla gara per la realizzazione di una campagna di marketing par la promozione del territorio. L’appalto ha un valore di 440.000 euro in due mesi. Si tratta di Kidea, Traipler, Gigasweb, l’rti di Digitouch Public Service con P&F Technology e Valica (e Conversion E3 e Performedia come consorziate), Alkemy, Digital Angels e Komma. Con l’obiettivo di aumentare l’awareness del territorio sorrentino e incentivare l’incoming turistico di alto profilo è stata richiesta la realizzazione di una campagna di marketing per la promozione del territorio sorrentino della durata di due mesi, inizialmente e indicativamente dal 1 agosto al 30 settembre 2022 ma evidentemente sarà spostata più avanti, improntata dall’utilizzo dei più moderni strumenti di marketing, con copertura nei seguenti Paesi di riferimento oltre che l’Italia: Stati Uniti, Germania e Regno Unito. Obiettivi: generare brand awareness; raggiungere e attirare un target internazionale; mostrare l’unicità del territorio sorrentino principalmente attraverso esperienze culturali ed enogastronomiche, non limitandosi alla sola bellezza paesaggistica (già nota); comunicare in maniera esaustiva e impattante l’unicità del territorio sorrentino, affinché la permanenza media dei visitatori tenda a prolungarsi. La strategia La campagna dovrà essere condotta in tre modalità: 1. Campagna cd. digital in modalità display (annunci pubblicitari su rete di siti internet, sfruttando gli spazi pubblicitari a disposizione. La creatività richiesta realizzata allo scopo cd. banner consiste in un insieme di immagini, video e testi) che dovrà essere veicolata su primarie testate online dedicate all’informazione. E’ necessario pertanto individuare, per ogni Paese summenzionato, la principale testata online (o le principali) per numero di utenti unici. Tale campagna deve avere una durata di 15 giorni ed erogare almeno 15.000.000 di visualizzazioni sul target turistico. 2. Pianificazione cd. outdoor su impianti di medio e maxi formato in alcune delle principali città italiane: Milano, Roma e Napoli, in modalità digitale, selezionando almeno n. 1 impianto per città, di ampia ed adeguata metratura. 3. E’ richiesta inoltre un’attività cd. di influencer marketing basata su una presenza online con adeguati profili sui seguenti social: Facebook, Twitter e Instagram. In particolare, Instagram è stato individuato quale social network maggiormente strategico per il mercato di riferimento e sul quale focalizzare l’attività di influencer marketing.

LEGGI
img
spot

Autore: V Parazzoli - 22/09/2022


Sofidel: rilancia i Rotoloni Regina con la campagna “sostenibile” di Grey e porta a oltre 5 milioni il budget totale adv per il 2022

Regina, il brand più noto di Sofidel, Gruppo cartario tra i leader mondiali nella produzione di carta per uso igienico e domestico, torna on air in Italia  a distanza di 5 anni con la campagna “Come ci siamo conosciuti” ideata da Grey - che segue anche Cartacamomilla, già andata on air nei mesi scorsi - focalizzata sulla carta igienica Rotoloni Regina, un prodotto iconico che vanta una lunga storia di comunicazione: il claim “I Rotoloni Regina non finiscono mai” è ancora oggi tra i più noti al grande pubblico. Un tormentone parte della storia del costume e della pubblicità italiana. «Dopo gli investimenti su Cartacamomilla, che ha un posizionamento più emozionale – spiega a DailyMedia Graziano Ferrari, Media Marketing Sales Director di Sofidel – ora è giunto il momento di rilanciare il nostro prodotto iconico più funzionale, che è anche perfettamente in linea con il nostro impegno sulla sostenibilità, visto che permette forti saving già in fase di trasporto e ha un pack anche in carta al pari di Camomilla. Anche lo spot è improntato ai dettami della sostenibilità, essendo stato realizzato con il Virtual Set, che ci ha permesso di “girare” il mondo in soli due giorni in studio». Francesco Pastore, Chief Marketing & Sales Officer dell’azienda, ha commentato: “Riduzione delle emissioni e incremento dell’utilizzo delle energie rinnovabili sono elementi centrali nella nostra strategia di sostenibilità. Nell’ultimo anno, solo in Italia, abbiamo prodotto 150 milioni di rotoloni di carta igienica con il vento, grazie all’energia prodotta dal parco eolico di Alcamo II in Sicilia. Siamo contenti di aver potuto applicare lo stesso approccio anche per la realizzazione del nostro spot”. La storia La campagna si incentra su un’avventura che prende spunto dalla principale caratteristica del prodotto, la lunghezza fuori dal comune dei maxi-rotoli (di diametro maggiore e con un numero di strappi più che doppio rispetto agli altri), per raccontarci una storia leggera, semplice e ironica, coerente con il tono di voce da sempre parte della personalità del brand. È la storia di un giovane uomo che accidentalmente fa cadere un rotolo che inizia a correre veloce, lasciandosi dietro una scia di carta interminabile. Il caparbio inseguimento del rotolo porta l’uomo lontanissimo da casa, a compiere un vero e proprio giro del mondo che passa dalla Monument Valley alla Muraglia Cinese, poi attraverso un paesaggio artico, fino ad arrivare rocambolescamente su un’isola deserta e nel bel mezzo di una fitta giungla. È qui che l’uomo, impegnato nell’impresa di recuperare l’inafferrabile rotolo, fa l’incontro che cambierà la sua vita. Una storia forse inventata, forse vera, chissà. Ma di certo una di quelle che vale la pena, come accade nel finale dello spot, raccontare ai propri figli nel salotto di casa e che nasce da una frase semplice, semplice, che conoscono tutti, anche i bambini: “I Rotoloni Regina non finiscono mai”. Sostenibilità e tecnologia Lo spot è stato realizzato integralmente con la tecnologia innovativa appunto del Virtual Set, che è stata presentata nel corso di un evento stampa tenutosi ieri presso il WPP Campus a Milano.  «Grazie a un gigantesco schermo LED e a fondi 3D che ricostruiscono le location più remote del Pianeta, il regista Dario Piana e la casa di produzione Akita Film che ha vinto la relativa gara prospettando proprio l’utilizzo del Virtual Set, hanno gestito profondità, luci e prospettive in modo realistico immergendo letteralmente gli attori dello spot in quegli scenari, facendoli apparire allo spettatore perfettamente integrati negli stessi. La produzione ha così avuto modo di spaziare senza confini non spostandosi mai da Milano, città in cui lo shooting ha avuto luogo – spiega a DailyMedia Francesco Bozza, VP Chief Creative Officer dell’agenzia -. E’ un processo evidentemente sostenibile per il saving di costi che permette, ma anche così tecnologicamente innovativo che sul set abbiamo ricevuto visite di colleghi esterni interessati al suo utilizzo. Si tratta di un tecnica messa a punto negli Studios di George Lucas per realizzare “Star Wars: The Mandalorian” in fase di lockdown con un approccio da realtà virtuale che nel nostro caso è stato gestito dalla cdp EDI per la post-produzione». La campagna prevede da domenica tagli da 50, 45 e 30 secondi in tv e da 60 nei cinema, oltre a stampa e online. Il planning è a cura sempre di Wavemaker che, quest’anno, gestirà per Sofidel un budget complessivo stimabile inoltre 5 milioni di euro. Credits Sofidel CEO: Luigi Lazzareschi CMSO: Francesco Pastore Media Marketing Sales Director: Graziano Ferrari VP Marketing & Sales – Brand: Philippe Defacqz Grey VP Chief Creative Officer: Francesco Bozza Creative Director: Luca Beato Sr Art Director: Lola Manrique Head of Operations: Silvia Cazzaniga Account Director: Milena Nuzzi Head of Strategy & Growth: Jacopo Bordin Strategist: Valeria Capobianco Produzione CdP: Akita Film Regia: Dario Piana Executive Producer: Paolo Zaninello Post Produzione e 3D: EDI Effetti Digitali Italiani

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy