ABBONATI

Qual è la tua voice strategy?

Autore: Redazione


Ritorna la finestra sul futuro del digitale con Ale Agostini, che affronta uno dei temi più caldi oggi, intervistando anche Gianluca Varano, Responsabile marketing digital di Gazzetta.it

di Ale Agostini

C’è un nuovo membro della mia famiglia. Non si nutre di crocchette come un cane, ma di quello che sente. Si chiama Alexa Echo, figlia di Amazon, ha messo radici nel mio salotto e cattura l’attenzione dei membri della mia famiglia e dei visitatori che quando lo vedono gli chiedono ricerche vocali, visto che si tratta di un dispositivo condiviso e accessibile a tutti (finalmente si smette di isolarsi con telefoni e smartwatch).

Se guardiamo a dove stanno andando gli investimenti di Amazon, Apple, Google una cosa emerge chiara: il futuro è l’audio. La ricerca con gli assistenti vocali sta crescendo e diventerà onnipresente, per capirlo basta osservare i grandi player della tecnologia e gli investimenti fatti su assistenti a base di AI. I dati dicono che in Usa metà della popolazione ha “usato” o “è interessata” a utilizzare un assistente vocale e poco più di un quinto della popolazione ha “accesso a un assistente vocale” a casa. Amazon Echo ha aperto la strada con una penetrazione del 13%.

Almeno un terzo dei proprietari di Amazon Echo lo usa ogni giorno “e solo il 60% lo usa quasi tutti i giorni”. Lennar, il più grande costruttore di case in USA, sta ora costruendo prototipi di case integrate con Alexa che gestisce i campanelli intelligenti ( il prodotto si chiamava prima RING ed è stato comprato da Bezos), serrature, termostati, luci e Wifi integrato. Gli assistenti vocali cambieranno il comportamento diventando gli interlocutori sia di domande utili (previsioni meteo, allarme, accendi la luce, spegni la luce) che di richieste di shopping

Anche Google sta lottando per accaparrarsi una fetta del mercato degli assistenti vocali.

Da tempo l’Assistente Google attraverso il mobile risponde con la voce a domande su tutto, dalle previsioni del tempo alle ricette e alle notizie. Per soddisfare le richieste di notizie, da poco è nata un nuovo dato strutturato di schema.org (è un insieme di markup che aiutano i motori di ricerca ed il SEO ) chiamato speakable che contrassegna le sezioni di un articolo che sono più rilevanti per essere lette ad alta voce dall’Assistente Google. Quando le persone chiedono all’Assistente Google - “Ehi Google, come ha giocato Higuain in Napoli Milan?”, l’Assistente Google risponde con un estratto da un articolo di notizie e il nome dell’organizzazione che fornisce la notizia. Successivamente l’Assistente Google chiede se l’utente desidera ascoltare altre news e invia anche i collegamenti pertinenti al dispositivo mobile.

Al momento, Google supporta Speakable per i contenuti relativi alle notizie (Google News) in inglese, ma alcune mie fonti in USA mi dicono che entro l’estate 2019 sarà anche esteso a tedesco, francese, spagnolo e italiano. Alcuni nostri clienti SEO internazionali nel settore dell’editoria stanno valutando l’opportunità di fare uso di Speakable, con l’enorme vantaggio di essere i primi (ed unici) ad avere visibilità (acustica) di brand su questi smart device ed esercitare un controllo su ciò che specificamente viene letto ad alta voce agli utenti. Le risposte di Google Assistant sono in genere limitate a 30 secondi, quindi è importante mantenere i contenuti succinti e al punto. In genere il brand che fornisce notizie viene menzionato alla fine (quindi “Ehi Google, come ha giocato Higuain in Napoli Milan? La risposta potrebbe essere “Higuan ha giocato molto bene, secondo Gazzetta.it”.

Parlando di calcio mi è venuto in mente di discuterne con un professionista del digital all’avanguardia con cui lavoro da anni: Gianluca Varano, direttore digital di RCS Gazzetta.it, a mio parere uno dei maggiori esperti di editoria online in Italia.

Dove saranno gli assistenti vocali fra tre anni?

«In casa, in macchina, in tasca. È teoricamente, almeno in parte, già così oggi ma, come dimostrano i dati disponibili, lo sarà sempre di più, perché le situazioni in cui la ricerca vocale si rivela un reale contributo per facilitare la vita delle persone sono moltissime. È facile pensare ad uno switch nel caso delle ricerche geolocalizzate, ma la precisione crescente con cui gli assistenti rispondono e risponderanno, credo possa ingaggiare l’utente medio in una sorta di “sfida” alla tecnologia,  per testare diverse applicazioni e capire fino a dove davvero possa arrivare, creando così un circolo virtuoso. Un altro fattore determinante di crescita è la semplicità di adozione, perché non servono istruzioni, e perché sempre più gli assistenti vocali sono già inclusi nativamente nei prodotti che utilizziamo oppure, dove è necessario un acquisto specifico come nel caso degli assistenti domestici, il costo non è proibitivo».

Le Google Voice Actions sono azioni che puoi completare sulla tua App con comandi vocali. Nei settori che conosci, vedi un’applicabilità?

«Le ricerche dicono che il consumo di news è  uno dei driver per guidare la rapida penetrazione degli assistenti vocali. Ci sono molte situazioni comuni in cui sapere cosa sta succedendo, ad esempio aggiornarsi sull’andamento degli eventi sportivi in tempo reale, può essere un utile accompagnamento ad un’altra attività, ad esempio mentre si è alla guida o in casa in sottofondo mentre si cucina. Un ruolo che prima difficilmente poteva essere svolto da un giornale o un sito web e che invece da oggi è alla portata, anche se con un modello di business tutto da scoprire»

Alexa Echo o Google Home: cosa ti metti in casa?

«Uno dei due già c’è, per l’altro bisogna ancora aspettare un pochino ma sarà senz’altro da provare, poi scegliere non sarà facile».

Nei prossimi mesi testeremo il nuovo Aloha l’assistente vocale di Facebook. Definite oggi cosa dovrebbe fare il vostro un brand con gli Speakable e qual’è la vostra voice strategy.  Perchè il futuro si costruisce oggi! Quali domande hai per me ? Parliamone sul mio Linkedin Ale Agostini.


img
incarichi e gare

Autore: Redazione - 05/10/2022


iProspect di Dentsu vince la gara per il media offline europeo di BMW Group e consolida in Italia l’incarico da 30 milioni

BMW Group ha nominato iProspect di Dentsu come agenzia per i media offline per i suoi marchi BMW e MINI in Europa. L'incarico fa seguito a una gara aperta lo scorso maggio, che comprendeva nella fase finale anche Wavemaker di GroupM. Grazie a questa vittoria, iProspect è stata nominata agenzia media offline di riferimento per la regione, dove BMW e MINI consolidano la loro strategia media offline, la pianificazione e l'acquisto in un'unica rete di agenzie. Grazie alla partnership a lungo termine con BMW Group, l'agenzia che fa parte del gruppo guidato in Italia dal CEO Paolo Stucchi, si occuperà di media offline in 24 mercati EMEA, tra cui Regno Unito, Spagna, Italia, Francia, Svezia, Polonia e Germania. Per il nostro Paese, dove il budget 2021 era stimabile in 30 milioni di euro, si tratta di una conferma. iProspect, infatti, si occupava già del media di nove mercati in Europa: Italia, Francia, Spagna, Paesi Bassi, Svizzera, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia. Lavorando con BMW Group in questi Paesi, i team dell'agenzia in Europa hanno capito cosa serve per accelerare la crescita del marchio. Con l'ampliamento dell'offerta e l'ingresso in 15 nuovi territori, iProspect continuerà a dimostrare il valore della costruzione del marchio basata sulle performance attraverso i canali media offline per BMW e MINI. iProspect lavorerà in stretta collaborazione con The Marcom Engine come agenzia media online partner, che sta già lavorando con BMW Group in Europa. Nella fase iniziale della gara c’era anche Mediaplus, che gestisce il digitale nel contesto di The Engine, il progetto di marketing integrato in 26 Paesi europei che la casa automobilistica tedesca ha affidato anche a MediaMonks di S4 Capital, Berylls Strategy Advisors, sigla tedesca di consulenza manageriale specializzata nell’industria automobilistica, e Gruppo Serviceplan, cui fa capo appunto Mediaplus come responsabile di componenti tecnologici e dati nonché della gestione delle interfacce locali a supporto delle responsabilità di marketing-as-a-service. Il commento "Sono orgoglioso della partnership a lungo termine che abbiamo stretto con BMW Group in molti mercati europei negli ultimi dieci anni e sono entusiasta di espandere questo rapporto in nuovi mercati. La passione per i suoi marchi e l'impegno a creare un valore commerciale misurabile attraverso i media sono una parte essenziale di questo incarico. Non vediamo l'ora di portare un pensiero più progressista, approfondimenti sui consumatori e un modello di servizio altamente collaborativo per aiutare BMW e MINI a far progredire il loro business", ha dichiarato Thomas Le Thierry, CEO EMEA, Media, dentsu international. La creatività Sul fronte creativo, l’agenzia di riferimento globale, che si chiama TheGame Group, è stata appositamente costituita dal raggruppamento che ha vinto a fine febbraio 2021 la relativa gara e che comprende Jung von Matt e Experience One. Questa sigla si occupa anche delle relazioni pubbliche del cliente automobilistico, avvalendosi inoltre, per la comunicazione corporate e i social media, della collaborazione con Looping Group, sigla anch’essa appositamente costituita in Inghilterra da Looping Group International. Sulla marca, in Italia, opera creativamente anche M&C Saatchi.

LEGGI
img
spot

Autore: Redazione - 06/10/2022


Digitouch Marketing vince la gara di Eurobet.live per la sua prima adv multicanale con Luca Toni testimonial

Eurobet.live, la piattaforma su cui mantenersi costantemente aggiornati su risultati, statistiche e classifiche sportive, affida a Digitouch Marketing la realizzazione della campagna multichannel. L’obiettivo è quello di consolidare l’awareness e diffondere la conoscenza del brand presso uno specifico segmento di pubblico, individuato in giovani e adulti appassionati di sport. Il merito del team di Digitouch Marketing sta nell’aver saputo ideare un concept altamente calzante attorno a cui costruire contenuti destinati a canali diversi ma perfettamente integrati tra di loro, quali la tv, il digital e i social del brand, oltre che nell’aver individuato un testimonial coerente e in linea con il target individuato. “Tira fuori l’esperto che è in te.”, infatti, sarà il messaggio che guiderà l’intera campagna, grazie al contributo dell’ex calciatore della nazionale Luca Toni. Il campione del mondo è protagonista dell’ironico spot tv on air da domenica 2 ottobre, nonché di una serie di podcast di prossima realizzazione. Il team Digitouch Picture, la casa di produzione interna di Digitouch Marketing, si è inoltre occupato della realizzazione dello shooting propedeutico alla produzione dei visual per gli asset digital, i social e per le campagne media. Il media planning è interno. “Questo è un ottimo esempio di utilizzo intelligente e sensato di un testimonial, non solo credibile per il target ma anche perfettamente contestualizzato al messaggio di comunicazione del brand con un interessante insight”, afferma Sergio Spaccavento, Chief Creative Officer di Digitouch. “La realizzazione di questa nuova campagna multichannel con Digitouch Marketing rafforza il nostro legame con gli appassionati di sport – dichiara Alexis Grigoriadis, Marketing Director di Entain Italia –. La scelta di Luca Toni in qualità di testimonial è inoltre sinonimo di competenza, esperienza e credibilità per un progetto legato all’immediatezza e alla puntualità nella comunicazione in real time”. Credits Chief Creative Officer: Sergio Spaccavento Managing Partner: Marco Boschian-Pest Senior Account Executive: Alessandra Masseroni Senior Copywriter: Andrea Bomentre Senior Art Director: Paolo Montanari Supervisor Digitouch Picture: Eugenio Rinaldi Casa di Produzione: Visionaria Film Regia: Riccardo Paoletti

LEGGI

Resta connesso con il nostro network

Vuoi conoscere meglio i nostri prodotti? Indica la tua email per riceverli in promozione gratuita per 1 mese. I dati raccolti non verranno commercializzati in alcun modo, ma conservati nel database a uso esclusivo interno all'azienda.

Inserisci la tua mail

Cliccando “INVIA” acconsenti al trattamento dei dati come indicato nell’informativa sulla privacy